Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Lo spirito Aye-aye (di cui non si conosce il nome, o forse non se c'e l'ha neanche) è il guardiano di un'oasi nella Foresta degli Spiriti nelle vicinanze della tartaruga leone del fuoco diecimila anni fa. All'inizio nutriva solo disprezzo e odio verso il genere umano, ma tramite l'amicizia con Wan iniziò a vedere il potenziale in loro di possedere anche nobiltà e altruismo. Quando Avatar Wan chiuse i portali degli spiriti, dividendo quindi i due mondi, salutò il suo "animaletto da compagnia" e tornò nel Mondo Spirituale.

Storia[]

Guardiano dell'oasi[]

B2 E07 Aye aye Wan

Non lascia passare Wan

Dopo essere stato bandito dalla città dalla famiglia Chou, Wan finì davanti all’oasi controllata da questo spirito, notando subito i vari frutti che vi crescevano. Affamato e stanco, l’umano cercò di avvicinarsi, ma il guardiano lo bloccò, affermando che agli umani non era permesso l’accesso. Wan cercò di implorarlo, ma invano, così tentò di farsi strada con il fuoco, facendolo arrabbiare sempre di più. Lo spirito si teletrasportò dietro all’umano e lo lanciò di lato come un sacco di patate, ripetendo il suo ordine di andarsene.

Aye aye risata

Ride dei problemi dell'umano

Poco dopo lo spirito era tornato sul suo posto per controllare una parata di spiriti che volevano gustarsi l’oasi, e smascherò Wan che si era travestito da spirito cespuglio per via della sua puzza da umano. Senza aspettare altre scuse lo lanciò nel fiume sottostante e ripeté ancora una volta il suo ordine di tornare alla sua tartaruga leone, non facendosi rammollire dalla tragica storiella di Wan di essere stato esiliato. Alla sua domanda su come trovare la tartaruga leone più vicina, lo spirito si prese gioco di lui, ripetendo che non si curava dei problemi degli umani.

Più tardi divenne testimone di come Wan cercò di liberare un gatto-cervo e proteggerlo dai cacciatori. Quando l’umano si ritrovò in trappola, decise di aiutarlo, possedendo uno dei due cacciatori per scacciare via l’altro. Alle grida disperate della sua vittima, che si ritrovò con il corpo deformato, sbuffò che dovrebbe esserne felice, ora era molto più carino.

Aye aye 03

Accetta Wan come animaletto domestico

Si prese cura di Wan e lo riportò all'oasi che conteneva acqua spirituale con capacità curative. Una volta ripresosi, ripose alle domande dell’umano, dimostrando essere rimasto sorpreso di aver visto un’azione tanto altruista da parte di uno di questi esseri nocivi e puzzolenti. Mentre gli altri spiriti condividevano subito la decisione di Wan di restare per un po' insieme a loro per imparare la loro cultura, lo spirito Aye Aye rimase scettico, ma alla fine acconsentì. Accolse Wan come il suo animaletto da compagnia chiamandolo “puzzone”, a gran malumore dell’umano.

Amicizia con Wan[]

Nei prossimi due anni lui e Wan svilupparono una sincera amicizia e osservò i suoi allenamenti nel dominio del fuoco sotto la tutela di un drago bianco. Era anche presente quando sviluppò la famosa forma del “Drago Danzante”. Insieme proteggevano l’oasi da eventuali invasori, specialmente umani, divertendosi molto.

Ma un giorno Wan annunciò di voler partire, ritornando alla sua missione di voler trovare un’altra tartaruga leone e scoprire il mondo. I due si salutarono, Aye aye affermò che era orgoglioso di poterlo chiamare un suo amico. Da allora portò avanti la sua missione da solo di proteggere l’oasi e la foresta circostante.

Guerra contro gli umani[]

Aye aye arrabbiato

Aya-aye ordina agli umani di andarsene

Anni più tardi, il gruppo guidato da Aye-aye entrò in conflitto con un gruppo di umani che si erano avventurati fuori dalla loro tartaruga leone del fuoco, capitanati dal vecchio amico di Wan, Jaya. Stava per eseguire un altro attacco per incitare gli umani a lasciare la loro foresta, quando vennero fermati inaspettatamente da Wan. All’inizio gioì immensamente e pensava che fosse arrivato per aiutarlo, ma riconobbe che gli umani erano amici, facendolo diventare scettico. La situazione divenne sempre più tesa nonostante i tentativi di far ragionare le due parti, un conflitto sembrava inevitabile.

Aye aye oscuro

Trasformato in spirito oscuro

L’energia negativa scaturita da questa situazione di stallo aveva infine permesso a Vaatu di influenzare lo spirito Aye aye e i suoi compagni e li trasformò in spiriti oscuri che bramavano dalla voglia di massacrare gli umani. Bastava una piccola provocazione per ordinare l’attacco, ma le due fazioni vennero ancora fermate da Raava e Wan. Quando i due si unirono, lo spirito Aye-aye tornò brevemente normale, chiedendosi cosa stesse succedendo, dato che l’energia positiva dei quattro elementi lo proteggeva brevemente dall'influsso di Vaatu. Ma questa barriera si sciolse quando Wan perse conoscenza e ritornò ad essere uno spirito oscuro che non esitò ad attaccare gli umani e li uccise senza pietà.

Saluto[]

B2 E08 Wan saluta Aye aye

I due amici si salutano

Dopo la fine della Convergenza Armonica, Wan decise di chiudere i portali degli spiriti, obbligando quindi gli spiriti di scegliere in quale mondo restare. Aya-aye decise di tornare nel Mondo degli Spiriti e si avviò per il Portale del Sud. Prima di attraversarlo si voltò ancora una volta e salutò rispettoso Wan, amico e Avatar.

Personalità[]

Lo spirito Aye-aye possiede un umorismo molto pungente e dice quello che pensa. Nutre risentimento verso gli umani e li considera soltanto come essere nocivi, stupidi, dannosi e puzzolenti che non hanno rispetto per la natura. Non si lasciò commuovere dalla preghiere di Wan, e si prese addirittura gioco di lui quando altri spiriti iniziavano a provare pietà verso di lui. Difatti, quando l'umano che aveva posseduto corse via gridando dal panico per essere stato deformato, Aye-aye non capì la ragione per tanto scalpore, secondo lui ora, metà spirito, era molto più carino. Quando spiegò che se lo avesse posseduto per altro tempo lo avrebbe ucciso, quasi si lamentò per non averlo fatto. Soltanto dovo aver visto con i suoi occhi che l'umano poteva anche compiere gesti altruisti iniziò a riconsiderare la sua posizione, ma rimase comunque dell'opinione che Wan era più l'eccezione che la regola. Esitò dall'accertare Wan all'oasi, e quando infine si arrese, decise di tenerselo come animaletto da compagnia, non come un suo pari, ribattezzandolo "puzzone".

Abilità[]

Aye aye umano posseduto

l'umano deformatto

Essendo uno spirito, Aye-aye é capace di teletrasportarsi attraverso brevi distanze e possiede una forza e agilità superiore a un essere umano. Inoltre ha la capacità di possedere un essere umano per in limitato periodo di tempo e controllare il suo corpo come se fosse il suo. Ma questo processo lascia uno mutazione persistente dell'oste che manterrà per sempre alcuni attributi dello spirito. Inoltre potrebbe uccidere l'umano se non lo lasciasse in tempo.

Advertisement