Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement

Template:Tabella Personaggi

San e Naoki sono stati i genitori di Mako e Bolin, e si sono conosciuti a Città della Repubblica. Entrambi sono stati uccisi durante una rapina da un dominatore del fuoco criminale nell'anno 160 DG.

Storia[]

Nuova vita fuori da Ba Sing Se[]

San era nato in una famiglia povera dell'anello inferiore di Ba Sing Se, ma era stato un uomo dai grandi sogni che voleva vedere il mondo. Suo padre Bohai era contrario e voleva che ereditasse il suo negozio di frutta e continuasse l'eredità di famiglia. Questo disguido si evolse in un serio litigio che finì nella rottura completa tra padre e figlio, il quale lasciò Ba Sing Se per andare a Città della Repubblica e non tornarci mai più.

Qualche tempo dopo il suo arrivo nella neo-metropoli, San conobbe Naoki, una donna proveniente dalla Nazione del Fuoco e alla fine si sposarono ed ebbero due figli, Mako (primogenito, nato nell'anno 152 DG) e Bolin (secondogenito, dell'anno 154 DG). Nonostante rimase fermo nella sua convinzione di non tornare nella sua patria, una volta San, per il suo compleanno, scrisse alla sua famiglia di origine e mandò loro una fotografia con la sua famiglia.

Morte[]

Purtroppo la felicità durò poco e nell'anno 160 DG la coppia venne attaccata da un dominatore del fuoco criminale che, nell'impeto della rapina, li uccise, lasciando i due bambini orfani. La famiglia di San ne rimase all'oscuro, anche se si meravigliarono del suo silenzio totale, e vennero a conoscenza di questo triste fatto solo molti anni dopo, quando nell'anno 171 Mako e Bolin visitarono Ba Sing Se. L'incontro fu del tutto casuale: Chow, il fratello di San, li riconobbe quando suo figlio Tu cercava di fermarli per un presunto tentativo di furto, e li invitò a conoscere il resto della famiglia.

Yin, la madre di San, gli fece leggere quella lettera e notò che Mako doveva aver ricevuto gli occhi di sua madre, che era stata una donna bellissima e degna di suo figlio.

Eredità[]

Dopo la loro morte, Mako si prese la responsabilità di proteggere suo fratello, che considerò l'unico membro della sua famiglia, dato che non sapeva nulla della sua eredità. L'unico ricordo rimasto del padre era la sciarpa rossa che portava sempre al collo e che non dava a nessuno (a parte una volta a Korra per infiltrarsi tra i Paritari). Ma dopo aver parlato con sua nonna decise di separarsi de questo tesoro e gliela regalò, affermando che era giusto che se lo tenesse lei.

Advertisement