Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Rangi era stata un ufficiale dell’armata del Fuoco e una maestra del dominio del fuoco, nata come figlia unica da Junsik e Hei-Ran, la maestra del dominio del fuoco del deceduto Avatar Kuruk. Per via del suo sangue appartenente all'illustro clan dei Sei’naka, una stirpe che insegnato il dominio del fuoco già a molto membri della famiglia imperiale, venne già da bambina allenata con severità per diventare una soldatessa di rango; le venne poi affidato il delicato compito di essere la guardia del corpo di Yun, il ragazzo erroneamente identificato come l’Avatar. In quella occasione strinse una amicizia sincera con Kyoshi, che in quei tempi lavorava come inserviente per loro.

Dopo l'identificazione di Kyoshi come il vero Avatar, Rangi fuggì insieme a lei nel Regno della Terra centrale per sfuggire a Jianzhu, si unì alla Compagnia dell’Opera Volante e iniziò ad allenare Kyoshi nell’arte del dominio del fuoco. Tra le due si sviluppò una relazione amorosa, ma dovettero separarsi per un periodo di tempo per permettere a Rangi si salvare sua madre da un avvelenamento. Kyoshi e Rangi si riunirono un anno dopo alla capitale in occasione del festival di Szeto che però fu l’inizio di un conflitto politico delicato che stava portando a repentaglio la posizione del attuale Signore del Fuoco. Dopo la sua risoluzione, Rangi lottò coraggiosamente al fianco della sua ragazza contro il vendicativo Yun che la ferì gravemente, ma venne salvata da Kyoshi. Anche dopo questa esperienza terribile, Rangi le giurò che non l’avrebbe mai lasciata.

Rangi era stata una donna tipica della Nazione del Fuoco, pelle chiara, capelli neri e occhi di un ambra tendente al rosso. Era di una statura superiore alla media e muscolosa per i suoi duri allenamenti, possedeva una voce rauca e mostrò spesso una espressione di superiorità e noia. Teneva molto in onore il suo codino, il che le fece guadagnare il soprannome “Chignon” ( "top-knot") da parte di Lek e Wong.

Storia[]

(nota: queste informazioni provengono dai romanzi di Kyoshi e da videogiochi)

Infanzia[]

Rangi nacque nell'anno 312 AG come figlia unica di Hei-Ran, un membro del prestigioso clan Sei’naka, e Junisk che però morì quando era stata ancora piccola. Crescendo, frequentò l’Accademia del Fuoco Imperiale per Ragazze, anche se odiava il tempo trascorso lì. La sua rivale più acerrima era stata Koulin che amava spargere voci infami su sua madre; altre studentesse la evitarono in continuazione per via della reputazione terrificante di Hei Ran nel numero di persone che aveva ucciso durante i suoi Agni Kai. Il sapere di questa verità sconcertante fu una fonte di conflitto per la ragazza: da un conto amava sua madre con tutto il cuore, ma dall'altra queste azioni la disgustarono e iniziò a perdere fiducia in lei.

Durante gli studi, frequentò anche i corsi per diventare ufficiale e si unì al corpo giovani dell’armata della Nazione del Fuoco. Grazie a queste scelte, venne sottoposto a un allenamento severissimo e brutale sia nel combattimento, la sopravvivenza in ogni ambiente e lo studio di tattiche militari. Le cattive esperienze a scola la stimolarono a prendere gradi più alti per finire il più presto possibile.

Guardia del corpo di Yun[]

Grazie a questa perseveranza, Rangi si laureò con il massimo dei voti e si conquistò il ragno di soldatessa d'élite, il che portò alla sua nomina a guardia del corpo di Yun, un ragazzo del Regno della Terra che Jianzhu aveva identificato come l’Avatar. La giovane donna si trasferì quindi fino al porto di Yokoya nel sud-ovest del regno dove era stavano costruendo una villa lussuriosa per accomodare Yun e tutta la sua cerchia. Durante il periodo di costruzione incontrò una ragazza che lavorava lì come serva, e iniziò ad interessarsi a lei.

Purtroppo la sua educazione militare severa, il suo carattere “focoso” e l’inabilità di gestire interessi sociali in modo costruttivo, fecero in modo che Rangi poteva solo esprimersi gridando a Kyoshi e darle ordini in giro. Ci vollero più di due settimane per la ragazza del Regno della Terra per capire che questo trattamento bruto e privo di tatto in realtà significava che le importava qualcosa di lei, alla fine diventarono amiche. Rangi adorava anche Yun e i due si affezionarono un l’altra. Nonostante il divario evidente di stato sociale e carattere, i tre ragazzi formarono un gruppo affiatato.

Rangi seria

Nell'anno 296 AG, Rangi divenne testimone di come Kyoshi, durante il lavoro alla villa, venne assillata e infastidita da alcuni ragazzi del posto e decise di intervenire. Aoma, la capa del branco, tentò di convincerla che aveva in mente solo buone intenzioni, ma la dominatrice del fuoco non la beveva. Frustrato, Aoma dominò il vaso con alghe che Kyoshi stava portando e la fece volare in aria per fuggire usando la distrazione generale. Scocciata da tale gesto, Rangi ordinò a Kyoshi di usare il suo dominio per prendere il vaso, ma questa rispose che non ne era capace. Mentre le due ragazze stavano litigando, Rangi non si erse contro che il vaso, ancora in aria, stava per caderle in testa, così Kyoshi la spinse via, ponta e proteggerla con il suo corpo, ma fortunatamente Yun intervenne con il suo dominio e protesse entrambe. Emozionata per l’azione dell’altra ragazza, ma incapace di esprimersi in un altro modo, Rangi si arrabbiò con Kyoshi e la spinse giù da lei.

Il suo temperamento focoso venne ulteriormente sfidato quando Yun iniziò a fare battute scherzose con le due ragazze attraverso il suo dominio a distanza, credendo che questa scena aveva distratto l’Avatar dai suoi allenamenti. Mentre le due tornarono alla villa, Rangi castigò Kyoshi per non essersi ribellata al branco e si rifiutò di accattare la scusa dello “jing neutro”, poi annunciò di voler vendicarsi di questo Aoma, ragionando che dovrebbero “distruggerla in modo così vistoso da mandare un messaggio agli altri”.  Kyoshi però rispose di non voler ricorrere alla violenza, dato che aveva “eroine forti” come lei a sua protezione. A questo, la dominatrice ripose solo con frustrazione scocciata.

Poco dopo, Rangi vide la fine di una sessione di allenamento dell’Avatar per mano di Hei-Ran. Vedendo il suo amico visivamente frustrato per i suoi progressi inesistenti, tentò di tirarlo su di morale, ma invano. Dall'altro canto, Yun iniziò a fare battute su suoi continui tentativi di incoraggiarlo, così lei suggerì un incontro di allenamento per aiutarlo nel suo addestramento nel dominio del fuoco. Il ragazzo accettò subito e convinse anche Kyoshi ad aiutare Rangi in questo duello amichevole. Questa sessione venne interrotta dopo pochi minuti da Mui, il capo della cucina, che chiese a Kyoshi di portargli alcuni ingredienti per la cucina. A grande orrore della dominatrice del fuoco, vide come Yun usò questa opportunità come occasione per svignarsela dalla villa aiutando Kyoshi nel suo lavoro.

Le sue protese caddero su orecchie tappate, così venne con loro per assicurarsi della sicurezza dell’Avatar. Il trio arrivò quindi al porto dove scoprirono che molti pescatori venivano ricattati da alcuni pirati che si travestirono da mercanti. Considerandolo sua responsabilità da Avatar di aiutare, Yun iniziò ad investigare e convinse Rangi che era una questione di onore personale. Mentre erano alla ricerca di questi criminali, la dominatrice del fuoco si rese contro del comportamento inusualmente serio e determinato di Kyoshi come non l’aveva mai visto prima. Il gruppo risolse il caso sconfiggendo il capo della banda di criminali e scacciarono via questi pirati. A missione compiuta, si affrettarono a portare a termine anche la spesa catturando alcuni ricci di gambero selvatici e aiutarono anche un contadino convincendolo di consegnare fagioli di soia troppo essiccati.

Tagaka vs

Hai-Ran e Rangi contro Tagaka

Quando, alcuni mesi dopo, Yun partì verso il Polo Sud per la conferenza di pace con la Quinta Nazione, Rangi, Hei-Ran e Kyoshi erano tra i suoi compagni. Il gruppo arrivò al luogo d’incontro stabilito su un iceberg dove vennero accolti dai pirati capitanati dalla Regina dei Pirati Tagaka che offrì un banchetto abbondante. La piratessa però disturbò l'atmosfera con commenti denigranti verso Hei-Ran e la sua statistica dei suoi Agni Kai, il che fece arrabbiare molto Rangi che faticò parecchio a tenersi sotto controllo. Quando Tagaka e i suoi seguaci si ritirarono dal banchetto e Jianzhu congedò tutti tranne Yun, Rangi uscì in fetta a furia; in seguito, venne informata che per questa notte la sua presenza non era necessaria, dato che erano in atto misure di sicurezza adeguate. Frustrata, Rangi si avviò verso la sua tenda, dove trovò Kyoshi nella neve, apparentemente ubriaca. Dopo averla portata nel caldo, la ragazza del Regno della Terra iniziò a parlare di cosa le aveva detto Tagaka nel tentativo di consolare la dominatrice del fuoco visivamente indignata. Ma al posto di tranquillizzarla, queste parole la irritarono ancora di più. Vicino alle lacrime, Rangi raccontò di come sua madre aveva persino ucciso uno dei suoi cugini e che da lì venne acclamata pubblicamente come assassina, il che la giovane donna disprezzò profondamente. Kyoshi la abbracciò e riuscì a calmarla e alla fine la dominatrice del fuoco si addormentò in questa posizione intrecciata. Questa era stata la prima occasione in cui avevano sperimentato un momento così intimo.

Le trattative con Tagaka proseguono il giorno successivo, ma si rivelarono un attacco a tradimento da parte dei pirati. Insieme agli altri alleati di Yun, anche Rangi venne trascinata sul ghiaccio dal dominio dell’acqua dei seguaci di Tagaka. Dopo essersi liberati, lei e Hei-Ran salirono sul bisonte dell’aria Pengpeng di Kelsang, per andare ad aiutare Kyoshi che si era messa all'inseguimento dei pirati che erano riuscirti a rapire Yun. Quando la raggiunsero, la trovarono in duello contro la Regina dei Pirati stessa; presero il suo posto per permettere a Kyoshi e gli altri di concentrarsi sulla distruzione della flotta della Quinta Nazione.

Fuggitive[]

La battaglia finì con la sconfitta dei pirati, ma al loro ritorno a Yokoya causò un acceso dibattimento serio sulla vera identità dell’Avatar. Quando Kyoshi riprese i sensi, Rangi le raccontò tutto e le rivelò i sospetti di Kelsang che fosse lei il vero Avatar. Durante la discussione, iniziò ad accusare la sua amica di voler discreditare Yun e Jianzhu, iniziando ad ustionare il petto di Kyoshi senza rendersene conto. Quando questa finalmente reagì con un gemito di dolore, la dominatrice del fuoco si spaventò della sua azione e scappò dai quartieri di Yun in imbarazzo.

Qualche tempo dopo, Jianzhu si portò dietro Yun e Kyoshi per una apparente missione segreta. Dopo una notte di tempesta, Rangi vide la sua amica tornare alla villa da sola in seguito alla tattica meschina di Jianzhu per scoprire la verità sulla vera identità dell’Avatar. Tra le lacrime, Kyoshi le raccontò che il suo maestro aveva sacrificato Yun a uno spirito mostruoso che aveva confermato che era lei l’Avatar e che poi aveva ucciso Kelsang che era venuto per salvarli; questo atto infame l’aveva spinta ad entrare nello Stato dell’Avatar. Scioccata e incredula, Rangi cercò di farla ragionare e cercò di convincere la sua amica che se l’era solo immaginata e che che sarebbe meglio sentire anche la parte di Jianzhu. Kyoshi però rimase testarda e insistette che dovevano andarsene subito, così Rangi, credendo che la sua amica non poteva resistere da sola in questo mondo ostile, si arrese e annunciò che sarebbe venuta con lei. Le due donne lasciarono Yokoya in groppa a Pengpeng dopo aver preso i bagagli necessari.

La mattina seguente, Rangi dichiarò che Kyoshi doveva trovare qualche maestro capaci di riconoscere la sua autenticità e allenarla nei quattro elementi. Le due però iniziano a discutere e di litigare sul controllo sul bisonte dell’aria, dato che Kyoshi aveva il timore giustificato che finiranno per beccare uno dei tanti alleati di Jianzhu. Rangi si arrese solo quando Kyoshi usò il suo giuramento di fedeltà verso l’Avatar contro di lei, e annunciò che, in qualche modo, troveranno dei maestri indipendenti dal Saggio della Terra. Frustrata, Rangi si diede per vinta e dichiarò che si rifiutava di abbandonarla anche sotto queste circostanze.

Il suo viaggio la portò fino alla Baia del Camaleonte dove decisero di trovare la Compagnia dell’Opera Volante ("Flying Opera Compagny"), una organizzazione Daofei fondata dai genitori di Kyoshi. A grande delusione di questa però, l’organizzazione, un tempo molto potente, si era ridotta a una manciata di membri. In più, Rangi si lasciò sfuggire di bocca il fatto che possedevano un bisonte volante, il che suscitò l’interesse della compagnia. Giusto quando stavano decidendo se entrare in una alleanza con la Compagnia dell’Opera Volante, il gruppo venne confrontato da un trio di ufficiali che si identificarono come sottoposti del governatore Deng, il quale Rangi e Kyoshi riconobbero come un alleato di Jianzhu. La loro fuga caotica li portò attraverso tutto il porto fino al quartiere sconcio, dove Rangi alcuni dominatori che usavano il poto potere per sollevarsi da terra. Inspirata da questo, la giovane donna ci mise pochi minuti per imitare quella tecnica con il suo dominio del fuoco, inventando il “passo del fuoco”. Poco dopo, si riunì con il resto del gruppo fuori dalle mura della città dove i membri della Compagnia dell’Opera Volante le rivelarono che Jesa, la madre di Kyoshi, era stata una Nomade dell’Aria caduta in disonore.

Vita da criminale[]

La mattina seguente, Rangi buttò Kyoshi giù dal letto per una lezione nel dominio del fuoco di prima mattina dove doveva tenere la posizione del cavaliere per dieci minuti per averla nascosta la verità su sua madre. Dopo tre minuti, Kyoshi confessò tutta la storia di sua madre e di come aveva abbandonata la sua spiritualità in favore di suo padre, un criminale di basso rango di nome Harik. A fine esercizio, Rangi si rifiutò di dare una vera lezione nel dominio del fuoco dopo aver constatato che il suo corpo era troppo teso per quello. L’Avatar però ignorò il suo consiglio e ci provò lo stesso, producendo solo una patetica nuvoletta di fumo nero. Proprio in quel momento vennero scoperti da Lek e, per nascondere la sua origine, Rangi si appropriò la responsabilità per questo risultato imbarazzante.

Durante la colazione, il gruppo si meravigliò del fatto che Rangi non avesse problemi di mangiare un ratto elefante alla griglia. Chiacchierando, Kyoshi espresse il suo desiderio di voler imparare il dominio della terra da Wong e Lek, i due dominatori della terra del gruppo. Inorridita del fatto che i maestri dell’Avatar sarebbero dunque due criminali, Rangi dichiarò che le loro tecniche speciali come il “passo della polvere e il “passo della nebbia” non erano tutto ‘sto granché, dato che li aveva copiati in pochi minuti. Purtroppo per lei, Kyoshi era decisa e si unì ufficialmente alla Compagnia dell’Opera Volante facendo il giuramento ufficiale. Vista la situazione, la orgogliosa dominatrice del fuoco poteva solo stringere le spalle e sospirare in frustrazione.

Nonostante tutte le obbiezioni e riservatezze, Rangi continuò a seguire la sua amica anche in questa vita da criminale. Si era giurata di rimanere al suo fianco anche quando iniziò a sentirsi sempre più impotente davanti alla sempre più evidente corruzione di sé stessa diventando pian piano una vera daofei. Stava persino iniziando anche lei di cercare vendetta contro Jianzhu per le morti di Yun e Kelsang.

Il gruppo arrivò poi a Hujiang, una città interamente controllata dai daofei dove vennero chiamati da Mok, il capo di uno dei gruppi maggiori chiamata Società della Fioritura dell’Autunno [Autumn Bloom Society] e quindi di un rango superiore a quella della Compagnia dell’Opera Volante. Sia per accattivarsi le simpatie di Mok che per mostrare a Kyoshi cosa si prova a vedere un amico stretto che si mette in pericolo da solo, Rangi scelse di iscriversi a un Lei Tai, un duello clandestino che poteva portare fino alla morte di uno dei contestanti. Inizialmente, la dominatrice del fuoco aveva la meglio sul suo avversario, ma venne colpita da un contraccolpo casuale in piena faccia che la rese quasi incosciente e la spaccò le labbra. Si riprese appena in tempo per reagire spezzando la gamba dell'avversario che gli impedì di darle il colpo di grazia e aggiudicandosi quindi la vittoria.

Come voluto, Mok era impressionato da questa azione e invitò la compagnia a un banchetto dove rivelò il vero scopo della chiamata: voleva liberare dalla prigione del governatore Te Sihung una certa persona e aveva bisogno di loro per infiltrare la fortezza, il suo gruppo terrà occupate le guardie. L’ammirazione verso Rangi si tramutò presto in dispiacere quando questa voleva sapere il nome di questo prigioniero, alcuni dettagli sulla operazione e sulla forza nemica, smascherandolo come un cattivo tattico.

Dopo essersene andati da questo covo, Rangi rifiutò una guarigione da parte di Kirima e si allontanò nervosa per sedersi alla riva di un piccolo lago dove venne raggiunta poco dopo la Kyoshi che la criticò per la sua azione rischiosa e stupida di prima. Questa si difese facendola ricordare le varie azioni spericolate che lei aveva fatto sin da quando avevano lasciato Yokoya, ma Kyoshi rispose che doveva far tutto per portare alla morte Jianzhu. Frustrata e stufa, Rangi volle finalmente sapere cosa aveva fatto l’onorevole Saggio della Terra di un tempo per meritare tutto questo odio. Quando Kyoshi però ammise di aver paure di questo maestro del dominio della terra crudele, la sua amica iniziò a piangere dicendo che non aveva mai voluto farla sentire così. La soldatessa iniziò ad incolparsi sempre di più e dichiarò che Kyoshi avrebbe solo conosciuto amore al posto della paura se solo l’avesse protetta meglio. Colpita da tale onestà e fragilità dimostrata, Kyoshi affermò che si sentiva amata e la baciò, ma a suo grande shock Rangi la spinse via di scatto. Ma il rigetto apparente non era quello che poteva sembrare, dato che chiarì subito che non era il bacio che l’aveva infastidita, ma la ferita sul labbro, così le chiese solo di baciarla in un altro punto. Con questo iniziò la loro relazione amorosa.

La giovane coppia venne svegliata la mattina seguente da una Kirima irriverente, ma Kyoshi decise di non nascondersi e difese il suo nuovo amore con passione. Mentre il trio tornò in città, Rangi accarezzò il dorso della mano di Kyoshi, il che la fece quasi perdere l’equilibrio e cadere a terra in modo imbarazzante.

Giusto quando volevano prendere Wong, la città subì un attacco improvviso da parte di uno shirshu che perse di mira Kyoshi e Rangi. Fortunatamente, Lek riuscì a distrarre la creatura per poi lasciare che altri gruppi di daofei se ne occupassero, ma la ragazza accusò comunque Kyoshi di essere il suo bersaglio. Dopo essere scappati fino a Ba Sing Se, Kyoshi confessò di venir inseguita da Jianzhu e il fatto di essere l’Avatar. A parte Lao Ge, inizialmente nessuno ci credeva, neanche quando Rangi giurò che era vero, così Kirima le dominò contro una goccia d'acqua che, a grande sorpresa di Rangi stessa, venne fermata a mezz’aria dalla sua ragazza. Felice e fiera, come ricompensa la abbracciò per essere stata in grado di dominare un altro elemento.

Il gruppo si allontanò e per caso Rangi sentì parlare gli altri di Kyoshi; interpretò la loro discussione male pensando che stavano pensando di consegnarle al nemico, così cercò di convincere la sua ragazza di prendersi Pengpeng e di sfilarsela. A sua sorpresa però la Compagnia dell’Opera Volante, al posto di tradirla, iniziò a trattare Kyoshi con grande rispetto e reverenza e le suggerì di lasciare il gruppo per non rischiare di infangare la reputazione dell’Avatar. La donna però si rifiutò categoricamente per via del giuramento fatto e insistette che voleva aiutarli sia a sdebitarsi con la Fioritura Autunnale che ringraziarli per il loro allenamento nel dominio. Più tardi, Rangi discusse con gli altri il problema con il blocco persistente di Kyoshi nel suo elemento natale, la terra, così Wong e Lek si offrirono di aiutarla a superarlo. Continuando l’allenamento nel dominio del fuoco, Rangi criticò lo stato emotivo della sua ragazza, avvertendola che poteva avere effetti negativi sul suo dominio. SuggrÍ poi anche di cambiare strategia e di cercare un Saggio della Terra per farsi testimoniare come l’Avatar, ma Kyoshi ribadì subito che ogni saggio che conosceva era in combutta con Jianzhu e non era nemmeno sicura se persino Hei-Ran era dalla sua parte. Delusa, Rangi dovette arrendersi ai fatti e rispettò questa decisione, ma in cambio si fece promettere che almeno si impegnerà a diventare un Avatar virtuoso e giusto.

Un giorno, quando Kirima insisteva in continuazione che era il suo turno nell’allenare Kyoshi, Rangi cercò di cacciarla via finché la dominatrice dell’acqua non si ritirò quando quella del fuoco non espresse il suo fastidio riguardo il suo soprannome, ovvero “Codino” [topknot]. Quando Kyoshi volle sapere che problema lei aveva con Kirima, una Rangi scocciata le ordinò di assumere nuovamente la posizione del cavaliere. Mentre metteva a prova la sua resistenza fisica ponendo un piede sulla gamba piegata della sua ragazza, Rangi spiegò che non voleva che l’Avatar iniziasse il suo allenamento nel dominio dell'acqua prima di aver completato quello dell’aria, temendo che altrimenti potrebbe danneggiare il ciclo degli Avatar. Vedendo che questo questo la rese molto triste, la dominatrice del fuoco le diede un bacio passionale senza però mai lasciare che mollasse la sua posizione estenuante. Poco dopo le diede qualche elezione informale nel dominio dell’aria.

Più tardi, Rangi prese parte all’attacco al palazzo del governatore Te e divenne testimone del combattimento brutale tra Kyoshi e Xu Ping An, il capo dei banditi del Colli Gialli e un rarissimo dominatore del fulmine. Poco dopo a questa battaglia estenuante, la Compagnia dell’Opera Volante venne nuovamente attaccata, stavolta nientemeno da Jianzhu in persona che riuscì dove il suo shirshu aveva fallito: rapire Rangi. Durante il periodo di cattura, il Saggio della Terra le tagliò via il suo amato codino come avvertimento per Kyoshi di non infastidirlo mai più. Seguendo l’ordine dell’Avatar, la Compagnia dell’Opera Volante lanciò una missione di salvataggio che ebbe successo dove Kyoshi provò ad affrontare Jianzhu una volta per tutte, ma fallì ad eliminarlo. La coppia si riunì dopo al fine della battaglia dove Rangi rivelò alla sua ragazza che sua madre Hei-Ran era stata avvelenata da Jianzhu e che era destinata a morire se non verrà trattata. A malincuore, annunciò che partirà insieme a lei per la Tribù dell’Acqua del Nord per trovare le guaritrici migliori, il che però significava doversi separare per un periodo indeterminato. Dopo essersi promesse che si rincontreranno di nuovo, le due donne si salutarono e partirono per le proprie strade.

Ritorno alla Nazione del Fuoco[]

Rangi corpo intero

Rangi promossa

Dopo più di un anno di permanenza al Polo Nord per assistere a sua madre durante la guarigione, Rangi e Hei-Ran tornarono alla capitale della Nazione del Fuoco in occasione del Festival di Szeto insieme alla guaritrice personale Atuat. La soldatessa ricevette inoltre la promozione a Tenente di Primo Grado. Anche Kyoshi partecipò su richiesta del Signore del Fuoco Zoryu, il che emozionò Rangi a tal punto che, appena dopo aver ricevuto il suo annuncio di arrivo a Yingyong, corse tutta la strada dal giardino fino ai cancelli principali solo per impressionare la sua ragazza e salutarla con un bacio passionale nascosto tra le torri del cancello.

In seguito, Rangi salutò Jinpa, il nuovo segretario dell’Avatar che incontrò per la prima volta. Arrivati al palazzo, il gruppo venne accolto dal Cancelliere Dairin che gli diede un tour attraverso tutta la struttura. Insieme a Kyoshi, Rangi osservò i vari ritratti presenti nella Galleria Imperiale finché Dairin non si bloccò dall’orrore quando la donna del Regno della Terra non gli fece notare un certo particolare nel ritratto del Signore del Fuoco Chaeryu. Dopo essere stati portati alle loro stanze, Rangi, chiese a al Nomade dell’Aria riguardo le abitudini di Kyoshi nel dormire e mangiare per poi castigare la sua ragazza per non essersi presa adeguatamente cura di sé stessa. Dopo che Jinpa se n’era andato, le due donne discussero dei progressi nella ricerca di Yun che si era rivelato non essere morto e desideroso di vendetta. La dominatrice del fuoco suggerì di lasciare che il loro amico si faccia vivo da solo quando voleva lui senza inseguirlo attivamente. Poi propose di volerla tirare su di morale e iniziò ad accarezzare i vestiti di Kyoshi, ma a grande delusione dell’Avatar dichiarò che intendeva soltanto esercizi di posizioni di combattimento.

Qualche ora dopo, Rangi si assicurò che Kyoshi sia pronta per la festa in giardino del Signore del Fuoco ma criticò subito la sua scelta di voler indossare i suoi soliti vestiti da combattimento, ricordandola che era un ospite d’onore, non stava andando in guerra. Lei stessa portava un vestito elegante di colore rosso anziché la sua uniforme solita e avvertì la sua ragazza di non portare il suo make-up ormai diventato iconico. Alla sua protesa lei spiegò che quei colori erano riservati solo e soltanto per le loro missioni insieme alla Compagnia dell’Opera Volante, non per mostrarli a gente che non conosceva il codice dei daofei. Per evitare una catastrofe, iniziò a spiegarle anche velocemente le regole di base di cortesia a palazzo come non toccarsi i capelli, dato che quello poteva essere visto come irrispettoso. In quel momento arrivò però Jinpa che le portò ai giardini del palazzo.

Le due donne erano sorprese dalla grandezza della festa con più di cinquecento ospiti presenti al posto di qualche dozzina al massimo. Il gruppo seguì una presentazione musicale mentre Dairin spiegò che, per tradizione, dovevano pian piano avanzare chiacchierando con la gente fino a trovarsi poi alla fine davanti al Signore del Fuoco. Rangi spiegò alla Kyoshi nervosa che doveva incontrare gli altri ospiti ma che non doveva conversare con loro se non si presentavano. Osservò poi esasperata come la donna del Regno della Terra inavvertitamente umiliò un governatore arrabbiato e la avvertì che cittadini della Nazione del Fuoco erano molto sensibili su questioni d’onore. In quel momento si unì a loro anche Hei-Ran, la quale chiese perdono per tutto il dolore causato a Kyoshi mentre cercava di trovarla; sua figlia la mise una mano sulla spalla per confortarla. La donna rassicurò sua figlia che ormai stava bene e le consigliò di andare a parlare un attimo con Atuat, dato che doveva parlare da sola con l’Avatar.

Rangi tornò poco dopo mortificata quando vide che Kyoshi stava parlando con Chaejin, scambiandolo per il Signore del Fuoco Zoyru. Scocciata, volle sapere cosa gli avesse detto mentre tentava di mandare via Chaejin e Hei-Ran li prese da parte prima che Kyoshi potesse generare altro scompiglio diplomatico, ma invano. Rangi iniziò a castigare la sua ragazza per aver insultato il Signore del Fuoco quando aveva annunciato pubblicamente di voler mettere a posto i suoi problemi, il che ha implicato che lo considerava debole. Hei-Ran, dall’altra parte, criticò sua figlia e anche il giovane Signore del Fuoco per non essere stati in grado di creare un diversivo per prevenire questa catastrofe diplomatica, dato che la giovane tenente era responsabile per l’immagine pubblica dell’Avatar, in pratica imbarazzando sua figlia. Rangi quindi spiegò l'affare delicato con il clan dei Saowon e la sua rivalità con Zoyru per il trono e il perché di tutta questa agitazione. Quando il Signore del Fuoco ammise che accetterebbe essere mandato via dai Saggi del Fuoco se in compenso potesse vivere in pace, Rangi chiese come poteva farsi sembrare così debole.

Quando Hei-Ran iniziò a sentirsi un po' male, lei lasciò la festa insieme a Atuat e Jinpa, il che lasciò le due giovani donne da sole. Rangi e Zoyru parlarono del talento impeccabile di Yun di poter sanare ogni conflitto politico, poi tornarono alla festa insieme all’Avatar. Vedendo come Zoyru e Kyoshi iniziarono a legare in modo informale, gli fece ricordare che dovevano comportarsi come le potenti figure politiche che erano.

In quel momento videro scioccati come, apparentemente dal nulla, apparve Yun che tenne gli ospiti della festa come ostaggi facendoli sprofondare nella terra fino alle anche con il suo dominio. Mentre il falso Avatar iniziò a fare un discorso, Rangi gridò alla sua ragazza di attaccarlo subito, cosa che Kyoshi fece a malavoglia. La ragazza si confrontò con il suo amico di un tempo per poi chiamare Rangi in pieno panico dopo aver capito che Yun aveva preso di mira Hei-Ran. La soldatessa quasi ustionò molte persone quando usò il suo dominio per saltare verso le scale del palazzo e irruppe nella stanza di sua madre, ma Yun non c’era. Dopo aver sentito dei rumori sospetti provenienti dalla Galleria Imperiale, Kyoshi ordinò alla sua ragazza di rimanere qua mentre lei andava ad affrontare il dominatore della terra scatenato. Nel frattempo, Rangi coordinò l'evacuazione della festa e il coprifuoco dell’intero palazzo insieme a sua madre.

Durante la coazione della mattina seguente, Rangi divenne nervosa e arrabbiata quando seppe che era vero che Yun aveva voluto assassinare sua madre e ascoltò in silenzio come le altre due donne discussero su come trovare più informazioni su lui e Padre Lucciola. Hei-Ran propose di andare a Chung-Ling del Nord da un vecchio amico di Avatar Kuruk, un Saggio del Fuoco, ma Rangi si oppose, affermando che era impossibile lasciare il palazzo subito dopo un attacco del genere. Inoltre, si rifiutò di accettare l’idea che Yun era lo stesso di prima dopo che aveva assassinato ben quattro persone a sangue freddo e ferito almeno una dozzina, il che rattristò Kyoshi molto. La giovane soldatesse iniziò ad alterarsi sempre di più iniziando a camminare in giro per la stanza e ignorando le obiezioni di sua madre che le ordinò di calmarsi. Mise in discussione su come Yun aveva potuto compiere azioni del genere non essendo stato allenato da assassino, ma venne a sapere che uno dei maestri del presunto Avatar era stato il famigerato e temuto Amak, uno specialista in quest'arte sinistra che glia eva dato lezioni segrete. Questa rivelazione scioccò Rangi a tal punto che gridò a sua madre che lo avevano trasformato in un mosto e in preda alla collera si perse il tavolo da colazione e lo scaraventò dal balcone.

Dopo questo atto emozionale, Rangi si rifugiò nelle stalle dove offrì a Jinpa di aiutarlo a strigliare Yingyong per calmarsi. Quando Kyoshi si aggiunse a loro, la dominatrice del fuoco le chiese perché contro Yun aveva solo usato solo i suoi ventagli di guerra anziché i suoi domini, ricevendo la riposta tozza che non voleva ferire il loro amico. Rangi contraccambiò che era stata più preoccupata che Yun ferisse lei, non viceversa, così questa le promise che non permetterà più che Yun ferisse qualcuno, specialmente non lei e Hei-Ran. Passato il momento teso, le due ragazze iniziarono a scherzare sulla scena di prima con il lancio del tavolo dal balcone con Kyoshi che promise che non scorderà mai questo atto di ribellione contro le buone maniere. In quel momento arrivarono alle stalle Hei-Ran, Zoryu e Atuat con l’aria seria, quasi tetra: Rangi dovette osservare esterrefatta come sua madre presentò un coltello e si inginocchiò per procedere con il rituale taglio del codino per dimostrare il suo disonore di fronte a sua figlia. Capendo che quindi ora l’onore della sua famiglia dipendeva solo da lei, la giovane soldatessa si infuriò, ma dovette anche accettare il fatto che non poteva più opporsi. Ancora una volta sollevò le sue protesa contro la decisione di andare a Chung-Ling del Nord, ma Hei-Ran la castigò per quello, dicendole che aveva forse perso l’onore, ma rimaneva sempre sua madre, per cui si aspettava che obbedisse.

Viaggio a Chung-Ling del Nord[]

Rangi fece atterrare Yingyong vicino alla loro destinazione dove sua madre le consigliò di migliorare i suoi atterraggi, cosa che la ragazza ovviamente non accettò. Scocciata, disse a Kyoshi che odiava viaggiare con sua madre e che era stata capace di raggiungere Agna Quel’a soltanto per il mero fatto che Hei-Ran era stata incosciente per quasi tutto il viaggio. Senza preavvertimento, la donna del Regno della Terra la sollevò da terra e la fece girare in giro, felice che non c’era nessuno intorno che poteva castigarli per queste dimostrazioni d’affetto inadeguati. Rangi non poteva far altro che iniziare a ridere accusando la sua ragazza di metterla in imbarazzo.

Il gruppo raggiunse la città che, a detta da una Rangi delusa, si era degradata a una fiera carnevalesca: Chung-Ling aveva abusato della sua reputazione di luogo spirituale ed era diventata una sala gioco piena di giocatori d’azzardo, ciarlatani e divertimento di basso rango. Mentre stavano discutendo del clan dominante di questa zona, il clan Keohso, Kyoshi volle sapere di più del clan della sua ragazza e propose di andare un giorno a vedere la sua isola natale. Mentre Atuat e Jinpa distraevano la gente partecipando ai giochi, Rangi accompagnò Hei-Ran e Kyoshi alla tenda della loro persona di rilievo, un certo Nyahitha, un ex- Saggio del Fuoco. Quando questo spiegò che stava usando il gas naturale dalle falde sotterranee per generare allucinazioni ai suoi clienti, Rangi lo chiamò un imbroglione e espresse il suo dispiacere che l’Avatar doveva imperare qualcosa da lui. Il suo scetticismo aumentò ancora quando Niyahitha affermò di sapere che chiunque che veniva a sapere dalla assistenza di Padre Lucciola, divenne vittima di una maledizione.

Notando la commozione improvvisa fuori dalla tenda, Rangi identificò una certa Lady Huazo del clan Saowon e si meravigliò del fatto che era venuta fin qua. Quando uno delle guardie della signora sputò sul terreno provocò un combattimento, il che spinse Rangi e Hei-Ran ad uscire dalla tenda. La soldatessa mantenne lo sguardo fiero davanti alla donna nobile mentre questa iniziava ad accarezzare i capelli corti di Hei-Ran in segno di dispetto, ma rimase zitta e immobile. Quando Koulin si fece vedere, Rangi finse di provare gioia e la abbracciò a malavoglia finché Lady Huazo si apprestò ad andarsene. Una volta da soli, Kyoshi chiese alla sua ragazza se fosse stata davvero felice di rivedere Koulin, così le raccontò dei suoi anni miseri all’accademia e che infame era stata quella ragazza con lei. Poco dopo, le due giovani donne fermarono una lite tra un giovane venditore dei Keosho e i suoi famigliari che lo avevano picchiato a sangue per aver alzato lo stemma del clan Saowon per voler poter fare affari con loro.

Il giorno seguente, Rangi venne allertata da Nyahitha di un combattimento in città tra i Saowon e i Koehso e si affrettò di raggiungere la piazza centrale e ordinò ai due clan di obbedire all’ordine dell’Avatar di posare le armi. Implorò Koulin di non credere alle parole di sua zia Huazo, ma questa rispose ridendo che solo la figlia di una donna proscritta e senza onore poteva ricorrere all’accattonaggio. Infuriata da queste parole impertinenti, Rangi le diede un pugno al mento, scatenando per davvero una battaglia tra i due clan. Le due ex-compagne di scuola iniziarono un duello brutale usando solo le arti marziali in rispetto alla proibizione di Agni Kai durante i giorni di festività. Koulin tentò di colpire l’occhio di Rangi con la fronte, sbagliò però mira e le causò solo un taglio sulla guancia. La sua rivale perse comunque brevemente l’equilibrio, ma si riperse con un colpo di fuoco che la scaraventò in aria e, in rovesciata, colpì la sua avversaria con una ginocchiata alla tempia, rendendola incosciente. Quando Rangi si preparava a colpirla ancora, una Kyoshi scioccata le ordinò di fermarsi e di venire con lei da Atuat.

Al loro arrivo dalla guaritrice che aveva eretto un ambulatorio da campo in un ristorante, Rangi scoprì con orrore che Atuat stava lavorando sodo per salvare Hei-Ran che nel frattempo era stata vittima di un attacco da parte di Yun e ferita gravemente alla gola. Rangi rimase ferma al letto di sua madre per ore finché Kyoshi non entrò nella stanza e la accusò di aver usato sua madre come esca per attirare Yun.  Questa si difese dicendo che non aveva mai acconsentito a questo piano, ma la sua ragazza, arrabbiata, volle solo sapere quando avesse avuto l’intenzione di dirglielo. In un momento di furia, gridò a Kyoshi che non le importava più nulla di lei e lasciò la stanza sbattendo la porta. Pochi secondi dopo però tornò sgridando la sua ragazza che non aveva mangiato sin dal giorno precedente e diede una ciotola di noodles che aveva scaldato con il suo dominio per dimostrarle il suo affetto.

Anche se Kyoshi aveva avuto in mente die seguire il suo piano di rapire Huazo senza informare Rangi, questa la raggiunse giusto quando stava per partire su Yingyong. Questa volle sapere se fosse impazzita, così Avatar la fece sprofondare fino sotto le ginocchia nel terreno, ignorando i suoi ordini di venir liberata. Prima di andarsene, Kyoshi la baciò e la supplicò di perdonarla, lasciando Rangi indietro gridando.

Battaglia finale con Yun[]

Rangi tornò a Yokoya un mese dopo per l’ultimo scontro con Yun di Kyoshi. Quando Kirima e Wong si rivelarono all’Avatar Falso, questo volle sapere se Rangi fosse anche qua, cosa che la dominatrice dell’acqua confermò per poi attaccare con un torrente d’acqua che Yun però parò con uno scudo di terra. Kyoshi tentò di farlo sprofondare don il dominio della terra, ma Yun fuggì usando solo il movimento ristretto delle spalle per sfracellare una quantità massiva di teglie che Wong stava per fargli cadere addosso. Rangi si rivelò sputando una fiammata impressionante che Yun evitò cavalcando un’onda di terra. La dominatrice del fuoco lo inseguì lasciando gli altri increduli per la ferocia del suo attacco.

Come risposta, Yun causò un terremoto locale che fece perdere l'equilibrio sia a Rangi che a Kyoshi Quando poi procedette a liquefare le fondamenta dell’intera villa, Wong e Kirima vennero costretti a fuggire sul tetto finché Jinpa non li salvò con Yinyong, ma venne ferito gravemente dagli speroni di pietra di Yun.

L’Avatar falso attaccò poi le due ragazze con dischi di terra frantumati, ora deciso solo a punirli anziché ferirli. La coppia usò il loro sangue per imitare il loro make-up iconico per poi passare all’attacco usando la propulsione del fuoco per avanzare senza toccare la terra. Kyoshi sparò una palla di fuoco contro Yun, ma riuscì a mancarlo, ma Rangi reindirizzò l’attacco facendo esplodere la barriera di terra del loro avversario. Questo però era sfuggito creano un tunnel che arrivò alle spalle di Rangi che infilzò alla schiena con uno spuntone di terra, scioccando Kyoshi. Questa riuscì a superare momentaneamente la paura per la sua ragazza per poter una tecnica mortale del dominio dell’acqua per uccidere Yun abbassando la sua temperatura corporea fino a fargli congelare il cuore e i polmoni. Una volta portato a termine questo, entrò nello Stato dell’Avatar per fare alzare dell’acqua dal pozzo sotto la villa per guarire Rangi.

La dominatrice del fuoco riaprì gli occhi alcune ore dopo che Kyoshi aveva lavorato ininterrottamente per stabilizzarla fino all’arrivo di Atuat. Tra le lacrime, l’avvertì che non era ancora guarita per davvero e che probabilmente le verrà una infezione per via dello spuntone sporco che l’aveva trafitta all’addome, ma Rangi affermò che non le importava. L’Avatar però le contradisse dicendo che a lei importava, anche se sapeva che prima di migliorare, peggiorerà di molto, ma fino a quel momento Hei-Ran e Atuat saranno qua. I due amanti si toccarono la fronte per poi piangere insieme per il loro amico deceduto.

Alcuni giorni dopo, Kyoshi e Rangi seppellirono Yun su una collina, dalla quale si poteva vedere tutta Yokoya. Triste, la donna del Regno della Terra chiese alla sua ragazza se ha avuto ragione ad uccidere il loro amico perché non era stata capace di salvarlo, ma Rangi ammise di non avere una riposta a questa domanda. La consolò dicendo che non possa prevedere il futuro a parte il fatto che lei rimarrà sempre al suo fianco.

Vita adulta[]

Alcuni anni dopo, Rangi viaggiò a Ba Sing Se dove l’Avatar dovette gestire un problema con l’aumento di gruppi daofei violenti nell’Anello Esterno. A tal proposito formò una squadra speciale di cui Rangi non fece ufficialmente parte ma che accompagnò ogni tanto. Purtroppo, nel 293 AG, Kyoshi dovette lasciare la città per occuparsi di una crisi altrove e lasciò la sua ragazza a Ba Sing Se. Appena che l’Avatar se n’era andata, il Re della Terra Yi Ming iniziò ad abusare del potere della squadra speciale e dichiarò ogni sorta di criminale come daofei, poi anche rivali o semplici obiettori. Rischiava di scatenare un incidente internazionale quando vennero rapiti i figli dell’ambasciatore Quin della Nazione del Fuoco per la supposta mano di una ex-daofei di nome Mengyao. Rangi iniziò subito ad insospettirsi che la criminale era stata usata solo come carpo espiratorio, ma la situazione rischiava di diventare sempre più violenta. Sapeva che doveva andare a prendere Kyoshi, ma prima doveva affidare ad altri il compito di tenere stabile l’Anello Esterno fino all’arrivo dell’Avatar e la sua scelta cadde su un gruppo di criminali pentiti.

Essendo sia la guardia del corpo che la ragazza dell’Avatar, Rangi accompagnò Kyoshi per la maggior parte del suo tempo. Ogni tanto dovevano dividersi per seguire missioni individuali, ma la dominatrice del fuoco s’impegnò di servirle in occasioni ufficiali. Sui suoi viaggi visitò quasi ogni città del mondo, inclusa Omashu, Ba Sing Se e Agna Quel’a.

Non sono noti le circostanze della sua morte, nemmeno una data approssimativa, ma si può presupporre che fosse morta molto prima di Kyoshi che ha vissuto fino a quasi trecento anni.  

Personalità[]

Rangi venne preceduta da una reputazione di persona testarda, dura, aggressiva e fiera, in combinazione con una certa arroganza. Cresciuta in un ambienta militare, ha imparato a considerare quasi tutte le persone come immondizia che non si meritano nemmeno l’impegno di essere sgridati. Per via della sua inesperienza sociale, tendeva ad essere cattiva e dura con persone che le piacevano, ma in realtà era molto protettiva in confronto ai suoi amici. Vista da quasi tutta come una persona fredda e chiusa, sapeva aprirsi con chi le era davvero vicina e di chi si fidava, Kyoshi in primis, dove mostrò un lato vulnerabile ed emozionale quando erano da sole.

Rangi non esitava ad usare la violenza per ottenere ciò che voleva e combatteva sempre con tutta serietà, rimanendo sempre calma e concentrate per usare movimenti calcolati. Nei duelli, Rangi non si arrendeva mai senza prima non aver dato il meglio di sé. Era anche pronta a ricorrere a metodi drastici per far capire qualcosa alla gente, persino mettersi in pericolo come quando ha affrontato un combattente Lei Tai molto forte solo per far provare a Kyoshi come si sentisse sempre impotente quando l’Avatsr si buttava a capofitta nei pericoli.

Come molti altri cittadini della Nazione del Fuoco, Rangi era molto fiera della sua patria e teneva così tanta importanza al suo onore che i membri della Compagnia dell’Opera Volante la presero in giro per questo. Una cosa che lei faticava a gestire era l’incertezza, era stata spesso vista come una persona con una credenza molto forte e una “vera credente” cosa che Kyoshi inizialmente interpretò come il suo dovere di portare a termine il suo compito, ma scoprì dopo che credeva solo nei suoi amici. Rangi rispettava e onorava molto le tradizioni, il che si vide ogni volta che si esasperava visivamente quando qualcuno ignorava una delle pratiche tradizionali nell'allenamento dell’Avatar come il ciclo degli elementi oppure accettare criminali come maestri dell’Avatar. Insisteva di rispettare il ciclo almeno in forma, dichiarando che ignorando il corso naturale delle cose aveva conseguenze negative.

Abilità[]

Rangi era stata una dominatrice del fuoco esperta. Capace di attacchi feroci e potenti. Inoltre, era stata molto innovativa, come quando ha copiato la tecnica del “passo della polvere” e del “passo della nebbia” usandolo sul suo fuoco, inventando la tecnica della propulsione a jet che, secoli dopo, ha usato spesso Azula. Inoltre, era capace di generare fiamme di un colore insolito, nel suo caso il bianco, per produrre un fuoco caricato emozionalmente e altamente distruttivo.

Ma anche senza il suo dominio era stata una combattente formidabile che ha battuto avversari molto più grossi di lei. Ha sconfitto la sua rivale Koulin in un duello a mani nude usando solo le arti marziali. Era anche stata addestrata nell’uso di armi bianche, il che era stato insinuato già quando un Yun giovane ammise di non aver idea come combattere con una spada e Rangi si era offerta di insegnarglielo. In verità, lei era stata considerata una vera esperta nell’arte della spada.

Trivia[]

  • Il suo nome deriva da “horangi” (호랑이) il che significa “tigre” in coreano.
  • Il suo soprannome italiano "Chignon"si riferisce alla apparizione del suo codino da nobile della Nazione del Fuoco che deriva, letteralmente, un tipo di panino. è un tipo di acconciatura antico e ancora molto usato. In inglese, Kirima si limita alla descrizione "top-knot", ovvero "nodo sulla nuca".
  • Rangi è uno dei personaggi confermati ad appartenere allo spettro LGBTQIA+ dell'universo di Avatar.
  • Il suo design è inspirato a una fanart di “kkachi95” di tumblr e instragram; é stato il primo e finora unico caso in cui i creatori si sono lasciati influenzare da un fan.
  • La sua armatura mostra anche elementi inspirati dal coreano che si sovrappone a quello tradizionale della Nazione del Fuoco. Anche quello proviene dalla fanart di kkachi95 che ha pensato che era appropriato, dato che la sua storia ha avuto luogo quasi quattrocento anni prima dell’era di Aang.
  • Durante il processo di scrittura del romanzo, F.C. Yee ha tenuto a mente l’immagine di Azula, ma ha creato delle differenze come il fatto che Rangi non si preoccupava così tanto se un capello le cadeva fuori posto.
  • Rangi é uno di solo tre esseri umani finora noti che possono generare un fuoco dal colore insolito, gli altri sono Azula in tutta la prima seria animata e Zuko in “Fumo e Ombra”.
  • La sua tecnica usata contro Guan, un omone molto più grosso di lei, è la base della tecnica tipica usata dalle Guerriere Kyoshi.
Advertisement