Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Toph (北方拓芙, Běifāng Tàfú) è una maestra del dominio della terra e l'inventrice del dominio del metallo. Nata come bambina cieca in una famiglia nobile, venne trattata dai suoi genitori iper-protettivi con estrema cura e preoccupazione. Dopo aver incontrato delle talpe tasso- anche loro ciechi- imparò ad usare il suo dominio come un'estensione del suo corpo e i suoi sensi. Sviluppò persino un'abilità che le permise di "vedere" le vibrazioni trasmesse attraverso il suolo, chiamato "senso sismico".

Per sfuggire alla gabbia dorata della sua casa, Toph partecipò con successo a diversi incontri di dominio illegali sotto lo pseudonimo "La bandita cieca" senza il sapere dei suoi genitori. Dopo l'incontro con il Team Avatar iniziò ad interessarsi di aiutargli nella missione di Aang di imparare i domini e di terminare la guerra, unendosi a loro e diventando la maestra del dominio della terra dell'Avatar. La sua abilità straordinaria, il suo pragmatismo e personalità unica la fecero un membro molto importante del gruppo. Grazie alla sua cocciutaggine riuscì a sviluppare persino il dominio del metallo, ritenuto fino ad allora impossibile.

Dopo la fondazione di Città della Repubblica, Toph si assunse la posizione di capa della polizia e addestrò i suoi officiali nel dominio del metallo. Dopo alcune storielle d'amore ebbe due figlie da padri diversi: Lin, che divenne la nuova capa della polizia dopo il suo ritorno, e Suyin, che invece divenne la matriarca del clan Beifong, ora chiamato clan del metallo. Dopo aver sistemato tutto, si ritirò nella Palude Nebbiosa alla ricerca dell'illuminazione dove mise su casa e si limitò a qualche salutino alla famiglia di Suyin. Anni dopo aiutò Korra a liberarsi degli resti del veleno di Zaheer.

Alla prima comparsa Toph appare come una bambina maschiaccio con un carattere cocciuto, diretto e di un pragmatismo a volte cinico, ma anche con un senso di umorismo molto pungente e preciso. Non si cura della sua disabilità, anzi, spesso è lei stessa che fa le battute. Grazie alla sua abilità di vedere tramite il suolo la sua cecità non è sempre subito evidente, ma si nota solo quando parla con qualcuno senza guardarlo in faccia. Si veste in modo comodo in colori verdi e gialli, ma tiene sempre i piedi nudi per non intorpidire la sua "visuale".

Storia[]

Infanzia[]

Toph nacque nell'anno 88 DG come figlia unica nella ricchissima famiglia Beifong, residente a Gaoling. Dato che era cieca dalla nascita, i suoi genitori pensarono che era estremamente fragile e indifesa, tenendo persino nascosta la sua esistenza dal mondo. Per questo moltissimi non era nemmeno a conoscenza del fatto che i Beifong avesse una figlia. Essendo nata in una famiglia nobile, i suoi genitori si aspettarono da lei maniere perfette e un comportamento sempre posto, cosa che la ragazzina iniziò ad odiare, ma lo tenne nascosto da loro.

L3 E13 Toph talpa tasso

La piccola Toph diventa amica delle talpe-tasso

All'età di cinque anni, Toph fuggì di casa e si rifugiò un una caverna abitata da talpe-tasso. Questi animali, i dominatori della terra originari, erano ciechi come lei, per cui Toph si sentì subito a suo agio con loro. Imitando i loro movimenti, imparò a dominare la terra in modo naturale, il che le permise di imparare a "vedere" attraverso il dominio, percependo le vibrazioni del terreno. La sua cecità e la sua perseveranza le permisero inoltre ci sviluppare un udito impeccabile molto acuto, capace di riconoscere una voce immediatamente. Tenne però tutto nascosto dai suoi suoi genitori.

Quando si accorsero che Toph era una dominatrice della terra, suo padre Lao assunse il maestro Yu per insegnarle il dominio, ma gli ordinò di limitarsi agli esercizi base per principianti. Nonostante Toph in realtà era già una dominatrice di livello maestro, la ragazza riuscì a tenere alta l'illusione di non essere capace di nulla per anni. All'insaputa di tutti Toph si allenò sempre di più fino a diventare così abile da entrare in segreto in diversi tornei di dominio della terra sotto il nome "Bandita Cieca", diventando presto il campione in carica.

Libro due (primavera 100 DG)[]

(per l'articolo completo leggere Toph- Libro Terra")

Un giorno Toph partecipò al torneo del dominio della terra dove venne inaspettatamente sconfitta da uno strano ragazzo sconosciuto che le chiese inoltre di diventare il suo maestro del dominio della terra. Inizialmente Toph non voleva saperne, ma il ragazzo di nome Aang e i suoi amici divennero insistenti e la vistarono persino a casa sua dove stavano per smascherarla. Quando lei e l'Avatar vennero catturati da Xin Fu, la ragazza scelse di rivelare il suo segreto ai suoi genitori, ma dopo che non la volevano accettare, la ragazzina fuggì di casa per aggiungersi al Team Avatar.

La nuova vita di essere parte di un gruppo era molto difficile per la ragazza indipendente e dopo alcuni litigi- appesantiti dalla minaccia continua di Azula che gli stava dando la caccia, Toph decise di andare per la propria strada. Cambiò atteggiamento dopo un incontro con Iroh e tornò dai suoi amici, poi iniziò finalmente ad insegnare ad Aang il dominio della terra. L'allenamento si rivelò molto duro e frustrante per lei, dato che per il dominatore dell'aria adattarsi allo stile di quello della terra era molto difficile.

Il gruppo raggiunse il deserto di Si Wong, dove incontrarono il professore Zei che gli parlava della fantomatica biblioteca di Wan Shi Tong e Sokka decise di aiutarlo per trovare informazioni sulla Nazione del Fuoco. Per la sua cecità, Toph decise di rimanere fuori dall'edificio insieme a Appa, ma non poté impedire che questo venne portato via da alcuni dominatori delle sabbia. Dopo essere usciti dalla biblioteca,a la nuova meta del gruppo era ora Ba Sing Se per convincere il Re della Terra ad aiutarli per un'invasione della Nazione del Fuoco durante un'eclissi.

Dopo essere arrivati alla capitale del Regno della Terra, il gruppo apprese che la città era sotto il controllo di Long Feng, primo segretario del Re, che gli impediva ad ogni costo di parlare con il monarca. Dato che aveva anche in mano Appa, Aang era costretto a stare buoni, ma dopo alcune settimane si misero in azione e scoprirono i suoi piani e lo smascheravano. Poco dopo Toph ricevette una lettera falsa dei suoi genitori per incontrarla, ma questa si rivelò una trappola tesagli da Xin Fu e Yu che la volevano catturare e riportare dai suoi genitori. Durante il viaggio in carrozza Toph iniziò a ragionare che anche il metallo era solo terra raffinata e si focalizzò sui frammenti di terra inclusi. Dopo alcuni tentativo riuscì a dominare il metallo per la prima volta nella storia e si liberò, poi si affrettò a tornare a Ba Sing Se dove incontrò Sokka e Aang. Purtroppo Azula stava cospirando un colpo di stato mascherata da Guerriere Kyoshi prendendoli alla sprovvista, e vennero arrestati. Grazie al dominio del metallo Toph li liberò, ma poterono solo aiutare gli altri nella fuga dalla capitale che era intento caduta nelle mani della Nazione del Fuoco.

Libro tre (estate 100 DG)[]

((per l'articolo completo leggere Toph - Libro Fuoco)

Dopo la fuga da Ba Sing Se, il Team Avatar prese possesso di una nave della flotta del fuoco per avviarsi verso la Nazione del Fuoco mentre Aang si riprese dalle ferite riportate. Poco dopo il suo risveglio s’imbatterono in un’altra nave contro la quale Toph aiuto a fuggire con il dominio del metallo. Una volta arrivati, il gruppo si divise da Hakoda e gli altri per prepararsi per l’invasione stipulata per il Giorno del Sole Nero fra qualche settimana.

I quattro ragazzi si travestirono da cittadini della Nazione del Fuoco per non venir scoperti, ma dopo alcune avventure le loro risorse finanziarie si stavano esaurendo. Toph ebbe l’idea di barare a alcuni giochi di strada usando il suo dominio, il che le affibbiò presto il soprannome di la fuggitiva”. Questa attività illegale creò una frattura tra lei e Katara, ma alla fine si riconciliarono, ma per via della sua fama dubbiosa attirarono l’attenzione di un sicario con la abilità spaventosa del dominio della combustione. Dopo essersi liberati, Toph ammise che, sotto il suo guscio da ragazza dura provava nostalgia di casa e le mancavano i suoi genitori.

Durante l’invasione Toph si unì ad altri soldati della terra e riuscirono a raggiungere la capitale, ma la trovarono deserta. La dominatrice della terra scovò un labirinto di gallerie sotto la città e, credendo che Ozai si stesse nascondendo lì, guidò Aang e Sokka per affrontarlo prima della fine dell’eclissi. Purtroppo s’imbatterono solo in Azula che aveva saputo del piano in anticipo e preparato tutto nei minimi dettagli, incluso fargli perdere tempo prezioso. L’eclissi così passò senza il successo desiderato e il gruppo era costretto alla fuga che li condusse al Tempio dell’Aria dell’Ovest.

Toph fu la prima a notare la comparsa di Zuko che si offrì come maestro del dominio del fuoco per l’Avatar, ma a parte lei tutti erano contrari a questa idea, dato che Toph sentiva la sua sincerità. La ragazza volle parlare con lui in privato, ma questo le ustionò i piedi per sbaglio, il che la costrinse a strisciare indietro dagli altri letteralmente cieca. Una volta tornata, i suoi amici si arrabbiarono ancora di più con Zuko, ignorando le sue assicurazioni che non lo aveva fatto di proposito. Quando il principe gli aiutò ad eliminare il sicario con il dominio della combustione, questo cambiò fortunatamente e Toph lo aiutò con il consiglio di chiedere consigli ai dominatori originali del dominio del fuoco. Purtroppo alcuni giorni dopo tutti dovettero fuggire quando Azula attaccò il tempio.

Il gruppo atterò sull’Isola di Ember dove si accorsero che un gruppo di attori stava reinterpretando le loro avventure sul palcoscenico; mentre a Toph piacque il fatto che il suo personaggio venne rappresentato da un omone muscolosa, lo spettacolo teatrale le fece parecchio schifo. Zuko li informò del fatto che l’Avatar doveva affrontare il Signore del Fuoco prima della comparsa della Cometa di Sozin fra qualche giorno perché aveva in mente di bruciare al suolo l’intero Regno della Terra. Toph lo aiutò nella preparazione allo scontro finale con una simulazione, ma Aang sparì quella notte senza lasciar tracce. Incapaci di trovarlo, si rivolsero a June e il suo Shirshu Nyla per rintracciarlo, ma era inutile, così provarono a trovare invece Iroh. Questa traccia li portò a Ba Sing Se dove il Loto Bianco si stava preparando per riprendersi la capitale del Regno della Terra. Nel piano per affrontare la flotta del Re Fenice Ozai, Toph si unì a Sokka e Suki per intercettare il nemico e di abbattere più dirigibili possibili prima dell’arrivo nel Regno della Terra. La ragazza usò il suo dominio del metallo per prendere possesso di una aeronave e di distruggerne altre. Purtroppo la loro aeronave fini per sgretolarsi e lei e Sokka stavano per perire, ma fortunatamente vennero salvati da Suki. Nel frattempo Aang aveva affrontato Ozai e tolto il dominio per porre fine all'invasione, così il gruppo si riunì per festeggiare la fine della guerra e la susseguente incoronazione di Zuko come nuovo Signore del Fuoco.

Fumetti (110-102 DG)[]

(per l'articolo completo leggere Toph - Fumetti)

Alcune settimane dopo al fine della guerra, Toph si accorse che il suo braccialetto di metallo di meteorite iniziava a vibrare se nelle vicinanze c’era una persona molto emozionale e dedusse che si trattava di dominatori della terra con il potenziale del dominio del metallo. Ne rintracciò tre, i quali invitò come i suoi primi tre studenti alla sua nuovissima Accademia del Dominio del Metallo vicino a Yu Dao: Penga, Ho Tun e Tipo Dark. L’addestramento non andò molto bene, inoltre Kunyo le fece concorrenza per il possesso dell’edificio in cui si trovava la scuola. Sokka tentò di aiutarla, ma solo la resa immediata di Toph davanti a Kunyo permise ai suoi studenti di sbloccare finalmente il dominio del metallo e il tanto agognato progresso. In seguito Toph aiutò a placare il conflitto tra la Nazione del Fuoco e il Regno della Terra per Yu Dao disabilitando i carri armati di Zuko. L’impegno suo e dei suoi studenti rese famosa l’accademia, il che portò a un afflusso sempre maggiore di studenti che la legò moltissimo.

Circa un anno dopo Toph partecipò al banchetto in onore al nuovo governo di Yu Dao e si unì a malavoglia a una gita di Aang e dei suoi nuovi accoliti dell’aria per un festival antico e per lei insulso. La ragazza si dimostrò molto antipatica nei confronti di Aang e la sua nostalgia verso il passato, ma si entusiasmò della nuova raffineria costruita sul sito sacro dei Nomadi dell’Aria dove conobbe il giovane ingegnere Satoru. Mentre Aang era immensamente triste per l’inquinamento della zona e la sua distruzione, Toph vide nella raffineria il futuro di una collaborazione pacifica tra le nazioni e lo sviluppo tecnico. La ragazza scopri che uno dei due proprietari della raffineria era nessun altro che suo padre, il quale però si rifiutò di riconoscerla come figlia e la mandò via con freddezza. Questo cambiò alcune ore dopo quando lei, suo padre e altre persone finirono intrappolati in una miniera abusiva e instabile e Toph era l’unica cosa che le separava dalla morte tenendo su l’intera struttura con il suo dominio fino all'arrivo dei soccorsi. Purtroppo poco dopo seppe che Aang voleva distruggere la raffineria per placare uno spirito antico risorto e pieno di sete di vendetta contro gli umani, Toph si ribellò all’Avatar e glielo impedì, ma la comparsa del Generale Vecchio Ferro li costrinse nuovamente alla collaborazione. Aang lo sconfisse senza distruggere la fabbrica, così Toph poté accettare l’offerta di Satoru di aiutarla nel finanziamento futuro della sua accademia.

I soldi di Industrie della Terra del Fuoco le permisero di ampliare la struttura e Penga, Ho Tun e Tipo Dark erano diventati abbastanza abili da insegnare ai principianti. Tutto stava andando così bene che Toph iniziò ad annoiarsi, finché Sokka e Suki non la invitarono a un concerto che però si rivelò così noiosa che la ragazza preferì di guardarsi qualche incontro clandestino in onore del suo passato. Così conobbe Sun, un dominatore della lava, e lo invitò all'accademia.

Qualche settimana più tardi Toph, in veste di partner esecutivo di Industrie della Terra e del Fuoco, venne mandata al polo Sud per rappresentarli nel Progetto della Ricostruzione del Sud. A sua grande sorpresa li incontrava Sokka e Katara, ma finì proprio nel ben mezzo del conflitto tra il premier Hakoda e il nazionalista radicale Gilak. Dopo una serie di conflitti interno, Toph assistette a una conferenza interazionale con Signore del Fuoco Zuko e Re della Terra Kuei sul futuro finanziamento della modernizzazione del Sud. Gilak irruppe e rapì il Re della Terra per costringere Hakoda ad arrendersi in uno scambio sul Ponte del Non Ritorno. Sull'idea di Sokka per difendersi dal blocco del Chi di alcuni dei suoi seguaci, Toph e gli altri dominatori del metallo creano maglie di metallo che i suoi amici portarono sotto i vestiti.

Il gruppo volle tornare a Yu Dao, ma Toph chiese a Aang di fare un giro alla sua fabbrica, avvertendolo che il villaggio intorno si era evoluta in una città caotica di nome “Città dei Gru-Pesce”. Ben presto scoprirono che la città stava soffrendo molto per i conflitti tra dominatori e non-dominatori che si stava intensificando fino al punto in cui la fabbrica di suo padre venne presa di mira in un attentato. Durante le indagini, Toph iniziò a sospettare di Liling, una membra del Consiglio d’Affari dominatrice, che era a capo di un movimento suprematista pro-domatori molto radicale. La ragazza tentò di arrestarla durante un raduno dei suoi seguaci riuscendo a catturarla e per far fine con questa storia consigliò a Aang di semplicemente toglierle il dominio come aveva fatto con Ozai. Liling venne liberata dai suoi seguaci prima che Aang si decidesse, ma il suo attacco finale poco dopo venne previsto e abbattuto senza grandi problemi. Qualche giorno dopo Toph e il resto del Team Avatar decise di rimanere in città per un po' di tempo per guidarla verso un futuro migliore

Tempo intermedio[]

Dopo la fondazione di Città della Repubblica, Toph venne nominata capa del corpo di persecuzione della giustizia che era de facto una polizia. Insegnando il dominio del metallo ad alcuni agenti con talento, fondò anche una squadra di agenti d’élite, ovvero i poliziotti dominatori del metallo, per aiutarla.  In quel periodo di tempo iniziò ad usare i cavi di metallo per arma principale per catturare e contenere i criminali che divennero il marchio della sua squadra.

Alcuni anni prima del 120 DG, incontrò un uomo di nome Kanto, da cui ebbe una figlia di nome Lin. La relazione però non resistette a lungo e si lasciarono con Toph che, sei anni dopo, ebbe una seconda figlia, Suyin, con un uomo sconosciuto che crebbe come madre singola. Entrambe le ragazze ereditarono il suo talento per il dominio della terra e del metallo, diventando anche loro maestre di fama nazionale. Sperando di poterle dare una infanzia diversa dalla sua, Toph le diede ogni libertà di scegliere il loro futuro infierendo il meno possibile nella loro crescita. Lin entrò nelle sue orme diventando anche lei una poliziotta mentre Suyin divenne una ribelle, simile a sua madre da giovane, che però finì spesso nei guai con la legge. Nonostante le occasionali litigi e crisi, Toph le ripeteva sempre che riteneva le sue figlie una benedizione, ma la scorbutica Lin crebbe che stava invece solo mentendo.

Toph arresta Yakone

Toph arresta Yakone

Nell'anno 128, all'età di quaranta anni, Aang chiese a Toph di arrestare il pericoloso criminale di nome Yakone per essere un praticante dell’arte illegale del dominio del sangue e di usarlo per terrorizzare Città della Repubblica. Reagì con leggera irritazione quando Aang insisteva ad accompagnarla e lo chiamò con il suo nomignolo da ragazzino “piedi rapidi” per farlo innervosire. Lei e i suoi uomini arrestarono Yakone in un ristorante, il quale rispose con un sorrisetto strafottente che anche stavolta la giustizia non potrà contenerlo. Toph assistette all'udienza davanti alla corte di Città della Repubblica dove ascoltò con un sorrisetto come il presidente del Consiglio Sokka la lodò per la sua scoperta del dominio del metallo come esempio di un dominio ritenuto impossibile finché qualcuno non lo scopre. A sorpresa di tutto però, Yakone diede una dimostrazione del suo potere pochi attimi della dichiarazione della sua punizione dominando il sangue di tutti i presenti a corte, incluso di Toph, la quale forzò ad apire le sue manette per poi scaraventarla da parte con violenza e prepararsi per la fuga.

Qualche anno dopo, Tenzin e due vandali vennero portati nel suo ufficio per una rissa al porto. Il giovane dominatore dell’aria spiegò che li aveva attaccati perché avevano sporcato i cancelli roteanti con graffiti, ma la capa della polizia lo zittì dicendo che poteva anche essere, ma non poteva andare in giro a fare il vigilante anziché chiamare le forze dell’ordine. Quando arrivò infine Aang per prendere suo figlio, lo prese in giro minacciandolo di gettare in prigione per poi lasciarlo andare a casa solo con un avvertimento. L’Avatar le propose di risolvere la situazione secondo la tradizione dei Nomadi dell’Aria, dato che era stata danneggiata solo proprietà del Tempio dell’Aria, cosa che Toph accettò solo a malavoglia, ma gli chiese comunque retoricamente se volesse davvero sempre sotto minare la sua autorità.

B3 E06 Toph Su Lin

Toph sgrida Lin e Suyin

Nell'anno 142 Lin beccò sua sorellastra che stava collaborando con la Triade Terra e gli stava aiutando nella fuga dopo in furto e la arrestò. Toph ritrovò entrambe nel suo ufficio a litigare per questo, ma per la capa della polizia faceva più paura lo scandalo che sarebbe venuto fuori se il pubblico sapesse che proprio figlia sua era in combutta con dei criminali e forse persino in prigione, così decise, per proteggere Su, di distruggere le prove e di mandarla a vivere con i suoi genitori a Gaoling. Un anno dopo, Toph si ritirò dal suo servizio attivo mentre Suyin iniziò a fare un lungo viaggio per il mondo che l’avrebbe portato a costruire la città di metallo Zaofu. Anni dopo, figlia e madre si parlarono e riuscirono a fare la pace, al contrario di Lin, ancora arrabbiata per gli ultimi avvenimenti. Ogni tanto Toph fece visita a Zaofu dove raccontò a sua nipote Opal storie della sua vita e anche di Lin, finché non decise di abbandonare tutto e di viaggiare per il mondo alla ricerca della illuminazione. A detta da Aiwei, da allora nessuno l’aveva mai più vista.

Leggenda di Korra (174 DG)[]

B4 E04 Toph Korra discussione

Toph deve spiegarle tutto

Questo viaggio la portò nella Palude Nebbiosa dove si stabilizzò per vivere come un’eremita. Nell'anno 174 trovò nel fango una Korra incosciente e la portò nella sua caverna dove le si presentò come un’amica della sua vita passata. Toph aiutò l’Avatar indebolito nella sua riabilitazione finale e fu la prima ad accorgersene che la ragazza stava ancora portandosi dietro tracce del veleno metallico di tre anni prima. Tentò di estrarlo, ma le tensioni e le paure sopite di Korra glielo impedirono, così le disse chiaro e tondo, che, se avesse voluto liberarsene, avrebbe dovuto farlo da sola. Qualche giorno dopo le ordinò di andare a prendere dei funghi, sperando che la plaude le desse delle visioni su cui lavorare, e così fu. Quando la trovò a rimuginare su una radice, Korra le raccontò di aver visto i suoi vecchi nemici, ma non sapeva cosa volesse dire. L’eremita spiegò che evidentemente non li aveva ancora superati e che doveva ragionare cosa avevano voluto: tutti avevano intenzioni nobili, ma erano completamente fuori equilibrio. Vedendo che la donna del Sud era ancora esitante, con uno sbuffo la condusse all’albero Banyano e le spiegò che le sue radici erano connessi con l’intera palude e con il mondo intero, il che permise a Korra di contattare Jinora, Ikki e Meelo che la stavano cercando. Il quintetto tornò alla caverna di Toph dove istruì l’Avatar a liberare la mente e di lasciare le sue paure per trovare il metallo dentro a sé. Dopo che Korra era riuscita a togliersi i resti del veleno, le fece i complimenti e le permise persino di essere abbracciata da lei. Quando i visitatori ripartirono poco dopo, tornò nella sua caverna felice di aver di nuovo la sua pace e tranquillità.

B4 E10 Toph accusa Kuvira

Tu sei un insulto per i dominatori del metallo!

Qualche giorno dopo, Toph seppe della caduta di Zaofu e l’imprigionamento di Suyin e gran parte della sua famiglia su ordine di Kuvira e asciò la palude per andare ad aiutarli. Arrivò a Zaofu poco prima di Lin, Opal e Bolin che erano venuti con lo stesso motivo e si unì al gruppo per poi volare a una facoltà di “rieducazione”. Sul volo, sentì la rabbia di Lin pesare su di lei, ma finse finta di niente. La situazione tra madre e figlia divenne ancora più tesa quando Toph, rispondendo a una domanda innocente di Bolin, raccontò qualcosa sul padre di Lin come se nulla fosse mentre la diretta interessata non aveva mai avuto questa fortuna. Ripigliandosi per la missione, il gruppo s’intrufolò nel campo militare per raggiungere una caverna profonda nella quale vennero tenuti Suyin e la sua famiglia in una gabbia di legno sospesa sopra il crepaccio. Il piano di salvataggio stava andando a gonfie vele finché le grida di paura di Baatar non allertarono le guardie e dovettero fuggire. L’allarme avvertii anche Kuvira che stava seguendo la dimostrazione del suo cannone ad energia spirituale che Lin gli altri stavano tentando di sabotare. Toph sbaragliò i soldati dell’Impero della Terra per salvarli e, prima di ripartire su Juicy, insultò Kuvira come una traditrice dei dominatori del metallo. Dopo l’atterraggio in sicurezza, Toph si scusò con Lin e Suyin per i suoi errori del passato e riuscì a risanare parte della relazione con loro. Rifiutò la richiesta di Opal di tornare a Città della Repubblica con loro, spiegando che i suoi giorni sul campo erano passati e che era tempo di lasciare le cose alla nuova generazione.

Rovine 2 Wu abbraccia Toph

Si deve arrendere

Tre mesi dopo la resa di Kuvira, Toph ricevette una visita non gradita da parte di Korra e Re Wu che volevano convincerla a candidarsi per le prima elezioni democratiche di Gaoling per impedire la vittoria di Guan che voleva riportare al potere l’Impero della Terra. Inizialmente rifiutò categoricamente, ma quando Wu raccontò della sua visione di sua zia Hou-Ting e la frase che nessuno voleva abbondare la sua zona sicurezza, si arrese e accettò. S’ iscrisse come candidata, ma si accorse subito che la gente di Gaoling sembrava come lavata di cervello mentre alla via del ritorno incontrarono una Kuvira vestita da soldatessa che venne accetta come alleata solo quando Toph dichiarò che stava dicendo la verità ed era onesta. Vennero attaccati da Guan, il che spinse Toph ad unirsi alla sua famiglia per permetterle la fuga. Tornata a Zaofu, seppe che aveva perso le elezioni dato che Guan aveva manipolato Wu ad anticipare le elezioni ed avere effettivamente lavato di cervello quasi l’intera popolazione di Gaoling. Insieme a Korra e i suoi amici, Toph tornò a Gaoling per inseguire Kuvira che aveva rubato un aereo e affrontò le truppe di Guan. Dopo che la situazione si era risolta, Re Wu tentò di convincerla di comunque ricandidarsi ancora, ma si rifiutò, spiegando che preferiva la palude dove i predatori erano più onesti di tanti politici.  

Nonostante rimase a vivere nella plaude, Toph iniziò a visitare ogni tanto Città della Repubblica per spendere più tempo con Opal. In una di queste occasioni si riunì con Katara e accompagnò lei, Korra, Asami e Bolin in spiaggia per rilassarsi. Le due donne anziane iniziarono a chiacchierare delle loro avventure passate e la loro tradizione di farsi gli scherzi, il che scatenò una guerra di scherzi tre loro due e gli altri della spiaggia.

Personalità[]

Quando si parla di Toph Beifong, si pensa a una persona cocciuta, testarda, indipendente, sarcastica e sincera al punto da sfiorare la rudezza. Ama la dirittezza, odia le menzogne e le mezze scuse solo per farsi la vita più facile. Questo deriva dal fatto che, per via della sua cecità, ha sviluppato il suo dominio della terra fino a sostituire i suoi occhi e di superarli in un certo senso vedendo quello che era nascosto sottoterra. Per questo ha imparato a non accettare sempre la prima verità presentata in superficie, ma di guardare oltre per individuare secondi scopi.

Toph crebbe in un ambiente nobile circondata dalla ricchezza, che però per lei era più una gabbia d’oro: i suoi genitori, pensando che era indifesa come un fiore, la vollero difendere da ogni possibile pericolo del mondo. La trattarono come una bambola che rischiava di spezzarsi al primo contatto, che non poteva fare nulla da sola e che necessitava protezione continua. Raggiunsero un punto in cui la popolazione di Gaoling pensava che la coppia Beifong non avesse neanche una figlia- forse per impedire che qualche mente maligna la usasse per ricattarli. Ignoravano i desideri di loro figlia di voler interagire di più con il mondo vietandole di giocare con gli altri bambini ripetendo il mantra che “si è sempre fatto così” che bambini nobili non giocavano con quelli comuni. A loro insaputa però Toph non si volle arrendere e, dopo aver appreso il senso sismico dalle talpe tasso, iniziò a sviluppare questa abilità in segreto aumentando la sua sicurezza in sé stessa. Dopo anni di allenamento infine raggiunse un livello tale che le permise di sconfiggere dominatori della terra vedenti e molto forti senza che i suoi genitori ne venissero a sapere. La sua relazione con i genitori ne soffrì però molto e questo portava a una profonda frattura.

Dopo essersi unita al gruppo, la sua personalità inizialmente cozzava con quelle degli altri, specialmente con Katara. Per differenziarsi il più possibile dalla personalità falsa che aveva mantenuta davanti ai suoi genitori per anni, Toph si comportò in un modo estremamente antagonista, diretta, maschiaccio e spesso addirittura rude. Non nascose la sua voglia di combattere e di far vedere quanto valeva, preferendo menare le mani al dialogo. Era decisa a sconfiggere ogni avversario “vedente” e di farsi riconoscere come “la miglior dominatrice della terra del mondo”, il che ogni tanto la faceva sembrava arrogante. Questo atteggiamento tipico di un dominatore della terra di affrontare un problema direttamente senza evitarlo le creava parecchi nemici, ma anche amici che, prendendosi esempio da lei, iniziavano a ribellarsi agli soprusi. Aang lo conobbe sulla sua stessa pelle durante il suo addestramento per lui estremamente difficile con una Toph decisa a renderlo più duro e aggressivo, lavorando in un certo senso contro la personalità del Nomade dell’Aria.

La sua voglia di essere indipendente da tutti e tutto creò parecchie artriti con Katara che invece voleva convincerla a fare cose di gruppo dividendosi le mansioni, ma Toph non riuscì a capirlo e insistette sul fatto che viaggiava con loro, ma poteva gestirsi da sola. Specialmente all’inizio interpretò male semplici gesti di amicizia come atti di misericordia o pietà per la sua cecità, reagendo con acidità e rabbia.  Uno di questi litigi la portò persino a voler lasciare il gruppo, ma fortunatamente incontrò Iroh che le face capire che Aang, Katara e Sokka la stavano trattando non come un’invalida, ma come un’amica quando si offrirono di fare cose per lei.

Toph era sempre brutalmente onesta nell'esprimere la sua opinione fino a sembrava apertamente rude e arrogante, non curandosi dell’età o del rango della persona che aveva davanti. Questo deriva dal suo tempo nell'arena dove aveva imparato a provocare i suoi avversari con efficacia; con i suoi amici ridusse l’intensità, ma si divertiva a prenderli in giro lo stesso, specialmente Sokka. Non si curò minimamente del fatto che per una ragazza questo atteggiamento non era portato, anzi, con persone scioccate da questo si divertì ancora di più, dimostrandosi più maleducata possibile. A Katara rivelò che non le importava nulla di come era la sua apparizione esterna, dato che non lo poteva vedere comunque. A parte questo, ogni tanto poteva anche essere molto goffa e disorientata in ambiti sociali, dato che era cresciuta in una casa di nobili isolata dal mendo.

Lei e Katara sembravano opposti cardinali, ma generalmente andavano d’accordo (dopo i primi litigi). Difatti Toph aveva persino allentata un po’ la sua presa di ferro su Aang durante il suo addestramento per farlo stare più al suo agio dopo aver ascoltato il consiglio di Katara. Col passare del tempo iniziò a riconoscere i suoi punti di forza, diventando amiche molto strette che si rispettavano a vicenda. Qualche mese più tardi però la relazione tra le due ragazze era di nuovo al limite di spezzarsi, dato che Katara le stava ricordando troppo i suoi genitori che volevano costringere a fare cose che non voleva e immediatamente si ribellò a lei. Mentre lei si stava divertendo a guadagnare soldi ingannando persone in strada, la ragazza del Sud cercò di farla smettere avvertendola che finirà male se non la smetteva. La sensazione di ritrovarsi davanti a una sorta di “madre” le dava molto fastidio e faceva di tutto per farla arrabbiare, ma alla fine si rese conto è che questa ribellione nascondeva in verità una profonda nostalgia di casa e la voglia di aver avuto una madre che si preoccupasse seriamente di lei accettandola come persona.

Una cosa che però non cambiò mai e che era uno dei tratti più distintivi di Toph era la sua igiene personale, o meglio la mancanza della tale. Non si lavava quasi mai e preferiva rotolarsi nel terreno, inoltre camminava sempre a piedi scalzi che ricoprivano le suole con uno strato spesso di polvere. Se messa in discussione, si spiegava che era normale per una dominatrice della terra e chiamò la sua sporcizia come “uno strato salubre di terra”. A parte questo si metteva spesso un dito nel naso o si puliva le dita dei piedi davanti a tutti- tutto per dimostrarsi più lontana possibile all'immagine della donzella educata e pulita che i suoi genitori avevano voluto. In realtà aveva imparato a fondo il bon ton della gente di alta classe, ma aveva deciso coscientemente di ignorale, in questo si differenziava dei suoi amici che semplicemente non conoscevano le regole dell’educazione bene come lei. L’unica eccezione era quando faceva un corso accelerato ai suoi amici per intrufolarsi nel palazzo del Re della Terra, ma soltanto Katara riuscì a superalo. Solo per potersi infiltrare senza dare sospetti, Toph accettò di tornare nei panni della sua vecchia identità.

Il suo atteggiamento ribelle, cociuto e indipendente, associato alla voglia di mostrare al mondo che poteva affrontare qualsiasi sfida nonostante la sua cecità, nascose spesso insicurezze ben celate. Questo venne a galla a Ba Sing Se quando, dopo una seduta di wellness, alcune ragazzine arroganti la presero in giro per il suo make-up in combinazione con i suoi vestiti usuali. Dopo un momento di esitazione, Toph rispose a tono insultando le ragazzine ridendo, ma Katara aveva capito che in realtà questi commenti denigranti l’avevano colpita al cuore. In un primo momento la dominatrice della terra cercò di rispondere con un commento ironico di non doversi curare del suo aspetto essendo cieca, ma Katara riuscì a vedere oltre la sua maschera e dichiarò che, anche se forse non era importante per lei, ma in verità era molto carina come ragazza. Questo commento riuscì a tir su di morale la ragazza cieca che ricambiò con uno dei suoi “pugnetti amichevoli” dalla delicatezza discutibile.

Per via della sua educazione rigida e restrittiva, una volta libera, Toph voleva gustarsi tutte le libertà possibile infrangendo più regole possibili. Si divertiva un mondo e non si rese conto dei limiti, il che ogni tanto la portava nei guai. A Ba Sing Se, quando Aang annunciò a Joo Dee di non volersi più arrendere alle peripezie imposte dal Dai Li, la ragazza esultò immediatamente abbattendo un muro della loro casa felice di ignorare le regole. Nella Nazione del Fuoco questo atteggiamento rischiò di farli scoprire quando Toph si rifiutò più volte di smetterla di truffare i giocatori in strada fino a venir ricercata dalla polizia, almeno finché non finirono veramente in prigione senza via di uscita. Sotto la sua copertura du ragazza dura e indipendente si nascose ancora una bambina vulnerabile che cercava ancora il suo posto nel mondo. Forse per questo, da adulta, riconobbe l’importanza delle regole e divenne capa della polizia di Città della Repubblica.

Per Toph essere cieca era la cosa più normale e si era già da tempo arrangiata con questa sua particolarità che non lo considerava un’invalidità. Spesso fece dei commenti scherzosi dove esprimeva la sua opinione su qualcosa di scritto o disegnato su carta nonostante che ovviamente non potesse vederlo, la sua vittima preferita era Sokka. Durante il volo nel deserto Shi Wong fece lo scherzo a tutto gridando ad un tratto di aver avvisato la Biblioteca di Wan Shi Tong per poi ridere della reazione scocciata dei suoi amici notano che suonerebbe cosi se qualcuno lo trovasse. Per enfatizzare la sua battuta, agitò una mano davanti ai suoi occhi ciechi ridendo come una scema. Dopo la fine della guerra, al ristorante di Iroh, complimentò il disegno di Sokka chiarando che tutto sembrava perfetto, nonostante che ovviamente non potesse vederlo. Al polo Sud, quando si lamentò del fatto che con i suoi stivali da neve non poteva vedere poco o niente, estese le sue braccia per dare uno schiaffo “involontario” a Sokka per dimostrare drammaticamente quanto era cieca.

Le diede comunque fastidio il fatto che ogni tanto- specialmente Sokka- si dimenticavano che era cieca e le presentarono un foglio di carta per leggerlo, come successo a Ba Sing Se e nella Nazione del Fuoco. In questi casi si ostentava a dimostrare che vedere non era importante e, quando Sokka propose di accompagnarla per aiutarla ad appendere i volantini per Appa, si arrabbiò e appiccò un poster sul muro- a rovescio. Un secondo dopo si calmò e chiese ai suoi amici se era a testa in giù, rendendosi conto che forse un aiutino le serviva. Nel secondo caso le venne presentato un poster di sé stessa come ricercata per ben due volte e dovette ricordare una volta a Sokka che una volta a Katara che era cieca e non poteva vedere cose c’era scritto. Durante la Cometa di Sozin, quando lei, Suki e Sokka s’impossessarono di un dirigibile, Toph interpretò male un commento di Sokka che chiese a qualcuno di mettersi al volante della macchina, pensando che stesse parlando a lei. Dalla espressione allegra si poteva vedere che aveva già la riposta pronta per ricordarlo che era cieca, ma si rese subito conto che Sokka stava parlando a Suki e coprì la sua gaffa con un commento. Un altro esempio di questo era quando Sokka voleva che lei costruisse un mostro metallico per spaventare i suoi allievi partendo da un suo disegno e ancora una volta Toph ha dovuto correggerlo.

Il fatto che suo padre Lao all'inizio rifiutava di riconoscerla come sua figlia, la colpì nel cuore e lei cercò più volte di fargli aprire gli occhi sul fatto che la Toph che si era immaginata e che aveva visto a casa sua era una maschera e non era mai esistita. Alla cocciutaggine di Lao nel volerla costringere di tornare ad essere quella bambina educata e posata, cercò di spiegarsi con le parole gentili, ma non ebbe successo. Stava per arrendersi e di voltare le spalle a suo padre quando venne chiamata da Sokka in una miniera che crollò sopra le teste di molte persone, tra cui anche Lao e soltanto il suo dominio della terra e del metallo schifato dal signore li salvarono. Una volta che questo si era scusato e l’aveva accettata per quello che era, gli perdonò con gioia e lo accettò come un suo parigrado fedele.

Inizialmente voleva diventare maestra per altri potenziali dominatori del metallo solo per poter gridare e dare ordini alla gente, ma poi iniziò a vedersi meglio in questo ruolo. Purtroppo finì per trattare i suoi studenti quasi come lei venne trattata dei suoi genitori, ovvero vedere solo la materia, ma non lo studente come un individuo. Capì che li stava restringendo per farli assomigliare alla sua idea personale dello studente modello che era una copia di sé stessa. Questa realizzazione la scosse fino al punto da voler chiudere la sua accademia del dominio del metallo per impedire che diventi solo uno sfogo per il suo trauma d’infanzia, ma casualmente Penga, Ho Tun e Tipo Dark avevano sentito questo discorso emozionale con Sokka e divennero decisi di raggiungere questa visione che la loro maestra aveva di loro.

Per via del suo odio verso le tradizioni antiche, di cui non si conosce nemmeno lo scopo e che si continuavano solo “perché si è sempre fatto cosi”, Toph finì per opporsi a Aang che invece voleva conservare la sua cultura radicata del passato fino arrivando alle mani. Lei amava il progresso, le macchine e lo sviluppo, per questo si interessò a all'ingegnere Satoru e accettava di diventare partner esecutivo di Industrie della Terra e del Fuoco.

Da madre, Toph era decisa a non voler ripetere gli errori dei loro genitori e lasciò mano libera alle sue due figlie Lin e Suyin di trovare la propria strada. Purtroppo questo ebbe l’effetto che le due bambine entrarono in competizione tra di loro per suscitare l’ammirazione di loro madre che, apparentemente, non era interessata a nessuno delle due. Suyin una volta disse che su madre non era stata felice di nessuna delle due carriere che avevano intrapreso, nemmeno di Lin che l’ha seguita come capa della polizia. Da anziana, ammise che non era stata una madre perfetta, ma aveva riconosciuto che era fiera delle donne che le sue figlie erano diventate.

Nella terza età, Toph divenne più rude e acida, vedendo che i decenni di lavoro alla polizia non avevano portato a una diminuzione del crimine. Non aveva più pazienza per falsi pretesi o per scherzi perditempo, il che fece diventare molto cinica e difficile da trattare e che la spinse alla fine di abbandonare ogni legame umano; si allontanò da tutti per vivere come un’eremita nella Palude Nebbiosa. Trattò una Korra ancora in convalescenza come una ragazzina pigra che non sapeva cosa volesse, godendosi di come la sconfisse in combattimento in modo imbarazzante. La criticò per il suo idealismo da Avatar notano che il mondo non aveva bisogno di lei, dato che andrà avanti anche senza di lei, per cui poteva anche rimanere qua nella Palude Nebbiosa.  Non si sa se era di proposito, ma queste frasi eretiche scossero la giovane donna che finalmente ebbe la forza per affrontare le sue paure.

Nonostante il suo guscio esterno duro come il marmo, Toph era sempre pronta a mostrare empatia se dovuto o di fare gesti amichevoli. Più di una volta si era unita agli abbracci di gruppo del Team Avatar e una volta chiese a Aang se anche lui credeva che amicizia vere potevano superare la vita umana, sperando che accada tra di loro. Anche in anzianità, mentre normalmente odiava il contatto fisico, permise a Korra di abbracciarla quando questa era riuscita a estrarsi i resti di veleno dal proprio corpo, il che le fece guadagnare il suo rispetto. Non si difese neanche dall'abbraccio di Opal che la salutò dopo anni di separazione e non punì Wu che la abbracciò quando accettò di candidarsi per le elezioni di Gaoling.

Abilità[]

Dominio della terra[]

A detta sua, Toph è la miglior dominatrice della terra del mondo, un titolo finora non provato ufficialmente, ma accettato comunemente. Di sicuro era un genio già da bambina, inoltre aveva avuto come maestri i dominatori originali, ovvero le talpe-tasso, che le insegnarono ad usare il dominio non solo come un’arma, ma come un’estensione del proprio corpo. Da loro ha anche imparato ad usarlo per percepire anche le vibrazioni più flebili nel terreno che sviluppò nel suo “senso sismico”, il quale le permise di “vedere” attraverso il terreno. Era così sensibile da poter vedere edificio a distanza di decine di metri, riconoscere persone dal loro cammino e accorrersi di una minaccia in arrivo. Grazie ad esso, finché aveva contatto con la terra, poteva vedere gli avversari intorno a lei e di prevenire le prossima mosse basandosi sui loro movimenti e il centro di gravità per precede a un attacco attendendo il momento perfetto. Insegnò questa abilità anche a Aang e alle loro figlie per accorgersi di trappole e attacchi alle spalle.

Per via del suo addestramento inusuale, Toph ha sviluppato uno stile di combattimento particolare e difficile da prevedere. Non era fissato solo sul combattimento, ma sull’uso della terra per ogni scopo possibile dove era semplicemente utile. Il suo stile era molto diverso da ogni altro stile insegnato da maestri i dal Dai Li che erano spesso molto rigidi e pieni di forme antiche poco pratiche. Aang si accorse subito che, a differenza di altri, lei praticava il “Jing neutro” alla perfezione, ovvero aspettare e contrattaccare al mento perfetto, il che lo spinse a volerla come maestra. Toph ha sconfitto decine di agenti Dai Li, i quali si limitarono a manipolare la terra ben si con maestria, mentre Toph eresse una comunicazione profonda con il suo elemento che usò appunto come un’estensione del suo corpo.

Lo stile di Toph è basato sullo stile della Mantide Religiosa Chu Gar del Sud, il che è una cosa particolare, dato che la maggior parte degli stili tradizionali sono basati sul Hung Gar. Probabilmente la causa è il fatto che questo stile si basa di più sul contatto con la terra che altri, il che per lei era fondamentale. Partendo da una base molto rigida, con il passare degli anni è diventato più fluido e addirittura evasivo includendo anche argilla, il che sembra provenire dal dominio dell’acqua.

Tuttavia il suo punto debole era il fatto che, per poterlo usare al meglio, doveva mantenere sempre un contatto diretto con il terreno. Senza di esso era davvero cieca, per cui era vulnerabile contro attacchi incorporei provenienti dall'alto come visto al suo primo incontro con Aang o di come si era accorto che Sokka gli stava lanciando la cintura del campione. Non riusciva a colpire le vespe rapaci incontrati nel deserto e Katara ha dovuto indirizzarla come un cannone per dirle quando lanciare il suo masso per colpire l’animale in volo. Quando Zuko inavvertitamente le ustionò i piedi, la sua visione era gravemente compromessa e entrò nel panico, ma fortunatamente si calmò e usò le mani per ritrovare la via di ritorno dai suoi amici. Mentre poteva inseguire persone in fuga a terra senza problemi, faceva fatica a scovare qualcuno che correva sui tetti, come visto a Città dei Gru-Pesce dopo l’attentato.

Superfici che non trasmettevano vibrazioni erano un grande svantaggio per lei, lei definì la sabbia come “annebbiata” e imprecisa.  Quando doveva sorpassare una superficie di ghiaccio, Toph si bloccò completamente dalla paura e ha dovuto avanzare proprio come ci si aspettava da una persona cieca. Allo stesso modo non le piace camminare sulla neve, specialmente con stivali. Odiava anche volare o andare su un sottomarino, dato che anche lì perdeva la sua visione attraverso il terreno, il che la fece sentire la nausea.

In contrasto a questo, Toph poteva dormire beata sulla terra anche su una lastra di pietra che modificava affinché diventasse confortevole. Come gran parte dei dominatori della terra, amava camminare a piedi nudi e poteva farlo anche su superfici duri pungigliosi, dato che la adattava al bisogno. Dato che per lei i piedi erano come i suoi occhi, odiava il fatto che qualcun altro li toccasse per il timore che qualche azione sconsiderata poteva danneggiarli, il che le costerebbe la vista. La proposta di Katara di farle una pedicure suscitò in lei terrore e paura e difatti gridava e si dimenava durante la procedura fino a scaraventare via una delle donne del salone di bellezza. Questo indica che i suoi piedi, per quanto spessa era la pelle, erano comunque molto sensibili.

A Ba Sing Se ha dimostrato di aver sviluppato ulteriormente il suo senso sismico fino a poter percepire se una persona davanti stava tremando o se diceva bugie. Poteva decretarlo analizzando il profilo del suo respiro e del battito cardiaco che si alteravano quando la persona era agitata. Purtroppo questa abilità non era assoluta al cento per cento, dato che bugiarda prodigio come Azula riusciva a mentire senza alcune alterazioni delle sue funzioni vitali.

Dominio della sabbia[]

Come già detto, inizialmente la sabbia era un problema per Toph che definì troppo friabile e difficile da controllare. Per compensare, preferì addensarla per avere una presa migliore, ma rimase comunque problematico, dato che la sua visione era come “annebbiata”. Nel deserto, al suo incontro con i dominatori della sabbia, li ha notati dopo Appa e faticava ancora a localizzare i nemici per contrattaccare- un suo attacco mancò il bersaglio e finì nel vuoto. Ovviamente contava il fatto che doveva anche tenere su la biblioteca dl Wan Shi Tong che le impedì di concentrarsi sullo scontro, finendo così per non essere stata capace di salvare il bisonte dell’aria.

La sua inabilità di vedere sulla sabbia si notò anche dopo sul viaggio per uscire dal deserto dove Katara la dovette guidare. Questa sensazione di impotenza però la diede così tanto fastidio che Toph decise di impegnarsi per superare anche questo problema e si allenò costantemente. Il risultato si poteva intuire quando sull'Isola di Ember in pochi attimi creò in spiaggia una versione in miniatura dell’anello Superiore di Ba Sing Se nei minimi dettagli.

Dominio del metallo[]

Già prima Toph si era lamentata del fatto che non riusciva a dominare il metallo, come visto durante la lotta contro la trivella gigante alle porte di Ba Sing Se. Riuscì a sbloccare questa abilità inavvertitamente quando, mentre Xin Fu e Yu la stavano per portare a Gaoling in una cella di metallo, si accorse che, in sostanza, metallo non era altro che terra purificata e modellata. In questo modo ha seguito senza volerlo la filosofia del Guru Pathik che insegnava che la separazione era solo un’illusione, il che con un colpo solo le ampliò l’orizzonte. Aiutato dal suo senso sismico, Toph riuscì ad avvertire le piccole impurità di terra rimaste nel metallo per dominare loro e in seguito anche il metallo intorno. Dopo alcuni colpi di prova, si liberò dalla cella di metallo per poi imprigionare i suoi rapinatori. Grazie a questa scoperta, ha compiuto ciò che dominatori della terra ritenevano impossibile da sempre e cosa che nemmeno l’Avatar non era mai riuscito a compiere.

Una volta scoperta questa abilità, Toph si tuffò immediatamente nel lavoro per migliorarsi sempre di più, passando da modificazioni grossolane a quelli più fini, dal dover aver contatto fisico diretto con poterlo fare anche a una certa distanza. Con ore e ore di esercizio, il duo dominio del metallo divenne sempre più fine e elaborato, ma anche più potente. Quando Sokka si allenava per diventare un maestro dell’arte della spada, le regalò un pezzo del meteorite metallico dalla quale aveva forgiato la sua spada. Subito Toph si rese conto che questo metallo era ancora più facile da governare e poteva fargli cambiare forma come a una goccia d’acqua. Lo trasformò nel braccialetto che portava sempre con sé e che divenne la sua possessione più preziosa, inoltre scoprì che questo metallo era così sensibile che reagiva anche a dominatori del metallo potenziali che ancora non sapevano di avere questo potere.

Per lo scontro finale il suo controllo si era evoluto così intanto che prese il metallo del portone dell’aeronave per crearsi un’armatura ad hoc che la copriva completamente, ma non ostacolava i suoi movimenti. Prese possesso del velivolo battendo in pochi secondi mezza dozzina di dominatori del fuoco potenziati dalla Cometa di Sozin usando contro di loro il metallo della cabina di pilotaggio. La parte più impressionante di questo era il fatto che face tutto quando dominando già l’armatura intorno sé camminando sulle pareti e sul soffitto di metallo con una agilità paurosa. Poco tempo dopo danneggiò il timone del dirigibile fino a farlo scontare con le altri accanto, abbattendo così metà flotta.

Un anno più tardi Toph ha dimostrato di poter dominare anche metallo che non era in contatto diretto con il suo corpo. Per intimorire Kunyo dal voler riprendersi la sua scola, gli dominò una lancia appesa sulla parete intorno alla testa senza ferirlo. Durante l’attacco a Yu Dao disse a Sokka che poteva dominare il metallo fino alla distanza dove qualcuno poteva vederlo; dimostrò che non era una balla allentando i bulloni dei carrarmati dell’armata di Zuko per poi farli cadere a pezzi con un colpo finale.

Passò queste tecniche prima ai suoi studenti dell’accademia e anche alle sue due figli Lin e Suyin. Il capo della polizia di Yu Dao divenne un suo studente, il che diede a Toph l’idea di implementare un copro di dominatori del metallo nella polizia della Città del Gru-Pesce/ Città della Repubblica. Durante lo scontro con Yuling ebbe l’idea di utilizzare cavi di metallo come arma che divenne poi parte dell’equipaggiamento base della sua polizia di cui divenne poi la capa. La sua abilità divenne così grande da poter spezzare un buco in una parte di metallo per poi chiudere il buco facendolo sembrare che non fosse mais stato intaccato. Ma nonostante decenni di allenamento e progressi, neanche lei riuscì a dominare metalli troppo puri come il platino, il quale rimase così uno dei pochi metalli utili per tenere prigionieri dominatori del metallo e governabile solo dalle macchine. Nonostante questo la sua sensibilità rimase sempre superiore a quelle delle sue figlie, dato che era riuscita a percepire il veleno di metallo residuo in Korra mentre né lei né Suyin non se n’erano accorte. Difatti commentò che, secondi lei, le sue figlie non avevano appreso il dominio del metallo davvero a fondo- un commento sbalorditivo visto che parlava delle forse migliore dominatrici del metallo di quei tempi.

Altro[]

Per via della mancanza del senso visivo, i suoi altri sensi erano molto più sensibili e sviluppati, senza contare il suo senso simico. Toph una volta ha dichiarato di “non dimenticare mai una voce” quando riconobbe tra i dominatori della sabbia Ghashiun come il capo della banda che aveva rapito Appa. A Ba Sing Se ha riconosciuto immediatamente Ty Lee travestita da Guerriera Kyoshi. Qualche mese dopo, quando stavano viaggiando a bordo di una nave della flotta del fuoco rubata per arrivare alla Nazione del Fuoco in incognito, Toph sentì bisbigliare il capitano di un’altra nave, che li stava controllando perché si stavano comportando inusualmente, di affondarla. Grazie a questo, il gruppo riuscì a reagire in tempo e di fuggire. Nel villaggio nella Nazione del Fuoco, Toph sentì le grida dei prigionieri di Hama dall'altra parte della montagna e, dopo aver saputo la verità sulla dominatrice del sangue, guidare i suoi amici fino alla loro prigione.

Nonostante fosse cieca, Toph ha dimostrato un talento artistico considerevole quando ha creato la replica di Ba Sing Se nella sabbia con dettagli sorprendenti. Poco dopo creò manichini per fungere da bersagli per Aang durante l’esercitazione finale contro Ozai. Il suo ruolo di “Signore delle Angurie” le piacque moltissimo, una dimostrazione del suo talento nella recita, forse derivato ancora dalla sua infanzia dove doveva fingersi servire e indifesa davanti ai suoi genitori. Aveva anche un talento per titoli o insulti creativi che affibbiava a chiunque incontrasse.

Anche senza il duo dominio Toph era forte e agile, capace di ritrovare l’equilibrio in pochi attimi anche dopo una caduta o una manovra di evasione. I suoi movimenti di dominio sono molto veloci e precisi, unendoli alla sua agilità diventano imprevedibili.

Comparsa[]

Avatar: La Leggenda di Aang[]

Libro due, Terra (土)[]

  • 204. "La palude" (visione, senza dialogo)
  • 206. "La bandita cieca"
  • 208. "The Chase"
  • 208. "L'inseguimento"
  • 209. "Il dominio della terra"
  • 210. "Lo spirito della conoscenza"
  • 211. "Il deserto"
  • 212. "Il Passo del Serpente"
  • 213. "La macchina infernale"
  • 214. "La città dei segreti"
  • 215. "I racconti di Ba Sing Se"
  • 216. "Appa"
  • 217. "Il lago Laogai"
  • 218. "Il Re della Terra"
  • 219. "Il Guru"
  • 220. "Il Regno della Terra è sconfitto "

Libro tre, Fuoco (火)[]

  • 301. "Il Risveglio"
  • 302. "La festa da ballo"
  • 303. "La Signore Dipinta"
  • 304. "L'arte del combattimento"
  • 305. "La spiaggia"
  • 306. "L'Avatar e il Signore del Fuoco"
  • 307. "La fuggitiva"
  • 308. "Il lato oscuro della luna"
  • 309. "Incubi e sogni ad occhi aperti"
  • 310. "Il giorno del Sole Nero, prima parte: L'invasione"
  • 311. "Il giorno del Sole Nero, seconda parte: L'Eclissi"
  • 312. "Il cambiamento di Zuko"
  • 313. "I maestri del dominio del fuoco"
  • 314. "La Roccia Bollente, prima parte"
  • 315. "La Roccia Bollente, seconda parte"
  • 316. "I Predatori Meridionali"
  • 317. "Lo spettacolo teatrale"
  • 318. "La Cometa di Sozin, prima parte: Il Re Fenice"
  • 319. "La Cometa di Sozin, seconda parte: Gli antichi maestri
  • 320. "La Cometa di Sozin, terza parte: Dentro l'inferno"
  • 321. "La Cometa di Sozin, quarta parte: Un Mondo nuovo

Fumetti di Avatar[]

  • Iss. #6. "Sleepbending"
  • Iss. #7. "Lessons"
  • Iss. #8. "Sokka the Avatar"
  • Iss. #9. "Dirty Is Only Skin Deep"
  • Iss. #10. "Divided We Fall"
  • Iss. #11. "Reach for the Toph"
  • Iss. #12. "It's Only Natural"
  • Iss. #14. "The Bridge"
  • Iss. #15. "Private Fire"
  • Iss. #16. "Night Animals"
  • Iss. #17. "Boys' Day Out"
  • Iss. #19. "Monster Slayer"
  • Iss. #20. "Combustion Man on a Train" (senza dialogo)
  • Iss. #21. "Swordbending" (senza dialogo)
  • Iss. #22. "No Benders Allowed"
  • Iss. #25. "Game Time"
  • Iss. #26. "Bumi vs. Toph, Round One"
Altro[]
  • Iss. #40. "Sisters"
  • Iss. #58. "Toph and The Boulder"
  • Iss. #60. "The Scarecrow"
  • Avatar: The Last Airbender—Chibi Vol. 1: Aang's Unfreezing Day
  • Iss. #75. "Lost and Found"

Graphic novel[]

  • Trilogia "La Promessa"
  • Trilogia "La F rattura"
  • Trilogia "Nord e Sud"
  • Trilogia: "Squilibrio"
  • Katara e l'argento dei pirati
  • Iss. #60. "The Scarecrow"

La Leggenda di Korra[]

Libro uno: Aria (气)[]

  • 104. "La voce nella notte" (visione,senza dialogo)
  • 106. "E il vincitore è...." (visione, senza dialogo)
  • 108. "Il dominatore del sangue" (visione,senza dialogo)
  • 109. "Visioni dal passato" (visione)

Libro tre: Cambiamento (易)[]

  • 306. "Vecchie ferite" (flashback)

Libro Quattro: Bilancio (平衡)[]

  • 402. "Korra è sola"
  • 403. "L'incoronazione"
  • 404. "La chiamata"
  • 410. "Operazione: Beifong"

Fumetti di Avatar[]

  • Iss. #66. "Clearing the Air"
  • Iss. #68. "Beach Wars"

Graphic novel[]

  • "Rovine dell'impero" parte due e tre

Avatar Legends: The Roleplaying Game[]

  • Core Book
  • Wan Shi Tong's Adventure Guide

Avatar videogiochi[]

  • Avatar: Generations
  • Avatar: The Last Airbender: Quest for Balance

Trivia[]

  • Il suo nome viene scritto 北方拓芙, dove il suo cognome può essere tradotto come "Loto in espansione", mentre il suo nome con "settentrionale, del nord". Nel doppiaggio originale può anche essere visto come un gioco di parole con "tough" (duro) e "toff" (termine slang per "di alta classe"). Difatti l'attore della compagnia teatrale di Ember fa la battuta che "Toph" suona come "tough".
  • Toph è l'unica persona cieca che abbiamo visto in tutta la storia, inoltre la prima con un handicap nato, la seconda sarà Ming-Hua.
  • Per via della cecità non sa ne leggere ne scrivere, ma ha dimostrato di saper contare.
  • Una battuta ricorrente è che la gente si dimentica spesso che è cieca, specialmente Sokka, alla quale Toph glielo deve sempre ricordare. Ma è anche lei stessa che fa spesso battute su sé stessa.
  • Nonostante potesse "vedere" dove si trovano le persone con cui parla, preferisce non guardarle e di "guardare" nel vuoto.
  • Può espandere il suo senso sismico sul metallo e sulla sabbia, anche se lì é limitato, ma non su altre superficie solide come il ghiaccio.
  • Toph sa scoprire bugiardi attraverso le funzioni corporee, solo Azula e un agente del Dai Li travestito da bidello sono riusciti ad ingannarla.
  • Toph usa sia le mani che i piedi per il senso simico, probabilmente dovuto a come ha imparato il dominio della terra dalla talpe-tasso, ovvero a quattro zampe. Spesso controlla con le mani se ha percepito qualcosa di strano con i piedi.
  • Finché non ha iniziato ad insegnare agli altri il dominio del metallo nella sua accademia, lei era stata l'unica persona al mondo capace di usarlo. Nell'era di Korra la polizia fa ampio uso di questo, cosi come le guardie di Zaofu, tutti hanno imparato da lei, direttamente o indirettamente.
  • Toph odia dover seguire le regole, ma le piace molto controllare e costringerle gli altri a seguirle, per questo che ha creato la polizia di Città della Repubblica.
  • Toph era stata le terza persona nota che ha imparato il suo dominio dalla talpe tasso, le prima erano state Oma e Shu.
  • Sembra che si sia presa una cotta per Sokka e sia gelosa di Suki, ma dato che è troppo testarda di ammetterselo, non è arrivata a nulla. È però vero che è sempre vicina a lui.
  • Alla fine della seria animata, Toph era stata l'unica del team Avatar e non essere in una relazione romantica; deve aver avuto una relazione con almeno due persone, dato che ha due figlie di padri diversi.
  • È l'unica che non ha avuto un episodio con Zuko dopo la sua conversione al bene.
  • I suoi capelli sembrano corti, ma in realtà sono molto lungo e sparati in tutte le direzioni quando sciolti.
  • È stata l'unico membro del Team Avatar ad avere un cognome e l'unica a cui la Nazione del Fuoco non ha stravolto la vita.
  • È l'unica nel team di avere la stessa identità biologica di Aang con dodici anni.
  • Non ha rivisto i suoi genitori fino a dopo la fine della guerra quando ha incontrato suo padre in una raffineria.
  • Lei ha detto l'ultima frase del cartone.
  • La sua prima apparizione era stata nella palude dove settant'anni dopo è finita come scelta personale.
  • È leggermente ironico che Toph ha dimostrato tanta padronanza del chakra della luce quando ha superato l'illusione che terra e metallo siano cose differenti e sviluppato il dominio del metallo quando lei stessa non ha mai visto una luce.
  • È stata la prima alleata dell'Avatar che lo ha seguito dopo che i loro padri erano antagonisti, è seguita poi da Zuko e Asami Sato.
  • Toph e Katara sono le uniche persone note che hanno allenato due Avatar, appunto Aang e Korra.
  • Lei colpisce la gente sulla spalla come segno di affetto, ma fa parecchio male.
  • Anche se non si tratta di un omaggio intenzionale, l'allenamento di Korra nella palude ricorda molto l'addestramento di Luke Skywalker per mano di Yoda.
  • Secondo Bryan Konietszko la storia personale di Toph non è incompleta solo perché non sappiamo quasi nulla dei padri di Lin e Suyin, ma per Toph queste relazioni semplicemente non sono state così significativi in confronto agli altri, per cui non sono importanti. Tra i vari candidati abbiamo Sokka, Satoru, Il Duca, Sun o Tipo Dark.
  • A parte Ursa, Toph è l'unica donna che ha avuto figli con padri diversi.
  • Durante la fase di creazione della serie, il carattere di Toph doveva essere un omone muscoloso di sedici anni dalla bestemmia facile che era in contrasto con il secchione Sokka. Più tardi Aaron Ehasz scherzò che sarebbe divertente avere una ragazzina minuscola che spazzava via tutti questi energumeni, ma la sua idea venne inizialmente rigettata da Konietszko. In seguito però venne accettata e il personaggi subì un re-design completo. Il fatto che l'attore delle Isole di Ember sia un omone muscoloso é un richiamo a questa idea cosi come il fatto che a Toph piaccia molto. Il design originale ha avuto parecchio influsso sulla creazione del personaggio di Bolin.

Riferimenti[]

  1. DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Volpe, Giancarlo (director). (December 1, 2006). "The Guru". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 19. Nickelodeon.
  2. O'Bryan, John (writer) & Spaulding, Ethan (director). (November 17, 2006). "The Earth King". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 18. Nickelodeon.
  3. DiMartino, Michael Dante, Hamilton, Joshua (writers) & Spaulding, Ethan (director). (September 15, 2006). "The Serpent's Pass". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 12. Nickelodeon.
  4. Hedrick, Tim (writer) & MacMullan, Lauren (director). (September 22, 2006). "City of Walls and Secrets". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 14. Nickelodeon.
  5. Hamilton, Joshua (writer) & Volpe, Giancarlo (director). (November 2, 2007). "The Runaway". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 7. Nickelodeon.
  6. Hicks, Faith Erin (writer), Wartman, Peter (artist), Matera, Adele (colorist). Toph Beifong's Metalbending Academy (February 16, 2021), Dark Horse Comics.
  7. DiMartino, Michael Dante (writer) & Spaulding, Ethan (director). (July 19, 2008). "Sozin's Comet, Part 1: The Phoenix King". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 18. Nickelodeon.
  8. From older Avatar: The Last Airbender official site, originally on Nick.com. Encyclopedia now broken, archived at The Lost Lore of Avatar Aang - Character: Toph.
  9. ↑ EXCLUSIVE: Yang Continues "Avatar: The Last Airbender" in The Search. Comic Book Resources. Retrieved on June 25, 2012.
  10. ↑ Casey, Dan (2013-03-20). "Comic Book Day: Join 'The Search' with Gene Luen Yang". Nerdist. Archived from the original on March 23, 2013. Retrieved on April 27, 2013.
  11. ↑ Korra Creators on Book Four and Ending the Series - Channel Surfing Podcast. IGN (October 2, 2014). Retrieved on October 2, 2014.
  12. The Ultimate Pocket Guide, page 4.
  13. Mattila, Katie (writer) & Graham, Ian (director). (July 18, 2014). "Old Wounds". The Legend of Korra. Book Three: Change. Episode 6. Nickelodeon.
  14. 2 DiMartino, Michael Dante (writer), Wong, Michelle (artist), Ng, Killian (colorist). Ruins of the Empire Part Two (November 12, 2019), Dark Horse Comics.
  15. O'Bryan, John (writer) & Volpe, Giancarlo (director). (July 15, 2008). "The Firebending Masters". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 13. Nickelodeon.
  16. DiMartino, Michael Dante (writer) & Spaulding, Ethan (director). (May 5, 2006). "The Blind Bandit". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 6. Nickelodeon.
  17. The Legend of Korra—The Art of the Animated Series, Book One: Air, page 49.
  18. DiMartino, Michael Dante (writer) & Heck, Colin (director). (July 11, 2014). "The Metal Clan". The Legend of Korra. Book Three: Change. Episode 5. Nickelodeon.
  19. ↑DiMartino, Michael Dante (writer) & Graham, Ian (director). (October 10, 2014). "Korra Alone". The Legend of Korra. Book Four: Balance. Episode 2. Nick.com.
  20. ↑DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan & Spaulding, Ethan (April 10, 2007). "The Blind Bandit" commentary. Book 2: Earth, Volume 2 DVD.
  21. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Hedrick, Tim & Hamilton, Joshua (March 10, 2015). "The Coronation" commentary. Book Four: Balance Blu-ray.
  22. ↑ DiMartino, Michael Dante (October 23, 2014). Legend of Korra Live Community Q&A: Michael Dante DiMartino and Bryan Konietzko. Avatar Wiki. Retrieved on October 23, 2014.
  23. Hamilton, Joshua (writer) & Volpe, Giancarlo (director). (May 26, 2006). "The Chase". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 8. Nickelodeon.
  24. Ehasz, Aaron (writer) & Spaulding, Ethan (director). (June 2, 2006). "Bitter Work". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 9. Nickelodeon.
  25. ↑ Hicks, Faith Erin; Hedrick, Tim (writer), Wartman, Peter (artist), Matera, Adele (colorist), Betancourt, Jimmy (letterer). Katara and the Pirate's Silver (October 13, 2020), Dark Horse Comics.
  26. O'Bryan, John (writer) & Volpe, Giancarlo (director). (July 14, 2006). "The Library". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 10. Nickelodeon.
  27. Hedrick, Tim (writer) & MacMullan, Lauren (director). (July 14, 2006). "The Desert". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 11. Nickelodeon.
  28. ↑ DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Volpe, Giancarlo (director). (September 15, 2006). "The Drill". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 13. Nickelodeon.
  29. ↑ Estoesta, Joann, Wahlander, Lisa, Huebner, Andrew, Scheppke, Gary, MacMullan, Lauren, Mattila, Katie, Ridge, Justin, Volpe, Giancarlo (writers) & Spaulding, Ethan (director). (September 29, 2006). "The Tales of Ba Sing Se". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 15. Nickelodeon.
  30. .5 Hedrick, Tim (writer) & MacMullan, Lauren (director). (November 6, 2006). "Lake Laogai". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 17. Nickelodeon.
  31. Ehasz, Aaron (writer) & DiMartino, Michael Dante (director). (December 1, 2006). "The Crossroads of Destiny". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 20. Nickelodeon.
  32. ↑Ehasz, Aaron (writer) & Volpe, Giancarlo (director). (September 21, 2007). "The Awakening". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 1. Nickelodeon.
  33. 1 O'Bryan, John (writer) & Dos Santos, Joaquim (director). (September 28, 2007). "The Headband". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 2. Nickelodeon.
  34. Mattila, Katie (writer) & Dos Santos, Joaquim (director). (October 19, 2007). "The Beach". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 5. Nickelodeon.
  35. DiMartino, Michael Dante (writer) & Volpe, Giancarlo (director). (November 30, 2007). "The Day of Black Sun, Part 1: The Invasion". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 10. Nickelodeon.
  36. Ehasz, Aaron (writer) & Dos Santos, Joaquim (director). (November 30, 2007). "The Day of Black Sun, Part 2: The Eclipse". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 11. Nickelodeon.
  37. Ehasz, Elizabeth Welch, Hedrick, Tim (writers) & Spaulding, Ethan (director). (July 14, 2008). "The Western Air Temple". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 12. Nickelodeon.
  38. ↑ Hamilton, Joshua (writer) & Spaulding, Ethan (director). (July 16, 2008). "The Boiling Rock, Part 2". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 15. Nickelodeon.
  39. ↑ Ehasz, Elizabeth Welch (writer) & Dos Santos, Joaquim (director). (July 17, 2008). "The Southern Raiders". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 16. Nickelodeon.
  40. ↑Hedrick, Tim, Hamilton, Josh, O'Bryan, John (writers) & Volpe, Giancarlo (director). (July 18, 2008). "The Ember Island Players". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 17. Nickelodeon.
  41. ↑ Ehasz, Aaron (writer) & Volpe, Giancarlo (director). (July 19, 2008). "Sozin's Comet, Part 2: The Old Masters". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 19. Nickelodeon.
  42. DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Dos Santos, Joaquim (director). (July 19, 2008). "Sozin's Comet, Part 3: Into the Inferno". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 20. Nickelodeon.
  43. DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Dos Santos, Joaquim (director). (July 19, 2008). "Sozin's Comet, Part 4: Avatar Aang". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 21. Nickelodeon.
  44. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Promise Part One (January 25, 2012), Dark Horse Comics.
  45. DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Promise Part Two (May 30, 2012), Dark Horse Comics.
  46. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Promise Part Three (September 26, 2012), Dark Horse Comics.
  47. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Search Part One (March 20, 2013), Dark Horse Comics.
  48. Jump up to:48.0 48.1 48.2 DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Rift Part One (March 5, 2014), Dark Horse Comics.
  49. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Rift Part Two (July 2, 2014), Dark Horse Comics.
  50. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Rift Part Three (November 5, 2014), Dark Horse Comics.
  51. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). North and South Part Two (January 25, 2017), Dark Horse Comics.
  52. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). North and South Part Three (April 26, 2017), Dark Horse Comics.
  53. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Hicks, Faith Erin (writer), Wartman, Peter (artist), Hill, Ryan (colorist). Imbalance Part One (December 18, 2018), Dark Horse Comics.
  54. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Hicks, Faith Erin (writer), Wartman, Peter (artist), Matera, Adele (colorist). Imbalance Part Three (October 1, 2019), Dark Horse Comics.
  55. Avatar: The Last Airbender: Legacy, page 36.
  56. ↑ DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Dos Santos, Joaquim, Ryu, Ki Hyun (directors). (June 9, 2012). "Out of the Past". The Legend of Korra. Book One: Air. Episode 9. Nickelodeon.
  57. ↑ Hughes, Kiku (writer), Beck, Sam (artist), Ng, Killian (colorist), Betancourt, Jimmy; Starkings, Richard (letterer). "Clearing the Air" (August 14, 2021), Dark Horse Comics.
  58. The Legend of Korra—The Art of the Animated Series, Book Three: Change, page 86.
  59. Hedrick, Tim (writer) & Zwyer, Melchior (director). (October 17, 2014). "The Coronation". The Legend of Korra. Book Four: Balance. Episode 3. Nick.com.
  60. Mattila, Katie (writer) & Heck, Colin (director). (October 24, 2014). "The Calling". The Legend of Korra. Book Four: Balance. Episode 4. Nick.com.
  61. Hedrick, Tim (writer) & Zwyer, Melchior (director). (December 5, 2014). "Operation Beifong". The Legend of Korra. Book Four: Balance. Episode 10. Nick.com.
  62. ↑ DiMartino, Michael Dante (writer), Wong, Michelle (artist), Ng, Killian (colorist). Ruins of the Empire Part Three (February 25, 2020), Dark Horse Comics.
  63. ↑ McClaren, Meredith (writer, artist). "Beach Wars" (May 7, 2022), Dark Horse Comics.
  64. Avatar Legends: The Roleplaying Game. Republic City, Version 1.0, 2023, p. 20.
  65. Hedrick, Tim (writer) & Volpe, Giancarlo (director). (October 12, 2007). "Sokka's Master". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 4. Nickelodeon.
  66. ↑ Ehasz, Elizabeth Welch (writer) & Spaulding, Ethan (director). (October 26, 2007). "The Avatar and the Fire Lord". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 6. Nickelodeon.
  67. Avatar Extras for "The Blind Bandit" on Nicktoons Network.
  68. ↑ DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Dos Santos, Joaquim, Ryu, Ki Hyun (directors). (May 19, 2012). "The Aftermath". The Legend of Korra. Book One: Air. Episode 7. Nickelodeon.
  69. Hedrick, Tim (writer) & Dos Santos, Joaquim (director). (November 9, 2007). "The Puppetmaster". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 8. Nickelodeon.
  70. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Promise Library Edition (February 20, 2013), Dark Horse Comics.
  71. Avatar: The Last Airbender—The Art of the Animated Series, page 97.
  72. San Diego Comic-Con 2011
  73. ↑ Hamilton, Joshua (writer) & MacMullan, Lauren (director). (March 24, 2006). "The Cave of Two Lovers". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 2. Nickelodeon.
  74. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan & Varney, Janet (March 10, 2015). "Korra Alone" commentary. Book Four: Balance Blu-ray.
  75. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan & Zuckerman, Jeremy (March 10, 2015). "Operation Beifong" commentary. Book Four: Balance Blu-ray.
  76. ↑ "The Women of Avatar: The Last Airbender".
  77. ↑ Ed Liu (2008-04-22). Toon Zone News Interviews Bryan Konietzko and Mike DiMartino on Avatar: The Last Airbender. AnimeSuperhero.com. Retrieved on August 31, 2020.
Advertisement