Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo è il diciassettesimo capitolo del primo romanzo su Kyoshi "L'ascesa di Kyoshi".

Sinossi[]

Alla tenuta dell’Avatar, Jianzhu e Hei-Ran stanno discutendo l’invito da parte di Lu Beifong di celebrare la vittoria sui pirati del Mare Orientale a Gaoling, il che insospettisce il Saggio della Terra che suppone che dietro a tutto questo si celi il suo più acerrimo nemico politico, il ciambellano Hui. Questo lo aveva sempre criticato in modo subdole seminando dubbi sulla sua abilità di insegnare all’Avatar, credendolo di essere di origini troppo umili per questo compito importante. Non è che Jianzhu lo possa negare veramente, visto di come si è sviluppato Kuruk in compagnia sua e di Hei-Ran, la quale gli fa notare che erano stati anche loro ragazzi e non era stata responsabilità loro crescerlo. Il dominatore della terra cambia discorso e chiede se il professor Shaw avesse già risposto alla sua richiesta di prestargli due dei suoi shirshu, ma la sua amica lo informa che non hanno avuto ancora risposta. Propone di mentire dicendo che l’Avatar, che ufficialmente è ancora Yun, fosse malato, ma Jianzhu rifiuta questa idea, dato che lo avrebbe mostrato in una luce cattiva di non essere capace di garantire la sua salute, inoltre Hui avrebbe mandato subito i suoi guaritori migliori per curarlo. Sa che la verità verrà fuori prima o poi, devono cercare di ritardalo il più a lungo possibile. La mente strategica e militare di Hei-Ran la spinge a proporre di consolidare i suoi alleati e di tentare di scovare quelli di Hui, un’idea che a Jianzhu piace. Con un sorriso, le chiede se avesse un abito degno di poter partecipare ad una festa elegante.

Dopo una lungo viaggio faticoso in carrozza, Hei-Ran e Jianzhu raggiungono il maniero maestoso dei Beifong a Gaoling dove venne accolto dalla sua nemesi Hui in persona con finta gentilezza. Il burocrate prosegue poi a salutare la direttrice facendole complimenti sdolcinati, la quale deve impegnarsi di rimanere impassibile davanti ai suoi tentativi di corteggiamento. Persino Jianzhu fatica nascondere il suo disgusto e si sente in colpa per la sua amica. Hui nota che mancano all'appello Kelsang e l’Avatar Yun, così il Saggio della Terra spiega che sono insieme; questa risposta fa trasaltare Rei-Ran, cosa che il ciambellano nota all'istante e inizia a capire che c’é qualcosa in ballo.

Il gruppo procede ad entrare nella tenuta Beifong dove venne atteso dal patriarca in persona, ovvero l’anziano Lu Beifong. Questo, anziché dedicarsi ad insulsi scambi di cordialità, passa subito al dunque, chiedendo Jianzhu di quel prestito per la Tribù dell’Acqua del Sud di cui aveva sentito, anziché dell’Avatar. Il Saggio della Terra spiega che lo aveva chiesto per permettere al Sud di riprendersi dopo la fine dei pirati della Quinta Nazione che l’avevano tagliata fuori dall'economia mondiale e di costruirsi una sua flotta marina. Hui, il quale si era già da tempo fatto l’abitudine di contraddire Jianzhu su ogni cosa egli proponeva solo per soddisfare il suo ego, avverte Lu del pericolo che il Sud potrebbe diventare per il Regno della Terra se diventasse troppo potente. Jianzhu e Hei-Ran contraccambiano dimostrando i vari vantaggi di questo prestito per entrambe le nazioni, ma Hui respinge ogni punto con testardaggine egotistica. Dopo una lunga discussione frustrante, Jianzhu fa un errore madornale s´minuendo l’orgoglio nazionale, il che gioca nelle mani del ciambellano che lo castiga con finta indignazione. Questo suo commento basta per convincere Lu Beifong di non concedere questo prestito finché l’Avatar non lo avrebbe convinto, condannando la Tribù dell’Acqua del Sud alla povertà ed isolamento dal mondo. Jianzhu cerca di rimanere calmo nonostante veda Hui non meglio di un lurido daofei e gli chiede di parlargli in privato.

Jianzhu crea una falsa storia dove ammette al suo nemico che avesse avuto un disguido pesante con Yun che poi fosse volato via su un bisonte volante con Kelsang, quindi è come averlo perso. Hei-Ran, la quale non era stata informata di questa tattica, rimane impassibile mentre Hui abbocca pienamente, anche se fatica a capire come mai il Nomade dell’Aria lo avrebbe tradito in quel modo. Jianzhu si finge disperato e inerme davanti al suo problema e lo implora di aiutarlo a impedire che il mondo venga a sapere che l’Avatar si era data alla macchia. La soddisfazione di Hui di vedere il suo nemico cosi in ginocchio lo rende cieco per la verità e accetta immediatamente di aiutarlo.

Hui riferisce a Lu Beifong e i saggi riuniti che Yun sentiva di aver trascurato il suo addestramento spirituale e che, dopo molte suppliche, Jianzhu aveva dato a Kelsang il permesso di portarlo su un viaggio alla scoperta di sé stesso che esclude i soliti siti dove era già stato, per cui per un certo periodo di tempo è irreperibile. Il fatto che è stato Hui a comunicarlo, rende quella storia molto più credibile, per cui i saggi la bevono senza problemi e la festa si conclude dopo ore di small-talk fastidioso e persone che cercano di fare colpo su Hei-Ran.

Sul viaggio di ritorno, la dominatrice del fuoco finalmente dà sfogo alla sua rabbia per lui di essersi lasciato vedere tanto vulnerabile e debole. Jianzhu le spiega che la vulnerabilità equivale alla verità, doveva fingersi scoperto per adescare Hui, il suo nemico pubblico, che gli ha aiutato a rendere plausibile la sua storiella. Come risposta, Hei-Ran si apre il suo chignon, simbolo dell’onore di un cittadino della Nazione del Fuoco, il che allarma il suo amico sinceramente. Dopo un sospiro, la donna spiega che ritiene Yun ancora un suo allievo, dominatore del fuco o meno, e si sente come se avesse fallito con lui. Jianzhu la consola affermando che possono ancora rimediare con Kyoshi, ma la donna si preoccupa che Hui non perderà tempo a spargere la voce tra gli altri saggi. Jianzhu la calma, sicuro che il ciambellano aspetterà, dato che non si lascerà sfuggire questa opportunità per la fretta ed è un conservativo fedele. Ancora arrabbiata, Hei-Ran fa un commento insoddisfatto per poi rannicchiarsi in un angolo della carrozza e mettersi a dormire. Jianzhu cerca di imitarla anziché iniziare a pianificare i prossimi passi, affidandosi allo jing neutro: attendere ed ascoltare.

Al loro ritorno a Yokoya, li attende una piacevole sorpresa: li saluta il professor Shaw in persona in compagnia di alcuni dei suoi studenti di zoologia che gli consegna il suo regalo: due cassettoni enormi contenenti i due shirshu. Jianzhu aveva già inviato dei messaggi ai suoi alleati in tutto il regno di stare attenti a due ragazze con un bisonte volante, ma non fa mai male avere un piano di riserva: l’olfatto sensibile di questi animali che non avrebbero permesso a Kyoshi di nascondersi in alcun angolo del mondo.

Note[]

Continuità[]

  • La descrizione della villa dei Beifong combacia quasi perfettamente con quella vista in "La bandita cieca", incluso il suo giardino enorme, le sua alte mura e la sua tinta verde-marrone.
  • Senza quel prestito da parte di Lu Beifong per aiutare la Tribù dell'Acqua del Sud, Jianzhu teme che sarebbe rimasta impoverita e superata dal resto del mondo senza essere capace di proteggersi; la sua preoccupazione si rivela fondata durante la Guerra dei Cent'anni dove il Sud non poteva opporsi agli attacchi della Nazione del Fuoco. Dopo la fine della guerra, la Tribù del Sud si sarebbe ripresa soltanto grazie agli sforzi combinanti della Tribù del Nord, il Regno della Terra e della Nazione del Fuoco.

Rivelazioni[]

  • La famiglia Beifong è già ricchissima e famosa per il suo influsso economico.
  • Gli attacchi dei pirati avevano soffocato l'economia nel mare antartico, portando povertà e isolamento.
  • Jianzhu ha ancora dei nemici politici, il più importante è il ciambellano Hui. Gli altri ha già eliminati.

Trivia[]

  • Viene menzionato un poeta di nome Yuan Zhen, il quale era stato una persona reale durante l'era della dinastia Tang.

Riferimenti[]

  1. DiMartino, Michael Dante (writer) & Spaulding, Ethan (director). (May 5, 2006). "The Blind Bandit". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 6. Nickelodeon.
  2. ↑ DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Filoni, Dave (director). (February 21, 2005). "The Boy in the Iceberg". Avatar: The Last Airbender. Season 1. Episode 1. Nickelodeon.
  3. ↑ Hedrick, Tim (writer) & Dos Santos, Joaquim (director). (November 9, 2007). "The Puppetmaster". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 8. Nickelodeon.
  4. ↑ Ehasz, Elizabeth Welch (writer) & Dos Santos, Joaquim (director). (July 17, 2008). "The Southern Raiders". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 16. Nickelodeon.
Advertisement