Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Zaofu è una città-stato autonoma che si trova nella zona sud-ovest del Regno della Terra di cui fa parte. È stato fondato dalla matriarca del clan del metallo, ovvero Suyin Beifong ed è fatto interamente di metallo. La fondatrice la chiama la “città più sicura del mondo” per via delle cupole di platino che si richiudevano di notte.  

Il Team Avatar le fece visita dell’anno 171 DG quando vennero a sapere che era stato scoperto un nuovo dominatore dell’aria proprio- Opal, la figlia di Suyin- e la raggiunsero per proporle di unirsi alla Nuova Nazione dell’Aria. Tre anni dopo, Zaofu venne annessa con la forza all’Impero della Terra di Kuvira e le sue cupole di platino, base del sistema di sicurezza passivo, vennero riutilizzato per costruire il Colosso. Dopo l’invasione fallita della Repubblica Unita, Kuvira si arrese e venne arrestata, il che riconfermò Suyin come capo di Zaofu.

Storia[]

Fondazione[]

In un momento non meglio precisato tra gli anni 142 e 153 DG, Suyin Beifong comprò un’area di terreno per avverarsi il suo sogno di costruirsi una città tutta sua. Per portare avanti questo progetto monumentale, la figlia di Toph collaborò con l'architetto Baatar, del quale si innamorò e che infine sposò, negli anni successivi ebbe con lui ben cinque figli. Il suo primogenito, battezzato Baatar Jr, ereditò la passione del padre per l'ingegneria e gli aiutò con i vari progetti in giro per la città.

B3 E05 Lin racconto

Il modello di Zaofu nella stanza di Suyin

Durante la sua costruzione e anche in seguito, Toph venne più volte a vistare Zaofu e in suo onore vennero erette varie statue per celebrare la sua scoperta del dominio del metallo che aveva reso possibile anche solo pensare ad una costruzione del genere. A Zaofu si vive propagando la filosofia di Suyin di incoraggiare ogni suo cittadino ad impegnarsi per raggiungere il suo pieno potenziale in qualunque cosa desideri; questa filosofia liberale e orientata verso il progresso permise a Zaofu di crescere velocemente e di diventare la città più innovativa e tecnologica del Regno della Terra. La famiglia di Suyin (ampliata poi anche da seguaci, amici e i suoi famigliari) divenne famosa come il “Clan del metallo” con lei come sua matriarca, inoltre Zaofu ricevette la fama di essere la città più sicura del mondo per via delle cupole di puro platino che si chiudevano di notte.

171 DG[]

Poco dopo la Convergenza Armonica dell’anno 171 DG, Varrick e Zhu Li, appena fuggiti dalla prigione di Città della Repubblica grazie al caos creato da Unavaatu, arrivarono a Zaofu per chiedere rifugio  politico. Suyin glielo concesse, a patto che diventasse capo della divisone dello sviluppo tecnologico della città, cosa che all'ingegnere strambo fece solo piacere. Poco dopo Opal, la figlia più piccola di Suyin e finora una non-dominatrice, scoprì di aver sviluppato inaspettatamente il dominio dell’aria, così la matriarca del clan del metallo chiamò l’Avatar Korra per farla venire a Zaofu.

Zaofu strada

Le strade di Zaofu

Korra e i suoi amici arrivarono alcuni giorni dopo e, a grande sorpresa di Suyin, si erano portati dietro anche sua sorella Lin, anche se il loro primo incontro in decenni non andò per nulla bene. Mentre la donna del Sud iniziò a dare le prime lezioni nel dominio dell’aria ad Opal, le due sorelle sfogarono le loro aggressioni fermentate da lunghi anni in una scontro violento; fortunatamente riuscirono a mettere da parte le loro avversioni e di fare la pace. Suyin propose a Lin persino di venirla a trovare più spesso, cosa che la capa della polizia di Città della Repubblica accettò con gioia.

Zaofu strada 2

Il municipio con la statua di Toph

Dopo che Opal era partita per il Tempio dell’Aria Settentrionale per iniziare il suo addestramento formale con Tenzin, il Loto Rosso infiltrò Zaofu per rapire Korra. Nonostante tutti gli sforzi del gruppo di anarchici di rimanere inosservati, vennero beccati prima che potessero scappare e inseguiti sia dal Team Avatar che dalla guardie del clan del metallo. Dopo una breve ma intensa schermaglia notturna, i criminali vennero costretti alla fuga senza il loro bersaglio che per fortuna era rimasto illeso. Una volta ripresosi dall’assalto, Korra si unì alla tesi di Aiwei che il Loto Rosso doveva aver avuto un aiuto intero e  propose la sua teoria che doveva trattarsi di una delle guardie. Infuriata da tale possibile tradimento, Suyin ordinò che ogni membro delle guardie venga interrogato di fronte al veggente per scovare questa infima talpa. Un giovane dominatore del metallo, Hong Li, sembrava di essere il colpevole, ma ben presto il Team Avatar si rese conto che qualcuno lo stava usando come carpo espiratorio: l’unica persona capace di mentire a Zaofu, ovvero Aiwei stesso. Korra, Asami, Mako e Bolin lo misero con le spalle al muro e lo costrinsero a fuggire in fretta a furia; lo potevano inseguire solo alcune ore dopo, quando Suyin gli diede il permesso.

Team Avatar tornò a Zaofu qualche giorno dopo insieme a Lin, Tonraq, Lord Zuko e la famiglia di Mako e Bolin per poter usare la potente radiotrasmittente della città per avvertire il tempio del Nord dell’attacco imminente del Loto Rosso. Incapace di rimanere buona mentre sua figlia era in pericolo, Suyin radunò il clan del metallo e le guardie più fidate per mettersi in viaggio verso nord e tentare di proteggere Korra che, per salvare gli ostaggi, era costretta ad offrirsi a Zaheer.

Zaofu vista aerea

Vista dall'alto

Dopo la morte della regina Hou-Ting, a Suyin venne proposta la posizione di governatrice temporanea del Regno della Terra per via del suo nome e fama, acquisita grazie alla costruzione e gestione di Zaofu. Purtroppo, la matriarca del clan del metallo si rifiutò per il timore di venir solo vista come invasore e dittatrice che voleva obbligare gli altri a seguire la sua visione. Delusa da questa risposta insipida, la caitana delle guardie Kuvira si ribellò e collaborò con Baatar Jr per organizzare una forza militare per stabilizzare Ba Sing Se, caduta nel caos dopo la perdita del capo di stato. Alcune settimane dopo, la donna partì insieme ai suoi seguaci per la capitale, incluse le persone più ricche e influenzali di Zaofu, ignorando gli ordini severi di Suyin di restare, commettendo effettivamente ammutinamento.

174 DG[]

Zaofu assedio

Zaofu sotto assedio

Kuvira e le sue truppe riportarono ordine a Ba Sing Se e alla donna venne affidata di continuare la sua missione di stabilizzare anche il resto del regno. Nei prossimi tre anni, Kuvira riunì il regno sotto il suo comando, usando metodi anche poco etici e sconci, fino a proclamare la nascita dell’Impero della Terra al posto del Regno della Terra. In questo periodo, solo Zaofu era rimasta ancora libera, ma la ex-capa delle guardie, ora famosa come la “Grande Unificatrice”, radunò le sue truppe per marciare contro la sua vecchia casa e diede alla sua matrigna Suyin ventiquattro ore per arrendersi, altrimenti conquisterà la città con la forza.

Poco dopo arrivò in città una Korra ancora in convalescenza che si offrì di fare da mediatrice, ma Suyin prese in mano la situazione e si intrufolò di notte dell'accampamento nemico insieme ai suoi figli Wei e Wing per far fuori Kuvira. Questa però se l’era già aspettata e li fece cadere nella sua trappola, il che portò al loro arresto pubblico. Una volta in sua custodia, la Grande Unificatrice usò il sistema di comunicazione di Zaofu per allertare tutti dell’azione infame della sua capa e ordinò a tutti i cittadini di arrendersi entro l’alba.

B4 E10 vista Zaofu

Zaofu senza le cupole

Ancora in cerca di una soluzione pacifica, Korra cercò di farla cambiare idea e la supplicò di andarsene senza combattere. Kuvira però era della convinzione che l’Avatar stava interferendo con affari interni di una nazione indipendente e che voleva impedire la riunione dell'Impero della Terra; quindi, la sfidò a un duello con in ballo il destino di Zaofu. Questo duello venne vinto dalla dominatrice del metallo, la quale proseguì ad annettere la città al suo impero e fece alzare la sua bandiera su ogni edificio. Presentando i suoi trofei di guerra, ovvero Suyin e la sua famiglia imprigionata, ordinò a tutti i cittadini di inchinarsi davanti a lei e di giurarle fedeltà eterna se volevamo essere trattati come cittadini dell'Impero della Terra, altrimenti saranno dichiarati traditori. In seguito a questo, ordinò inoltre lo smantellamento delle cupole di platino e di coprire la statua di Toph nel centro della città.

Dopo che Bolin e Varrick avevano tradito Kuvira e avvertito i governatori del mondo della nuova arma a distruzione di massa, ovvero il cannone spirituale, Bolin, Lin e Opal si avviarono per Zaofu nella loro missione segreta di liberare la famiglia Beifong e forse riprendersi la città. Al loro arrivo, si accorsero subito della mancanza delle cupole, ma prima di potersi infiltrare, vennero fermati da Toph che li informò che i prigionieri erano già stati portati via.

Kuvira e il suo circolo interno tornarono a Zaofu alcuni giorni dopo, non essendo stati capaci di impedire la liberazione di Suyin, ma comunque felici delle prove del cannone portate a termine con successo. La Grande Unificatrice diede un discorso pubblico davanti ai suoi seguaci dove annunciò i suoi piani di voler anche riconquistarsi i territori della Repubblica Unita, definendoli come terra rubata all’impero da parte dell’Avatar Aang e del Signore del Fuoco Zuko dopo la fine della guerra. Poco dopo, le sue truppe si misero in marcia per la missione di invasione.

B4 E11 Baatar Jr Kuvira

Kuvira e Bataar partono per la loro missione

L’invasione della Repubblica Unita fallì grazie agli sforzi combinati della famiglia Beifong, il Team Avatar e Korra stessa, e Kuvira si arrese dopo una dura battaglia. La dittatrice consegnò il suo potere al legittimo erede al trono, Re Wu, il che riconfermò Suyin anche come governatrice ufficiale di Zaofu. Mentre Kuvira finì in prigione in attesa della sua sentenza, Baatar Jr. venne mandato agli arresti dominicali per il suo ruolo attivo della invasione della Repubblica Unita, e finì proprio sotto la supervisione di sua madre a Zaofu.

Tre mesi dopo, una Kuvira disperata in seguito alle azioni del Comandante Guan e la dottoressa Sheng che avevano in mente di vincere le lezioni di Gaoling grazie al lavaggio del cervello e che avevano catturato e manipolato Mako, Asami e Bolin, chiamò Suyin e la implorò di aiutarla, giurando che non era un trucco per tornare al potere. La matriarca di Zoafu le diede il merito del dubbio e la venne a prendere con un suo dirigibile, poi aiutò lei, Korra e Toph a fuggire da Guan potandosi dietro anche la Asami manipolata.

Rovine 3 Kuvira in volo

Kuvira fugge da Zaofu per affrontare Guan

Il gruppo raggiunse Zaofu alcune ore dopo dopo e Baatar Jr collaborò a malavoglia con la sua ex-fidanzata Kuvira per ricreare la macchina del lavaggio del cervello di Sheng per poterne annullare l’effetto. Dopo una notte di lavoro continuo, ci riuscirono, ma in quel momento seppero della vittoria schiacciante di Guan nelle prime elezioni democratiche di Gaoling grazie al lavaggio del cervello della maggioranza della popolazione. Temendo un incidente politico internazionale, la presidentessa Zhu Li ordinò a Korra di riportare Kuvira subito in prigione, ma prima di poter eseguire quest’ordine, la ex-dittatrice fuggì rubando un aeroplano per affrontare Guan da sola.

Alcuni giorni dopo, riprese l’udienza giuridica di Kuvira a Città della Repubblica e la donna stavolta si dichiarò colpevole; grazie a questa dimostrazione di sincero pentimento e il suo ruolo provvidenziale nel fermare Guan, le venne permesso di affrontare la sua punizione negli arresti domiciliari a Zaofu.

Descrizione[]

Zaofu chiusa di sera

Le cupole chiuse per la notte

Zaofu si trova nel sud-ovest del Regno della Terra in una valle verde circondata da alte montagne e affiancata da due torrenti. La città stessa è composta da cinque settori che sono connessi da una serie di binari, sui quali circolano tram modernissimi che permettono ai cittadini di raggiungere l’altra parte in pochissimo tempo.

Il design dei vari settori è inspirato alla natura, integrato in qualcosa di nuovo e innovativo. L’aspetto più appariscente sono le cupole di platino simili a petali di fiori di loto che circondano ogni settore e che rimangono aperti durante il giorno e che si chiudono dopo il tramonto attraverso un complicato sistema di catene e motori. Dopo la sua annessione all’Impero della Terra, queste cupole vennero demolite per essere usate come armatura per il mecha gigante di Kuvira.

La grandezza degli edifici varia da piccole case mono-famiglia fino a grattacieli, tutti in metallo. Nel centro si erige una statua gigante di Toph in segno di gratitudine per aver inventato il dominio del metallo. Sul bordo della città si trova la mansione di Suyin, un complesso spazioso di varie sale e giardini che danno spazio alla sua grande famiglia e oltre. Nelle vicinanze si trovano anche varie case per gli ospiti che la matriarca decide di accogliere.

Emblema[]

Emblema clan metallo

L'emblema del clan del metallo è uno ottagono stilizzato grigio con lo stemma nazionale del Regno della Terra, un quadrato con mezzo a un cerchio. Intorno e dietro ad esso si vedono strisce bianco e nere che formano una croce. Kuvira ha copiato questo emblema per quello dell'Impero della Terra.

Politica[]

Governo[]

Sistema di governo: autocrazia

Capo: capo/capa del clan del metallo

B3 E08 Aiwei interrogatorio

Aiwei come garante per la sicurezza

Zaofu era una città autonoma appartenente al clan del metallo e guidata dalla sua matriarca Suyin Beifong. Il clan del metallo era composto da varia gente da tutto il Regno della Terra, della Nazione del Fuoco e della Repubblica Unita di cui fedeltà verso il clan era molto più forte di quella verso il regno. In contrasto a Ba Sing Se, il governo di Suyin era marcato dal progresso, la calma e il principio che la legge è uguale per tutti. Per via di questo principio, la matriarca lo interpretava in ugual modo anche per lei stessa, anche se, come matriarca, avrebbe il pieno controllo su tutti gli affari politici e potrebbe tranquillamente esonerarsi da tali limiti. Un altro effetto di questa differenza di ideologie era che Zaofu si comportava come effettivamente indipendente dal governo centrale, dato che non ubbidiva agli ordini o non sforzava leggi che riteneva inopportuni. Zaofu ha accolto persone ritenute nemici dello stato come il Team Avatar o Varrick, il primo ricercato dalla regina Hou-Ting, il secondo dalla Repubblica Unita.

Per via dell’autonomia della città, Zaofu possedeva un sistema giuridico personale centrato sulla rivelazione delle menzogne in prevenzione e la polizia interna gestita dal servizio di sicurezza. Veggenti come Aiwei hanno reso possibile che a Zaofu quasi non ci fossero bugiardi o cospirazioni, la presupposta  base del crimine. Persone sospette vennero portate davanti a un veggente che li interrogava finché aveva le prove delle loro menzogne, in seguito vennero poi arrestati. La punizione dipendeva dal crimine, anche se Suyin credeva che chiunque abbia il diritto a un a seconda possibilità se provava sincero pentimento. Il crimine più grave era tradire il clan del metallo, la matriarca lo prenderà come una offesa personale e farà di tutto per portare il criminale alla giustizia.

Sicurezza[]

Kuvira chiusura cupole

La capitana della sicurezza di Zoafu, Kuvira

Non accontentandosi della sicurezza che offrono le cupole di platino, Zaofu gestisce anche un servizio di sicurezza composto solo da abili guardie dominatrici del metallo ed altri elementi che controllano ogni parte della città, specialmente di notte. L’assistente di Suyin, Aiwei, era stato un veggente, che poteva usare il suo senso sismico per scovare ogni bugiardo, il che impedì a Zaofu di aver segreti. Per via di tutto questo, Zaofu venne definita come la “città più sicura del mondo”, i suoi cittadini potevano vivere le loro vite come volevano in santa pace, senza problemi e minacce.

La forza di sicurezza di Zaofu agiva anche come polizia e la sua armata cittadina. Le guardie erano tutti combattenti esperti, ritenuti tra i migliori del regno, e consistevano in prima linea da dominatori del metallo, ma anche da quelli della terra e del fuoco. L’uniforme era uguale per tutti, ovvero indumenti verdi con sopra un’armatura in metallo che copre il petto e le spalle, in più portavano copri-braccia e un elmo. Dominatori del metallo portavano anche cavi di metallo che agganciati alla cintura e che passano attraverso i bracciali che controllano con il loro dominio.

Nell’anno 171 DG, Kuvira convinse una grande parte della sua forza di sicurezza di lasciare la città per riportare equilibrio nel resto del Regno della Terra, dato che le guardie erano stanche di essere rinchiusi nella città del metallo anziché aiutare i loro concittadini in questi tempi difficili.

Cultura[]

Zaofu era una città che essuda progresso, innovazione e avanzamento tecnologico in una grande varietà di campi, dal dominio alla architettura, dalla danza alla scienza, e combinava questi campi per creare di qualcosa di totalmente nuovo. La sua società apprezzava molto la creatività e l'esperienza, e incitava tutti a provare cose nuove.

Dato che la creazione di questa città del metallo è dovuta alla scoperta del dominio del metallo della leggendaria Toph Befong, questa è rimasta una figura ampiamente venerata e rispettata.

I suoi cittadini si vestivano in varie tinte di verde e grigio e portavano spesso grandi gioielli in metallo luccicante intorno al collo e gli avambracci. C'era poca differenza tra membri delle varie classi sociali, dato che persino Suyin portava spesso indumenti simili ai suoi concittadini. I vestiti erano spesso molto lungi e dritti, ma anche molto larghi. In città furono molto comuni aree di allenamento pubblici o di esposizione di pezzi d’arte per mostrare i propri progetti, dato che chiunque veniva incoraggiato a raggiungere il proprio potenziale più alto.

Abitanti noti[]

Aiwei (non più)

Baatar

Baatar Jr.

Kuvira (arresti domiciliari)

Cuoco

Guo

Hong Li

Huan

Opal (trasferita)

Suyin Beifong

Varrick (trasferito)

Wei e Wing

Zhu Li (trasferita)

Trivia[]

  • Zaofu è il primo insediamento fatto interamente di metallo.
  • A Zaofu non ci sono satomobili, dato che il sistema di tram di Baatar e Baatar Jr li ha resi inutili.
  • Le posate viste nella casa di Suyin somigliano molto a quelle occidentali con forchette, cucchiai  e coltelli, anziché le bacchette tradizionali che si usano nel resto del mondo.
  • L’estetica di Zaofu é inspirata al movimento Art Deco, ma da anche altre risorse:
  • La posizione ai piedi di una montagna è inspirata a Lake Louise nel parco nazionale Banff (USA)
  • Il design delle cupole é basato agli elementi fiorali del Tempio del Loto in India.
  • I primi due simboli del nome di Zaofu 皂阜 significano „nero“ e  “collina”, il terzo 市 vuol dire solo “città”.
Advertisement