Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo uomo dal nome ignoto era un cittadino del Regno della Terra armato di due spade che s'imbatté in Zuko e Iroh nei panni di fuggitivi. Al posto di lasciarli in pace, insultò i due mendicanti e si comportò in un modo molto arrogante e crudele. Zuko si vendicò di lui e gli rubò poi le sue spade.

Storia[]

Nell'anno 100 DG, quest'uomo stava passando per un villaggio accanto a un fiume quando vide due viaggiatori poveri e sporchi che chiedevano elemosine. Ovviamente non poteva sapere che erano il Principe esiliato del Fuoco Zuko e suo zio Iroh.

L2 E04 spadaccino minaccia Iroh

Minaccia Iroh

Dopo aver osservato per alcuni momenti come i due raccoglievano monete dai passanti, gli offrì una moneta d'oro, ma solo in cambio di uno spettacolo. Iroh non si fece scrupoli e iniziò a cantare ad alta voce, ma la sua prestazione non soddisfò lo spadaccino. Sguainò le sua spade e lo avverti che per avere la moneta d'oro doveva impegnarsi di più, come per esempio ballare. Per incitarlo, iniziò ad agire le sue spade minacciando più volte di tagliare le gambe al vecchio signore che iniziò a ballare cantando. Alla fine del brano lo spadaccino iniziò a ridere soddisfatto e gli lanciò la moneta promessa, poi mise a posto le sua lame.

Quella notte, mentre stava camminando per le strade del villaggio, ad un tratto si sentì inseguivo e sguainò le sua spade al primo rumore. Prima che potesse localizzarne la sorgente, qualcosa gli batté le spade delle mani, poi venne spinto violentemente contro alcuni cesti vicini. Dato che aveva perso conoscenza, non vide come Zuko, nei panni dello spirito blu, gli rubò le spade.

Advertisement