Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Il Regno della Terra (Earth Kingdom, 土國, Tǔ guó) è la più grande della quattro nazioni tradizionali del mondo che si espande per più della metà della terra ferma. Questo regno immenso viene governato da un monarca unico che risiede nella capitale Ba Sing Se, di cui potere ha fluttuato moltissimo nel corso dei secoli.

Ba Sing Se venne fondato prima del regno circostante che ha in seguito sottomesso gli altri regni con la forza. Questi territori hanno però conservato parte della loro identità e diversità, per questo motivo il Regno della Terra è la nazione più diversa e varieggiata di tutte, sia nel senso sociale che quello culturale. Il regno è la patria della maggior parte dei dominatori della terra e anche la gente è simile a questo elemento: forti, fieri e testardi, ma anche socievoli e amichevoli. Negli ultimi secoli ha subito gravi crisi e guerre civili che hanno influenzato lo sviluppo economico e sociale, ma questo declino venne fermato dagli sforzi dell’Avatar Kyoshi che ha iniziato un periodo di pace e sviluppo. Purtroppo i suoi sforzi vennero annullati dal Re della Terra Jialun che ha usato la nuova costituzione per scopi egoistici, alzando il livello di corruzione e centralizzando il potere sempre di più. Nonostante questo, il regno continuò a prosperare anche se iniziava a cadere indietro nello sviluppo tecnologico.

Sotto il Signore del Fuoco Sozin, il Regno della Terra divenne il bersaglio centrale delle tendenze imperialistiche della Nazione del Fuoco che culminarono infine nella Guerra dei Cent’Anni. Per via della sua inferiorità tecnologica, economica e militare, il regno subì espianti sconfitte, ma per quasi un secolo fu l’ultimo baluardo del mondo che impediva la vittoria assoluta della Nazione del Fuoco. Soltanto nell'anno 100 DG, cadde la capitale per via di un astuto colpo di stato, e la nazione stava per essere annientata dal Re Fenice Ozai, ma questo venne impedito dall’Avatar Aang. Dopo la fine della guerra iniziò un lungo percorso di restaurazione che coinvolgeva le vaste colonie della Nazione del Fuoco che alla fine portarono alla creazione della Repubblica Unita.

Negli anni dopo la guerra, il Regno della Terra subì alcuni cambiamenti e la rinascita della monarchia che portò a un governo assoluto centrale che provocò nuove rivolte su tutto il territorio. Nell'anno 171 DG, durante la rivoluzione del Loto Rosso, venne uccisa la Regina della Terra Hou-Ting, il che portò al collasso completo della struttura sociale e lo fece precipitare nell'anarchia. La nazione venne stabilizzata da Kuvira, ma questa usurpò il potere per dichiarala la nascita dell’Impero della Terra sotto la sua dittatura militare. Questo però durò solo per alcuni mesi e terminò dopo l’invasione fallita della Repubblica Unita. In seguito a questo, il nuovo Re della Terra Wu decise di abolire la monarchia in favore a una federazione di stati indipendenti della terra. Il processo di democratizzazione però si rivelò molto più ostico e difficile per via della resistenza del resto dell’armata di Kuvira, ma ciononostante Wu ha deciso di continuare.

Storia[]

Era di Raava[]

Tartaruga leone terra

Una delle tartarughe leone della terra

Durante l’era di Raava, più di diecimila di anni fa, gran parte del Regno della Terra di oggi era coperto dalle foreste degli spiriti e le poche popolazioni di esseri umani erano costrette a sopravvivere in questo ambiente ostile. Alcuni di questi popoli antichi si rifugiarono sui gusci di tartarughe leone che gli donavano temporaneamente il dono di manipolare la terra attraverso il dominio dell’energia per la durata di brevi missioni di raccogliere cibo o di caccia nelle foreste. Altre civiltà decisero invece di adottare uno stile di vita nomade viaggiando per le foreste e rimanendo in un posto solo il minimo indispensabile. Una di queste tribù arrivò fino alla costa del mare occidentale dove si sistemò in modo definitivo sulle scogliere guardate da uno spirito benevole di nome Lady Tienhai. Col passare dei secoli, questa civiltà si svolse in uno dei primi regno del mondo, ovvero il regno di Tienhaishi. Gran parte dei costumi e credenze sociali di queste prima civiltà furono la base della futura cultura di base del Regno della Terra, come per esempio la forte connessione con la terra per costruire fortezze e mura che dal loro canto erano simili alle strutture costruite sui gusci celle tartarughe leone.

Periodo delle guerre civili[]

Wan vecchio

Wan muore insoddisfatto

Dopo che Avatar Wan aveva chiuso i portali spirituali, separando quindi i due mondi e spingendo gli spiriti a un esodio, le tartarughe leone rinunciarono al loro ruolo di protettori del genere umano e smisero di consegnare il dominio della terra. Gli esseri umani si avventurarono nelle foreste senza dover temere attacchi degli spiriti e si espansero per tutto il continente, seguiti dalla maggioranza delle tribù nomadi che anche loro si stabilizzarono in un punto. Purtroppo non mancarono conflitti crisi e dopo pochi decenni ebbero luogo le prime guerre dove iniziarono ad usare grandi dischi di terra come arma primaria per i loro guerrieri. Wan cercò di fermare questi conflitti, ma si dovette arrendere e morì su uno dei campi di battaglia nel futuro Regno della Terra.  

Al contrario delle altre nazioni, in cui, col passare dei secoli, prevalse un aspetto della sua cultura, il Regno della Terra era troppo grande e composto da troppe culture diverse, il che portò a conflitti etnici tra le varie tribù che combatterono con ferocia per la supremazia in un determinato territorio oppure per la loro indipendenza.

Nella parte dell’Nord-Est, la gente scavò dalle rocce per ricavare cristalli luminescenti; queste miniere si ingrandirono sempre di più fino a sbucare in superficie e diventare una vera e propria città. Queste catacombe vennero poi abbandonate in favore alla metropoli che si stava formando in superficie che divenne poi la imponente città-stato di Ba Sing Se. Nel suo primo tempo, Ba Sing Se venne spesso attaccata da autorità rivaleggianti me si salvò sempre per via della sua posizione favorevole: dal Sud, il nemico doveva attraversare le pericolose montagne Taihua e vennero distrutte dalle sue temibili bufere di neve.

L2 E02 origine Omashu

La fondazione di Omashu

Nell'Ovest del continente, Oma e Shu divennero le prima persone ad aver imparato il dominio della terra direttamente dalle talpe-tasso.  I due amanti appartenevano purtroppo a due villaggi in guerra e alla fine Shu perse la vita in battaglia. Dal cuore spezzato, Oma uso le sue abilità per fermare il conflitto e portare la pace costringendo le due fazioni a delle trattative. I due villaggi costruirono una città nuova che venne battezzata Omashu, in onore alla giovane coppia tragica, e divenne anche lei una potente città stato. Anche la città di Tienhaishi continuò a crescere e a prosperare.

Nel Sud invece, dominato dal pericoloso e insidioso deserto Si Wong, alcuni dominatori della terra impararono a dominare anche la sabbia con grande maestria per sopravvivere in questo ambiente ostile e divennero le varie tribù Si Wong. Già prima di loro viveva qua i predecessori dei mercanti della testa di coleotteri che li hanno preceduti per secoli.

Una minoranza però decise di non rinunciare alla loro vita di nomadi, alcune di queste tribù si dimostrarono aggressivi e predatori che attaccavano i villaggi sul loro cammino. Sorpresero le loro prede sedentarie attaccando in sella ad animali di soma che cambiarono in fretta per mantenerli freschi e agili. Loro divennero famosi ed entrarono egli annali del Regno della Terra come i “Barbari nomadi”.

Fondazione del Regno della Terra[]

Col passare dei secoli, Ba Sing Se divenne sempre più potente e iniziò ad estendere il suo dominio sottomettendo prima i territori nelle immediate vicinanze e poi anche interi regni. Ad alcuni nobili venne concesso una certa autonomia, ma si obbligarono di sottostare a Ba Sing Se. Dopo guerre su guerre, un giorno il Re della metropoli riuscì ad unificare l’intera nazione e si dichiarò il primo Re della Terra; dopodiché non lasciò mai più la città prima di morire. Una delle prima dinastie fu quella degli Hao, ma per via della vasta grandezza del regno non riuscì a stabilizzarlo e di obbligare la popolazione seguire il suo governo autoritario. Infine, il regno divenne una monarchia confederale, diviso in alcune province autonome.

Questo potere incompleto continuò per secoli e il potere del monarca aumentò e diminuì in continuazione, nessuno di loro poteva veramente esercitare il suo controllo completo sul regno.  Alcune regioni erano particolarmente difficili di governare, come il deserto Si Wong, mentre altre erano semplicemente troppo poco attraenti e remoti per giustificare gli sforzi. L’instabilità del governo che rese inefficace il controllo giuridico permise la crescita di gruppi di fuorilegge di organizzarsi e di diventare sorprendentemente ben strutturati. Svilupparono le proprie regole e costumi e si fecero chiamare “Daofei”.

Il potere del Monarca della Terra invece rimase intoccato soprattutto a Ba Sing Se. In un momento non chiaro della storia del regno, arrivarono alla capitale alcuni saggi dell’isola dei Bhanti che diventarono poi i primi Saggi della Terra, ovvero una autorità spirituale e religiosa. Ma persino loro, col passare degli anni, si trasmutarono una specie di officiali laici che abbandonarono la spiritualità in favore al potere materiale, il che favorì molto la corruzione sempre più lampante.

Molto monarchici divennero alleati importanti per gli Avatar e le due parti spesso si aiutarono tra di loro. Circa tre secoli prima di Avatar Yangchen, il Re della Terra Zhoulai era stato persino il compagno di un Avatar.

L'affare di Platino e le sue conseguenze[]

Durante l’infanzia di Avatar Yangchen, due persone erano in gara per il trono del regno, ovvero il monarca reggente Feishan e il Generale ribelle Nong. Nessuna delle due fazioni voleva mettere a rischio la loro posizione azzardando un colpo di stato improvviso e attese quindi pazientemente un errore dell’altro, il che allungò la guerra civile sempre di più. Impazienti, la Nazione del Fuoco e le Tribù dell’Acqua decisero di cospirare contro Feishan e di aiutare Nong mandandogli in segreto una quantità considerevole di lingotti di platino mentre il Re della Terra riceveva solo banconote di carta considerati di meno valore- la loro speranza era quella che le persone fedeli al trono iniziassero a credere che il Re voleva pagarli soltanto con le sue promesse e non con i soldi veri. Purtroppo per loro, Feishan vide in questa tattica il suo momento perfetto per il colpo finale cancellò l’armata di Nong dalla mappa all’incrocio Llamapca. Ben conscio di ciò che le altre due nazioni avevano fatto, Feishan si appropriò dei lingotti di platino, li sciolse e lo usò per ricoprire la statua di una talpa-tasso dietro al suo trono. In aggiunta, dichiarò la chiusura immediata di tutti i porti del Regno della Terra per il periodo necessario affinché la superfice della statua si sarebbe degradata abbastanza da apparire come semplice roccia- per questa reazione chimica ci vorrebbero almeno un secolo intero, se non di più.

La Nazione del Fuoco e le Tribù dell’Acqua non si lasciarono trattare come bambini e risposero a tono, dichiarando uno stato di isolazione molto simile. Purtroppo per il Re e la sua corte, il regno comunque desiderava i beni provenienti da queste nazioni e la capitale non voleva perdere i soldi ricavati dall’esporto, così le tre nazioni trovarono una solta di compromesso. Durante un incontro interazionale, decisero di costruire quattro città che riamerebbero aperti al commercio globale sotto il controllo di famiglie nobili e noti in questo settore. Queste città ricevettero il titolo di città “Shang”, di cui due si trovarono di forma nel Regno della Terra ma divennero territori speciali: Bin-Er e Taku. Queste città non avevano il diritto di mantenere un’armata propria per difendersi e dovevano seguire regole molto precise e severe. Nonostante ciò- o proprio per quello- crebbe in loro la corruzione e gli shang spesso pagavano male i suoi lavoratori. Sotto la copertura del commercio legale spesso gestivano un mercato nero molto più vasto. Queste città pullulava di spie disperate di informazioni segrete e le persone che erano venute lì per nella speranza di trovare una vita migliore non potevano più lasciarla, dato che permessi del genere venivano dati dagli shang, di cui capo era il cosiddetto Zhongdu, solo se gli faceva comodo. In pochi anni, le città shang erano diventate un agglomerato di povertà e disoccupazione.

Frattura 2 Yangchen contro Vecchio Ferro

Yangchen affronta il generale Vecchio Ferro

Dopo essere diventata un Avatar pienamente realizzato, la prima missione di Yangchen la portava al Regno della Terra al regno di Tienhaishi sulla costa occidentale che veniva minacciata da uno spirito antico di nome Generale Vecchio Ferro che voleva vendicarsi degli umani per la morte di Lady Tienhai in forma umana, credendo (erroneamente) che l’avevano uccisa loro. Iniziò una battaglia feroce tra lo spirito e l’Avatar che vinse la Nomade dell’Aria, ma per ripotare la pace dovette comunque accettare la condizione che la splendida città dovesse essere abbandonata. I cittadini di Tienhaishi dovettero quindi evacuare in fretta e furia, il che costrinse Yangchen a dover trovare una nuova patria per loro. Dopo mesi di viaggio, la popolazione trovò territori pronti ad accoglierli e si sparse tra vari villaggi usando spesso tattiche politiche non sempre nobili e leali.

Poco dopo aver risolto questa missione, Yangchen si rivolse alla città Shang e affrontò gli effetti tardivi dell’Affare di Platino. Notò come un numero anormale di navi stava arrivando a Min-Er che stavano superando il numero massimo concesso dagli accordi e quando venne in città per una visita ufficiale, minacciò di rivelarlo al Re della Terra se non avessero iniziato a trattare i suoi lavoratori in un modo più umano. Gli shang di Bin-Er entrarono nel panico e iniziarono un progetto segreto di nome “Progetto Unanimità”, un’arma segreta e misteriosa che doveva permettergli di liberarsi dal controllo del Re della Terra e crearsi le proprie leggi.

Mentre Yangchen iniziò ad investigare, lo Zongdu Henshe viaggiò a Jonduri per chiedere alla Zongdu Chaisee di concedergli quest’arma. Questa non aveva nessuna intenzione di assecondarlo, ma Henshee usò il suo agente Kaiyaan per portare l’arma segreta a Bin-Er: tre dominatori della combustione di nome Thapa, Xiaoyin e Yingsu. Questo trio iniziò a dare una dimostrazione del loro potere distruttivo, ma vennero fermanti e arrestati dall’Avatar che era appena tornata da Porto Tuugaq. Per tener nascosto questo segreto il più possibile, Yangchen chiese al Tempio dell’Aria del Nord di tener prigionieri questi tre individui insieme a Henshe mentre i monaci si apprestavano ad aiutare la popolazione civile di Bin-Er. Yangchen fece rapporto al Re della Terra con la teoria alternativa che questi strane palle di fuoco cadute dal cielo erano stati parte di un disturbo spirituale per via del fatto che la città era entrata in uno stato di squilibrio per essere caduta in balia dell’avarizia. Gli chiese di ricevere l’incarico di amministratrice di Bin-Er con la promessa di voler migliorare le vite degli abitanti e aumentare i guadagni, il che avrebbe in cambio aumentato le tasse che il trono ne avrebbe ricavato. Re Feishan accettò solo quando l’Avatar promise che si avrebbe lasciato guidare esclusivamente dal suo predecessore, l’Avatar Szeto.

Alcuni decenni dopo, Yangchen firmò un contratto di pace con la cosiddetta Quinta Nazione, in pratica una schiera di etnie miste costituita quasi internamente di pirati. Grazie a questo, la costa meridionale del Regno della Terra venne protetta dai loro attacchi per quasi in secolo.

Instabilità, guerra civile e nuova costituzione[]

Dopo un periodo esteso di pace durante l’era di Yangchen, durante quella del suo successore Kuruk iniziarono ad apparire all’orizzonte le prime nuvole di crisi. Questo lasciò indietro una fama poco onorevole di Avatar incosciente e inutile, e doppo la sua morte prematura a solo 33 anni, ci furono problemi nella identificazione del suo successore. In questo periodo di vuoto, ribelli, criminali e persone assettate di potere iniziarono a diventare più coraggiosi e avventati. Questo sviluppo colpì specialmente il Regno della Terra dove le sue province interne iniziarono a cadere nel caos. Alcuni Daofei si organizzarono con dei ribelli e diedero inizio il movimento della Rivoluzione dei Colli Gialli, che rase al suolo grande zone di terre per la loro credenza spirituale. Al posto di abbattere la ribellione, il governo del Re della Terra lasciò queste province remote a sé stessi, consegnandoli alla merce di questi criminali. Altri gruppi di Daofei diventarono più attivi e iniziarono sanguinose guerre di territorio tra di loro, uno dei gruppi più potenti fu la Compagnia dell’Opera Volante di cui potere si estese per tutto il regno. Durante il suo massimo splendore, questa compagnia poteva persino costringere potenti governatori ad obbedire ai suoi ordini.

Intanto, nel Sud, uno dei capi della Quinta Nazione di nome Tulok, infranse gli accordi stretti ancora con Avatar Yangchen e la sua flotta tornò ad attaccare non solo le strade di commercio navali, ma anche le coste meridionali. In quest’era di caos e violenza, non-dominatori disperati si riunirono per cercare sostegno ed aiuto in movimenti spirituali e militari come la setta Kang Shen. Nonostante l’evidente stato deplorevole del regno, gran parte della casta politica si dimostrò troppo corrotto e arrogante per essere disposta ad impegnarsi per affrontare questa crisi seriamente. L’ex- maestro del dominio della terra di Kuruk, Jianzhu, si fece avanti a si assunse molti doveri che normalmente sarebbero spettati all’Avatar per impegnarsi ad impedire che il Regno della Terra cada completamente nel caos, creando una fitta rete politica molto ampia. Premiò i suoi alleati con grande generosità e cercò di aiutare la gente comune, ma allo stesso tempo era pronto ad usare metodi estremi per distruggere chiunque vedeva come un agente dell’anarchia. Uno dei suoi successi maggiori fu l’eradicazione dei Colli Gialli e la caccia crudele e senza pietà ai Daofei, inoltre non risparmiò nessun politico che osava sfidarlo.

All’inizio del terzo secolo prima della guerra, Jianzhu era de facto il Re inufficiale del Regno della Terra. Poco dopo identificò un giovane ragazzo di come Yun come il prossimo Avatar, il che era anche utile per calmare la situazione ancora di più. Iniziò a plasmarlo ed educarlo affinché diventi un suo assetto nel suo gioco di potere per assicurarsi la collaborazione di tante figure di potere. Col passare degli anni però, Jinazhu diventava sempre più crudele e iniziò ad utilizzare lui stesso politici corrotti per mantenere attiva la sua rete politica. Per via di questa ipocrisia, non riusciva veramente a portare fine alla corruzione che soggiogava il regno da decenni. Nonostante le azioni di purga dei Daofei, questi gruppi di criminali continuavano ad esercitare il loro potere, anche se in quantità minore a prima.

Dopo alcuni anni però venne a galla una verità scioccante: non Yun era il vero Avatar, ma la sua inserviente di nome Kyoshi. Questa rivelazione portò ad alcuni eventi che pose lei e Jianzhu una contro l’altro come nemici mortali. L’Avatar dovette fuggire e si unì ai poveri resti della Compagnia dell’Opera Volante mentre Jinazhu cercò disperatamente di sottometterla al suo volere: stava ancora sperando di poterla trasformare nella sua idea di Avatar ideale che poteva riportare ordine nel mondo. Anche se la caccia all’Avatar rimase un segreto, iniziò ad aver un influsso negativo sul suo potere e questa debolezza venne usata dai suoi ribelli capitanati dal Cancelliere Hui. Jinazhu riuscì ad uccidere lui e i suoi alleati, ma alla fine venne a sua volta ucciso da un Yun in cerca di vendetta per la perdita del suo status di Avatar. La perdita di due delle figure più centrali del governo, ovvero Jianzhu e Hui, gettò parti del Regno della Terra nel caos. In aggiunta, la rivelazione del vero Avatar non piacque a tutti dato che si erano abituati al carismatico e famoso Yun, mentre Kyoshi venne associata con i Daofei. Molte figure di rilievo rifiutarono apertamente di accettare questa donna come il nuovo Avatar mentre altri la rispettavano solo per il suo titolo, ma la disprezzavano personalmente. Senza un supporto decente dall’alto, Kyoshi ebbe gravi problemi a stabilizzare il regno.

Nei due anni successivi, il Re della Terra Yi Ming ordinò la costruzione della metropolitana di Ba Sing Se. Dopo il ritorno di Kyoshi dalla Nazione del Fuoco dopo aver risolto la crisi della guerra dei Camelia-Peoni, la donna trovò la sua patria ancora in balia di Daofei, polizia corrotta e i resti della flotta della Quinta Nazione. Kyoshi fondò una squadra special per rimuovere con cautela i criminali più pericolosi e violenti dalla metropoli, ma questa iniziò a prendere di mira anche gente comune e semplici dissidenti quando l’Avatar aveva lasciato Ba Sing Se brevemente per altre missioni. Dopo il rapimento dei figli dell’Ambasciatore Quin, si rischiava un incidente internazionale e Rangi dovette affidarsi ad altri per gestire la situazione mentre lei andava ad informare Kyoshi.

Kyoshi vs Chin

Chin sfida Kyoshi

L’instabilità del Regno della Terra venne infine usata a suo favore dal quarantaseiesimo Re della Terra che credeva che i governatori vassalli e le province nel suo regno possedevano troppo potere per i suoi gusti. Testardo e avventato, il Re voleva trasformare il regno in una monarchia assoluta con lui come il monarca indiscusso e supremo. Questa idea però infuriò i suoi soggetti e alla fine un signore della guerra di nome Chin passò alle armi per strappare il potere a questo Re impopolare. La sua rivolta partì nella parte occidentale del regno che era stata affetta maggiormente dalla morte di Jianzhu, e scatenò una guerra civile, ma il Re della Terra si dimostrò incapace di fermarlo. L’armata di Chin conquistò molte città, tra cui anche Omashu, finché rimasero libero solo Ba Sing Se e la penisola di Yokoya, la patria di Kyoshi. Inebriato di potere e spinto all’arroganza mista a testardaggine, Chin cercò di sottomettere anche l’Avatar, ma questa portò alla sua morte involontaria quando Kyoshi diede una dimostrazione del suo pieno potere separando la penisola dalla terra ferma creando l’isola di Kyoshi. Dopo la perdita del suo comandante, la rivolta cessò poco dopo e venne facilmente soppressa, il che permise al Re della Terra di tornare al potere.

Nonostante tutto, la sua incapacità nella gestione della ribellione di Chin aveva un impatto negativo sul monarca.  Gli abitanti di Ba Sing Se iniziarono a credere che la monarchia fosse una forma di governo antiquata che li stava soltanto opprimendo e iniziò a ribellarsi. Questa rivolta gettò la capitale nel caos e cessò soltanto quando Kyoshi costrinse il Re ad accettare una nuova costituzione con la forza che limitava il suo potere e dava più potere alla gente comune. In cambio della collaborazione non proprio voluta, Kyoshi fondò il Dai Li come la polizia segreta di Ba Sing Se e protettrice della cultura. Questi dominatori della terra d’élite dovevano proteggere gli interessi del Re sopprimendo e arrestando individui ribelli.

Periodo di prosperità[]

Nei due secoli che Kyoshi visse ancora dopo questi avvenimenti, lei mantenne un periodo di pace tra i cinquantacinque stati all’interno del regno e aiutò ad implementare leggi che davano benefici ai più deboli della società. I Saggi della Terra, ancora in imbarazzo per il loro errore nella identificazione dell’Avatar, cercarono la redenzione accettando la collaborazione con lei e riuscirono a riconquistarsi la fiducia della gente tornando alle loro origini di consultatori saggi e studiosi. Al momento della morte di Kyoshi, sia il Regno della Terra che le altre nazioni avevano sperimentato un periodo di pace mai conosciuto prima e i saggi giuravano di voler tenere in onore le sue leggi anche dopo la nascita del nuovo Avatar nella Nazione del Fuoco.

Verso la fine dell’era di Kyoshi, la nuova costituzione aveva indebolito la posizione del Re della Terra considerevolmente e la burocrazia si era evoluta come la vera forma di governo. I successori immediati del quarantaseiesimo Re della Terra non fecero nulla per riconquistarsi il potere preferendo delegare parti delle loro mansioni a burocrati e ufficiali per avere tempo per le godurie della vita di lusso in questa era di pace.

Il corrotto Re della Terra Jialun[]

La situazione politica cambiò radicalmente con l’ascensione sul trono di Re Jianlun durante la gioventù di Avatar Roku. Questo si finse incompetente e venne creduto in imbecille e innocente da gran parte della comunità internazionale, ma in realtà era un uomo furbo e un maestro della manipolazione. La sua intenzione era quella di annullare i cambiamenti nella costituzione formata dai suoi predecessori e iniziò a modificarla con grande astuzia. I Saggi della Terra si ribellarono contro queste tendenze e indirizzavano la sua corruzione, spinti dal desiderio con continuare questa era di pace e prosperità. Come reazione crudele, il Re della Terra ordinò al Dai Li di eliminare ogni singolo Saggio della Terra in una purga che entrò nella storia come la “Notte dei Saggi Zittiti”. I templi dei saggi vennero trasformati nella Sala della Apprendimento Reale che erano sotto lo stretto controllo della corona. Ai pochissimi sopravvissuti venne permesso di tornare al loro ruolo di studiosi, ma vennero costretti a rinunciare ad ogni legame al loro ordine precedente.

Le azioni spregevoli infuriarono la Regina di Omashu Guo Xun che vide il Re della Tera solo come un uomo meschino e egoista che non era sicuro del suo potere. Tra le due monarchie si evolse una rivalità aspra e le due città entrarono in una competizione feroce. La Regina di Oamshu fece di tutto per inferie sul Re e mancava poco a una nuova guerra civile; entrami avevano spie nella base nemica e entrambe le sale del trono erano covi di vipere.

In seguito alla eliminazione del Saggi, Jialun manipolò il sistema politico per soddisfare i suoi capricci mentre continuava a pitturare un’immagine di sé stesso come un povero incompetente. La sua avarizia fece soffrire l’intero regno, così il Re manipolò gli stati per creare xenofobia e sfiducia tra i vari stati, così che la gente comune aveva qualcos’altro da odiare al di fuori del Re. Sempre partendo dalla idea di un debole, rimosse ogni resistenza e sottomise il suo popolo, manipolando gli eventi e le notizie per deviare lo sguardo della gente sulle crisi esterne piuttosto che quelle interne. Ovviamente qualcuno riusciva a vedere la verità, come l’eroe del popolo Langzi che portò alla giustizia molti politici corrotti o i “Combattenti per la Libertà” fondati da Tiqriganianning della Tribù dell’Acqua del Sud.

Mentre il resto del mondo era all’inizio di una nuova era di progresso tecnologico, nel Regno della Terra l’innovazione si era quasi arrestata- non è che mancavano persone intelligenti e innovativi, ma ogni nuova invenzione venne presa dalla corona e regalato ai vassalli del Re seguendo i suoi caprici.

Conflitti interni, declino e un'aggressione esterna[]

Durante il governo di Jianlun, uno tsunami disastroso colpì la costa settentrionale dello stato di Chenbao. La popolazione incolpò i dominatori dell’acqua della Tribù dell’Acqua del Nord di aver generato lo tsunami mentre quelli del Nord invece ritenevano colpevoli di dominatori della terra. Stava per scatenarsi una guerra, finché Avatar Roku non intervenne prima che il conflitto diventasse violento. Le tensioni politiche rimasero comunque molto alte e il governatore di Chenbao iniziò a richiedere una tassa su ogni bene proveniente della Tribù del Nord e ogni nave che voleva usare il passaggio marino settentrionale- una legge che in pratica era però non gestibile. In seguito, ogni merce proveniente di una delle Tribù dell’Acqua venne considerata illegale nel Regno della Terra, il che doveva servire a convincere il Re della Terra di mandare le sue truppe per aiutarlo a riscuotere le tassi.

Il Regno della Terra meridionale invece venne scosso da innumerevoli terremoti e inondazioni che devastavano villaggi e piccole città, ma al posto di mandare aiuto diretto, Re Jianlun offrì assistenza militare soltanto sotto la condizione che la gente colpita doveva riscattarsi lavorando sul muro esterno di Ba Sing Se e molto non avevano altra scelta che accettare. L’unica nazione che era seriamente interessata al lavoro di carità erano i monaci del Tempio dell’Aria del Sud.

Il governo di Re Jianlun però fu il primo ad essersi accorto delle tendenze imperialistiche del nuovo Signore del Fuoco Sozin dopo che questo aveva dichiarato territorio suo l’isola disabitata di Natsuo che era situata tra le due nazioni ed era entrata nella sua visuale dopo la scoperta di abbondanti risorse naturali. La Re della Terra mandò le sue navi da guerra verso la costa di quest’isola sotto il mantello di “esercitazioni”, sperando di poter provocare Sozin a fare il primo passo. Il Regno della terra non aiutò gli abitanti delle isole orientali della Nazione del Fuoco dopo che questi vennero affetti da una attività sismica insolita in seguito al disastro dell’Isola della Falce di Luna. Al posto di incolpare la scarsa reazione del Signore del Fuoco, gli abitanti delle isole iniziarono a cedere alla sua propaganda anti- Regno della Terra si si stava propagando nella Nazione del Fuoco.

Nonostante tutti questi conflitti interno ed esterni, il Regno della Terra rimase comunque una potenza militare non da sottostimare. Le province dell’Ovest e del Sud continuarono a prosperare e le grandi città come Omashu e Taku guadagnarono molto bene grazie al commercio e la crescita industriale. L’armata rimase sempre fedele al Re della Terra e si dimostrava esperta e affidabile.

Purtroppo questa idea di pace trovò fine con i primi attacchi della Nazione del Fuoco intorno all’anno 30 AG dove questa conquistò alcune città con grande facilità. Queste zone, ricche di risorse naturali situate sulla costa a sud-ovest, vennero presto trasformate nella prima colonia della Nazione del Fuoco sul territorio del Regno della Terra. Dopo la morte dell’Avatar Roku, Sozin infine lanciò il suo attacco definitivo contro la nazione nemica che distrusse completamente la città di Taku. Dopo la morte di Sozin, la Nazione del Fuoco aveva conquistato una buona porzione del Regno della Terra occidentale e ormai non si sarebbe ritirata facilmente. L’armata della terra resistette con grande forza d’animo e rallentò l’avanzamento nemico, ma col passare dei decenni venne sempre più spinta indietro. Nell’anno 79 DG, gran parte del regno dell’Ovest e del Nord erano caduti sotto il controllo della Nazione del Fuoco. La guerra fece soffrire il regno moltissimo che sperimentò fame, disperazione, fuga e morte, migliaia di fuggitivi vennero spinti ad abbandonare la propria patria per cercare rifugio nei quartieri poveri di Ba Sing Se, l’ultimo baluardo di sicurezza rimasto.

Cospirazione[]

La tendenza della continua perdita di potere del Re della Terra non si accennava a fermarsi, il che causò una stagnazione e una debolezza del governo centrale. Di conseguenza, i governatori delle province e i veri nobili erano capaci di estendere la loro autonomia finché alcuni di essi erano de facto indipendenti.

L2 E18 Re Kuei Long Feng

Long Feng controlla il Re della Terra

Dopo la morte del cinquantunesimo monarca, rimase come unico erede soltanto suo figlio Kuei che salì sul trono a soli quattro anni. Il suo ambizioso Gran-Segretario Long Feng vide in questo la sua possibilità di arruffarsi tutto il potere della capitale e trasformò il Re-bambino nel suo pupazzo obediente. Usando appieno il suo Dai Li, Long Feng soppresse ogni conoscenza della sanguinosa guerra al difuori delle mura di Ba Sing Se, dichiarando ogni parola su di esse un crimine, soltanto per impedire che il Re ne venisse a conoscenza. Questa rimase solo una illusione tenuta in piedi con la forza, nel resto del regno la guerra era un fatto assai reale e caotica. Non solo gli invasori, ma anche soldati del regno si comportavano spesso come piccoli imperatori che opprimevano la popolazione che dovevano proteggere e gli estorcevano gli ultimi averi. In altre parti, la gente comune veniva semplicemente lasciata da sola nella lotta per la sopravvivenza.

Assedio Ba Sing Se

Il muro abbattuto

Col passare degli anni, la situazione del Regno della Terra in questa guerra stava peggiorando sempre di più. La Nazione del Fuoco stava avanzando anche per i territori del Sud e dell’Est dopo aver preso completo possesso dell’Ovest. Nell'anno 94 DG infine, arrivò ai piedi del muro esterno di Ba Sing Se sotto il comando del Principe Ereditario Iroh che iniziò il suo famoso assedio di seicento giorni che entrerà nella storia. Ma anche dopo essere riuscito nell'impresa ritenuta impossibile di sfondare la prima line di difesa della capitale, le truppe si ritirarono inaspettatamente dopo la morte di Lu Ten, figlio di Iroh. Nonostante questo, questo assedio era stato una catastrofe per il Regno della Terra, dato che non solo aveva causato la perdita in-quantificabile di risorse naturali e umane, ma ha dato anche con colpo basso al morale degli abitanti di Ba Sing Se che doveva accettare che la “Città impenetrabile” non era in realtà davvero impenetrabile.

L2 E20 Azula minaccia Re Kuei

Azula ha in pugno il Re

Cinque anni dopo, il Regno della Terra infine cadde in ginocchio quando, dopo l’invasione di Omashu che aveva resistito da sola come l’ultimo baluardo dell’Ovest. Grazie ad Avatar Aang, la cospirazione nella capitale giunse a una fine improvvisa e forzata, il che portò a una breve restaurazione del potere del Re della Terra che finalmente venne a sapere della realtà. Nonostante l’arresto di Long Feng per alto tradimento, il Dai Li gli rimase fedele, dato che temeva che avrebbero perso il loro potere sotto il governo di Re Kuei. Nello stesso tempo si era intrufolata nella capitale la Principessa Azula e la sua squadra travestendosi da Guerriere Kyoshi e le due menti astute decisero di collaborare per far cadere il Re e terminare la vita dell’Avatar. Questa cospirazione terminò nel colpo di stato che costrinse il Re all'esilio e permise finalmente la conquista di Ba Sing Se da parte della Nazione del Fuoco, grazie anche al tradimento del Dai Li. Con questo, il regno era alla fine caduto per la sua interezza.

Periodo di restaurazione[]

Liberazione ba sing se

Liberazione della capitale

L’armata del fuoco invase le strade di Ba Sing Se, ma nonostante la caduta del governo centrale, i cittadini del Regno della Terra continuarono a mostrare nessun segno di resa e si sforzarono a resistere. Vennero organizzati delle ribellioni in ogni parte della nazione e i resti dell’armata della terra rimasero una minaccia per il potere degli invasori. La Nazione del Fuoco ebbe molta difficoltà a sopprimere questi atti di ribellione e durante l’eclissi perse anche Omashu che venne liberata da sola dal Re Bumi. Ozai, ormai auto-dichiaratosi Re Fenice, aveva perso la sua pazienza e decise di bruciare al suolo l’intero Regno della Terra durante la comparsa delle Cometa di Sozin, ma venne fortunatamente fermato in tempo da Avatar Aang che lo sconfisse. Finita la guerra, Re Kuei tornò sul trono e il governo venne restaurato con il ritorno del potere che i suoi predecessori avevano perso. Allo stesso tempo, la Nazione del Fuoco sotto il governo di Signore del Fuoco Zuko promise di fare di tutto per riparare ai danni causati.

Promessa 3 scontro armate

Le due armata si stavano per scontrare

Insieme all’Avatar Aang e Zuko, Kuei diede inizio al “Movimento della Restaurazione dell’Armonia” che doveva portare allo scioglimento di tutte le colonie abusive della Nazione del Fuoco sul suo territorio e portare alla collaborazione pacifica tra le quattro nazioni. L’annuncio di questa idea portò a celebrazioni in tutto il regno e specialmente a Ba Sing Se. Inizialmente, la decolonizzazione andò avanti senza grandi problemi, ma dopo un anno la colonia più vecchia, quella di Yu Dao, si ribellò e si rifiutò di collaborare ulteriormente. Questa ormai aveva più di cento anni e intanto le etnie dei suoi abitanti si erano intrecciate in modo permanente, per cui non si sentivano né cittadini della Nazione del fuoco né del Regno della Terra. Questo rifiuto era una pericolosa scintilla che stava rischiando di riaccendere la guerra ormai creduta superata quando un Re Kuei inespertamente freddo e crudele decise di scacciare via i colonialisti con la forza e mandò la sua armata mentre Zuko era deciso a voler difendere i “suoi” cittadini. Il conflitto venne fortunatamente meditato da Aang che propose di concedere alla colonia una completa autonoma. Negli anni successi, le colonie e i territori adiacenti continuarono a prosperare in modo esponenziale, specialmente la zona che sti trovava sulle rovine della antica città di Tienhaishi. Partendo da una semplice raffineria, creata dalla collaborazione tra Lao Beifong e Loban, il villaggio si espanse e in pochissimo tempo divenne una vera e propria città industriale, alla quale venne dato il nome di “Città dei Gru-Pesci”.

Squilibrio 3 panorama

Inizia l'era della industrializzazione

Nel resto del regno, i cittadini sfollati e fuggiti dalla guerra stavano ritornando nelle loro terre d’origine, ma molte volte la trovavano distrutte e derubate. Per tanti iniziò il duro lavoro di dover ricominciare da zero, ma molte volte divennero vittime di attacchi di banditi che annullavano ogni sforzo di ricostruzione. Mentre molte famiglie, separate durante la fuga, potevano riunirsi, altre invece dovettero accettare che membri della famiglia erano morti o risultavano dispersi. Alcuni dei fuggitivi rimasero a Ba Sing Se, ma anche lì la vita non era facile e dovettero stare attenti a non cadere nelle mani di capi del crimine che volevano usare  a loro favore questi tempi di cambio caotico. Nei decenni seguenti, il divario tra ricchi e poveri si allargò ulteriormente.

Città della Repubblica fronte

Città della Repubblica

Nello stesso tempo, il Re della Terra doveva bilanciare i suoi sforzi sia per ricostruire il suo regno che rafforzare i legami con le altre nazioni. In un momento ancora non definito entro all'anno 120 DG, i territori intorno alle vecchie colonie, inclusa Città dei Gru-Pesci, e altre province di etnie miste, vennero trasformati nella Repubblica delle Nazioni Unite. Re Kuei accettò la perdita di una buona porzione dei suoi territori dell’Sud-Ovest per creare questa nuova nazione sovrana e indipendente, ma questo portò a un risentimento molto diffuso tra i cittadini del regno che invece considerava questa nuova nazione degli invasori che occupava il loro territorio illegalmente. Nonostante tutto, molti di loro migrarono verso questa nuova nazione nella speranza di una vita più libera con nuove prospettive di lavoro.  

Governo della Regina Hou-Ting[]

B3 E03 Hou Ting

La terribile Regina Hou-Ting

Dopo la morte di Re Kuei, salì sul trono sua figlia Hou-Ting. Dalla personalità completamente opposta al suo predecessore, annullò gran parte delle riforme create da lui per crearsi una posizione da monarca autocratica assoluta. In confronto alla Nazione del Fuoco, la Repubblica Unita e persino le Tribù dell’Acqua, gran parte dei territori del regno continuava a soffrire di povertà e rimase indietro nello sviluppo tecnologico ed economico, causato maggiormente dalla mancanza di aiuto da parte della Regina. Al posto di occuparsi di alleggerire questa crisi, Hou-Ting usò il Dai Li per zittire ogni dissidente ed espanse la sua armata, credendo che ogni cittadino del suo regno era di sua proprietà.

Messi davanti a questo sviluppo non ottimale, alcune città come Zaofu si distanziarono sempre di più dal governo centrale fino a diventare de facto indipendenti. In tutto il regno comparivano gruppi di ribelli che volevano sia combattere per il popolo che rubare beni alle autorità, come per esempio il gruppo di Gombo, che si specializzò nei furti delle consegne delle tasse, che avevano raggiunti ormai livelli insostenibili per la persona comune. Nella parti più isolate erano attivi anche veri e propri signori della guerra come nei tempo antichi.

B3 E10 Mura Ba Sing Se

Cade il muro di Ba Sing Se

Tutto questo aiutò a fermentare conflitti sociali sopiti che esplosero dopo l’assassino della regina nell’anno 171 DG per mano del gruppo di anarchici del Loto Rosso. La inaspettata perdita del capo di stato scatenò sanguinose rivolte, specialmente nella metropoli di Ba Sing Se con la sua diseguaglianza sociale catastrofica. Dato che Hou-Ting aveva derubato ogni ufficiale burocratico del suo potere per ammassarlo da sola, nessuno era in grado di prendere il suo posto per mantenere l’ordine ed impedire che il regno cadesse nel caos più totale. Gran parte delle persone fedeli alla monarchia dovettero scappare dalla folla che non esitava a saccheggiare il palazzo imperiale e rubare ogni artefatto storico e prezioso. Di tutte le ricchezze della regina rimase soltanto uno dei suoi orecchini dorati che il Gran-Segretario Gun aveva salvato personalmente. Nonostante l’intervento delle altre nazioni per trovare una soluzione pacifica, l’anarchia rampante causò la frattura del regno in una sessantina di stati indipendenti mentre banditi ben organizzati terrorizzavano la popolazione.

L'impero della Terra e la via per la democratizzazione[]

I governatori delle altre nazioni giunsero alla conclusione che, se volevano ristabilire l’ordine nel regno, dovevano riempire il vuoto di potere lasciato dalla regina, e la persona più adatta era, secondo loro, Suyin Beifong. Questa però si rifiutò, il che  spinse la capitana delle sue guardie Kuvira di tradirla e di partire per Ba Sing Se insieme a una delegazione di soldati e persone più benestanti di Zaofu per stabilizzare la capitale. La donna ci riuscì in poche settimane e con questo si guadagnò la fiducie dei altri governatori e le concederono la carica di governatrice provvisoria del Regno della Terra e Generale dell’armata. Grazie a questa autorità, Kuvira espanse la sua armata e si impegnò a riunificare il regno caduto in frantumi, conquistandosi il titolo onorevole di “Grande Unificatrice”.

B4 E01 annessione Yi

Kuvira, la Grande Unificatrice

Kuvira eseguì il suo compito con precisione e forza militare, forzando l’annessione a volte con minacce e violenza. Con l’espansione del suo potere, Kuvira diventò sempre di più una dittatrice autoritaria che non esitava ad usare metodi illegali e crudeli per rassicurarsi il potere sui territori occupati. Questi metodi inclusero la costruzione di “campi di rieducazione” per criminali e dissidenti e la purga di ogni cittadino non natio del Regno della Terra come quelli discendenti dalla Nazione del Fuoco o dalla Tribù dell’Acqua. Ordinò ai suoi scienziati di sviluppare armi sempre più potenti che culminò nelle ricerche di Varrick e del suo fidanzato Baatar Jr sull’energia delle liane spirituali.

Kuvira armata Zaofu

Kuivra davanti a Zaofu

Kuvira portò a termina la riunione del regno nell’anno 174 dopo tre anni di lavoro e avrebbe dovuto consegnare il suo poter provvisorio al Principe Wu, l’erede legittimo al trono. La donna però si rifiutò e negò ogni autorità del nobile, dichiarando la fine del Regno della Terra in favore al suo nuovo Impero della Terra sotto il suo controllo assoluto. Le altre nazioni si rifiutarono di riconoscere questa nazione e la accusarono di aver abusato del suo potere per creare una dittatura illegale. La donna però non se ne curò minimamente e confermò la sua decisione con l’invasione di Zaofu, l’ultimo stato rimasto ancora indipendente, sconfiggendo Avatar Korra in duello.

B4 E11 armata contro colosso

Davanti a Città della Repubblica

Con tutti i territori ora riuniti sotto la sua bandiera dell’Impero della Terra, Kuvira ora si rivolse alla Repubblica Unita che dichiarò un territorio rubato e occupato illegalmente. La sua armata marciò contro il nemico con la sua ultimissima arma terribile, un cannone ad energia spirituale montata su un robot colossale di platino e dichiarò la guerra. Abbatté le forze nemiche con una facilità impressionante e ordinò la resa incondizionata del presidente Raiko che non aveva altra scelta che obbedire. Avatar Korra e i suoi amici la affrontarono nonostante la disparità di potere in una battaglia furiosa a Città della Repubblica e riuscirono a distruggere il mecha dall'interno, ma Kuvira non si arrese. Solo quando Korra la salvò dal raggio del suo stesso cannone catapultando sé stessa e la sua rivale nel Mondo degli Spiriti, Kuvira infine si rese conto dei suoi errori e posò le armi. La “Grande Unificatrice” si lasciò arrestare senza fare resistenza e ordinò alle sua truppe di arrendersi immediatamente, dichiarando la fine dell’Impero della Terra.

Rovine 3 Wu discorso Gaoling

Wu promette di dare il meglio

Dopo questo, Re Wu si insediò sul trono come previsto, ma decise che, secondo lui, sarebbe meglio che la monarchia venisse abolita in favore a una federazione di stati indipendenti con un governo eletto democraticamente. Nonostante la resistenza di forze tradizionalistiche, Wu e i governi dei vari stati iniziarono a formulare una strategia per permettere la democratizzazione graduale del regno e il suo scioglimento. Il primo stato designato era Gaoling, ma i resti dell’Impero della Terra sotto il Comandante Guan volevano usare questa opportunità per tentare una rinascita usando la tecnologia del lavaggio del cervello. Fortunatamente, questo venne fermato da Avatar Korra e dall'aiuto inaspettato di Kuvira, ma Wu dovette rendersi conto che era stato irrealistico pensare che un regno così grande e antico potesse trasformarsi in una federazione in così poco tempo. Annunciò quindi che ogni stato dovesse organizzare le proprie elezioni basandosi sulla sua situazione individuale, nel frattempo era pronto a servire ancora come Re della Terra.

Rovine 1 Guan incita soldati

Guan non si vuole arrendere

Dato che il regno aveva sperimentato due dittature in pochi decenni che avevano infierito pesantemente sui villaggi sperduti e piccoli che erano stati lasciati da soli a combattere contro la povertà e i banditi, la fiducia nelle autorità era poco più di zero. La vita in questi villaggi non era mai stata facile e ogni promessa di miglioramento aveva avuto sempre qualche ulteriore motivo segreto. Il desiderio di Re Wu di democratizzare il regno venne dichiarato come insulso e il problema minore rispetto a quelli attuali; la gente pensava per prima cosa al cibo a alle abitazioni anziché la forma di governo attuale. Spinti dalla fame, molti di loro si trasferirono nelle città alla ricerca di lavoro, ma questi immigranti sovraccaricarono le infrastrutture lì presenti e spesso caddero nelle grinfie delle triadi mafiose.

Politici corrotti, che erano saliti al potere grazie al caos e usando la povertà della popolazione, sparsero notizie false sul processo di democratizzazione per generare odio verso Re Wu a cui davano le colpe per ogni problema. Fedeli alla monarchia radicali e i resti dell’Impero della Terra erano un ulteriore minaccia per il processo di elezioni che era ancora lontano dal compimento.

Geografia[]

Regno Terra

Il vasto Regno della Terra

Per via della sua grandezza immensa, anche la geografia del Regno della Terra varia moltissimo. Le zone del Nord-Ovest sono montanare con vaste foreste conifere con poche città, mentre la costa occidentale offre un clima molto più mite e foreste varieggiate. Andando verso il centro, si trovano diverse paludi e canyon, di cui il più grande è il Grande Spartiacque, profondo quasi un chilometro. Nel centro della nazione si trova il deserto più grande del mondo, ovvero il temuto deserto Si Wong.

La costa del Sud-Ovest è coperto di foreste ricche; a parte l’ombra pluviale creato dalle montagne die Kolau che invece offre solo una landa coperta di erba adatta a un clima più arido e secco. La città più grande e famosa di questa zona è Omashu, la seconda città più grande del regno. Andando ancora più a Sud, il clima diventa quasi tropicale con vaste reti di fiumi e torrenti, in cui si trovano alcune delle città più ricche come Gaoling. Tornando verso nord però, la zona diventa nuovamente arida e rocciosa, e infine si raggiunge nuovamente il deserto Si Wong.

La zona dell’Est del regno non possiede grandi città, l’unica eccezione ovvia è la immensa metropoli di Ba Sing Se con quasi con decine di milioni di abitanti che viene sempre segnata sulle mappe come quasi una nazione a parte. La strada più famosa per raggiungerla passa sul passo del serpente, un passaggio stretto che divide i due Grandi Laghi che si trovano tra Ba Sing Se e il deserto Si Wong e sono i più grandi laghi del mondo.

Storicamente, Il Regno della Terra non aveva bordi diretti con le altre nazioni, a parte il territorio intorno al Tempio dell’Aria del Nord, che appartengono ai Nomadi dell’Aria. Nell’era moderna però si è aggiunto il confine con la Repubblica Unita che si trova nel Sud-Ovest del regno e che un tempo ne faceva parte.

Anche se nel primo momento potrebbe sembrare banale, ma le risorse più preziose del Regno della Terra sono gli estratti della terra come cristalli o metalli. Questi vengono usati in tantissimi ambiti, manipolati e raffinati per essere usati per costruire intere metropoli. Al contrario della Nazione del Fuoco che usa il metallo e il carbone in maniera eccessiva, il regno si affida anche ad altre risorse, ma possiede comunque alcune miniere sparse. A parte il carbone, la risorsa naturale più usata è la legna che proviene dalla ampie foreste a volte apparentemente infinite. Le vaste risorse di carbone e metallo furono anche una delle cause per l’inizio della Guerra dei Cent’Anni, dato che la Nazione del Fuoco sotto Sozin bramava usarle per conquistarsi il dominio sul mondo. Nell’era moderna, i metalli sono la base dell’economia e del commercio internazionale, il cliente più stretto è la Repubblica Unita.

A parte le miniere, l’economia si basa anche sull’architettura, l’agricoltura, la costruzione edile e la caccia. Le varie città hanno sviluppato una vaste rete di alleanze per poter vendere e comprare vari beni che portava benessere nella maggior parte del regno. Spinti dalla necessità locali, la persone hanno trovato soluzioni a vari problemi a volte molto innovativi, come il sistema delle fognature e la distribuzione della posta di Omashu alla metropolitana di Ba Sing Se, oppure le varie invenzioni da gente geniale come il meccanico dimostrano la struttura sorprendentemente sofisticata del Regno della Terra.

A parte le regioni desertiche e quelle di alta montagna, il terreno è molto fertile e permette la coltivazione di una vasta gamma di frutti, grani e verdure. Nelle foreste, spesso ancora poco esplorate, vivono una infinità di animali di vari generi mentre i contadini tendono animali domestici che vengono usati come cibo o da soma.

Politica[]

Sistema di Governo:[]

  • Monarchia assolutista ereditaria (fino al  250 AG circa)
  • Monarchia costituzionale (fino all’anno 174 DG, in processo di democratizzazione)
  • Dittatura militare (anno 174, era dell’Impero della Terra)
  • Confederazione di stati indipendenti (in processo)

Capo di stato: Monarca della Terra (Re/Regina)

Capo del governo: Gran Segretario di Ba Sing Se

Il Regno della Terra è in realtà una confederazione di vari stati che sottostanno al governo centrale di Ba Sing Se, ma vengono governati da amministratori locali. La capitale viene guidata formalmente dal Monarca della Terra, di cui potere ha fluttuato radicalmente nel corso dei secoli, passando da Re assolutista a mera figura politica senza potere effettivo. Al monarca assiste il Gran-Segretario di Ba Sing Se, una schiera di ministri e la imponente e famosa burocrazia della capitale. Il nobile viene protetto dalle storiche Guardie Imperiali dominatori della terra che servono anche come forze d’ordine. Fino all’era di Avatar Roku, i Saggi della Terra erano stati elementi cruciali per il governo e la guida spirituale del paese.

Le forme di governo dei vari territori sono molto diversi tra di loro e si orientano alla cultura locale e l’organizzazione sociale. Durante l’era di Kyoshi, il regno era diviso in cinquantacinque stati, ma possedeva anche vari regno inferiori, province, prefetture e città-stato autonomi. I governatori possono essere monarchi sub-nazionali, governatori, prefetti, sindachi o magistrati che governano come gli piace a loro. Generalmente si più dire che con la distanza dalla capitale aumenta l’autonomia.

Nella gran parte degli uffici pubblici, inclusi quelli dei governatori e monarchi minori, sono ereditari; questo deriva dalla tradizione storica, ma anche dalla corruzione estesa. Difatti, la corruzione era così ingranata nella cultura che venne considerata persino una parte naturale del governo, come lo aveva sperimentato Avatar Kyoshi più volte. L’armata era presente in gran parte del regno, ma possedeva poco potere generale; al di fuori dalle città maggiori, le autorità locali erano quelli che gestivano il servizio di polizia e di difesa con leggi che spesso erano molto differenti tra una regione all’altra. La zona di Si Wong per esempio era quasi fuori-legge e un paradiso per criminali e pirati, mentre altre zone isolate non avevano quasi nessun contatto con il governo centrale. Al di fuori di Ba Sing Se, non si sono viste strutture complesse di organizzazione legale, ma nonostante tutto, l’autorità del Monarca della Terra rimase intoccata e poteva sempre agire senza temere una punizione.

Durante l’era di Kyoshi, il potere del Monarca della Terra inizio a diminuire e reggenti successivi si accontentarono del loro status quo e preferivano delegare mansioni in favore a più tempo libero. Inizialmente, questo era stato una tendenza positiva che aiutava a mantenere la pace tra i vari stati e l’implementazione veloce di misure per aiutare persone in difficoltà. Dopo la morte di Kyoshi però, questi aspetti positivi si erano già persi e gli ufficiali del governo iniziarono a manipolare la costituzione a scopo privato e lucrativo. L’unico che si ribellò in segreto questa tendenza fu il Re della Terra Jialun che però, grazie alla sua avarizia e il suo egoismo, rischiava incidenti internazionali e si attirò l’ira dei suoi sudditi.

Il declino del Monarca della Terra ebbe il sui culmine durante l’era del cinquantaduesimo monarca, Re della Terra Kuei. Mentre veniva venerato come una sorta di essere superiore, in realtà non possedeva quasi nessun potere effettivo e venne tenuto a bada dal suo Gran-Segretario Long Feng che gestiva in realtà tutte le mansioni. All’Interno di Ba Sing Se, Long Feng e il suo Dai Li possedevano un controllo quasi totale sulla popolazione e usava il suo potere per tenere il Re all’oscuro della sanguinosa guerra che stava mietendo migliaia di vittime fuori dalle mura. Rese illegale anche solo parlare della guerra e trasformò la capitale in uno stato di polizia per promuovere l’immagine utopica di un’isola di pace e rimuovere con la forza ogni cenno di ribellione tramite rapimenti e lavaggi di cervello. Gli aiutò anche la burocrazie incredibilmente lenta e intrecciata dove aveva innumerevole possibilità di manipolazione; per esempio ci volevano tre le sei e le otto settimane per processare una richiesta di incontrare il Re.

Il governo di Long Feng terminò poco prima della caduta di Ba Sing Se in seguito a un colpo di stato orchestrato da Azula, ma dopo la fine della guerra, il potere del Re della Terra venne reinstallato come monarca assoluto. La Regina Hou-Ting, disgustata dalla figura di suoi padre, si appropriò di tutto il potere sul suo regno e operò come se tutti gli abitanti e le risorse siano di sua proprietà personale. Non accettava nessuna ribellione e vedeva ogni diffidenza come un attacco personale, non curandosi della povertà dei suoi sudditi. Al contrario di suoi padre, lei era ben al corrente del fatto che nelle province distanti da Ba Sing Se la gente non si curava dei lei, ma finché non causavano problemi, li ignorò. Dopo la sua morte violenta per mano di Zaheer si aprì un vuoto di potere, dato che a parte la regina nessuno aveva avuto alcun potere effettivo, il che fece precipitare il regno nell’anarchia totale.

Nel tentativo di ristabilire l’ordine, alla ex-capitana delle guardie di Zaofu, Kuvira, venne affidata la missione cruciale di prima pacificare Ba Sing Se e poi il resto della nazione. Alla donna venne conferito il rango di governatrice provvisoria e in tre anni riuscì a portare a termine la sua missione per il novanta per cento, il che convinse il resto del mondo che la situazione si era calmata abbastanza. Inizialmente Kuvira doveva consegnare il potere al nuovo Re della Terra durante la sua incoronazione, ma la donna, ormai famosa come “Grande Unificatrice”, si rifiutò e dichiarò che il Principe Wu era inadatto al suo compito e che il sistema anarchico di governo del regno era stata la causa del suo collasso. Con questa parole annunciò che il Regno della Terra non esisteva più e che ora governerà quello che sarà l’Impero della Terra. Dopo la completa riunione di tutti i territori, inclusa la ribelle Zaofu, Kuvira tentò di invadere anche la Repubblica Unita che vedeva ancora come una provincia del vecchio regno occupata illegalmente.

Dopo alla sconfitta di Kuvira per mano dell’Avatar Korra, Re Wu tornò sul trono, ma iniziò a credere che forse era giunto davvero il momento di abolire la monarchia in favore a stati indipendenti con governatori eletti dal popolo. La transizione iniziò alcuni mesi dopo, ma sperimentò subito una crisi per via del tentativo di resurrezione dell’Impero della Terra. Il desiderio di democratizzazione dei Re non venne condiviso da molti politici corrotti che temevano di perdere il loro potere e tentarono di agitare la popolazione contro Wu per influenzare le lezioni secondo le loro aspettative. Seguaci fedeli e militanti della monarchia e i resti dell’Impero della Terra rimangono ancora una minaccia per la democrazia ancora in processo di realizzazione.

Governatori conosciuti:[]

· Re Feishan

· Re Yi Ming

· 46° RE della Terra : c. 270 AG

·  Re Jialun: circa 66 AG - 54 AG

· Re Kuei, 52° Re della Terra : 79 - 100 DG; 100 AG - ignoto

· Azula: Primavera del 100 DG (usurpatrice)

· Regina Hou-Ting, 53° Monarca della Terra: ignoto - 171 DG

· Kuvira - 171 DG - 174 DG (Presidentessa provvisoria), dittatrice militare

· Re Wu, 54° Monarca della Terra: 174 DG - presente

Territori[]

Durante l’era di Avatar Kyoshi, il regno era diviso in cinquantacinque stati, ma nel corso degli anni i loro confini sono in continuo cambiamento. Alcune province non esistono più mentre altre si sono formate, alcuni stati sono composta da varie province e alcuni possiedono autonomia più grandi delle altre.

Regni:

  • Ba Sing Se: capitale, governato dal Monarca della Terra
  • Omashu: guidata dal Monarca di Omashu
  • Tienhaishi (distrutto durante l’era di Yangchen)

Stati:

  • Stato di Chenbao
  • Stato di Gaoling
  • Stato di Yi

Province

  • Province dell’Est
  • Provincia di Gintong (zona arida vicino al deserto Si Wong)
  • Province di Hu Xin
  • Provincia di Yang
  • Provincia di Zeizhou (costa meridionale)

Prefetture

  • Yousheng (nel Nord)

Territori di stato non chiaro:

  • Zaofu: città-stato autonoma, fondata negli anni 140 DG, guidata dalla matriarca del clan del metallo
  • Isola di Kyoshi: isola autonoma con un governatore

Territori speciali:

  • Hujiang: Città di fuorilegge, abbandonata nell'anno 296 AG
  • Deserto Si Wong: de facto indipendente da ogni governo per via della geografia
  • Città dei Gru-Pesce: Governo di corporazioni, trasferita poi nella Repubblica Unita
  • Bin-Er e Taku: Città internazionale governata da un Shang Zongdu

Polizia[]

Al Regno della Terra manca un codice di leggi universale e il suo servizio di polizia è estremamente decentralizzato e disomogeneo. Esistono mole organizzazioni di polizia in parallelo che seguono il codice dello stato attuale e spesso gestire dal governatore locale secondo le sua idee personali. Nell’era di Kyoshi esistevano unità di polizia provinciali, gli ufficiali della pace di Ba Sing Se e il Dai Li. L’ultimo doveva servire come protettori della cultura, ma venne usato anche come polizia segreta per gestire dissidenti e persone non grate. Il Dai Li non seguiva le leggi della città, ma soltanto gli ordini del Monarca della Terra e, più tardi, del Gran-Segretario, il che permise persino di tradire la sua nazione.  Ha ripreso il suo compito come polizia segreta sotto Hou-Ting mentre non è chiaro cose ne sarà in futuro.

Già da secoli, il crimine era stato uno dei problemi maggiori del regno che non vide molta resistenza da parte delle autorità, scarsamente presenti nelle province rurali. Il perseguimento dei crimini cadde spesso nelle mani delle autorità locali e l’armata, ma nessuno poteva combattere il crimine in modo efficace. Questa situazione delicata divenne ancora più critica in tempi di crisi come la guerra dove centinaia di ladri e banditi potevano attaccare i fuggitivi senza dover temere una punizione. A Ba Sing Se, molte persone civili erano costretti a diventare criminali per sopravvivere, vista la povertà lampante che regnava nell’anello inferiore.

Cultura[]

Per via del dominio della terra prevalente nel Regno della Terra, Iroh una volta ha definito questo elemento come quello della “sostanza”, ovvero testardo, immobile, continuo. Questo si rifletta anche sui suoi cittadini e la personalità prevalente, dalla cultura forzata di Ba Sing Se con le sue mille regole rigide all’isolazionismo arbitrario dell’Isola di Kyoshi e alla tribù isolate che vivono come nomadi del deserto Si Wong. Non esiste una cultura generale che comprende l’intero Regno della Terra, la mera grandezza e vastità del territorio non lo ha permesso, al suo posto esiste una grande varietà e gamma di culture e costumi. Inoltre, col passare dei secoli, si sono formati dialetti a volte così stretti che erano difficilmente comprensibile per abitanti di un’altra regione.

Un aspetto generale però si può trovare nella tendenza di voler, a tutti i costi, preservare una facciata, ovvero la reputazione e rango di una persona davanti agli altri. Viene tenuto alto il rispetto per gli antenati e la propria famiglia, l’appartenenza a un clan o una famiglia è molto importante.

Come la cultura, via anche l’architettura. Come le altre nazioni, anche il Regno della Terra ha un colore predominante, nel suo caso è il verde in tutte le tonalità che vanno dal marrone fino al giallo. La maggior parte degli edifici sono fatti in pietra, legno e cemento, possono essere edifici singoli o congiunti in base all'utilizzo e alle risorse naturali locali. Quasi tutte le case hanno tetti inclinati coperte di piastrelle di color verde o grigio scuro, colori gialli indicano edifici di nobili, specialmente a Ba Sing Se. Come simbolo del governo, sugli edifici ufficiali e le fortezze si vede l’emblema nazionale. Lo stato delle strade varia considerevolmente, nei territori rurali sono spesso sterrate e in cattivo stato mentre le città hanno strade asfaltate e ben tenute.

A parte del grandi città, la maggioranza della popolazione vive in piccoli villaggi sparsi dappertutto con solo qualche dozzina di abitanti mentre villaggi più grandi con più di mille abitanti sono molto meno frequenti. Il resto vive nelle grande città come Omashu o Ba Sing Se che raccolgono gente da tutto il regno circostante. La città di Taku, anch’essa molto importante, venne distrutta durante la grande guerra.

Nonostante che il Regno della terra abbia avuto da sempre una storia di migrazione, gli abitanti dei villaggi sono riservati e scettici in confronto a persone straniere. Molte famiglie e tribù vivono ancora come nomadi o fuorilegge, durante ere di grande carestie e crisi erano normali veder flussi di migrazioni da una parte del regno all’altra. In aggiunta, da sempre il regno ha ospitato persone discendenti dalla nazione del Fuoco e dalla Tribù dell’Acqua che si sono integrare nella popolazione generale. Questi stranieri erano spesso venuti come commercianti,  lavoratori e colonialisti che rimasero lì dopo aver messo su famiglia. Eccezioni a questa regola erano membri stranieri delle gang di Daofei e i colonialisti della Nazione del Fuoco durante la guerra. Durante la fondazione della Repubblica Unita che comprendeva i territori più etnicamente diverse, molti discendenti di immigranti rimasero nella loro nuova patria finché non divennero vittime della purga etnica sotto il governo di Kuvira.

Tra tutte le nazioni, il Regno della Terra ha la maggior difficoltà nell'accettare relazioni omosessuali; neanche Avatar Kyoshi, una delle persone più influenzali della storia che era famosa per aver avuto relazioni amorose sia con donne che con uomini, era riuscita a dare un cambio permanente. Il regno fa tutt’ora fatica ad accettare relazioni del genere nella vita quotidiana ed era stato in passato molto repressivo e severo con persone omo- e bisessuali. Sembra però che questa tolleranza vari da provincia a provincia, dato che nell'anno 99 DG per esempio nella zona di Makapu si erano sposati due uomini con una figlia.

Apparenza fisica[]

Come naturale, le persone del Regno della Terra sono molto diversi tra di loro; hanno capelli che vanno dal nero al marrone, occhi verdi, grigi o marroni e la pelle spesso scura, anche se alcuni gruppi hanno la pelle molto chiara.

I colori tradizionali dei vestiti vanno da una vasta scala di verdi e gialli fino a toni in marrone e beige. Mentre persone comune preferiscono un taglio di capelli comodo per la mansione, persone aristocratiche o importanti amano portare acconciature elaborate e fantasiose per fare impressione. La moda varia ovviamente da regione a regione, nel Sud e nell’Ovest, gli uomini portano i capelli con un nodo sulla nuca ornato da aghi e  spille e portano spesso barbe personalizzate. Le donne preferiscono lasciare i capelli sciolti oppure raccolti in trecce. A Ba Sing Se però vige la moda di raccogliere i capelli introno a supporti elaborati e a volte ingombranti ornati di fuori e tasselli vari mentre uomini preferiscono un codino semplice. I cittadini di Omashu invece portano tuniche semplici e pratiche e nascondono i capelli sotto un turbano o un cappello. Contadini e altri lavoratori in campo portano cappelli di paglia conici per proteggersi dal sole.

Emblema[]

L’emblema nazionale del Regno della Terra è un quadrato verde chiaro all’interno di un cerchio, al suo interno si trova un altro cerchio che a sua volta ha un piccolo quadrato. Questo deve simboleggiare la “profondità” del regno sia nel senso letterale che metaforico: sta per gli “innumerevoli strati di roccia e minerali che i dominatori della terra manipolano per mantenere le grandi città”, ma anche per la dedizione dei suoi abitanti nel mantenere uno stile di vita pacifico e produttivo.

Lo stemma si trova sia sugli elmi dei soldati che sulle monete di rame, argento e oro, anche se l’ultima possiede delle protrusioni sul brodo che gli dà una forma simile a un fiore.

Cibo[]

Grazie alla grande varietà di minerali della terra coltivata, i contadini del Regno della Terra sono capaci di far crescere una vastissima gamma di frutti, grano e verdure che permette una dieta molto varieggiata. A questo si aggiunge la carne dei animali domestici come maiali o pollame, oppure della selvaggina oppure il pesce di fiume o di mare. La bevanda più diffusa è il tè tratto da varie piante incluso il ginseng, lychee, gelsomino e il raro cespuglio del drago bianco.

Territori di confine con la Nazione del Fuoco o le Tribù dell’Acqua implementano spesso variazioni che comprendono specialità straniere, specialmente durante l’occupazione della Nazione del Fuoco che spinse la distribuzione della propria cucina come metodo di conversione.

Armata[]

L2 E01 Fong benvenuto

I soldati del generale Fong

Dato che il Regno della Terra è la nazione più vasta del mondo, possiede anche una grande varietà di organizzazioni militari e personale. Come nella Nazione del Fuoco, l’armata è composta da dominatori e soldati normali, entrambi potano una grande varietà di armi che vanno da lance, spade e altre armi banche fino a armi atipici come martelli, asce o falci.

La cavalleria consiste in soldati in monta su cavalli-struzzo che possono correre velocemente e arrampicarsi per brevi tratti. Un’altra specie di animale da soma sono anguille-segugi che vengono usati anche per il trasporto di merci.

Dominatori della terra usano come arma pietre piatte e rotonde di circa due metri di diametro che hanno una forma molto simile alle monete e ricordano molto l’emblema nazionale. Vengono usate sia per l’attacco che per la difesa, nel primo caso come proiettili , nel secondo come muro di difesa allestito al momento. Dominatori abili possono usarli anche come mezzo di trasporto “cavalcando” nel buco al suo centro come in una ruota.

Durante l’invasione durante l’eclissi, Sokka ha fatto costruire dei carrarmati che vengono mossi da quattro dominatori della terra e che possono proteggere una dozzina di soldati al suo interno. Questi veicoli possiedono una copertura armata molto resistente e il lor design a segmenti gli permette di superare terreno roccioso facilmente e di evadere attacchi, allo stesso permettendo ai dominatori di lanciare proiettili di roccia.

L1 E07 Zuko salva Iroh

Tentano di arrestare Iroh

Soldati semplici portano uniformi di varie tinte di verde che si differenziano da regimento in regimento. Soldati dominatori portano cappelli semi-tondi e sono scalzi, mentre non-dominatori hanno un almo sotto il cappello e portano stivali.

Dopo la fine delle guerra, l’armata espanse il suo arsenale, copiando alcuni prototipi del nemico per modificarlo e implementarli. Quando Re Kuei ha fatto marciare l’armata verso Yu Dao, si sono visti diversi carrarmati modificati e persino alcune mongolfiere.

In seguito alla Convergenza Armonica dell’anno 171 DG e la susseguente comparsa di nuovi dominatori dell’aria in tutto il regno, la Regina Hou-Ting ordinò di rapire ogni dominatore noto per farlo iscrivere obbligatoriamente nella sua armata, più precisamente nel primo Regimento del Dominio dell’Aria, una unità creata appositamente per loro.

Consiglio dei Cinque[]

Il Consiglio del Cinque era stato un gruppo di Generali più alti del regno che discussero le strategie di difesa durante la Guerra dei Cent’Anni. Questi Generali crearono piani di battaglia per le armate che stavano combattendo contro la Nazione del Fuoco fuori dalle mure di Ba Sing Se e organizzava la difesa della capitale. Il Consiglio del Cinque era anche a capo delle Guardie del Re, una sguarda di soldati d’élite che erano le guardie del corpo del monarca. Dopo la persa di comando di Long Feng, persino il Consiglio doveva stare attento a non lasciarsi sfuggire un commento sulla guerra, dato che il capo del Dai Li era deciso a nascondere questi fatti da Re Kuei per tenerlo buono come una sua marionetta. Dopo il suo attesto in seguito alla messa in luce della cospirazione, Long Feng collaborò con Azula per un colpo di stato, durante il quale il Dai Li arrestò i membri del Consiglio dei Cinque dichiarandolo nemici del regno. Non si sa se è stato reinstallato in futuro.

Membri:

  • Generale How (Comandante)
  • Generale Sung
  • Generale Duanmu
  • Generale Khièu
  • Generale Yiwen

Flotta navale[]

La flotta venne gradualmente ricostruita nel secoli successivi finché, circa 50 anni prima della guerra, venne coinvolta nel conflitto al passaggio del Nord con la Tribù dell’Acqua del Nord. Una battaglia aperta venne fortunatamente evitata grazie all’intervento di Avatar Roku e i Nomadi dell’Aria, così non ci furono perdite. Le tensioni sull’isola di Natsuo spinse Re Jialun a mandare alcuni velieri di addestramento a pattugliare introno a questa isola, il che era un gioco di potere molto delicato. Nel frattempo, il Regno della Terra iniziò ad interessarsi di nuove navi a motore a carbone e cercò di convincere la loro inventrice Massak a condividere la sua conoscenza.

Durante la guerra, la flotta navale era decisamente inferiore a quella della Nazione del Fuoco; Zhao venne promosso a Comandante dopo aver affondato una nave nemica in battaglia. Nell’anno 99DG, una nave del Regno della Terra ha trasportato il Capitano Boquin e le sue truppe attraverso il mare Ce Mo.

Nonostante lo svantaggio strategico e di potenza, il Generale How era pronto a mandare una flotta di nave per l’invasione della Nazione del Fuoco durante l’eclissi, anche se il Generale Fong aveva dichiarato prima che uno scontro diretto tra le due flotte nevali sarebbe stato uno suicido per il Regno della terra.

Flotta aerea[]

Poco dopo la fine della guerra, il Regno della Terra si appropriò dei piani di costruzione delle mongolfiere da guerra della Nazione del Fuoco che erano stati usati nei mesi finali della guerra. L’armata li incorporò presto nel suo arenale con piccolo modifiche come il colore e l’emblema del Regno della Terra. La sua prima missione era stata Yu Dao dove portavano Re Kuei fino alla ex-colonia della Nazione del Fuoco.

Circa settant’anni dopo, il Regno della Terra ha comprato dei dirigibili dalla ditta Cavolo Corporation, che erano meno costosi che quelli di alta qualità di industrie del Futuro. Ma erano stati fatti anche con materiali di seconda qualità, il che li fece diventare meno resistenti e suscettibili a danni.

Squadre speciali[]

Team Terra[]

Questa era stata una squadra speciale di dominatori della terra sotto il comando del Generale Sung e vennero considerati soldati molto capaci. Le loro uniformi erano molto simili ai soldati normali, ma erano abituati al lavoro di squadra. Durante la loro breve comparsa dove vennero chiamati per fermare l’avanzamento di una trivella gigante della Nazione del Fuoco che stava minacciando il muro esterno di Ba Sing Se, dimostrarono il loro lavoro di squadra con attacchi coordinati. Purtroppo non poterono far nulla contro Mai e Ty Lee che li sconfissero in pochi secondi, gettando Sung nella disperazione.

Guerriere Kyoshi[]

Suki Guerriere Kyoshi

Le Guerriere Kyoshi

Le Guerriere Kyoshi sono un gruppo di combattenti femminili proveniente dall'omonoma Isola di Kyoshi che, sotto la guida di Suki, si sono allontanati dalla loro patria per aiutare la popolazione durante gli anni finali della Guerra dei Cent'Anni. Inizialmente non sono stati molto accoglienti con stranieri, specialmente con uomini, dato che finora l'unico maschio che si era allenato con loro era stato Sokka.

Queste combattenti si vestono con una tunica verde con una armatura tradizionale, in aggiunta portano una make-up bianco e rosso e usano ventaglio di metallo, tutto questo in onore alla fondatrice, l'Avatar Kyoshi. A differenza di lei però, quasi nessuno é una dominatrice, per cui usano le arti marziali per combattere. A parte i ventaglio, sono anche mastri nell'uso della spada e degli scudi, la loro tecnica marziale ha lo scopo di utilizzare la forza dell'avversario contro di lui. Dopo aver permesso a Ty Lee, una ragazza in origine nemica proveniente dalla Nazione del Fuoco, alcune di loro hanno imparato il blocco del Chi e lo hanno aggiunto alle loro abilità.

Armata dell'Impero della Terra[]

Kuvira armata Zaofu

Kuvira e la sua armata

In seguito alla rivolta del Loto Rosso e l'assassino della Regina Hou-Ting che ha fatto precipitare il regno nel caos, era stato affidato a Kuvira il compito di stabilizzare la nazione con la sua squadra di sicurezza di Zaofu. Dopo essere riuscito a pacificare Ba Sing Se, alla donna era stata poi permesso di continuare la sua missione su tutto il Regno della Terra con il poter provvisorio di presidentessa temporanea. Nei tre anni successivi, Kuvira riportò l'ordine nel regno con metodi non sempre onesti, ma avrebbe dovuto poi consegnare il potere al erede legittimo al trono, il Principe Wu alla sua incoronazione. In questi tre anni, Kuvira ammassò non solo un'intera armata, ma anche armi e mezzi militari impressionanti che usò per portare ordine e mantenere il controllo sulle province annesse, usando a volte anche volenza e ricatti se confrontata con governatori cocciuti. La sua armata pian piano prese il comando sull'intero regno, sostituendo le forze presenti grazie alla sua efficacie e ordine rigido. Nell'anno 174, durante la cerimonia di incoronazione, Kuvira usurpò il poter rifiutando di consegnarlo a Re Wu e dichiarò la nascita dell'Impero della Terra al posto del Regno della Terra.

I soldati dell'Impero portarono uniformi molto più moderni e snelli, in tonalità verdi e neri con pezzi di metallo sulle spalle e sulle braccia. La quantità aumentava se il soldato era un dominatore, inoltre si usavano insegne di rango unificati. L'armata era molto ben organizzata e strutturata, era provvista di Jeep, carrarmati e dirigibili, inoltre Kuvira fece costruire un robot di platino per l'invasione della Repubblica Unita.

Località degne di nota[]

Abitanti degni di nota[]

Trivia[]

  • Il Regno della Terra sembra di somigliare alle dinastie dei Ming e dei Quing della Cina- ad eccezione di Gaoling che invece sembra trarre inspirazione dalla dinastia Tang. Gli edifici di Ba Sing Se sono simili a quelli della Città Vietata; tutti gli abitanti del regno hanno qualcosa che li fa ricordare la Cina. Gli abiti reali del monarca sono inspirati a quelli usati durante il governo della dinastia Qing. Ovviamente, per via della grandezza del regno, ci sono eccezioni come gli abitanti dell’Isola di Kyoshi che i vestono similmente alla gente del Giappone mentre altri invece preferiscono la moda coreana o hanno gusti proprio unici come Re Bumi.
  • In tutta le serie, il Regno della Terra era stato mostrato di più, il che ha permesso uno studio della sua cultura complessa.
  • Il Regno della Terra sembra aver una forma di governo simile al Regno Santo Romano con piccoli regni (Omashu o Isola di Kyoshi), che servo un governatore maggiore.
  • La situazione instabile durante le ere di Kuruk e Kyoshi con veri generali che hanno cercato di usurpare il trono, somiglia alla crisi del Regno Romano durante il terzo secolo dopo Cristo.
  • L’emblema nazionale ricorda una delle sei monte del clan Sarada, con l’insegna del coraggio.
  • Per via della sua grandezza, il Regno della Terra contiene terreni venivano reclamati da tutte le altre tre nazioni: il Tempio dell’Aria del Nord si trova nel Nord del regno, la Palude Nebbiosa nel Sud-Ovest e le colonie della Nazione del Fuoco che poi sono diventate la Repubblica Unita.
  • Si sa che esistono sessantasette sigilli diversi che vengono usati per occasioni specifiche.
  • Le uniformi e le armature dei soldati del Regno della terra somigliano a quelle dei soldati Manciuriani della dinastia Qing.
  • La moda è influenzata dalla Cina, dalle Coree, dal Giappone, ma anche dal Machu, la Mongolia e alcune tribù nomadi asiatiche.
  • Nonostante possegga il numero maggiore di abitanti di tutte le nazioni, il Regno della Terra aveva la percentuale minore di dominatori.
  • Durante il governo della regina Hou-Ting, il Regno della Terra era stata l’unica nazione che non ha riconosciuta la Repubblica Unita come nazione indipendente. Questo pensiero era stato portato avanti anche da Kuvira dopo la fondazione dell’Impero della Terra.
Advertisement