Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questi sono i figli più giovani di Suyin e Bataar e gemelli monozigotici, sono sempre insieme e perciò la loro scheda è pressoché uguale. Sono dominatori del metallo molto abili e possiedono un forte spirito di competizione, specialmente tra di loro; hanno persino inventato un proprio gioco per dominatori del metallo chiamato "Disco Volante" (in originale "Power disc") e amano sfidarsi in continuazione.

Si possono descrivere come tipi ragazzi sportivi e competitivi che amano le sfide, di carattere aperto e spiritoso, ma che possono anche essere molto seri, specialmente quando la loro partia é in pericolo.

Essendo gemelli sono facilmente scambiabili, ma con un po di attenzione ci si riesce a distinguerli:

Wei: catenina al collo e cinturino rotondi, una striscia di metallo sul braccio sinistro, riga dei capelli a destra e il ciuffo verso sinistra. In abito da notte ha un collare asimmetrico.

Wing: catenina e cinturino angolato, striscia di metallo al braccio destro, riga dei capelli a sinistra e il ciuffo verso destra. In abito da notte ha un collare simmetrico.

(in costruzione)

Storia[]

171 DG[]

Incontro con l'Avatar[]

I due sportivi

Dopo essere arrivata a Zaofu, Suyin Beifong diede a Korra e i suoi amici un tour turistico della sua città e gli presentò anche i suoi figli. I gemelli erano immersi nella loro partita di Disco Volante, dove Wei stava segnando un punto contro suo fratello, facendo rimbalzare il disco di metallo contro una colonna e appena sopra la sua testa e dentro in porta. Wei celebrò il punto e dichiarò che lo stava facendo a pezzi, ricevette anche i complimenti di sua madre. Wing invece era sdraiato a terra dov’era caduto dopo la fallita parata e batteva il terreno con i pugni in frustrazione.

Più tardi erano presenti alla cena di accoglienza con tutta la famiglia, a parte loro padre e il fratello più vecchio che erano occupati con i loro progetti. I gemelli rimasero in silenzio durante la conversazione accese tra la madre e loro zia, osservando tutto con poco interesse.

La mattina seguente Wei e Wing arrivarono a colazione già belli carichi per la loro prossima partita di Disco Volante e invitarono anche Korra, ma questa declinò l’offerta perché non sapeva dominare il metallo. Qualche ora più tardi videro il duello tra Suyin e Lin nel guardino, dove fecero il tifo per loro madre, anche se fecero delle smorfie quando i due dominatori del metallo usarono le sculture di Huan come arma.

Wei e Wing commossi

Alcuni giorni dopo Korra era progredita abbastanza da poter allenarsi con loro, più precisamente con Wing, che si sentiva orgoglioso e eccitato di potersi misurare con l’Avatar. Ma questo non gli impediva di darci dentro, gli calpesterò il cavo di metallo e lo fece tornare verso di lei e la fece fare una capriola per mandarla a terra. Wei invece era deluso dal suo partner di allenamento, Bolin, che non era capace neanche di un briciolo di dominio del metallo. Con arroganza lo colpì con dei panelli di metallo e affermò che la prova di fuoco era il modo migliore per imparare il dominio del metallo. Ma subito dopo che aveva tentato di colpirlo con un frammento di meteorite, Bolin contrattaccò con un sassolino che lo colpì in piena fronte, ma questo si lamentò che non era giusto, qua si stava allenando nel dominio del metallo. Suo fratello intanto stava per essere sopraffatto dall’Avatar, dato che Korra era stata capace di bloccare un suo attacco per poi scaraventarlo a terra. In quel momento arrivarono Asami e Mako per avvertirli della cena di addio in onore della partenza di Opal.

Durante la cena, Suyin lodò Opal per essere una brava figlia, sorella e amica e una futura maestra del dominio dell’aria. I due gemelli si commossero visivamente per poi alzare i loro bicchieri per il toast, a grande noia di suo fratello Huan.  All’imbrunire salutavano Opal che stava partendo per il Tempio dell’Aria Settentrionale con un’aeronave.

Contro il Loto Rosso[]

I gemelli aiutaono Team Avatar

Quella notte purtroppo la villa venne infiltrata dal Loto Rosso che era venuto per rapire Avatar Korra durante il sonno. Dopo essere stati allertati dal Team Avatar, Wei e Wing accorsero ancora in vestiti per la notte e insieme alla loro madre circondarono i criminali con dei panelli di metallo. A loro grande sorpresa Ghazan creò un lago di lava che fece scogliere i panelli e li divise dai difensori di Zaofu. Il trio di dominatori del metallo protesse il Team Avatar e Lin dagli attacchi di combustione curvato di P’Li alzando dei panelli di metallo.

Una volta che Suyin aveva trovato un piano per salvare Korra, Wei e Wing le seguirono sul tetto dove ricevettero l’ordine di tirare su lei e Lin in caso di problemi. Wing si tenne in contatto con Mako a terra tramite radio e lo informò quando erano in posizione. Ricevette il segnato di attesa, dato che Bolin non era riuscito a disabilitare P’Li, ma il giovane Beifong lo interpretò male e diede il segnale di partire con la missione di salvataggio. Ma nonostante quell’errore le due sorelle riuscirono a portare in salvo Korra e i due gemelli videro come Lin portò su la donna paralizzata dal veleno Shirshu, ma anche come gli intrusi riuscirono a fuggire incogniti.

174 DG[]

Opposizione contro Kuvira[]

Wei, Wing e Suyin in missione segreta

Quando tra anni dopo Kuvira marciò con la sua armata fino davanti ai cancelli di Zaofu, Wei e Wing salirono su un punto di osservazione per stimare la sua grandezza. Poche ore dopo si unirono alla sua famiglia per discutere con Kuvira, Baatar jr e Bolin le condizioni della resa della città, ma rimasero in silenzio e si limitarono a fissare gli ospiti indesiderati con aria di sfida e disdegno. Quella sera si unirono a loro madre nella sua missione segreta di infiltrarsi nel campo nemico per tentare di distruggerlo dall’interno mettendo fuori gioco Kuvira.

Protetti dal buio e completamente vestiti di nero, i tre Beifong si avvicinarono al campo attraverso la foresta. Dopo aver catturato una guardia in pattuglia, i tre salirono su un albero con i loro cavi e controllarono la situazione. Wing volle sapere da Suyin se il suo piano di eliminare Kuvira avrebbe funzionato, dato che la grandezza dell’armata lo aveva impressionato. Questa lo rassicurò che la stragrande maggioranza era costretta a servire nelle fila della Grande Unificatrice e senza il suo comandante l’armata crollerebbe subito.

Il trio in seguito infiltrò il campo, evitando pattuglie e proiettori, e raggiunsero presto il centro. Dopo che Suyin avara controllato tramite il senso sismico che Kuvira stava dormendo da sola nella sua tenda, i tre si fecero strada con un tunnel sotto l’accampamento. Ma al loro arrivo nella tenda scoprirono scoccati che la donna era Zhu Li e che erano caduti in una trappola. Le pareti della tenda caddero e gli rivelarono di essere completamente circondati dall’arma nemica. Dopo un discorso da parte di Kuvira vennero messi fuori gioco con una scarica elettrica e imprigionati in una sorta di prigione portatile che gli impediva di liberarsi tramite il loro dominio.  

La mattina seguente Suyin, Wei e Wing vennero presentati di fronte alla sua armata alla negoziazione con Avatar Korra, Jinora e Opal come una sorta di bottino di guerra. Quando Kuvira ignorò il tentativo di Korra di risolvere questo conflitto senza violenza, Wei gridò che portare la sua intera armata per minacciare Zaofu non era stata per nulla un’azione pacifica.  I gemelli dovettero osservare impotenti come l’Avatar venne sconfitta, perdendo così il duello per il destino di Zaofu. In seguito alla vittoria di Kuvira, i tre vennero riportati indietro nella loro città per servire da esempio intimidatorio per coloro che si rifiutarono di giurare fedeltà alla Grande Unificatrice. Wei e Wing fissarono il loro fratello maggiore con odio e rabbia quando questo ordinò l’arresto di loro padre fratello Huan, dato che si erano rifiutati di inchinarsi.  

Fuga da prigione[]

Insieme al resto della sua famiglia, i gemelli vennero spostati in una prigione sotterranea sotto la fabbrica di armi di Kuvira nei pressi di Zaofu. Per impedirgli di usare i loro domini vennero piazzati in una cella di legno appesa con corde sopra un barato apparentemente infinito, dove passarono almeno una settimana.

All’arrivo di Lin, Suyin e Bolin vennero avvertiti dalla loro madre che era giunto il momento della liberazione. Quando loro zia saltò sopra la cella e la fece dondolare, Wei venne schiacciato da Huan contro le barre. Dopo che Lin aveva tagliato un’apertura nella prigione, Wei era il primo ad uscire e di veni lanciato sopra il baratro nelle braccia di Bolin che lo prese al volo.  Come ringraziamento gli carezzò la guancia, suscitando una razione scombussolata dal dominatore della lava.

Nonostante che il loro padre avvertì le guardie con le sue grida, tutti quanti riuscirono a aggiungere la superficie senza grandi problemi. Durante la riunione tra i genitori e Opal, Wei e Wing fecero da guardia e attesero che gli adulti decidessero i prossimi passi da fare. Quando Bolin se ne andò per salvare Zhu Li, che si era ribellata a Kuvira cercando di sabotare il cannone gigantesco, Wing si aggiunse a sua madre e zia che ora sarebbe il momento perfetto per tentare di fermare Kuvira o almeno di distruggere la sua nuova super-arma, notando che non possono permettere che “Opal sia la più coraggiosa”.

I quattro dominatori del metallo lasciarono indietro Toph, Baatar e Huan per raggiungere il sito della dimostrazione pubblica del nuovo cannone a energia spirituale e usarono il loro dominio per fargli sbagliare mira. Mentre Suyin affrontò Kuvira in un duello, i gemelli e Lin attaccarono l’armata con macigni e pietre, in contemporanea Wei e Wing eressero anche una barriera protettiva di roccia. Quando loro madre venne catapultata giù dal vagone con il cannone, Wei la salvò catapultando i quattro soldati che la stavano attaccando, in aria. Poi la aggrappò e lanciò il suo cavo verso suo fratello che lo catturò con il suo e lo tirò da loro all’interno della barriera. Purtroppo questa venne presto abbattuta dall’avanzamento dei soldati nemici e il quartetto si vide davanti a una missione senza speranza. Ma prima che la battaglia potesse proseguire, arrivò Toph che li salvò facendo ribaltare il terreno sotto i suoi piedi, portando a terra gli aggressori. Quando Opal tornò su Juicy con Bolin e Zhu Li, Wei e Wing scapparono con gli altri per via aerea.

Alla difesa di Città della Repubblica[]

Quando il presidente Raiko ordinò l’evacuazione d’emergenza di Città della Repubblica per via dell’attacco imminente di Kuvira, i gemelli stavano vivendo al Tempio dell’Aria, dove intanto si erano vestiti nuovamente con l’armatura tipica di Zaofu. Quando una settimana dopo il Team Avatar tornò dalla sua missione di ricognizione con la notizia scoccante che l’armata dell’Impero della Terra era arrivato quasi alle porte e che il cannone era stato montato sul braccio di un gigantesco mecha, si aggiunsero a loro madre, Asami, Bolin e Mako per raggiungere la fabbrica di Industrie del Futuro dove Varrick stava portando avanti la costruzione del nuovo mecha volanti.

Rimasero al fianco di Suyin quando questa tentò di far ragionare sul figlio maggiore, catturato dai dominatori dell’aria per fargli sputare il rospo su eventuali punti deboli del mecha di Kuvira. Vedere la reazione aggressiva e cocciuta di Baatar jr alle implorazioni di loro madre li fece arrabbiare, ma quando questa notò quanto sia stato grande il baratro che si era aperto con la sua partenza da casa, voltarono via lo sguardo. Ma anche dopo che Korra era riuscita a convincerlo a cercare di dissuadere Kuvira dai suoi piani di attacco, i gemelli dovettero subito dopo scappare a gambe levate quando la comandante delle truppe nemiche prese di mira la fabbrica e la fece saltare in aria con il suo cannone.

Come tutti gli altri, anche Wei e Wing riuscirono a sopravvivere e di uscire dalle macerie grazie a Bolin che teneva su un gigantesco pezzo di cemento da solo. Mentre Asami e Varrick tentarono di rendere operabili i due prototipi del mecha Colibrì nell’ufficio della presidentessa di Industrie del Futuro, i gemelli si unirono agli altri dominatori per affrontare l‘armata in avanzamento per cercare di fermarla o di almeno guadagnare più tempo possibile.

I dominatori della terra e Mako osservarono preoccupati come i dominatori dell’aria coprirono i vetri del mecha con vernice per oscurargli la vista. Al segnale di Tenzin, Wei e Wing usarono i loro cavi per avvicinarsi ai piedi del robot, ma dovettero presto rendersi conto che anche le articolazioni erano state fatte di platino e per cui impossibili da dominare. Dopo che Bolin aveva fatto affondare un piede in un pozzo di lava, i gemelli usarono il dominio del metallo per legare le gambe del mecha con due rotoli massivi di cavi per permettere agli dominatori dell’aria sopra di tentare di farlo cadere all’indietro. Purtroppo la pressione si rivelò troppo eccessiva e Kuvira riuscì a liberarsi e di mantenere la stabilità. Dopo che la Grande Unificatrice sparò agli dominatori dell’aria, Wei e Wing seguirono gli altri nella ritirata. All’ufficio di Asami venne creato un nuovo piano: i dominatori dovevano attaccare il mecha senza tregua per distrarre Kuvira e permettere agli due mecha volanti di atterrare sulla sua corazza e tagliere un buco, possibilmente senza rimanere schiacciati.

Seguendo questa strategia, Wei e Wing osservarono come Lin, Suyin e Bolin fecero cadere un intero edificio su Kuvira, ma rimasero scioccati quando questa si liberò dalle macerie senza quasi neanche un graffio. I gemelli tentarono di riprodurre lo stesso attacco con i loro cavi, ma prima di poterlo completare i loro cavi vennero tagliati da un raggio del cannone e caddero nel vuoto. Ma prima che potessero schiantarsi a terra, Lin li prese al volo e li fece abbassare in sicurezza, poi vennero protetti dalle macerie in caduta da una barriera protettiva eretta da loro madre.

La loro strategia si rivelò un successo e Kuvira venne sconfitta. Alcune settimane dopo la battaglia, Wei e Wing erano stati invitati alle nozze di Varrick e Zhu Li al Tempio dell’Aria.

Crisi di Gaoling (Rovine dell'Impero)[]

I gemelli erano anche presenti come testimoni all’udienza di Kuvira tre mesi dopo, accompagnando i loro genitori, Opal, Huan e il Team Avatar. Osservarono con lo sguardo teso come Suyin si confrontò con Kuvira che si era dichiarata non colpevole.

In seguito a questo la famiglia tornò a casa, ma alcuni giorni più tardi accompagnarono loro madre che ripose alla chiamata di aiuto da parte di Korra, Wu e Kuvira. A Gaoling vennero a sapere che Asami, Mako e Bolin erano stati catturati dal comandante Guan e sottoposti a un lavaggio del cervello. I gemelli atterrarono con l’aeronave di Suyin nei pressi di Gaoling, ma poco dopo l’atterraggio vennero attaccati dal resto dell’armata dell’Impero della Terra guidato dai tre amici rapiti. Wei e Wing tentarono di catturarli con i loro cavi senza ferirli, ma Guan li spezzò prima di poter finire la loro missione. Alla fine i Beifong erano costretti alla ritirata e Wei e Wing presero Opal che era stata resa incosciente da un attacco di Bolin. Il gruppo era riuscito a prendere Asami, ma aveva perso Re Wu al nemico. Durante il volo di ritorno, Wing chiese sua madre se dovevano incatenare anche Kuvira, ma questa riposa che non c’era il rischio di una fuga, Wei sperò che avesse ragione.

Dopo il loro arrivo a Zaofu, i gemelli accompagnarono Opal nella sua stanza e chiamarono un medico, nonostante che la ragazza affermò che non ne aveva bisogno e stava bene.

Più tardi si aggiunsero alla cena in famiglia insieme anche a Korra e Kuvira. Wei chiese, se il loro obbiettivo era quello di abbattere l’Impero della Terra, perché non chiamare semplicemente dei rinforzi, dato che la misera armata di Guan potrebbe essere sconfitta dalla piena forza del clan del metallo. Suyin ripose che non potevano apparire come aggressori e l’intromissione di Zaofu nelle elezioni di un altro stato potrebbe seriamente minacciare il movimento di democratizzazione. Toph aggiunse che quel movimento era già pressoché alla fine, dato che ormai Wu doveva aver subito anche lui un lavaggio del cervello.

Il giorno successivo i gemelli accorsero nel laboratorio di Baatar Jr dopo che questo aveva liberato Asami dal lavaggio del cervello per avvertire loro madre di accendere subito la radio: Guan aveva appena vinto le elezioni di Gaoling.

Wei e Wing tornarono a Città della Repubblica poco dopo quando ricominciò l’udienza di Kuvira e si sorpresi dal su cambiamento di dichiarazione. Più tardi si radunarono intorno a lei insieme alla famiglia e seppero che la donna era stata condannata agli arresti domiciliari a Zaofu sotto la sorveglianza di Suyin.

Abilità[]

Dominio della terra[]

Essendo membri del clan Beifong e dopo l'addestramento di loro madre, Wei e Wing sono diventati molto abili nel dominio della terra. Ad aiutarli sono anche la loro determinazione, lo spirito di competizione e la loro atletica, che gli hanno permesso di usare varie teniche con agilità e potenza. Da solo sono capaci di attacchi veloci e ripetuti e collaborando possono lanciare anche macigni enormi.

Dominio del metallo[]

I gemelli si sono allenati nel dominio del metallo praticamente da subito. La loro arma preferita sono i cavi di metallo che usano con grande maestria e hanno persino inventato un gioco per dominatori del metallo, il Disco Volante.

Trivia[]

  • Wei e Wing sono una di cinque coppie di gemelli, gli altri sono Lo e Li, Poi e Ping, Eska e Desna e Hundon e suo fratello.
Advertisement