Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo edificio imponente è la sede del Signore del Fuoco e della sua famiglia, e di conseguenza anche il centro politico dell'intera Nazione del Fuoco. Si trova nel centro della Città Caldera alla capitale ed è la struttura più riconoscibile e ben guardata dell'intero paese.

Storia[]

Questo edificio ha una storia millenaria e, ovviamente ha subito una serie ignota di modificazioni- era stato ricostruito almeno una volta dopo essere stato quasi totalmente distrutto.

Rangi e sua madre Hei-Ran risiedevano palazzo dopo che la seconda si era ripersa ad Agna Quel’a. Quando Signore del Fuoco Zoryu invitò l’Avatar Kyoshi a celebrare il festival di Szeto, Rangi la accolse ai cancelli principali. Per celebrare l’arrivo dell’Avatar venne organizzata una festa nel giardino, ma la donna fece un errore diplomatico madornale scambiando il fratellastro di Zoryu, Chaejin, per il Signore del Fuoco, scatenando tensioni tra gli presenti riguardo la successione al trono. La discussione giunse al termine poco dopo con la comparsa di Yun che prese in ostaggio tutti i presenti usando il dominio della terra per trasformare il pavimento in sabbie mobili. Il Cancellerie Dairin, Lu Beifong e due guardie vennero uccisi quando cercarono di catturare l’invasore nella galleria dei Ritratti. Yun riuscì a fuggire, ma il palazzo e l’intera capitale vennero posti sotto un severo coprifuoco.

Kyoshi tornò a palazzo dopo la sua visita a Chung-Ling del Nord dove rapì Chaejin e sua madre Lady Huazo per costringerli a confessore la connessione del loro clan, i Saowon, con Yun. Anche se loro due si rivelarono innocenti, Zoryu riuscì a trovare un sosia di Yun per spargere una confessione falsa che gli permetteva di giudicare i Saowon come colpevoli di alto tradimento. In eseguito a questo iniziò una purga del clan dal palazzo.

Dopo la fine di questo conflitto chiamato “Guerra delle Camelie-Peoni”, Zoryu stava già pensando al suo futuro quando venne minacciato da Lao Ge che lo obbligò a tener fede alla sua promessa all’Avatar di risparmiare i Saowon. Lo fece precipitare dal balcone del palazzo, alto trenta metri, per catturarlo all'ultimo e gli promise che l’Avatar lo avrebbe tenuto d’occhio.

Palazzo in festa

Il palazzo prima della ricostruzione

La sala del trono che vide Signore del Fuoco Sozin era stata notevolmente più piccola di quello attuale, inoltre era più luminoso e colorato, specialmente rosso e oro, e gli mancava anche il muro di fuoco che separava il Signore del Fuoco sol trono dal resto della stanza. Avatar Roku la distrusse durante una discussione con lui che si evolse in un combattimento, il che rese necessario la ricostruzione dell’intera sala.

La capitale rimase intoccata dai cento anni di guerra a parte un attacco a pochi mesi dalla fine dove Avatar Aang e i suoi amici irruppero usando un’eclissi a loro vantaggio. Aang raggiunse il palazzo alla ricerca del Signore del Fuoco Ozai per sconfiggerlo entro la fine dell’eclissi, ma questo si era rifugiato in un bunker sotterraneo ed era irreperibile mentre il resto della struttura era completamente vuota. Alcune settimane dopo, durante la Cometa di Sozin, Azula stava per essere incoronata a nuova Signora del Fuoco ma venne fermata da Zuko che al sfidò a un Agni Kai nel cortile del palazzo. La struttura subì alcuni danni, ma rimase più o meno illesa.

Alcuni giorni dopo, il palazzo vide l’incoronazione di Zuko a nuovo Signore del Fuoco davanti a una folla proveniente da tutte le nazioni, la prima volta in più di cento anni. Due anni dopo il palazzo, l’edificio più guardato della nazione, venne attaccata da alcune persone mascherate da Kemurikage che rapivano bambini, tra cui anche Kiyi, sorellastra di Zuko, che in quel periodo stava risiedendo qua insieme ai suoi genitori.

Descrizione[]

L3 E11 davanti al palazzo imperiale

Il palazzo e la piazza centrale

Il palazzo si trova esattamente nel centro della caldera, circondato da una piazza gigantesca che lo separa dalle case che, dal canto loro, lo circondano come un alone. La piazza ha il compito di ospitare il popolo quando si riunisce per dichiarazioni o eventi importanti. Il terreno nelle dirette vicinanze del palazzo è completamente roccioso senza nessuna pianta, rendendo impossibile nascondersi dietro a un cespuglio per infiltrarsi inosservato. Dietro alle alte mura difensive si nascondono giardini vitali con albero, fiori e laghetti, e ville usate dalla famiglia imperiale per sé stessi e per gli ospiti.

Il palazzo per sé è una struttura unica, una torre alta con tre piattaforme in fronte e con tre ali che ne originano a forma di una Y. Le braccia corte di questa forma affianca l’entrata principale mentre la terza continua nella linea centrale, tutti e tre possiedono torri di guardia. Nell'ala più lunga si trova, tra l’altro, anche la sala del trono del Signore del Fuoco.

Al suo intero si trovano sala enormi e una composizione intreccia di corridoi e camere. Le mura sono ornate da tappeti splendidi a tema di fuoco e varie statue e raffigurazioni di animali mistici.

Camere segrete[]

Camera segreta Ozai

La camera di Ozai

Il Signore del Fuoco Ozai ha usato varie camere segrete sparse per tutto il palazzo che ha usato per vari scopi, ma Azula ha scovato quasi tutti da bambina durante i suoi giretti di perlustrazione. Una di queste camere conteneva le lettere intercettate di Ursa ai suoi genitori e Ikem, inj più vari artefatti provenienti da tutto il mondo come uniformi e armi dal Regno della Terra, le Tribù dell’Acqua e persino dai Nomadi dell’Aria. La porta per questa camera era nascosta dietro a un dipinto che apriva il passaggio se qualcuno gli lanciasse contro una palla di fuoco.

Cortile[]

Il cortile davanti al portone viene spesso visitato da persone che vogliono vedere il Signore del Fuoco o la sua famiglia; dopo il suo ritorno in patria, Zuko venne una volta accolto da una folla di ammiratori. L’area che circonda il palazzo è perfettamente piana e coperta di pietre per impedire che un assassino potesse avvicinarsi inosservato dalle innumerevoli torri di guardia.

Galleria Imperiale[]

Nella Galleria Imperiale vengono esposti i ritratti dei Signori del Fuoco del passato. Per via della politica di cancellazione della storia antica della Nazione del Fuoco, Sozin ha lasciato solo i ritratti di suo nonno e padre prima di lui, seguito poi da quelli di suo figlio e nipote.

Giardino[]

Il giardino del palazzo è famoso in tutta la nazione e viene spesso imitato da altre famiglie nobili, persino del Regno della Terra. Ospita numerosi alberi e fiori che circondando un laghetto vasto con vari tartanatre.  

Sala Agni Kai[]

Agni Kai camera

La sala Agni Kai

Seguendo l’antica tradizione della Nazione del Fuoco di risolvere conflitti seri con un Agni Kai, il palazzo ha una sala dedicata soltanto a questi duelli per l’onore. È una sala molto lunga con al centro il palco per i duellanti e ai lati balconi per gli ospiti. Chiunque venga sfidato a un Agni Kai deve accattare se non vuole perdere l’onore, ma dev’essere anche conscio che potrebbe essere il suo ultimo duello; questa sala ha già visto innumerevoli morti e torture, il più noto il duello tra Ozai e Zuko che finì con l’ustione al volto del secondo e il suo esilio.

Sala del trono[]

Sala trono

Si sente la presenta del potere

Anche conosciuto come Sala della Guerra o Camera di Guerra, questo è il luogo dove il Signore del Fuoco prende le sue decisioni e discute con consiglieri civili e militari. Questa sala immensa viene sostenuta da varie colonne nere con elaborate basi d’oro mentre il pavimento è coperto da piastrelle nere. Il monarca stesso è seduto su un trono elevato che viene separato dagli altri da un muro di fiamme- Zuko ha optato di non usarlo perché non sentiva che quello era il suo vero io mentre con Azula le fiamme erano state azzurre. Dietro al Signore del Fuoco si mostra un rilievo enorme che mostra un drago che sputa fuoco. L’intera atmosfera ha lo scopo di intimorire i presenti che si trovano al cospetto del Signore del Fuoco e di mostrare la sua potenza. La forma attuale era stata ideata da Sozin dopo che Avatar Roku lo aveva distrutto umiliandolo. Era stato anche lì dove Zuko ha mancato di rispetto a un Generale che poi ha portato al famigerato Agni Kai con suo padre Ozai.

Stanze da letto[]

Sia Zuko che Azula dormivano in stanze spaziose che contengono ogni lusso pensabile, degni del loro stato. Queste stanze sono riservate ai diretti eredi del trono; durante il regno di Azulon, dove Iroh era il successore al trono designato, Ozai e la sua famiglia vivevano in una villa esterna al palazzo. Al contrario di loro, gli inservienti vivono sempre al palazzo per essere presenti in caso di bisogno.

Stanza dell'Avatar[]

Il palazzo ha avuto delle stanze riservate per l’Avatar corrente che era pieno di opere d’arte antiche come sculture di uccelli rossi, dipinti di paesaggi oppure tappeti elaborati- tutto in tonalità rossa. In un angolo di questa stanza si trova un letto gigante che, a detta di Kyoshi, avrebbe potuto contenere una piattaforma per duelli (Lei Tai). Yun ha dormito qua durante le sue visiti mentre veniva ancora creduto l’Avatar mentre Kyoshi risiedeva qua durante la sua permanenza per il Festival di Szeto.

Terme[]

Il palazzo aveva le sue terme personali per permettere agli abitanti nobili di rilassarsi. Erano state le stanze preferite di Azula che amava lasciarsi trattare dalle inservienti che le lavavano i capelli e le fecero le manicure.

Trivia[]

  • Il design del palazzo venne creata dall'architetta appena laureata Elsa Garagarza,a cui venero dati solo tre parole per descriverlo: "Egitto, Cina, terrificante".
  • Il palazzo è l'edificio della Nazione del Fuoco che compare di più, sia nei flash-back di Zuko e di Ursa che nei sogni di Aang.
  • Il trono del Signore del Fuoco ricorda il baldacchino della cattedrale S Pietro di Roma sopra l'altare
  • Durante l'era di Kyoshi, al palazzo vennero conservati anche oggetti che appartenevano ai Avatar del Fuoco passati come pergamene con scritture e poesie, fermacapelli o armi come pugnai o asce.
Advertisement