Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Sokka (索卡, Suǒ kǎ) era stato un guerriero della Tribù dell'Acqua del Sud, figlio del capotribù Hakoda e Kya e fratello minore di Katara. In seguito alla morte di sua madre per mano di soldati della Nazione del Fuoco, i due fratelli vennero cresciuto dalla nonna Kanna.

Suo padre lasciò la sua tribù per combattere contro il nemico quando Sokka era ancora poco più di un bambino e, dato la sua giovane età, non gli permise di seguirlo. Dato che non c'erano altri ragazzi presenti alla tribù, Sokka era il maschio più grande e, de facto, il capotribù. Si assunse le sua responsabilità e tentò di allenare i ragazzi più giovani di lui per diventare guerrieri, finché, durante una battuta di pesca con sua sorella Katara, non s'imbatte in un iceberg che conteneva un ragazzo strano in animazione sospesa. Quando Sokka seppe che Aang, il ragazzo strano ritrovato, era l'Avatar, inizialmente era molto scettico se questo ragazzino potesse salvare il mondo. Ma col passare del tempo e lo superamento di mille peripezie, Sokka divenne un amico stretto di Aang e credé fermamente che lui era l'unica salvezza per il mondo.

Nonostante sia un non-dominatore, Sokka si rivelò un asso per il suo gruppo attraverso le sua strategie innovativi e la volontà di ferro di volersi dimostrare un guerriero degno di suo padre. Sokka è un tipo che non vuole credere nella magia, ma più nella scienza, usando armi, macchinari e esplosivi nei suoi piani. Le sua capacità di leader migliorarono fino al punto da poter costruire il piano d'attacco alla Nazione del Fuoco durante il Giorno del Sole Nero. Di carattere spiritoso, impavido e ingegnoso era l'anima del gruppo sui suoi viaggi. Dopo la fine della Guerra dei Cent'Anni divenne un maestro dell'arte della spada e un guerriero formidabile.

Dopo la fondazione di Città della Repubblica, Sokka divenne anche il rappresentante della Tribù dell'Acqua del Sud nel Consiglio Cittadino e membro del Loto Bianco. La sua morte finora non è stata raccontata, si sa solo che è morto prima del 170 DG.

Sokka era un ragazzino magro e snello che si vestiva in modo tradizionale in vestiti di tonalità blu. Portava i suo capelli racconti in un "codino di lupo", un'acconciatura tipi ca dell sua gente. Si dimostrò spesso sorridente e strafottente, ma sa essere serio quando è dovuto. Non si separò mai dal suo fedele boomerang da guerra, regalatogli da suo padre. Da adulto è diventato massiccio e imponente, ma conservò sempre la sua gentilezza e il suo umorismo.

(in costruzione)

Storia[]

Infanzia[]

Sokka era nato come primogenito del capotribù Hakoda nelle rovine di quello che rimaneva della Tribù dell’Acqua del Sud. Per via della guerra gli venne subito insegnato tutta la cultura e le tattiche di guerra per educarlo a diventare un guerriero già dalla tenera età. All’età di dici anni, il bambino divenne testimone dell’ultimo attacco della Nazione del Fuoco alla tribù, durante il quale sua madre Kya venne catturata e uccise perché creduta una dominatrice dell’acqua. Da allora iniziava a nutrire un grandissimo odio per la Nazione del Fuoco e ogni suo cittadino.

Vuole combattere a fianco del padre

Quando poco dopo suo padre partì con gli altri uomini della tribù per combattere nella guerra, Sokka venne accolto dalle cure di sua nonna Kanna e, come uomo più grande della tribù, si prese il carico della sua difesa. Si dimostrò molto volenteroso e responsabile, costruendo torri di guardia intorno al villaggio e iniziava persino ad “allenare” i bambini più piccoli di lui come soldati. Nonostante possedeva il coraggio e lo spirito di un guerriero che non si tria indietro davanti a una sfida, inizialmente gli mancavano le capacità e le tecniche necessarie per renderlo forte. Ma questo non gli impedì di tentare e di correre in aiuto ai suoi amici in caso di bisogno. Si dimostrò molto protettivo nei confronti di sua sorella e custodiva il boomerang ereditato da suo padre con grande gelosia.

Libro Uno (tardi 99 DG)[]

Per l'articolo completo leggere qua Sokka - Libro Acqua

Durante una battuta di pesca per il villaggio, Sokka e Katara finirono per caso in una forte corrente marina che gli fece collidere contro un iceberg, nella quale videro imprigionati un ragazzo e uno strano animale. Dopo averlo liberato, il ragazzo si presentò come Aang, un dominatore dell’aria e tornò al villaggio insieme al suo bisonte dell’aria Appa. Purtroppo poco dopo vennero attaccati da una nave della Nazione del Fuoco capitanata dal principe Zuko, durante la schermaglia i due fratelli seppero che Aang era l’Avatar che si offrì al nemico per salvare il villaggio. Katara convinse Sokka a salvarlo e, a missione compiuta, il trio iniziò il suo lungo viaggio per il Polo Nord per trovare un maestro del dominio dell’acqua per Aang e Katara.

Sul suo viaggio, il gruppo visitò diversi posti del Regno della Terra vittima della guerra, ma la prima tappa era il Tempio dell’Aria del Sud, dove seppero del genocidio dei Nomadi dell’Aria e la cometa di Sozin. La prossima fermata era sull’Isola di Kyoshi, dove Sokka incontrò Suki, ma inizialmente ebbero delle diffidenze riguardo i ruoli stereotipici tra uomo e donna, ma alla fine diventarono amici o forse qualcosa di più. Anche sull’isola vennero raggiunti dal principe e riuscirono a fuggire solo per un pelo. Dopo l’isola di Kyoshi raggiunsero la città di Omashu, dove incontrarono il suo Re che prima di trattava come ospiti d’onore per poi imprigionarli e tenere Sokka e Katara come ostaggi per Aang. Alla fine venne a galla che il Re era un vecchio amico di Aang di nome Bumi e si era solo divertito.

Prima di raggiungere il Polo Nord, il gruppo visse diverse avventure, inoltre vennero inseguiti ininterrottamente dal principe Zuko, suo zio Iroh e il Comandante /Ammiraglio Zhao. Una volta aiutarono il villaggio di Senlin che venne attaccato dallo spirito di Hei Bai che trascinò Sokka nel Mondo degli Spiriti, poi dovettero salvare Katara da una prigione sul mare e incontrarono dei ribelli che lottavano contro la Nazione del Fuoco con metodi poco nobili. Jet e i suoi compagni erano disposti di distruggere un villaggio intero per scacciare il nemico, ma fortunatamente Sokka mantenne il suo scetticismo e una reazione pronta, il che gli permise di salvare la popolazione. In seguito aiutarono due tribù in guerra, gli Zhang e i Gan Jin, a superare il Grande Canyon, poi salvarono un villaggio dalla furia del vulcano di Makapu e incontrano un compagno di loro padre, Bato, con il quale Sokka riuscì finalmente a superare il rituale per l’adolescenza della sua tribù, lo “schivare il ghiaccio”. Poco dopo incontrarono Jeong Jeong, che tentò di insegnare a Aang il dominio del fuoco e salvarono i fuggitivi che vivevano al Tempio dell’Aria del Nord per nascondersi dalla Nazione del Fuoco. Sokka divenne molto amico di Teo e di suo padre, con il quale condivise la passione per la tecnologia.

Dopo aver raggiunto il Polo Nord, il Team Avatar venne accolto dal capotribù Arnook e invitato a una festa, durante la quale Sokka incontrò la principessa Yue e si innamorò di lei. Anche se l’attrazione era reciproca, una relazione non era possibile, dato che Yue era già fidanzata con Hahn, il che divenne un acerrimo rivale di Sokka. Il ragazzo si dimostrò un aiuto prezioso durante l’assedio della capitale del Nord, istruendo una squadra di guerrieri élite su come infiltrare una nave della Nazione del Fuoco. Purtroppo dovette rimanere indietro, dato che Arnook gli ordinò di proteggere Yue.

Sokka aiutò poi lei e Katara a cercare Aang che era stato rapito da Zuko quando il dominatore dell’aria si trovava nel Mondo degli Spiriti. Lo trovarono e lo riportarono all’Oasi degli Spiriti insieme a uno Zuko incosciente, ma arrivarono in ritardo per impedire che Zhao uccidesse lo spirito della luna Tui. Mentre Aang si fuse con lo spirito dell’oceano La e attaccò l’armata del Fuoco, Yue si sacrificò per resuscitare lo spirito della luna, diventando la sua reincarnazione. Prima di sparire, la ragazza diede un ultimo bacio a Sokka tra le lacrime.

Libro Due (primo 100 DG)[]

(>>> Articolo completo di Sokka: Libro Terra)

Libro Tre (estate 100 DG)[]

Fumetti (100-102 DG)[]

Vita da adulto[]

Personalità[]

Abilità[]

Trivia[]

  • A parte la narrazione iniziale di Katara, Sokka era stato il primo a parlare nel primo episodio.
  • Entrambe i suoi partner amorosi noti si chiamavano "luna": Yue (in cinese) e Suki (da Tsuki, in giapponese), entrambi scritti "月".
  • Il suolo di Sokka nel film live-action ha fatto guadaganare all'attore Jackson Rathbone il premio della pernacchia d'oro del 2010 per il peggior attore.
  • L'hobby preferito di Sokka era stato shopping, ancora prima di svillupare piani.
  • Nella lingua Zulu "Sokka" vuol dire "amante/fidanzato.
  • Durante il sonno, Sokka spesso calciava e si dimenava molto.
  • A parte in "Il viaggio di Zuko", Spokka é apparso in ogni singolo episodio o elmaneo stato menzionato
  • I suoi vestiti in "La promessa" dovevano somigliare a quelli di suo padre per simbolizzare il loro legame.
  • Quando notò di non essere capace di guidare bene la nave dei pirati dato che non erano di origine delle tribu dell'acqua, indica che consoce tutti i tipi di vascelli della sua tribù.
  • Mentre imparava a forgiare la sua spada, ha anche aquisitoi notevole capacità di fabbro, dato che era stato capace di fare un'armatura su misura per Appa.
  • Sokka ha visto ben quattro Avatar: Aang, Roku e Kyoshi (manifestatosi attraverso Aang) e Korra da bambina.
  • Quando LEGO ha pubblicato le figurine di Sokka, sul loro sito venne detto che il suo boomerang apparteneva a suo padre Hakoda.
  • Sokka e Katara vennero creati insieme, ai creatori piaceva l'idea di avere un paio di fratelli tra i protagonista e la loro rivalità. Si trovarono anche subito d'aoordo sul fatto che la sorella era una dominatrice, mentre il fratello no.
  • Originalmente Sokka doveva avere tredici anni, ma su suggerimento di Eric Coleman venne "invecchiato" di due anni.
  • Il suo alter ego nella Nazione del Fuoco era "Wang Fire".
  • Tra l'altro, dopo la fine della guerra, Sokka ha anche lavorato in un negozio di generi misti.
  • Venne scambiato due volte per l'Avatar, una volta nel fumetto breve "Sokka, l'Avatar" e in "Il Re della Terra"
Advertisement