Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement

Tahno è un dominatore dell'acqua e il capitano della squadra di dominio sportivo professionale dei Pipistrelli Lupo delle Cascate Bianche.


È un personaggio arrogante, brutale e meschino, disprezza apertamente i Furetti di Fuoco e riesce a batterli nella finale del torneo tramite mezzi illeciti. Purtroppo per lui la vittoria dura poco, dato che a fine partita Amon irrompe nell'arena e come prova delle sue abilità, toglie il dominio a lui e alla sua squadra. Korra glielo ridà tempo dopo, e Tahno cambia, diventando più serio e leale.

È un giovane uomo dall'apparenza effeminata con la carnagione pallida, di statura alta e magra, che si cura molto del suo aspetto esteriore. Ha capelli corti lisci, davanti più lunghi che dietro, che brillano sempre perché ben lavati. I suoi occhi sono freddi e taglienti, e spesso ha un sorrisino arrogante stampato in faccia. In stato di depressione il suo aspetto cambia: i capelli diventano spettinati e ha le occhiaie scure.

Fa una breve apparizione al matrimonio di Varrick e Zhu Li a fine serie.


Storia[]

170 DG (Libro Uno)[]

Korra e Tahno si fissano

Dopo la loro gara, Tahno era andato da Narook’s con la sua squadra e alcuni ammiratori a festeggiare, quando notò la presenza di Korra e Bolin in una stanzina accanto. L’Avatar si accorse del suo sguardo e lo osservò nonostante l’avvertimento di Bolin di non cercare di rivolgergli la parola, dato che era un tipaccio. Purtroppo lei lo ignorò e lo fissò dritto negli occhi, spronandolo ad alzarsi e ad avvicinarsi a loro con aria di superiorità. Con un gesto ordinò alla sua truppa di seguirlo, cose che avvenne immediatamente.

Naga spaventa Tahno e la sua banda

Tahno si piazzò accanto a Korra e insultò prima i Furetti di Fuoco per poi avvicinarsi a lei, proponendole di insegnarle come combatte un vero professionista, dandole persino il primo colpo. La ragazza non si lasciò intimidire e si alzo per fissarlo nuovamente con aria di sfida, mentre Bolin cercò con ansia di farla calmare, dato che una rissa fuori dal torneo porterebbe a una squalifica. Tahno e Korra tennero gli sguardi fissi per alcuni secondi e si pensava già al peggio, ma poi la ragazza con un fischio chiamò il suo cane polare Naga che sbucò con la testa attraverso la finestra vicina e spaventò Tahno e la sua truppa con un ruggito maestoso. Il capitano dei Pipistrelli Lupo fece un salto all’indietro e si lasciò persino scappare un grido, ma cercò subito di riprendersi mettendosi a posto i capelli e indicò alla sua truppa di andarsene ridacchiando.

Dopo la vittoria sudata in semifinale dei Furetti di Fuoco, Tahno gli passò accanto e li insultò, affermando che lì c’era puzza di perdenti. In seguito i Pipistrelli Lupo si sbarazzarono dei loro avversari già nel primo round tramite un brutale K.O. che li spedì dritti in ospedale: il dominatore dell’acqua delle Lucertole Mungo aveva un buco nella visiera, segno di un violento colpo alla testa.

Entrata in scena dei Pipistrelli Lupo

L’entrata in scena dei Pipistrelli Lupo nella partita finale fu esageratamente appariscente, includendo fuochi d‘artificio e pirotecnica. Il primo round venne dominato da loro, ma la loro supremazia era dovuta più all'imbroglio che alle loro abilità, ma Korra e Mako riuscirono ad evitare una sconfitta precoce. Il dominatore del fuoco riuscì a spingere Tahno indietro facendolo arrabbiare, e il secondo round finì in parità, per cui era di nuovo tempo per un tie-break, stavolta tra Tahno e Korra. il dominatore istigò la ragazza a fare il primo passo, chiamandola “ragazzina”, ma venne sorpreso da un colpo alla testa che lo catapultò fuori dal ring. Nel terzo round Tahno lasciò libera la sua rabbia e usò tecniche proibite come il ghiaccio e le combinazioni tra terra e acqua, che però vennero tutte ignorate dagli arbitri.

Amon toglie il dominio a Tahno

I Pipistrelli Lupo vinsero la gara scaraventando i Furetti di Fuoco nell'acqua sotto il ring e iniziarono subito a celebrare la loro vittoria. Ma durò ben poco, dato che questo era il momento per Amon e i suoi Paritari di mettersi in mostra. Tahno e la sua squadra si oppose a loro e cercò di combattere contro i bloccanti del Chi, ma vennero facilmente sconfitti. Il capitano implorò Amon di non togliergli il dominio, offrendogli persino il trofeo del campionato, ma il capo dei Paritari non si lasciò commuovere e prosegui con la ”purificazione” delle “impurità” nei Pipistrelli Lupo. Una volta diventati non-dominatori, i tre vennero gettati in acqua e riuscirono a nuotare verso l’uscita. Durante il suo dialogo con il pubblico, Amon li rimproverò per la loro meschinità, chiamandoli “bulli che si sono conquistati la vittoria tramite l’imbroglio” e castigò la gente per averli adulati.

A Tahno depresso riesce un sorriso debole quando saluta Korra

Dopo gli eventi della finale, Tahno visitò diversi guaritori di Città della Repubblica, ma nessuno poté annullare ciò che Amon gli aveva fatto. Questa realizzazione spezzò Tahno e lo gettò in una profonda depressione; incontrò Korra quando stava per entrare nella centrale di polizia per il suo interrogatorio. I due si parlarono e le fece promettere che gliela avrebbe fatta pagare ad Amon. Nonostante tutto, Tahno riuscì a scherzare di nuovo, ma stavolta di buon cuore, giusto prima che Lin e Tenzin lo chiamassero per l’interrogazione.

171 DG (Libro due- videogioco "La Leggenda di Korra")[]

Circa mezz’anno dopo gli eventi di Amon, Korra ridiede i poteri del dominio dell’acqua a Tahno e i suoi compagni, che si ripresentarono per una competizione di beneficenza per trovare fondi per la ricostruzione della città dopo l'attacco di Unavaatu.. Anche stavolta i Pipistrelli Lupo riuscirono a raggiungere la finale, anche senza barare, ma vennero sconfitti dai Furetti di Fuoco.

174 (Libro quattro)[]

Tahno alla nozze

Durante l’attacco di Kuvira a Città della Repubblica, Tahno ignorò la prima chiamata di evacuazione di Raiko, preferendo ritirarsi nel ristorante Narook’s con i suoi amici. Invece reagì alla chiamata di Wu e si mise subito in viaggio per lasciare la città.

Settimane dopo la fine della battaglia, Tahno e la sua band musicale (composta dalla sua squadra, Hasook, Lu, Gang e l'assistente del consiglio!) suonarono al matrimonio di Varrick e Zhu Li; lui suonava una tromba!

Personalità[]

Quando vede che le cose non vanno come secondo i suoi piani, si arrabbia

Tahno è una persona arrogante e meschina, che ama circondarsi di persone che eseguono ogni suo ordine. Gli piace essere migliore degli altri e ne gioisce, facendo spesso commenti screditanti verso i suoi avversari e chiunque reputi inferiore. Per questo si arrabbia molto quando qualcuno non si abbassa a reagire alle sue provocazioni e diventa vendicativo, come ad esempio dopo la sua sconfitta al tie-break, dove incita i suoi compagni a "mandarli nella fossa".

Ma di fronte a una minaccia come Amon, che gli sta per togliere il dominio, si dimostra un codardo che farebbe di tutto per scamparla, persino rinunciare al trofeo tanto ambito. Questa esperienza terrificante lo portò a diventare più umile e gentile, e dopo aver riacquistato il suo potere, divenne persino leale in gara.

Abilità[]

Tahno è un abile dominatore dell'acqua

Tahno è un dominatore dell'acqua formidabile ed efficace durante le gare. Ma il suo livello reale è ignoto, dato che spesso e volentieri usa mezzi illegali per vincere, e quando non può usarli, viene sconfitto, come ad esempio nel tie-break contro Korra. È molto veloce nel cambiare lo stato elementare dell'acqua, così da eludere gli occhi degli spettatori e (forse) anche degli arbitri.

A parte il suo dominio, Tahno è un buon musicista, capace di garantire lo sfondo musicale anche a un evento importante come il matrimonio tra Varrick e Zhu Li.

Trivia[]

  • Una foto di Tahno è visibile sul giornale che Korra legge in "Foglia nel Vento"
  • Tahno aveva lasciato una marea di sue foto e poster in tutta la città; i Furetti di Fuoco ne usarono alcune come bersagli per i loro esercizi
  • Da Narook's, dove era seduto prima di alzarsi, era appeso un suo poster
  • Il design di Tahno è basato sul kickboxer giapponese Kizaemon Saiga, noto per la sua appariscenza e i modi di fare esagerati
  • Dato che il doppiatore originale è di origine indiana, pronuncia "Avatar" :/ɑvətɑr/ come nel Sanskrit, cosi come anche quello nel film dal vivo
  • Per essere un discendente delle tribù dell'acqua, Tahno ha la pelle molto chiara
Advertisement