Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Szeto era stato un Avatar proveniente della Nazione del Fuoco che ha seguito un Avatar ignoto della Terra ed era stato il precedessore di Yangchen.

Poco si sa di lui, solo che ha vissuto durante un periodo di crisi immensa della sua nazione, ma salvò la sua patria in un modo assai insolito: diventando un burocrate e diplomata che servì il suo Signore del Fuoco Yosor con dedizione. Grazie ai suoi consigli, la Nazione del Fuoco si stabilizzò, instaurando la sua potenza economica e iniziando un programma per aiutare i cittadini più deboli.

Storia[]

Vita[]

Szeto nacque nella Nazione del Fuoco durante un periodo di grave crisi, dove disastri naturali e malattie distrussero le vite dei cittadini e violenti conflitti tra le case nobili minacciarono di spezzare la società.

Per salvare la sua patria, Szeto scelse un metodo molto insolito e inaspettato: al posto di prendere il controllo sulla situazione con la forza oppure di costringere la gente a seguire le sue decisioni, legittimiate dal suo stato di Avatar, divenne un burocrate al servizio del governo. Rifiutò ogni privilegio e iniziò a lavorare come un semplice impiegato per salire la gerarchia in modo normale, seguendo il corso solito basato sui suoi meriti. Accettò gli ordini del suo Signore del Fuoco Yosor e i suoi ministri e si mise al lavoro per migliorare la sua patria attraverso la burocrazia.

Szeto vulcano

Dimostra la sua potenza

Szeto si dimostrò un talento naturale in questo settore come burocrate, diplomata e ragioniere, grazie al quale rafforzo l’autorità del governo. Il fatto che lavorava direttamente per il Signore del Fuoco implicava che i suoi successi si rifletterono anche sul governo centrale della Nazione del Fuoco. Alla fine venne promosso a Gran-Consigliere del Signore del Fuoco e arrangiò una pace durevole tra i clan dei nobili. Dopo di questo si concentrò sulla ristrutturazione dell’economia che in seguito ai disastri, i conflitti e semplice mal-pratica, aveva sofferto molto. In veste di Gran-Consigliere terminò lo svilimento della moneta e creò il primo sistema di rimborsamento per contadini in tempi di carestia. Non smise mai di protocollare ogni sua singola azione.

Alla fine Szeto morì a un’età ignota e si reincarnò in Yangchen, una Nomade dell’Aria dal Tempio dell’Aria dell’Ovest, seguendo il Ciclo degli Avatar.

Dopo la sua morte il suo ritratto venne incluso nella galleria degli Avatar del Fuoco nel Palazzo Imperiale. Il suo ritratto lo mostra nel suo vestito da ministro con in mano un abaco e un grande timbro. Venne venerato della sua nazione e in suo onore venne organizzato un festival.

Eredità[]

Szeto apparve a Aang durante una visione spirituale guidata da Avatar Roku, dove lo si vedeva dominare la lava da quattro vulcani nello Stato dell’Avatar. Aang lo vide nuovamente durante la battaglia nella foresta Wulong quando stava per recuperare la sua abilità di raggiungere lo Stato dell’Avatar, ma stavolta Szeto era uno tra altri Avatar in linea.

Il dominatore dell’aria perse brevemente la sua connessione con Szeto dopo aver rimosso l’emblema del dominio del fuoco dalla sua catena di meditazione. Ma dopo averla ripristinata con uno nuovo, Aang lo rivide nuovamente nel suo posto tra le fila delle sue vite precedenti.  

Yim, il maestro del dominio del fuoco di Avatar Korra, ordinò alla ragazza, che era troppo distratta per concentrasi sugli allenamenti, di leggere i calcoli sulla distribuzione del grano di Szeto per insegnarle la concentrazione.

Szeto era anche presente, nel mezzo degli altri Avatar, quando Aang trasmise a Korra la conoscenza del dominio dell’energia e le ripristinò i domini, in rappresentazione della sua nuova connessione con il suo io spirituale.

Quando Unalaq, fuso con Vaatu, aveva estratto Raava da Korra e procedette ad attaccarla, Szeto era presente nella sua fila di Avatar che apparve davanti a Korra; ma la sua connessione con lui venne spezzata durante l’assalto violento di Unalaq e la susseguente distruzione dello spirito della luce.

Trivia[]

  • Szeto era il primo Avatar noto capace del dominio della lava
  • La sua figura apparve già nel 2006 in "Potenza e vulnerabilità", ma il suo nome venne rivelato solo nel 2020 nel romanzo "L'ombra di Kyoshi".
  • Il suo nome ha origine dalla parola antica cinese "situ" che si può tradurre come "ministro delle masse"
  • Prima della rivelazione del suo nome i fan lo chiamavano spesso "Jafar" per la somiglianza con il personaggio Disney, specialmente del capello.
Advertisement