Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Tong era stato il sindaco del villaggio di Chin, nominata in onore di un signore dell guerra di nome Chin il grande. Era stato un uomo arrogante, vile e autocratico che odiava gli Avatar glorificando il suo idolo Chin. Nel suo villaggio svolge inoltre il ruolo di giudice, avvocato e perito, il che metteva ogni imputato in serie difficoltà.

Storia[]

Quando Aang interruppe lo festival degli Avatar rivelandosi come la loro reincarnazione, Tong inizialmente reagì con terrore e poi con aggressività. Dato che il ragazzo si dimostrava non ostile e pronto a presentarsi davanti a un giudice per difendersi contro l'accusa di cui veniva accusata Avatar Kyoshi, si sentì ad un tratto sicuro di sé e lo fece arrestare e buttare in una cella. Lì spiegò che la donna Avatar aveva ucciso Chin il Grande a sangue freddo, per cui qua odiavano gli Avatar.

L2 E05 Tong Aang

Tong deride Aang

Sokka e Katara si avviarono per trovare indizi sulla sua innocenza e a tale motivo visitarono persino l'Isola di Kyoshi a alcuni chilometri sul mare, dove trovarono prove a loro favore. Purtroppo Tong non li accettò, dato che, secondo le leggi del suo villaggio. la giuria ascoltava solo quello che credevano fosse vero, ma lui, come sindaco, gestiva sia la giuria che l'accusa, per cui il destino di Aang sembrava segnato. Vedendo le facce esasperate e scioccate dei ragazzi, Tong si ritirò ridendo a crepapelle.

Il giorno seguente si tenne la udienza e la difesa di Aang venne quasi tutta ignorata da Tong che ormai aveva già preso la su decisione. Rifiutando questo destino, Sokka e Katara tentarono di giocare la loro ultima carta, ovvero presentare Aang con i vestiti di Kyoshi nella speranza che la donna Avatar si manifestasse. E così fu, Kyoshi apparve e Tong se la fece quasi sotto dalla paura, ma questo cambiò quando al posto dell'Avatar gigante tornò il ragazzino innocuo. Appena calmato, Tong gridò che Kyoshi aveva appena confessato e lo condano ad affrontare la "Ruota della punizione" che gli dava otto punizioni; sette di morte, una di servizi sociali. Aang la girò e finì su "essere bollito nell'olio", il che fece ridere il sindaco a bocca aperta per la gioia.

L2 E05 Tong implora Aang

Ordina a Aang di salvarli

Ma prima che potessero proseguire, il villaggio venne attaccato da alcuni soldati del fuoco, i "Rinoceronti Selvaggi" capitanati da Mongke, Spaventato a morte, Tong si nascose dietro al ruota e chiese all'Avatar di aiutarlo, ma questo rimase fermo, affermando che era stato condannato a morte, no? Disperato, il sindaco cambiò la sentenza in "servizi sociali" e gli ordinò quindi di sbarazzarsi di questi soldati, cosa che Aang accettò subito.

A missione compiuta, Tong si dimostrò grato per aver salvo la pelle e cambiò il significato della "Giornata dell'Avatar". D'ora in poi festeggeranno il giorno in cui Avatar Aang aveva salvato il villaggio e per celebrare il fatto che Aang non era stato bollito nell'olio, venne creato un piatto speciale: impasto crudo a forma di Aang.

Personalità[]

Tong era stato un uomo arrogante, vigliacco, opportunista e ignorante che si divertiva a maltrattare persona a lui inferiori quando si sente potente. Era convinto che la sua versione della storia di Chin era vera e lo glorificava come un eroe, mentre demonizzava Avatar Kyoshi. Inoltre aveva creato una sua giustizia personale dove lui poteva decidere quasi da solo chi condannare e chi liberare. Ma la sua arroganze svanì quando si sente e mostra la sua codardia innata. Inoltre ha un lato sadico, era pronto a far bollire un ragazzo nell'olio!

Advertisement