Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Sho era stata una bambina piccola della Nazione del Fuoco che ha incontrato Aang e Sokka sul viaggio in treno quando doveva visitare sua nonna. Era una bambina timida e ansiosa che ha imparato a calmarsi usando una tecnica di meditazione insegnatogli dal Nomade dell’Aria.

Storia[]

Dato che sua madre era sta malata in quel periodo dell’estate dell’anno 100 DG, la bambina era costretta ad affrontare il viaggio in treno per visitare sua nonna completamente da sola, il che la spaventò moltissimo. La sua ansia era cosi evidente che Aang, che stava ammirando il treno insieme a Sokka, se ne accorse a diversi metri di distanza e decise di consolarla. Lui e Sokka le offrirono di venire con lei per calmarla, un’offerta che Sho accettò con gioia. Dopo aver preso posto, il Nomade dell’Aria le insegnò un metodo di meditazione che doveva calmarla, indicandole di fare dei bei respiri profondi e di pensare al suo animale preferito, indovinando correttamente che si trattasse del rinoceronte komodo, basandosi sul pupazzo che la bambina stava tenendo stretto.

Dopo alcuni minuti, Sho si calmò visivamente e dichiarò che il treno non le faceva più cosi paura, ma piuttosto alcune persone. Chiese poi al suo nuovo amico perché alcune persone abbiano uno strano simbolo in testa, il che spinse Aang a controllare se la fascia sulla fronte si sia spostata, dato che supponeva parlasse di lui. La bambina lo chiamò uno sciocchino per averlo pensato e indicava la persona a cui si stava riferendo in realtà: l’Uomo Combustione che era appena entrato nella cabina dopo aver spinto da parte il controllore con poca delicatezza.

A grande shock della bambina, l'assassino sparò dei raggi dalla fronte distruggendo parte della cabina e la spaventò ovviamente moltissimo, per cui si aggrappò ad Aang. Questo la dovette abbandonare per affrontare l’Uomo Combustione, ma prima la istruì a ripetere l’esercizio di respirazione. Quando però Aang sembrava essere caduto fuori dal buco nel treno e possibilmente morto, Sho iniziò a disperarsi e a piangere, finché il dominatore dell’aria non ricomparve seduto sulla sua palla di aria volando a pari passo con il treno in viaggio. Sorridendo come tutto fosse un divertimento, le chiese di continuare con l’esercizio, poi salì sul treno per attirare via l'assassino. Sho obbedì così diligentemente che divenne l’esempio da seguire anche per gli altri passeggeri che stavano anche loro andando in panico per le continue esplosioni. Gli spiegò la tecnica di meditazione e in pochi minuti tutti quanti la stavano usando per calmarsi.

Dopo la sconfitta dell’Uomo Combustione, Sho mostrò ad Aang con orgoglio come con solo sia rimasta calma, ma abbia anche insegnato la tecnica di meditazione agli altri passeggeri. Accettò le lodi dell’Avatar travestito, ma si rattristò quando si eese conto che, con tutti questi danni, il treno potrebbe non raggiungere la destinazione e che arriverebbe in ritardi per la cena a casa della nonna. Aang le fece vedere il suo fischietto per bisonti volanti con la promessa di incontrare il suo animale preferito che la portava a destinazione. Dopo essere salita su Appa, Sho tornò ad innervosirsi e, per impedire di cadere nel panico, si sentì costretta ad usare nuovamente la tecnica di meditazione.

Advertisement