Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questa oasi è una piccola cittadina che si trova al confine Sud-occidentale del deserto Si Wong. In origine esisteva qua solo una cantina losca, il tempo si allargò grazie al passaggio di viaggiatori, avventurieri, soldati e venditori che avevano in mente di attraversare il pericoloso deserto. La sua particolarità consiste in un iceberg misterioso che si rifiuta di sciogliersi neanche sotto il sole cuocente e che ha dato il nome a questa oasi. Con il passare dei secoli, la sua popolazione divenne vastamente eterogenea, composto da quasi ogni etnia del Regno della Terra. Per via della sua posizione strategica importante come ultimo punto di rinfresco prima del deserto imperdonabile, divenne un luogo d’incontro e di commercio per viaggiatori che dovevano fare rifornimento. Anche se degradò durante la Guerra dei Cent'anni, rimase comunque un importante centro di commercio e, in seguito alla Convergenza Armonica dell’anno 171 DG, un luogo frequentato da spiriti di ogni genere.

Storia[]

In un momento non specificato, venne scoperta questa oasi vicino al deserto Si Wong dove esisteva una massa di ghiaccio che spuntava dalla sabbia insieme a una sorgente fresca e limpida.

Tra il 296 e il 295 AG, Avatar Kyoshi e il suo segretario Jinpa viaggiarono all’oasi, ma finirono nei guai con i mercanti a testa di coleottero e i suoi mercenari. Alcuni anni prima della guerra, un giovane Aang, ignaro del suo destino, lo visitò e ne rimase profondamente affascinato, chiamando l’oasi un “miracolo del mondo”.

Durante la Guerra dei Cent’anni, la famosa sorgente ghiacciata iniziò a rimpiccolirsi, sia per uno scioglimento naturale che il fatto che veniva abusato per preparare bevande gelate, e gli abitanti dovettero adattare, trasformando l’oasi in un punto di rinfresco turistico per viaggiatori diretti al deserto.

L2 E11 Xin Fu Yu oasi

cacciatori di taglie

Nella primavera dell’anno 100 DG, il Team Avatar stava facendo delle “mini-vacanze” prima di pensare sul serio a trovare informazioni sulla Nazione del Fuoco per un attacco preventivo. Dopo aver letto sulla mappa il nome “Oasi delle Palme Nebbiose”, scelse questo perché aveva un suono rinfrescante e Aang la incoraggiò con il suo racconto. Dopo essere arrivati però, il gruppo ne rimase deluso dal decadimento di questo luogo che era molto più sporco e misero di quello che si aspettavano, specialmente la sorgente che ormai si era ridotto a un blocco di ghiaccio. Il gruppo decise, comunque, di entrare nella taverna che pullulava di gente losca e di cattivo umore, ma serviva un cocktail rinfrescando al mango con ghiaccio grattugiato dalla sorgente. Lì incontrarono il professor Zei che identificò Aang subito come un Nomade dell’Aria e iniziò a studiarlo, poi raccontò di essere alla ricerca della fantomatica biblioteca di Wan Shi Tong. Avido di potenziali informazioni sulla Nazione del Fuoco, Sokka decise che la sua “mini-vacanza” la spenderanno lì, così il Team Avatar decise di aiutare il professore. Mentre uscirono dall’oasi, s’imbattevano in alcuni dominatori della sabbia che avevano buttato l’occhio su Appa.

Alcuni giorni dopo, Zuko e Iroh raggiunsero l’oasi come fuggitivi per incontrarsi con un certo Fung, un amico del ex-Generale nella cantina. Lì però vennero scovati da Xin Fu e Yu che iniziarono ad interessarsi alla taglia sulle loro teste e riuscirono a svignarsela scatenando una rissa. Fung nascose i due dominatori del fuoco nel suo negozio di fiori che funse da base di una sezione del Loto Bianco e gli procurò carte d'identità falsi per viaggiare a Ba Sing Se in incognito.

B3 E09 oasi palme nebbiose

Si stava ringrandendo

Dopo la fine della guerra, anche l’oasi godé della nuova libertà di viaggio della popolazione e tornò a crescere. Pakku e Kanna scelsero l’oasi per il lor matrimonio segreto, anche se il maestro del dominio dell’acqua dichiarò che la cittadina non era all’altezza del suo nome. Sua moglie però dichiarò felice che non le importava, era stato comunque molto romantico.

Dopo che, nell’anno 171 DG, Avatar Korra aveva aperto i portali spirituali, molti spiriti si erano sentiti attratti da quest’oasi e si sono rifugiati qua interagendo con la gente del posto. Alcune settimane dopo Aiwei la scelse come rifugio dopo la sua fuga da Zaofu e perse in affitto una stanza del hotel, ignaro di essere seguito dal Team Avatar. Questi lo raggiunsero il giorno dopo, ma subito dopo essere entrati si resero conto dei volantini da ricreati che la Regina della Terra aveva fatto appendere e preferivano battere in ritirata.

B3 E09 team Avatar ricercati

Ehm, siamo ricercati...!

Per continuare comunque la loro ricerca, Mako e Bolin ci riprovarono travestendosi da viaggiatori e setacciarono la cittadina alla ricerca del veggente. Vennero però a loro volta avvistati da due persone dall’aria minacciosi che si misero alle calcagna di Bolin e credendo che questi due individui fossero cacciatori di taglie, i due fratelli se la svignarono e si nascosero. Quando decisero di uscire dal loro nascondiglio scovarono Aiwei e lo seguirono fino al hotel. Dopo aver preso Asami e Korra, il quartetto provò a prendere una stanza nello stesso hotel, ma il proprietario si rifiutò dopo l’ennesima cattiva esperienza con giovani senza maniere. In quel momento entrarono i due individui minacciosi di prima, facendo scattare il Team Avatar che si fece pronto per una battaglia. Ma la situazione si risolse in modo inaspettato: questi due erano Macao e Lily, due fan di Nuktuk e volavano solo chiedere degli autografi a Bolin. Vedendo che uno degli ospiti era una persona famosa, il proprietario cambiò idea e gli permise di ospitare il quartetto, anche se si sorprese che insistevano su una stanza ben precisa che, per lei, era troppo piccola per loro.

Druk Oasi

Druk davanti all'oasi

Quella notte, l’hotel venne attaccato da Ming-Hua e Ghazan che erano stati mandati per catturare Korra mentre il suo spirito si trovava nel Mondo degli Spiriti. Mentre Asami scappò con il corpo della sua amica incosciente, Mako e Bolin affrontarono i due anarchici in una battaglia feroce che distrusse parte del giardino dell’hotel.

Il giorno dopo arrivarono alla cantina Lin, Tonraq e Zuko in attesa del ritorno di Korra dopo che la capa della polizia aveva rintracciato la jeep del Team Avatar vicino all’oasi. Questa tornò con Asami verso sera e venne informata dei nuovi sviluppi a Ba Sing Se, ovvero l’assassinio della regina per mano di Zaheer e la caduta della capitale che era caduta nel caos totale. Ancora un giorno dopo anche Mako e Bolin tornarono all’oasi venendo da Ba Sing Se con un dirigibile insieme alla loro famiglia, seguendo le tracce delle loro amiche. Una volta riunito il Team Avatar, i due fratelli rivelarono a tutti l’ultimatum di Zaheer che mise a repentaglio il futuro nella Nuova Nazione dell’Aria. Per poter usare la radiotrasmittente potente di Zaofu per avvertire Tenzin, il gruppo si affrettò a lasciare l’oasi e di mettersi in viaggio.

Descrizione[]

Una volta uno degli acclamati e famoso miracoli del mondo, l’iceberg di questa oasi, che le ha dato nome e fama, possiede proprietà spirituali: ogni giorno sale di pochi centimetri verso la superficie, giusto per rimpiazzare la quantità che si era sciolto in questo lasso di tempo. Questa energia spirituale ha attratto vari spiriti benigni ed è un luogo ideale per praticare la meditazione.

B3 E11 riunione

riunione davanti al iceberg

Anche se la gran parte dell’iceberg è ancora preservato sotto la sabbia incandescente del deserto, la sua cima era stata tagliata di più di quello che poteva ricrescere, sia per souvenir che per l'esigenza sempre in aumento di bevande raffreddate della cantina dove uno spadaccino esperto li serve tagliando frutti con le sue katana.

Nei decenni dopo al fine della guerra, il villaggio si era espanso considerevolmente, riprendendosi quindi dal periodo di decadimento. La vecchia cantina è diventata un quartiere tutto suo e hanno aperti alcuni hotel per accogliere visitatori e viaggiatori da tutto il mondo. La fontana di ghiaccio viene preservata di più, anche se è rimasta a quella grandezza ridotta.

Trivia[]

  • Il design dell’oasi somiglia con la regione cinese di Xinjiang che è la patria della popolazione più grande degli Uyguri.
  • I vestiti invece includono veri elementi arabi come taqiyah, hijab e vegli.
  • La base di una città con mura cresciuta intorno ad un’oasi è simile a quella di Kashgar.
  • La versione moderna contiene elementi di una classica trappola per turisti della California del Sud degli anni 50.
  • La zona rocciosa fuori dall’oasi é stata basata parzialmente alla geologia del parco nazionale Joshua Tree.
Advertisement