Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement

Questo è il secondo capitolo del primo romanzo su Kyoshi "L'ascesa di Kyoshi".

Sinossi[]

Nove anni dopo essere scappata con la tartaruga d’argilla, la vita di Kyoshi sembra essersi quasi voltata al bene, dato che ora ha un lavoro alla lussuriosa tenuta dell’Avatar costruita da Jianzhu e quindi un letto in cui dormire. Come serva, doveva portare alla villa un prezioso barattolo di alghe piccanti in salamoia, ma durante il tragitto viene quasi presa in ostaggio da Aoma, Suzu e Jae che continuano a prenderla in giro in modo maligno. Kyoshi deve concentrasi per restare fedele allo jing neutro e rimanere impassibile davanti ai commenti caustici delle ragazze per impedire che dia testimonianza della sua agitazione davanti a questa situazione tesa in cui è in netto svantaggio numerico. Vedendo che la odiata serva non sta reagendo, Aoma inizia a passare alle maniere forti lanciando il vaso in alto con il suo dominio della terra e minaccia di lascialo cadere a terra, il che avrebbe portato a Kyoshi una severa punizione. Suzu e Jae continuano con i loro commenti cattivi tormentando Kyoshi per il suo stato di orfana senza una famiglia che ora lavora per un nobile soltanto per fortuna sfacciata; freccette che colpiscono la ragazza con precisione, ma questa si morde la lingua per non dargli la soddisfazione di una reazione.

Poco prima di raggiungere finalmente la tenuta di Jianzhu, Suzu fa un commento acido riguardo la sua antipatia per il fatto che i suoi genitori abbiano commesso l'errore di aver venduto i loro preziosi campi a quel Ganjinese. A differenza della popolazione di Yokoya che vede la villa come un pugno nell'occhio, per Kyoshi era la cosa più bella immaginabile nonché qualcosa che può chiamare casa, per cui quel commento la irrita molto. Colta da un’ira silenziosa, Kyoshi mormora sottovoce che i suoi genitori forse sapevano quanto inutile e improduttiva fosse questa terra, esattamente come i loro figli, ma a suo grande orrore i suoi bulli l’hanno sentita. Jae e Suzu si rendono conto che, per una volta, Kyoshi era alla loro merce per via dalla minaccia di Aoma di rompere il vaso ancora sospeso a mezz’aria, per cui decidono di dare sfogo alla loro antipatia e stanno passando all'attacco.

Kyoshi si prepara a subire l'ennesimo assalto passivamente cercando di coprire almeno la faccia quando dal nulla appare Rangi, la guardia del corpo dell’Avatar dominatrice del fuoco di cui apparizione da sola basta a far indietreggiare le ragazzine vigliacche. Aoma invece resiste e accusa Rangi di battere la fiacca lasciando il fianco dell’Avatar, ma questa ribadisce col tono severo che loro non fossero autorizzate né a stare sul terreno della tenuta né mettere le mani sulla proprietà dell’Avatar o sul suo personale domestico. Cercando di salvarsi la faccia, la figlia del sindaco spiega che era stata Kyoshi ad aver chiesto il suo aiuto per portare il contenitore- il tono insolitamente lagnoso e sincero di Aoma indica a Kyoshi che volesse davvero entrare nella villa per vedere l’Avatar da vicino e che fosse solamente gelosa di lei, dato che lei lo vede spesso.

Mentre lei inizia a provare compassione per la sua bulla, Rangi rimane assolutamente fredda e le ordina di posare il vaso e di andarsene se non volesse “sapere che odore avessero le ceneri delle sua sopracciglia ”. Aoma accetta la sua sconfitta a denti stretti, ma non si arrende senza un ultimo colpo basso e lancia il vaso in alto, oltre le cima degli alberi, per poi scappare insieme alle sua alleate. Rangi si deve trattenere dall'inseguirle, dato che il vaso ha la priorità, così ordina Kyoshi di prenderlo con il suo dominio della terra. Quando questa afferma di non esserne capace, la dominatrice del fuoco la incita a copiare la posizione del Ponte Corto di Aoma, ma Kyoshi vede solo come il proiettile rischia di cadere su Rangi e istintivamente si butta su di lei per proteggerla dall'impatto finendo per travolgerla rimanendo con le membra intrecciate.

Ma l’impatto non arriva e, mentre una Rangi imbarazzata si libera dalla protettiva presa di Kyoshi con il suo viso rosso quasi come la sua armatura e si alza, le due ragazze notano come il vaso galleggia a mezz’aria davanti a loro completamente calmo e fermo. Sul suolo, formato dai ciottoli e dai sassolini del sentiero, compare un messaggio che spiega che era stato l’Avatar Yun ad averle salvate e che controlla il contenitore da lontano. Kyoshi inizia a ridacchiare quando i messaggi iniziano a diventare small-talk finché Rangi non spazza via i sassolini ancora arrabbiata, dichiarando che stanno distraendo Yun dal suo allenamento e Kyoshi dal suo lavoro.

La ragazza si prende il vaso e segue la dominatrice del fuoco in silenzio. A meta strada verso il cancello della tenuta, improvvisamente Rangi spezza il silenzio gridando quando sia stata patetica a lasciarsi calpestare in questo modo da gente del genere. Kyoshi, che sa che Rangi la sgrida in questo modo soltanto perché le vuole bene, si limita a sorridere notando che avesse voluto stemperare la tensione, ma la sua amica la sgrida ancora per la sua ossessione di rimanere passiva e di rifiutarsi di utilizzare il suo dominio della terra davanti a questi contadini. Frustrata, propone un piano di attacco contro questi bulli come se volesse organizzare una tattica militare, ma Kyoshi non la ascolta, dato che viene distratta dal colletto dell’armatura di Rangi che si era ripiegato e non sta più coprendo la sua pelle delicata come dovrebbe. Riportata alla realtà, Kyoshi le chiede se davvero dovesse ricorrere alla violenza quando ha eroi forti come lei che la proteggono; domanda alla quale Rangi risponde simulando un coniato di vomito.

Note[]

Continuità[]

  • Kyoshi pratica lo jing neutrale, un concetto che viene spiegato da Re Bumi in "Ritorno ad Omashu".
  • Come tanti membri della forza militare della Nazione del Fuoco e anche cittadini comuni mostrati in Avatar: La Leggenda di Aang, Rangi porta un'armatura aderente nei colori neri e rossi, ha occhi di un bronzo scuro e capelli neri come la pece tirati su in un chignon.
  • L'uso del dominio della terra di Yun nel prendere al volo il contenitore prima che si schiantasse al suolo mandando cocci taglienti contro Kyoshi e Rangi viene ripreso più tardi in "L'ombra di Kyoshi" ("The crash") quando usa dei frammenti di pigmenti come arma contro Kyoshi, il Cancellerie Dairin e le sua guardie con intento omicida.
  • La tecnica di poter scrivere sulla terra utilizzando sassolini è nuova e segno della straordinaria precisione del dominio della terra di Yun.
  • Kyoshi nota che, se Yun fosse stato un Nomade dell'Aria, l'invenzione di una nuova tecnica del dominio del genere gli avrebbe conferito l'onore dei tatuaggi di maestro, esattamente come è successo ad Aang che ha ricevuto i tatuaggi per aver inventato la tecnica dello scooter aereo.
  • Rangi si ricorda di aver vistato Yu Dao, una cittadina che diventa importante in "La promessa".

Rivelazioni[]

  • Kyoshi è diventata una serva alla tenuta dell'Avatar.
  • Kelsang e Jianzhu l'hanno salvata dal morire di fame sulla strada.
  • Jianzhu proviene dalla tribù dei Gan Jin.
  • Rangi è una dominatrice del fuoco con uno sfondo di un addestramento militare che serve come la guardia del corpo dell'Avatar.
  • Kyoshi è una dominatrice della terra di scarse abilità.
  • Yun viene creduto di essere l'Avatar.
  • Rangi era stata un membro dei copri minori dell'Esercito del Fuoco.
  • Ricompaiono Aoma e Suzu del test visto nel capitolo scorso e disprezzano Kyoshi.

Riferimenti[]

  1. Ehasz, Elizabeth Welch (writer) & Spaulding, Ethan (director). (April 7, 2006). "Return to Omashu". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 3. Nickelodeon.
  2. ↑ Yee, F. C. (author), DiMartino, Michael Dante (author). (July 21, 2020). Chapter Nine, "The Crash". The Shadow of Kyoshi. Amulet Books.
  3. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Promise Part One (January 25, 2012), Dark Horse Comics.
Advertisement