Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo é il tredicesimo episodio del primo libro di La Leggenda di Aang, Acqua.

<<< episodio precedente

Sinossi[]

Aang ha un problema: Sokka e Katara si sono ammalati e deve andare da un erborista per dei medicinali e questa gli consiglia di fargli semplicemente succiare delle rane congelate. Nel frattempo Zhao é stato promosso ad Ammiraglio e usa questo nuovo potere per costringere il Colonello Shinu di poter usare i migliori arcieri della nazione e si appropria della caccia all'Avatar condannando Zuko all'inattività. Grazie a questi riesce a catturare Aang che sta tornando dall'erborista e lo imprigiona nella fortezza di Pohuai. Ma mentre festeggia la sua vittoria, una figura mascherata s'infiltra nella fortezza e libera Aang, ma purtoppo vengono scoperti prima di uscire. I due collaborano fino a raggiungere il portone, dove lo sconosciuto usa Aang come ostaggio per costringere Zhao a lasciarli andare. Ma questo voleva usare uno degli arcieri per colpire la figura mascherata dalla distanza e ci riesce, mandandola a terra. Togliendogli la maschera, Aang scopre che era stato salvato da Zuko e lo ricambia portandolo via con sé. Quando il principe si sevglia, gli chiede se in una vita diversa avrebbero essere diventati amici, poi torna da Katara e Sokka per consegnargli le rane.

Storia[]

Uno degli arcieri Yuyan

Un falco messaggero sorvola un porto che ospita una fortezza della Nazione del Fuoco oscura e minacciosa, nella quale si stanno esercitando alcuni arcieri nella loro arte. Le loro esercitazioni maestrali vengono osservati da due ufficiali su una torre, uno è il Comandante Zhao, l’altro è il Colonello Shinu. Il secondo rifiuta categoricamente una richiesta del primo di utilizzare i suoi arcieri Yuyan per la sua missione. Zhao cerca di fargli cambiare opinione, ricordando il suo superiore che, secondo lui, questi arcieri sono sprecati nel loro ruolo come semplice guardie di protezione della fortezza, ma Shinu continua ad insistere nel suo rifiuto e chiama il progetto di catturare l’Avatar un “sogno irrealizzabile”, mentre lui sta combattendo una guerra reale.

Zhao é stato promosso

Mentre il Colonello zittisce il Comandante, il falco messaggero atterra sul recinto della torre e Shinu tira fuori il messaggio da lui portato. Il messaggio, che porta il sigillo del Signore del Fuoco, suscita la curiosità di Zhao che se lo appropria e con un sorriso strafottente nota che alquanto parte era stato appena promosso a Ammiraglio, per cui la sua richiesta si è appena trasformata in un ordine. Ora il Colonello, seppur a malavoglia, non può più opporsi e deve obbedire. Ma neanche il neo-Ammiraglio si accorge del fatto che il discorso ha avuto orecchie inattese: sopra di lui, nascosto dal tetto, una figura vestita di nero e con una maschera blu ha sentito tutto.

Sokka si é ammalato

Nel frattempo Aang, Sokka e Katara si sono dovuti fermare nelle rovine di una vecchia città, dato che alquanto pare, Sokka si è ammalato e sta delirando dalla febbre; molto probabilmente la sua esperienza della tempesta non gli ha fatto bene. Sua sorella cerca di occuparsi di lui, mentre Aang torna dalla sua ricerca nei d’intorni per trovare dello zenzero con in mano una mappa, dove viene riportato un esperto di erboristica su una montagna vicina. Mentre Katara obbietta che suo fratello non riuscirà a fare quel viaggio e che deve solo riposare, anche lei inizia a tossire. Riconoscendo i segni come i primi sintomi che hanno assalito Sokka poco fa, Aang decide di andare da questo medico dal solo per procurare qualche medicinale. Vedendo che c’è un temporale in arrivo, Aang decide di andare a piedi e affida i due fratelli nelle cure di Appa e Momo.

Zuko manda via i soldati di Zhao

Zuko e il Tenente Jee stanno studiando gli ultimi avvistamenti dell’Avatar, ma dato che ultimamente non ce n’erano stati, il Tenente propone di andare direttamente al polo Nord. In quel momento vengono bloccati da una nave dell’armata del fuoco molto più grande, dalla quale scendono dei soldati che mostrano a Zuko il nuovo volantino per Avatar Aang, che è diventato la persona ricercata numero uno della Nazione del Fuoco, e l’ordine di dover comunicare ogni notizia su di lui all’Ammiraglio Zhao. Dopo aver annunciato di non avere nulla da dire a Zhao, Zuko ordina ai soldati di scendere dalla sua nave, ma questi lo informano che nessuna nave può lasciare la zona senza l’autorizzazione dell’Ammiraglio, ma alla fine lasciano la nave quando il principe ripete l’ordine con un grido. Suo zio invece ha ignorato la conversazione, preferendo di vincere a Pai-Sho contro i membri della sua ciurma.

Il volantino diceva la verità

Usando il dominio dell’aria, Aang corre per i sentieri di montagna a una velocità sovrumana. Una pattuglia del fuoco sta controllando la zona e uno dei due soldati legge la descrizione dell’Avatar che suona veramente stupefacente. Il suo collega ribatte seccato che è solo propaganda, nessuno più correre veloce come il vento. In quel momento però avvista una cosa che si avvicina a loro velocemente, lasciando indietro una nuvola di polvere e quando gli passa accanto porta la parte del loro nascondiglio. Dopo un momento di sorpresa la guardia suono il corno per dare allarme.

Momo parte a prendere acqua

Sokka si sveglia dal suo sonno febbrile e ha sete, così Katara, ormai anche lei malata, chiede a Momo di portargli dell’acqua. L’animaletto parte volonteroso con la borraccia, ma non ha capito bene cosa voglia l’umana da lui.

Aang incontra la vecchia erborista

Correndo come un pazzo, Aang sale per le scale per raggiungere un tempio situato su un monte che è lo studio dell’erborista nche si rivela una donna anziana. Agitato, Aang le racconta della malattia dei suoi amici, ma la dottoressa, che sta raccogliendo delle erbe, lo calma e gli racconta che viva quassù da quarant’anni. Un tempo c’erano molti clienti, ma ormai sono rimasti solo lei e la sua gatta Miyuki, gli unici che vengono ancora da lei sono guerrieri feriti del Regno della Terra. Il ragazzino impaziente le chiede se ha finito, ma la donna risponde che le manca ancora un ingrediente, ma non si sa decidere e inizia a cercare con tutta calma nel suo vasto giardino alla ricerca di una pianta ben specifica.

Zuko inizia a disperarsi

Zuko esegue i suoi esercizi del dominio del fuoco sulla sua nave, finché non viene raggiunto da suo zio che gli chiede se va tutto bene, è da un ora che non ha dato nessun ordine. Alla reazione scorbutica del ragazzo, Iroh lo rassicura che può sempre riuscire a trovare l’Avatar prima di Zhao, ma Zuko grida disperato che è impossibile, con le risorse di cui dispone il suo rivale è solo una questione di tempo finché riesca a catturarlo. Rischia di perdere tutto: il suo onore, il suo trono, la sua patria…. la sua speranza.

Non sembra proprio sana di mente...

La erborista finalmente ha trovato quello che ha cercato, il fiore di susina, spronando Aang a scattare dell’impazienza e di voler prendere il contenitore della medicina. Quando la donna lo sgrida arrabbiata e gli chiede cosa voglia fare, il dominatore dell’aria risponde timido che voleva portare la medicina ai suoi amici, ma la dottoressa risponde ridendo che questa è la cena di Miykui, non la medicina. Alla reazione esterrefatta del ragazzo, l’erborista nota che quelli hanno solo bisogno di qualche rana del bosco congelata che vivono in abbondanza nella palude sottostante. Aang non crede alle sue orecchie e chiede schifato cosa ne dovrebbe fare, la donna risponde con un tono sapientone che ovviamente le deve succhiare. Spiega al ragazzao scettico che la pelle delle rane secerna una sostanza curativa, ma deve stare attento che sono utili solo finché sono congelate, perciò ne deve prendere parecchie. Sospettoso, Aang chiede la donna se non è proprio sana di mente, cosa che la donna ammette con una risata, poi lo manda via.

Gli arcieri prendono di mira Aang

Ma appena che Aang era sceso dalla montagna, due frecce inchiodano i suoi pantaloni al suolo e altre dozzine di frecce stanno volando verso di lui, ma quelle riesce a bloccare con il dominio dell’aria. Dopo essersi liberato, Aang si ritrova ed essere nel mirino degli arcieri Yuyan che lo attaccano all’istante, spingendo il ragazzo a correre a tutta velocità per tutto il prato. Alla fine Aang salta giù da un dirupo per nascondersi nella palude, ma i nemici gli stanno alle calcagna, dimostrando un’abilità eccezionale.

In trappola!

La caccia continua nella palude, Aang salta da un albero all’altra come una scimmia e riesce ad evitare le frecce, finché non raggiunge il corso di un torrente. Nell’acqua gelida trova delle rane congelate e inizia a raccoglierle incurante delle frecce che continuano ad infilzarsi nel terreno vicino a lui, ma così facendo si distrae e alla fine viene catturato dagli arcieri che lo inchiodano con i vestiti a un albero.

Zhao non si lascia scombussolare da questo attacco imprevisto

Aang viene portato alla fortezza di Pohuai, dove viene imprigionato in una vasta stanza e incatenato ai polsi e ai piedi.  Mentre cerca di liberarsi, arriva Zhao che per prima cosa esprime la sua incredulità che questo ragazzino sia l’Avatar, padrone dei quattro elementi e colui che era fuggito alla Nazione del Fuoco per un secolo intero. Arrabbiato, Aang nega di essere fuggito e ordina al soldato di liberarlo per avere un combattimento reale. Ovviamente Zhao si rifiuta, ma con un sorriso beffardo chiede come ci si sente come l’ultimo sopravvissuto della sua gente, godendosi la reazione triste del ragazzino. Ma lo rassicura, non lo ucciderà, in tal caso rinascerebbe semplicemente e la Nazione del Fuoco dovrebbe riiniziare la sua ricerca da capo. Per cui lo terrà in vita, ma solo a malapena. Questa minaccia fa infuriare Aang che con un soffio colpisce Zhao alle spalle e lo catapulta via per alcuni metri contro la parete, ma questo ringhia solo che può fare quello che vuole, nessuno verrà a salvarlo, è in trappola.

Chi é sto tizio mascherato?

Intanto è scesa la sera e Sokka chiede nuovamente dell’acqua, Katara lo consola che Aang tornerà presto. In quel momento torna Momo e pone un topo morto sul sacco a pelo della ragazza, così lo deve mandare via di nuovo. Perché ci sta mettendo tanto?

Fuori dalla fortezza, la figura con la maschera blu sta aspettando il momento opportuno. Quello arriva con un carro di proviste, la persona si aggrappa sotto di essa e si lascia portare nella fortezza come passeggero abusivo. Quando il carro viene controllato dalle guardie, si nasconda ancora sotto, ma nel momento in cui controllano anche la parte inferiore, la figura si era già mossa per entrare all’interno del carro, rimanendo nascosto e guadagnandosi l’ingresso alla fortezza. Una volta entrato, scappa veloce per passare le altre mura.  

Zhao si vanta della sua vittoria

Intanto l’Ammiraglio Zhao ha radunato tutti i suoi soldati davanti e lui e inizia con un discorso commeporativo alla sua splendida vittoria sul nemico più insidioso della Nazione del Fuoco, l’unico ostacolo tra lei e la vittoria assoluta: l’Avatar! Inoltre ricorda tutti che questo è l’anno in cui la cometa Sozin gli donerà la sua potenza per aprigli un varco nelle mura di Ba Sing Se per distruggerla. Nel frattempo la figura con la maschera blu usa la distrazione per muoversi indisturbato e passare da un muro all’altro fino a raggiungere la torre.

Aang non riesce a liberarsi

Aang cerca disperatamente di liberarsi dalle catene, ma agitandosi scongela le rane che aveva con sé sotto i vestiti e queste iniziano a scappare. Le guardie davanti alla porta iniziano a meravigliarsi di questi animali che sembrano sbucare dal nulla, quando notano un elmo che gli viene lanciato contro. Prima si avventura avanti uno, ma viene sconfitto e appeso con delle catene al soffitto. Altri due soldati vanno a controllare, ma anche loro vengono sconfitti a questo sconosciuto con la maschera. L’ultimo soldato vuole dare l’allarme, ma prima che riesca a suonare il corno, gli viene strappato dalla mano. Notando una figura che sta correndo verso di lui, attacca con un pugno di fuoco, ma questa gli rovescia addosso dell’acqua e lo rende incosciente con due colpi.

L'uomo mascherato aiuta Aang

Aang nota degli strani rumori e s’innervosire quando vede aprirsi il portone e comparire questa figura minacciosa davanti a lui che tira fuor le sue spade. Lo sconosciuto poi inizia anche ad avvicinarsi brandendo le due armi, spingendo Aang a gridare dalla paura e di chiudere gli occhi in attesa del colpo mortale. Ma questo non arriva, la figura colpisce le catene e le spezza con dei colpi secchi, liberando l’Avatar. Il ragazzo rimane abbastanza perplesso da questa svolta e chiede chi sia e se era venuto per aiutarlo, ma lo sconosciuto non risponde e gli ordina con dei gesti di seguirlo. Quando Aang inizia di nuovo a rincorrere le rane semi-scongelate, la figura mascherata lo trascina via di peso.

Momo porta tutto, ma non l'acqua

Nel frattempo Momo ha portato da Katara quasi un intero arsenale di cose: coltelli, ventagli, posate, persino una corona, ma niente acqua. La ragazza stanca ripete la sua richiesta per l’ennesima volta, ma alla fine ci rinuncia e spera solo che Aang stia bene. Sokka invece chiede chi sia questo Aang e nel delirio la chiama “vostra altezza”.

Com'è possibile?!

Aang e lo sconosciuto si fanno strada nel sistema di scarico della fortezza, nel frattempo Zhao sta ordinando al suo assistente di mandare una copia del suo discorso e le testimonianze di tutti gli ufficiali presenti al Signore del Fuoco. Ma quando passa per il corridoio accanto alla prigione dell’Avatar, nota i soldati catturati e capisce subito che il suo prigioniero era fuggito. Appena che ha visto la cella vuota da subito l’allarme generale.

Circondati!

I due fuggitivi stavano scalando una delle mura della fortezza quando suona l’allarme e vengono subito scoperti. Dopo che una guardia taglia la cosa con la quale si stavano arrampicando, cadono giù, ma Aang li salva dall’impatto con il dominio dell’aria. Zhao ordina di chiudere i portorini, così Aang e l’uomo mascherato iniziano a correre per anticiparli. Il nomade dell’aria sta per fuggire attraverso i cancelli in chiusura, ma il suo salvatore è costretto a rimanere indietro per affrontare le guardie. Vedendolo in difficoltà, Aang rinuncia alla fuga facile e torna per aiutare l’uomo mascherato, lanciandolo in cima al muro con il dominio, utilizzando una lancia rotta come bastone.

I due collaborano per fuggire

Per fuggire agli aggressori, Aang inizia a far roteare il bastone come un elicottero e si alza in aria, portandosi con sé la figura mascherata tenendolo con le gambe.  Questo si deve agitare per deflettere le lancia incombenti dal basso e alla fine cadono giù sul prossimo muro della fortezza. I due collaborano per respingere i soldati in arrivo che iniziano a salire anche con delle scale di bambù flessibili. Lo sconosciuto combatte valorosamente con le sue spade, mentre Aang butta giù gli avversari con getti di vento per aggrapparsi a due scale che usa come trampoli per superare la zona tra il penultimo e l’ultimo muro. Un soldato mette a fuoco l’ultima scala, ma i due fuggitivi riescono a saltare sull’ultimo muro appena in tempo prima che vengano bruciati. Purtroppo il salto si rivela troppo corto a Aang perde la presa, cosi entrambi cadono giù davanti all’ingresso principale.

Lo sconosciuto prende Aang in ostaggio

I soldati attaccano con il fuoco, ma Aang si difende con uno scudo d’aria, finché Zhao non ordina di cessare il fuoco, dato che l’Avatar deve rimanere in vita. Questo ordine fa scattare la figura mascherata che prende in ostaggio Aang, minacciando di tagliargli la gola con le sue spade. Lui e l’ammiraglio si fissano per alcuni secondi, finché l’ufficiale non ordina di aprire il portone. I soldati eseguono l’ordine e l’uomo mascherato si ritira in retromarcia, le lame ancora intorno al collo dell’Avatar. Quando Il Colonello Shinu chiede cosa stia facendo, Zhao nota solo sorridendo che questa situazione richiede precisione.

Una mira infallibile

Mentre la figura mascherata si sta allontanando lentamente con il suo ostaggio dalla fortezza, Zhao sale sul muro per osservare la sua lenta avanzata, accanto a lui un arciere Yunyan che sta prendendo la mira. Deve uccidere il ladro che sarà un regalo per il Signore del Fuoco insieme all’Avatar. La freccia viene stoccata e colpisce il bersaglio.

Zuko ha salvato Aang?!

Aang vede come il suo salvatore cade a terra incosciente e vede una parte del suo viso sotto la maschera. Prima che qualcuno riesca a reagire, crea una nuvola di polvere che oscura la vista su di loro, mentre Zhao ordina a tutti di catturare l’Avatar. Nascosto dalla nuvola, Aang toglie la maschera blu e nota con stupore e shock che la figura vestita di nero era stata Zuko! La sua prima reazione è quella di voler fuggire, ma non ci riesce a lasciarlo indietro, intuendo il destino del principe se dovessero catturarlo.  Quando la nuvola di polvere si dissipa, i due ragazzi sono già fuggiti, a grande rabbia dell’Ammiraglio.

Un momento di riflessione

Quando Zuko si risveglia, il sole è già sorto e per prima cosa nota Aang seduto accanto a lui che gli racconta dei suoi amici del passato. Gli parla di un suo amico della Nazione del Fuoco di nome Kuzon, che andava spesso a trovare prima della guerra. Erano stati amici nonostante che apparteneva alla Nazione del Fuoco, così chiede a Zuko se si fossero conosciuti allora, avrebbero potuto essere amici? Dopo un momento di silenzio, Zuko reagisce con un pugno di fuoco improvviso che Aang evita facilmente con un salto per poi allontanarsi tra gli alberi. Zuko rimane indietro da solo con l’aria impensierita.

Zuko inizia ad avere dubbi

Mentre Aang torna nella palude per prendere altre rane congelate, Zuko torna alla sua nave in silenzio, dove zio Iroh gli chiede dove fosse stato per tutta la notte, si era perso una serata con musica. Il principe ribadisce solo che sta andando a letto e non vuole essere disturbato, massaggiandosi la testa ancora dolente. Sporco e stanco morto, anche Aang torna dai suoi amici e gli consegna le rane da succhiare. Sokka chiede se ha fatto nuova amicizie, cosa che il nomade e dell’aria nega e si volta via per dormire. Intanto anche Zuko cerca di dormire e fissa la bandiera dalla Nazione del Fuoco sopra il suo letto per poi voltarsi via da essa.  

Ha funzionato, ma che schifo!

Un po' di tempo dopo Sokka e Katara iniziano a sentirsi veramente meglio, ma quando si accorgono che stanno succhiando delle rane saltano su dallo schifo e dalla confusione.

>>> episodio successivo

Peronaggi apparsi[]

Aang

Zuko

Iroh

Katara

Sokka

Appa

Momo

Zhao

Shinu

Erborista

Jee

Arcieri Yuyan

Trivia e note[]

Volantino Aang.jpg

Sul volantino di Aang si legge:

緝拿 - 降卋神通
該逃犯身懷截氣神功
能制起旋風飛遁如風
捕者慎之慎之
烈火君令
"Ricercato- L'Avatar
Questo fuggitivo sa dominare l'aria
può creare tornado e correre come il vento
Cacciatori, estrema cautela.
Decreto del Signore del Fuoco"
  • Zuko usa per la prima volta la sua identità segreta di "Spirito Blu", anche se il suo nome non viene rivelato fino a "il maestro del dominio dell'acqua" Lo spirito blu diventa anche lui un ricercato, come visto dal volantino in "Il maestro del dominio del fuoco". Zuko fa riferimento alla discussione con Aang a fine episodio in "La trasformazione di Zuko", così come anche Aang.
  • Nello stesso episodio Sokka si lamenta che quella rana gli abbia causato una verruca sulla ovula, ma Katara gli dal dell'ipocondriaco.
  • Intuendo la casua della malattia di Sokka, Katara si riferisce alla puntata precedente "La Tempesta".
  • Il discorso di Zhao annuncia alcuni particolari per la storia futura: la cometa di Sozin e il piano per abbattere la mura di Ba Sing Se e di bruciarli. La prima parte viene eseguita da Azula, mentre Ozai vuole veramente bruciare l'intero Regno della Terra.
  • Quando Iroh suona il corno a fine episodio, accanto a lui si vede la statuetta della scimmia ornata di gioielli che ha visto sulla nave dei pirati in "Il dominio dell'acqua", entrambi gli oggetti li ha comprati in quel villaggio.
  • Nella versione visto in "Lo spettacolo teatrale" Aang affronta come nemico Zuko che è una entità scissa dallo spirito blu, e non Zhao, il che indica che tutti si sono dimenticati di Zhao e nessuno ha mai saputo che lo spirito blu era stato in realtà Zuko.
  • Una copia della maschera blu compare sul carro del mercante all'inizio di "La palude" . Zuko la compra e se la tiene, finché non la fa affondare nel lago Laogai nell'omonimo episodio.
  • La collaborazione perfetta tra Aang e Zuko é un presagio del libro tre, dove Zuko diventa parte del Team Avatar.
  • L'idea di succhiare rane ha uno sfondo reale, nella medicina naturalistica degli indigeni americani compaiono rane con effetti allucinogeni, anche se gli effetti curativi non sono stati confermati.
  • La scena, dove Aang chiede a Zuko se in un altra vita sarebbero diventati amici, è tratta da Cowboby Bebop dove Roco fa la stessa domanda a Spike. Casualmente i creatori ne sono grandissimi fan.
  • Questo episodio é il secondo preferito di Michael DiMartino per via del mistero intorno allo spirito blu, l'azione e la sorpresa finale.
  • Per la prima volta vediamo un personaggio che s'ammala.
  • In "Avatar extras" si nota che nella prima versione dello scenario lo spirito doveva essere rosso, ma venne cambiato in blu perché sarebbe stato troppo facile intuire l'identità di Zuko e inoltre sembrava "uno spider-man coreano".
  • La scena di Aang che salta giù per il dirupo per sfuggire agli arcieri é inspirato a "Rambo".
  • Una della facce che Koh mostra a Aang somiglia molto alla maschera dello spirito blu
  • La maschera é una maschera teatrale tradizionale cinese, difatti nel fumetto "La ricerca" Ursa tiene nascoste alcune maschere del suo tempo da attrice teatrale, e una di queste è uguale a questa. Nella versione rivisitata del fumetto viene rivelato che la maschera che Zuko usa qua é proprio questa, dato che era andata nella camera di sua madre in seguito alla sua scomparsa per cercare indizi.
  • Si scopre che Zuko é un esperto spadaccino, capace di combattere bene anche senza il suo dominio.
  • Dato che inizialmente Nickelodeon aveva solo ordinato tredici episodi, i creatori volevano rendere questa puntata particolare e decisero di usare la rivalità tra Zhao e Zuko come motivazione del principe di salvare Aang.
  • Inizialmente volevano mostrare Aang sospeso completamente in aria a croce, ma gli venne vietato, ma riuscirono a farlo più tardi a Korra in "Entrare nel Vuoto". Una differenza sta nel destino previsto per l'Avatar: Aang doveva rimanere in vita, seppur a malapena, mentre Zaheer voleva uccidere Korra.
  • La scena final e di Zuko che volta le spalle alla bandiera indica i suoi primi dubbi.
  • E`quasi un peccato che gli arcieri Yuyan compaiano solo un questo episodio
Advertisement