Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questi sono una organizzazione che funge da autorità religiosa nella Nazione del Fuoco che è anche responsabile per l'identificazione dell'Avatar che nasce nella loro nazione. In aggiunta organizzano eventi importanti come incoronazioni, matrimoni e funerali per la famiglia imperiale e coloro che cercano sostegno spirituale. In passato il Signore del Fuoco, capo di stato, ne era stato anche il capo del Saggi del Fuoco, ma già millenni fa questi due compiti vennero divisi.

La loro base si trova alla Capitale della Nazione del Fuoco dove gestiscono un loro tempio, eretto sopra le Catacombe delle Ossa di Drago dove viene conservata la storia della nazione sin dalla sua fondazione sotto il primo Signore del Fuoco. A parte i Saggi della capitale esistono veri gruppi sparsi su tutta la nazione che gestiscono vari templi e isole. Tutti sono maestri del dominio del fuoco.

Storia[]

Origini[]

Primo Signore del Fuoco

il primo Signore del Fuoco

Millenni di anni fa, molto prima della unione delle Isole del Fuoco, un gruppo di Saggi dei Bhanti si avventurò dalla loro isola remota per esplorare l’arcipelago. Nonostante il fatto che le isole si trovarono in una guerra continua tra di loro, decisero di rimanere e di costruirsi una nuova casa e divennero famoso come i “Saggi del Fuoco” per via delle loro conoscenze spirituali. Uno dei loro capi, quindi un Grande Saggio, infine iniziò ad assemblare un’armata per porre fine al governo di terrore dei signori della guerra, riuscendo a sconfiggerli alla fine. In seguito, proseguì ad unire le Isole del fuoco sotto un unico governo, fondando la Nazione del Fuoco, e per via del suo altissimo livello sia nella spiritualità che nel dominio del fuoco gli venne attribuito il titolo onorevole di “Signore del Fuoco”.

I Saggi del Fuoco governarono la nazione unita insieme al Signore del Fuoco che per loro era solo il primo tra equi. Formarono un consiglio e guidarono la nazione seguendo il loro forte senso della spiritualità, non dissimile ai Nomadi dell’Aria. Col passare dei secoli però, il controllo delle strutture politiche e di governo pian piano si trasferirono sul Signore del Fuoco, il quale finì per tranciare il legame con i Saggi del Fuoco per diventare un governatore assoluto. Questo comportava una notevole perdita di potere politico, il che fece trasferire gran parte della loro fedeltà all’Avatar e alla sua missione di apprendere a fondo il dominio del fuoco.

Ere di Kuruk e Kyoshi[]

Nyahitha era stato un Saggio del Fuoco Bhanti che funse anche da guida spirituale dell’Avatar Kuruk. Era stato un membro molto onorato del Tempio Centrale, ma il clan Saowon aveva interferito nel processo di selezione, spingendo la elezione di uno zio della capoclan a diventare Gran Saggio. Nyahitha, per protesta, si ritirò a Chung-Ling del Nord dove divenne un chiaroveggente ciarlatano. Incontrò anche Avatar Kyoshi che era alla ricerca di consiglio su come interpretare le visioni da parte di Kuruk.

Il fatto che il clan dei Saowon aveva avuto tale influenza sulla autorità massima della Nazione del Fuoco aumentava ancora il loro influsso. Signore del Fuoco Chaeryu mandò il suo figlio illegittimo Chaenjin dai Saggi del Fuoco dopo che era stato escluso dalla famiglia imperiale. In seguito alla morte del monarca, Chaejin tornò a palazzo dopo l’invito come ambasciatore del Tempio, il che gli diede un potere così grande da mettere in difficoltà suo fratellastro, l’erede legittimo al trono Zoryu. Considerando che il Gran Saggio di quei tempi era anche lui di origine Saowon, i Saggi del Fuoco stavano de facto supportando Chaejin durante la crisi famosa come la Guerra dei Camelia-Peoni. In seguito a questo conflitto, il clan dei Saowon cadde in disgrazia e molto Saggi del Fuoco vennero valutati con estrema diffidenza.

Inizio della decaduta[]

Saggi fuoco Roku

I Saggi rivelano il nuovo Avatar

66 anni prima del genocidio, i Saggi del Fuoco interruppero la festa dell sedicesimo compleanno del Principe Sozin e suo amico Roku per annunciare l’identità del nuovo Avatar, successore di Kyoshi, ovvero Roku. Il Saggio del Fuoco Kaja lo aiutò più tardi nel suo addestramento sul governo dello Stato dell’Avatar allenandosi con lui per cinque mesi, finché Roku non si sforzò a raggiungere lo stato ambito usando il sole del solstizio d’estate. Purtroppo, l’Avatar rimase bloccato e finì per distruggere la metà superiore del Tempio del Fuoco sull'Isola della Luna Crescente, facendo eruttare anche un vulcano vicino. Rimanendo calmo, Kaja riuscì a farlo uscire dallo Stato dell’Avatar nello stesso modo in cui lo aveva scatenato. Questa azione sconsiderata però aveva creato una serie di instabilità sismiche nell'intera zona dell’Est e i Saggi del Fuoco temerono che fosse solo una questione di tempo finché il vulcano sarebbe tornato all'azione.

Quando iniziò la moda della caccia ai draghi, i Saggi del Fuoco ebbero problemi nell'accettare l’assassinio di queste creature antiche che possedevano una connessione così profonda con il dominio del fuoco. Questo “sport” scatenò litigi e dibattiti etici tra coloro che lo adoravano con passione e le guide spirituali molto più cauti. In questo periodo di tempo un saggio di nome Bu Kujian venne a sapere che alcuni saggi collaborarono con degli officiali militari nel piano di cercare la biblioteca spirituale per setacciarla a fondo e trovare indizi su qualche macchina da guerra antica o armi. Bu Kujian tentò di fermarli con modo subitili, ma fallì, temendo di cosa potrebbe accadere se questi piano cadessero nelle mani del suo governo militare sempre più aggressivo. Assoldò una squadra di avventurieri per precederli e bruciare queste pericolose conoscenze, pronto ad attirarsi l’ira di Wan Shi Tong.

Saggi Fuoco tempio

I Saggi cambiano parte

Dopo la morte dell’Avatar Roku, Signore del Fuoco Sozin iniziò una sanguinosa guerra con l’attacco ai Nomadi dell’Aria il giorno della cometa. In seguito ad esso, pubblicò un decreto che dichiarava un nemico della nazione e un traditore chiunque osava aiutare l’Avatar, condannandolo alla morte. Ai Saggi del Fuoco venne ordinato di giurare fedeltà assoluta al Signore del Fuoco, cosa che la maggior parte fece per salvarsi la vita. Alcuni si rifiutarono, come il padre di Shyu, che venne giustiziato per continuare ad essere rimasto fedele all’Avatar.

Dato che l’Avatar seguente continuava a non apparire, la maggior parte dei Saggi perse la loro fiducia nel suo ritorno e caddero sotto il controllo completo del governo. Durante l’era di Azulon, i Saggi del Fuoco erano diventati poco più di un ricordo obsoleto di un tempo in cui la spiritualità era più importante del potere militare. Verso la fine del governo di Azulon, alcuni erano diventati talmente ciechi per i problemi del mondo che credevano pienamente alla propaganda nazionalistica della Nazione del Fuoco mentre altri erano al corrente della cruda verità per via degli artefatti che proteggevano, ma erano della opinione che era loro dovere di “proteggere” i cittadini da questa verità per non mettere in pericolo la stabilità del governo.

Gran Saggio incoronazione

Il Gran Saggio con la corona per Ozai

Nonostante tutto, persino Azulon aveva conservato un briciolo di spiritualità e permise ai Saggi del Fuoco di compiere alcuni servizi religiosi. A parte attività regolari come matrimoni, i Saggi ogni tanto potevano dargli dei consigli nell'ambito spirituale oppure organizzare i matrimoni dei Principi del Fuoco. Azulon seguì la loro premonizioni che unire alla sua stirpe il sangue degli eredi dell’Avatar Roku avrebbe generato una linea di sangue molto potente, portando al matrimonio forzato tra Ozai e Ursa. Ma quando nacque Zuko, non erano nemmeno sicuri che fosse un dominatore del fuoco, dato che- secondo suo padre- gli mancava quella “scintilla negli occhi”. Ozai lo voleva già buttare giù dalle mura del palazzo, ma fortunatamente per il bambino Ursa e i Saggi del Fuoco riuscirono a fargli cambiare idea.

Nemici dell'Avatar[]

I Saggi del Fuoco officiarono il funerale del Signore del Fuoco Azulon nell'ano 95 DG e la susseguente incoronazione del suo successore Ozai. Purtroppo per loro, Ozai non si interessava minimamente della spiritualità e gli tolse anche gli ultimi resti di potere e autorità.

Quando Avatar Aang si era risvegliato dai suoi cento anni richiusi nell'iceberg, i Saggi del Fuoco si erano allontanati completamente dal loro scopo originale. Seppero della ricomparsa dell’Avatar quando questo scatenò lo Stato dell’Avatar al Tempio dell’Aria del Sud che fece brillare anche le varie statue all'interno del Tempio del Fuoco e corsero per avvertire il Signore del Fuoco.

L1 E08 Shyu si presenta

Shyu aiuta l'Avatar

Qualche settimana più tardi, Aang, Sokka e Katara volevano entrare nel santuario sull'Isola della Luna Crescente per permettere al Nomade dell’Aria di parlare con il suo predecessore durante il solstizio d’inverno. I Saggi del Fuoco presenti però fecero di tutto per impedirlo e cacciarono i tre ragazzi per tutto il tempio dimostrandosi molto aggressivi. Uno di loro, Shyu, era rimasto fedele all’Avatar e tradì i suoi compagni e lo aiutò ad ingannare gli altri per farli aprire la porta del santuario con la statua di Roku. Aang riuscì a parlare con lui e seppe del pericolo della Cometa di Sozin, poi il ragazzo si fece possedere al suo predecessore che distrusse il tempio come punizione del tradimento dei Saggi del Fuoco. In seguito a questo, il Comandante Zhao accusò tutti i saggi presenti di alto tradimento e li fece arrestare.

Questo non ebbe influsso sui Saggi del Fuoco risiedenti alla capitale che continuarono a servire la famiglia imperiale. Dopo aver incoronato Ozai a Re Fenice, prepararono tutto per l’incoronazione di Azula come Signora dal Fuoco, ma vennero fermati dall'arrivo di Zuko e Katara. Al posto di portare a termine l’incoronazione, i saggi presenti rimasero ad osservar l’Agni Kai tra i due con in palo la corona. Qualche giorno dopo, incoronarono Zuko come nuovo Signore del Fuoco.

Riformazione[]

Fumo Ombra 2 Gran Saggio Shyu

Shyu come nuovo Gran Saggio

Dopo la fine della guerra, Zuko s’impegnò a riformare la sua nazione per allontanarsi dal suo passato imperialista e di annullare gran parte delle riforme dei suoi antenati. In seguito a questo, promosse Shyu a Gran Saggio del Tempio centrale e permise ai Saggi del Fuoco di riconquistarsi la loro indipendenza dal governo.

Membri noti[]

  • Chaejin - ambasciatore del Tempio Centrale
  • Bai - Saggio
  • Bu Kujian -Saggio
  • Kaja - Saggio
  • Niuan - Saggio
  • Nyahitha - Saggio
  • Shyu - Saggio, poi Gran Saggio
  • Gran Saggio
  • Zio di Lady Huazo- Gran Saggio

Trivia[]

Advertisement