Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Quest'uomo dal nome sconosciuto viveva con sua moglie come semplice pescatore della costa settentrionale del Regno della Terra. Ha riconosciuto Aang come l'Avatar e gli ha dato la colpa per la guerra contro la Nazione del Fuoco.

Storia[]

L1 E12 Sokka assunto

Assume Sokka


Un giorno voleva uscire con sua moglie a pescare, ma i due iniziarono a litigare sul tempo. La donna era della forte convinzione che ci fosse una tempesta in arrivo, ma l'uomo le mostrò il mare piatto e calmo, dandole della pazza. Sua moglie insistette che lo poteva sentire nelle sue articolazioni ma il pescatore rimase cocciuto che, in caso di conflitto tra le sue articolazioni e il suo cervello, preferiva seguire il secondo. Al suo ennesimo rifiuto categorico, l'uomo esclamò frustrato che assumeva chiunque volesse venire con lui e che pagherà il doppio. Questo attirò Sokka che si offrì, ma quando chiese se davvero avesse ricevuto il doppio dei soldi, il pescatore non si ricordò di aver detto una cosa del genere.

L1 E12 pescatore accusa Aang

Accusa Aang di aver abbandonato tutti

I due iniziarono a caricare la barca, finché l'uomo non sentì notare sua moglie un "ragazzo con i tatuaggi". Controllando di persona, l'uomo riconobbe Aang come un nomade dell'aria e quindi come l'Avatar, cosa che il ragazzo non negò. Ma se questo si aspettava di essere lodato, si sbagliava di grosso: il pescatore gridò che aveva abbandonato il mondo e permesso che iniziasse un periodo di guerra e sofferenza che tutt'ora persisteva. Queste parole spinsero Aang a fuggire, il pescatore gli gridò dietro che poteva anche scappare, il che era tipico dei dominatori dell'aria. Le parole arrabbiate di Katara, che lo chiamò vecchio orribile, non lo turbarono minimamente, dato che si sentiva nel giusto, e fece notare a Sokka che i suoi amici erano quelli scortesi. Quando questo voleva raccontare di altre occasioni in cui erano stati scortesi con lui, il pescatore lo interruppe bruscamente e gli ordinò di continuare a lavorare.

L1 E12 Aang salva tutti

Aang salva tutti

A poche ora dalla partenza però dovette rendersi conto che sua moglie aveva avuto ragione e la barca finì dritta in un autentico uragano. La tempesta fece muovere la barca con violenza e i due uomini dovettero appigliarsi alle funi per salvarsi da vita. Sokka gridò che era troppo giovane per morire, alla quale l'uomo rispose che, anche se non era giovane, non voleva morire lo stesso. Un fulmine colpì il ramo della vela che quasi li scacciò, ma fortunatamente in quel momento apparve Aang che li salvò con il dominio dell'acqua. Sokka legò una corda intorno a lui e al pescatore per essere tirati in salvo su Appa, un attimo prima che la barca affondasse. Purtroppo il momento di salvezza durò poco, dato che l'intero gruppo venne trascinato sott'acqua da un'onda gigantesca e il pescatore si tenne attaccato alla sella di Appa con le sua ultime forze. Vennero salvati tutti quando Aang entrò nello Stato dell'Avatar per creare una bolla d'aria intorno a loro e gli permise di uscire dall'acqua e di tornare sulla terra ferma.

Appa portò tutti nella caverna dove li attese la moglie del pescatore, che gli suggerì con tono severo di chiedere scusa ad Aang. Non aveva tanta voglia, cosi gli offrì come ricompensa un pesce. Quando Aang lo rifiutò perché non mangiava carne, l'uomo rispose esasperato che il pesce non era carne. Ora era il turno di Sokka che voleva la sua paga, ma ricevette solo un pesce crudo. Dopo un breve litigio con sua moglie, il pescatore si avvicinò ad Aang e lo ringraziò seriamente, senza di lui non sarebbe tornato vivo.

Advertisement