Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Xin Fu (辛富) era stato il presentatore e organizzatore del torneo segreto di dominio della terra, nelle vicinanze di Gaoling. Era stato un dominatore molto arrogante e sicuro di sé, ma anche alla ricerca continua di fare soldi. Per guadagnare soldi non aveva scrupoli, accettava anche di catturate una ragazzina o consegnare l'Avatar alla Nazione del Fuoco solo per la taglia sulla sua testa. Era stato anche molto testardo e cocciuto e non aveva un grande senso dell'umorismo, il che cozzò più volte con il carattere solare di Yu, con cui era in missione per riportare da suo padre Toph Beifong. Il suo nome può essere tradotto come "Ricco amareggiato"

Storia[]

Xin Fu era stato il presentatore e giudice di gara del torneo "segreto" (in realtà molto popolare) del dominio della terra chiamato "Earth Rumble", nella primavera dell'anno 100 DG venne organizzata già la sua sesta edizione. Salì sul ring per annunciare le regole e il primo incontro, ovvero Boulder contro l'Ippopotamo Cattivo che finì in una vittoria schiacciante del primo. Xin Fu continuava a presentare gli incontri fino ad arrivare alla finale, dove il vincitore poteva sfidare il campione in carica la Bandita Cieca. Sotto le grida dei fan però Boulder, il favorito di tutti, venne sconfitto in maniera umiliante, ristabilendo la dominanza della ragazzina.

Xin Fu offerta

Xin Fu cerca di attirare uno sfidante

Per stimolare un po' la situazione, offrì poi un sacco di oro a colui che poteva sconfiggere la campionessa in carica, credendo che nessuno osasse tanto e, nel caso contrario, venisse sonoramente sconfitto. Aang, tra il pubblico, accettò la sfida e salì sul ring per parlare con la bandita cieca, ma questa non aveva intenzione di parlare, ma di vincere la gara. La ragazza attaccò senza tregua, ma Aang evase ad ogni attacco con una leggerezza sorprendente, ma alla fine rispose con un contrattacco dell'aria, che spinse la sua avversai fuori dal ring, regalandogli la vittoria. Sokka, che salì sul ring velocemente, si prese sia la cintura da campione che il sacco con i soldi, e il gruppo se la svignò.

Xin Fu cattura Aang e Toph

Non si lascia derubare senza reagire

Xin Fu non perse bene questa situazione: dato la mancanza di contatto fisico iniziò ad avere dubbi sulla correttezza di questa gara e sospettò un imbroglio. Divenne sempre più convinto che quel ragazzo e la Bandita Cieca si erano messi in combutta per derubarlo, il che lo fece arrabbiare fino al punto da chiamare a se Boulder e gli altri lottatori per prendersi la rivincita. Entrò nella proprietà dei Beifong per rapire la figlia dei nobili, Toph, e Aang che sapeva essere l'Avatar, per chiedere un riscatto di cinquecento monete d'oro.

Lao Beifong, il padre di Toph, e il Maestro Yu si presentarono nell'arena per consegnare il riscattato come ordinato, così Xin Fu liberò la ragazzina, non sapendo che era lei la Bandita Cieca. Ma si rifiutò di liberare anche Aang, dato che aveva scoperto la generosa taglia che il Signore del Fuoco Ozai aveva applicato sulla sua testa e era deciso a consegnarlo per intascare anche questi soldi. Quando Sokka e Katara si prepararono a combattere contro di lui, sbucarono gli altri lottatori del torneo per difenderlo, così la ragazza del sud implorò Toph di aiutarli, il che significò però rivelare la sua vita segreta. La ragazza sconfisse i suoi avversari con una facilità disarmate, dimostrando la sua straordinaria padronanza sul dominio della terra; Xin Fu si rivelò un dominatore della terra molto forte, ma contro Toph non aveva speranza e venne sconfitto.

Xin Fu Yu oro

Per soldi fa tutto

La sera seguente Xin Fu venne chiamato dal patriarca dei Beifong, ma non per arrestarlo, ma per ricevere una offerta di lavoro: dato che Lao era convinto che sua figlia fosse stata rapita dall'Avatar contro la sua volontà, offri una considerevole somma di denaro a Xin Fu e Yu per riportarla indietro ad ogni costo. I due si guadarono per un momento per poi accettare.

L2 E11 Xin Fu Yu oasi

Ma la taglia vale anche da morta, no?

I due seguirono le tracce della ragazza e dell'Avatar fino all'Oasi delle Palme Nebbiose, dove un venditore affermava di averli visti. Quando l'uomo voleva essere pagato per altre informazioni, Xin Fu tagliò corto e lo minacciò di tagliarle le dita se non sputava il rospo. Quando mise in dubbio se Lao Beifong voleva la sua figlia morta o viva, Yu lo corresse velocemente, spiegando che la voleva sicuramente viva. Divenne sempre più chiaro che al lottatore interessavano solo i soldi quando per caso vide i volantini per ricercati di Zuko e Iroh e, quando li vide passare davanti al naso, decise subito di intascare anche la loro taglia.

I due seguirono i due ricercati in una taverna losca piana di personaggi sospetti e armati; mentre Xin Fu voleva attaccarli subito, Yu gli consigliò di attendere un momento migliore. Ma dopo alcuni minuti di attesa la pazienza di Xin Fu era esaurita si mise in azione per catturarli. Fung, un membro del Loto Bianco che stava parlando con Iroh, riuscì a mettere l'intera cantina contro di loro gridando che volevano rubare l'immensa taglia su questi due, il che fece scattare tutti i presenti. Xin Fu e Yu vennero attaccati in massa, ma riuscirono a difendersi e sconfiggere tutti, ma nel trambusto della rissa Zuko e Iroh erano già spariti. Frustrati a arrabbiati, i due setacciarono l'intero villaggio, ma senza successo, così decisero di rinunciare e tornare alla loro missione originaria.

L2 E19 Yu Xin Fu

Ma sei stupido o cosa?!

I due raggiunsero finalmente Ba Sing Se seguendo l'indizio che Toph aveva usato il suo passaporto per salire sul traghetto. Per attirarla in una trappola, le scrissero una lettera in nome di sua madre Poppy, ma questa finì nella mani di Long Feng e non venne consegnata per settimane. Alla fine Toph le ricevette e si presentò all'appuntamento, ma finì dritta nella trappola e venne imprigionata in una cella di metallo. Sulla via del ritorno per Gaoling Xin Fu si dimostrò più ragionevole intelligente di Yu quando lo fermò dal cadere nella trappola di Toph per rilasciarla dalla cella per andare in bagno. Seccato dalle continue lamentele e parolacce della dominatrice della terra, Xin Fu ringhiò che poteva anche credersi la migliore del mondo, ma neanche lei poteva dominare il metallo. Inavvertitamente però le aveva appena dato un suggerimento importante.

Alcune ore dopo sentirono un tonfo e Xin Fu fermò la carrozza per vedere la loro prigioniera a alcuni metri dietro di loro, libera. Toph aveva scoperto come dominare il metallo e si era liberata, poi proseguì a sconfiggere i due uomini per poi imprigionarlo nella loro stessa cella di metallo. Incastrati nello s spazio ristretto, Xin Fu era costretto a sopportare la sua rabbia e la sua vergogna in silenzio, inoltre Yu annunciò poco dopo di dover andare in bagno.

Alla fine riuscirono a fuggire in qualche modo e di tornare a Gaoling dopo aver rinunciato alla missione. Non si sa cosa ne fu di Xin Fu, ma probabilmente tornò alla sua vecchia mansione di organizzatore e presentatore di gare.

Personalità[]

Inizialmente Xin Fu si rivelò come un oste passionale del torneo di dominio della terra che amava lo spettacolo e offriva soldi per sfidanti audaci. Ma in realtà era assetato di ricchezze che si infuriava moltissimo quando aveva solo il sospetto di essere stato imbrogliato. Non esitò di rapire la figlia dei Beifong per richiedere un riscatto cospicuo e di consegnare l'Avatar, la speranza per il mondo, al Signore del Fuco solo per intascare la taglia. Dopo questo fallimento non si fece problemi a collaborare con il patriarca dei Beifong per riportare indietro sua figlia, non gli importava la ragione, bastava la vista dei soldi. Per lui prendere la ragazza viva o morta non aveva differenza, Yu gli dovette spiegare che Lao Beifong voleva sua figlia sicuramente indietro viva.

Xin Fu si dimostrava duro, freddo e deciso che per soldi farebbe ogni cosa. Dimostrava anche un lato opportunista, dato che era pronto a fare una deviazione dalla sua missione per provare a catturare anche altri ricercati, ma quando si accorse che erano troppe rogne, ci rinunciò. Sembrava che tenesse sempre il broncio e non aveva un senso dell'umorismo, inoltre gli mancava la dote della pazienza.

Abilità[]

Essendo stato anche lui un ex-lottatore di wrestling terreno, Xin Fu era un dominatore della terra molto abile e potente. Preferiva un approccio diretto e brutale, lanciando macigni pesanti che travolgevano l'avversario senza pietà. Poteva gestire anche più avversari alla volta e combattere anche a mani nude. Il suo punto debole era la mancanza di autocontrollo e pazienza.

Comparsa[]

Avatar: La Leggenda di Aang[]

Libro due: Terra (土)[]

  • 206. "La bandita cieca"
  • 211. "Lo spirito delle conoscenza"
  • 218. "Il Re della Terra"
  • 219. "Il Guru"

Avatar videogiochi[]

  • Avatar: Generations
  • Avatar: The Last Airbender: Quest for Balance
Advertisement