Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Liling era una donna d'affari che, dopo aver dovuto fuggire da Ba Sing Se per via dell'invasione della Nazione del fuoco, si è trasferita a casa sua nella zona che diventerà la Città dei Gru-Pesce dove ha fondato la sua impresa. Madre di Ru e Yaling, Liling era anche una dominatrice della terra che considerava ogni non-dominatore come inferiore a prescindere, il che la spinse a perseguire una filosofia estremamente radicale e suprematista. Per questo motivo si è sentita minacciata dalle macchine sempre più sviluppate che davano ai non-dominatori sempre più potere, così decise di far allontanare tutti loro dalla "sua" città.

Storia[]

Gioventù[]

Liling venne al mondo e crebbe in un paesotto piccolo nel Regno della Terra dell’Nord-Est vicino a quello che qualche decennio dopo sarebbe diventata la Città dei Gru-Pesce. Quando era giovane, questo posto era quasi deserto, ma nonostante ciò le piaceva. Qualche anno dopo si trasferì poi a Ba Sing Se per via della guerra dove spese gran parte della sua vita adulta e diede luce alle sue due figlie Ru e Yaling. A differenza delle stra-maggioranza del popolo, Liling non odiava il Signore del Fuoco Ozai per le sue azioni, ma diede la colpa al Re della Terra che, per via del suo essere un non-dominatore, era incapace di proteggere la sua gente.

Il destino della famiglia di Liling ricevette un duro colpo quando Ba Sing Se venne invasa dalla Nazione del Fuoco nella primavera dell’anno 100 DG grazie a un colpo di stato orchestrato da Azula in combutta con Long Feng. Venivano costretti a lasciare dietro tutto per darsi alla fuga, incluso ogni possessione e amici, portandosi dietro solo quello che avevano addosso. Questa esperienza fu molto traumatica per la donna che si giurò di non perdere mai più la sua casa in questo modo. La caduta di Ba Sing Se fortificò inoltre la sua filosofia della supremazia dei dominatori, dato che il Dai Li e Long Feng hanno potuto raggirare il Re della Terra soltanto perché il Re era così debole.

Dopo la fine della guerra, Liling e la sua famiglia tornarono alla sua città natale per ricostruirsi una vita e fondarono una delle tante fabbriche in questa nuova città in rapida crescita. Divenne così ricca e importante da guadagnarsi un posto nel nuovo Consiglio per gli Affari, il che equivaleva poter partecipare attivamente al governo della Città dei Gru-Pesce. Per via della sempre più maggiore violenza di certi dominatori contro non-dominatori e proprietà altrui, Liling venne apparentemente costretta a mettersi su una squadra di protezione personale composta da trenta dominatori molto abili per proteggere la sua fabbrica. In realtà però divenne sempre più scettica e sospettosa in confronto alle sempre più moderne macchine di alcune ditte di non-dominatori che permisero di rimpiazzare sempre più dominatori. Credendo che questo sviluppo poterà a all'esclusione dei dominatori dalla vita lavorativa, Liling iniziò a far spargere voci cospiratorie per provocare conflitti sempre più violenti tra dominatori e non-dominatori con lo scopo di far scappare gli ultimi.

Cospirazione contro i non-dominatori[]

Squilibrio 1 Liling proposta

Liling fa una offerta "generosa"

Quando il Team Avatar arrivò alla Città del Gru-Pesce, Liling era presente a un incontro del Consiglio d’Affari dove Lao Beifong presentò la sua idea per far fronte contro la violenza dei dominatori. Il proprietario di Industrie della Terra e del Fuoco suggerì di vietare il dominio in strada, il che creò parecchio scalpore tra i membri dominatori del consiglio a parte lei che per il momento si astenne da ogni commento. Dopo che Avatar Aang propose di invece creare una squadra di sicurezza simile alla polizia, Liling finalmente si alzò e offrì la sua sicurezza personale come base per questa forza della polizia. Al suggerimento di Lao di permettere anche ad alcuni non-dominatori di unirsi a loro, Liling ammise che potrebbero essere utili per aiutare gli ufficiali veri, ma solo dopo che il problema attuale della violenza in città fosse risolta. Il suggerimento della donna d’affari venne accettato da consiglio ricevendo il cento per cento delle approvazioni.

Squilibrio 1 Liling piano

Annuncia che il suo piano é già in moto

In seguito a questa riunione, Liling ordinò alle sue due figlie di arruolare alcuni dominatori randagi responsabili per la violenza in città per fargli sabotare le macchine alle Industrie della Terra e del Fuoco e altre fattorie di non-dominatori, e le ricordò anche che dovevano assicurarsi che loro rimanessero zitti. Purtroppo quella notte Ru e Yaling le fecero rapporto che uno dei dominatori del fuoco era stato salvato e catturato dall’Avatar, ma la donna non si dimostrò molto preoccupata, dato che c’erano cosa più importanti in ballo e rivelò che il suo piano era già in azione e nemmeno l’Avatar poteva fermarlo.

Squilibrio 2 Liling parla con Aang

Si finge civile e compassionevole

Liling ricevette una visita da parte del Team Avatar la mattina seguente e lo accolse come un ospite educato nella sua villa lussuriosa. Aang le chiese di aiutare gli imprenditori di cui edifici erano stati danneggiati per ridurre le tensioni tra dominatori e non-dominatori in città. Liling espresse la sua compassione per l’esitazione del Nomade dell’Aria di accettare che Città del Gru-Pesce era stata costruita sopra un santuario della sua gente e sia cambiata così. Rivelò anche di sentirsi in debito con lui e di essere pronta a dare di più per guidare meglio lo sviluppo. Quando Aang rivelò la sua idea che i dominatori aiutassero i non-dominatori nella ricostruzione delle loro fabbriche, Liling fece finta di assecondarlo come un gesto di solidarietà.

Squilibrio 2 Liling Yaling Ru

Presenta Yaling e Ru

La discussione venne interrotta quando la gatta della casa gettò a terra una piccola statuetta di Avatar Kyoshi e Aang si offrì subito a ripararla. Liling lo calmò e chiamò le sue figlie per presentarle all’Avatar e chiedere a Yaling di riparare la statuetta. La ragazza però iniziò una discussione con Toph su chi era la migliore dominatrice del mondo, ma la seconda vinse facilmente dimostrando il suo dominio del metallo. Il Team Avatar se ne andò poco dopo con Liling che promise di mandare rinforzi e materiali per ricostruire gli edifici distrutti e salutò i ragazzi ignari del fatto che Toph aveva scoperto che le sue figlie stavano mentendo e che erano coinvolti nei sabotaggi.

Attacco pubblico[]

Squilibrio 2 Liling discorso

Sparge le sua teorie di cospirazione

Per la notte successiva, Liling organizzò un incontro con i suoi seguaci in una delle vecchie miniere sotto la città, incluso anche alcuni membri del Consiglio d’Affari e esponenti di tutte le parti della società. Con tanta emozione e aggressività tenne poi un discorso davanti a tutti dove diede la colpa per tutto ai non-dominatori, iniziando dalla proposta di Lao Beifong di vietare il dominio. Accusò lui e gli altri non-dominatori di voler mettere da parte i dominatori per sostituirli con delle macchine, il che, secondo lei, andava contro l’ordine naturale dove i dominatori erano i leader. I dominatori erano a capo delle nazioni e dei governi per difendere le loro famiglie, loro valevano molto di più dei non-dominatori e si riconquisteranno il loro posto legittimo che questi glielo negavano. Alla fine chiese ai suoi seguaci di unirsi a lei accantonando le differenze tra le varie nazioni per lottare per una meta comune: affrontare l’insolenza dei non-dominatori per riprendersi cose che era loro, ovvero il potere.

Squilibrio 2 Liling seguaci

Spinge i suoi seguaci ad attaccare l'Avatar

Una donna del pubblico pose la domanda su come impedire che i non-dominatori non chiamino aiuto al Re della Terra, il quale punirebbe ogni insurrezione con la sua forza militare. Liling ripose con un sorriso maligno che aveva già messo in azione un piano per allontanare i non-dominatori dalla città senza insospettire le autorità: facendo fallire le loro fabbriche. Distruggendo le loro macchine, non potranno più esaudire la richiesta e andranno in bancarotta, così cadranno uno dopo l’altro e non avranno altra scelta di fuggire dalla città. Usando gesti magnifici, Liling gridò ai suoi seguaci che in questo modo ristabiliranno il “giusto equilibrio nel mondo”, scatenando una onda di risposta entusiasta da tutti i presenti.

La donna non era stata messa al corrente del fatto che Yaling aveva portata anche Toph credendola una di loro, mentre il resto del Team Avatar si era intrufolato usando travestimenti. Dopo la fine del suo discorso, la ragazza la portò sul palco affermando che si era unita a loro e voleva unirsi alla loro causa. Scettica, Liling chiese conferma, dove Toph le rispose direttamente che non era vero e la dichiarò invece in arresto. Una Yaling furiosa per questo tradimento attaccò la dominatrice del metallo mentre Aang, Sokka, Suki e Katara si rivelarono per aiutare la loro amica. La presenza dell’Avatar scioccò Liling solo per qualche secondo, poi si ricompose e lo accusò di stare dalla parte dei non-dominatori e di aver tradito i suoi simili. Usando a favore la rabbia sopita dei suoi seguaci, li provocò per odiare l’Avatar e gli ordinò di attaccare lui e i suoi amici, iniziando una violenza battaglia. Nonostante questo, i cinque ragazzi sconfissero presto gli avversari, inclusa Yaling che subì il blocco del Chi da parte di Suki.

Squilibrio 2 Liling deride Aang e Katara

Credete di avermi sconfitta?

Dopo aver realizzato che non potevano vincere, Liling usò il suo dominio della terra per fermare temporaneamente Aang e i suoi amici per permettere alle sue figlie e i suoi seguaci di fuggire attraverso un tunnel. All'annuncio che lei resterà indietro, Ru e Yaling protestarono, ma la donna le calmò facendole notare che l‘Avatar non poteva farle del male, solo arrestarlo, ma la loro causa era più importante di lei. Una volta da sola, fece crollare l’entrata del tunnel, spingendo il Team Avatar di concentrarsi su di lei e, come previsto, venne presto sconfitta e arrestata. Quando Aang l’avvertì che era finita, la donna rispose con un sogghigno arrogante che erano solo all'inizio.

Squilibrio 3 Liling arrabbiata con Aang

Una scatto di rabbia insolito

In seguito Liling venne imprigionata in una gabbia di metallo creata da Toph e posizionata all'interno della fabbrica di Industrie della Terra e del Fuoco, mentre Aang e gli altri discussero il suo destino. Aang cercò di convincerla ad arrendersi, ma la donna dichiarò di non volerne saper e testimoniò la sua credenza che dominatori e non-dominatori non potevano convivere in pace e lo prese in giro per la sua natura pacifica da Nomade dell’Aria di voler trovare sempre una soluzione non-violenta. Lo accusò di essere stato tanto debole da non aver tolto la vita al Signore del Fuoco Ozai quando questo stava minacciando di bruciare al suolo l’intero Regno della Terra, ma Aang ribatté con calma che era riuscito a trovare una soluzione pacifica salvando il regno e anche la vita a Ozai. Scossa dalla rabbia e dal disprezzo per questa filosofia, Liling gridò che il suo trattamento “pacifico” del Signore del Fuoco, ovvero togliergli il dominio, era stato invece un destino peggio della morte, dichiarando che una vita senza dominio non era degna di essere vissuta. Aang annunciò che non permetterà che farà altri danni ai non-dominatori, ma Liling, ormai calmatosi, rispose sogghignando che vedremo fino a dove si voleva spingere.

Squilibrio 3 Yaling libera Liling

Ringrazia sua figlia per la sua fedeltà

Il giorno seguente Yaling e alcuni dei suoi seguaci crearono un diversivo per il Team Avatar mettendo a fuoco la sede del Consiglio d’Affari, mentre il resto attaccò la raffineria della Terra e del Fuoco e sconfisse i pochi non-dominatori rimasti da guardia. Yaling si prese la chiavi e liberò sua madre, la quale la abbracciò felice e fiera per l’azione, poi la incitò di tornare a casa per i prossimi passi. Una volta entrate nella villa, vennero accolta da una Ru eccitata che annunciò che aveva preparato i bagagli per la fuga immediata dalla città. A grande sorpresa della ragazza, la donna d’affari dichiarò che rimarranno qua per combattere per non perdere ancora una volta una casa fuggendo.

Squilibrio 3 Ru Liling discussione

Ru per lei non ha tanto valore

Alla reazione incredula di Ru, le fece ricordare di come avevano perso tutto a Ba Sing Se e ripeté la sua dottrina che i non-dominatori erano stati i responsabili della caduta del Regno della Terra. Sua figlia però non voleva più accettare questa versione semplicista della storia e divenne sempre più arrabbiata fino a chiederle direttamente se davvero la vedeva solo come una debole perché non era una dominatrice. Questa esplosione di emozioni la colse leggermente impreparata, ma dopo un secondo si calmò e la rassicurò che l’amava esattamente quanto sua sorella. Aggiunse anche subito che, come non-dominatrice, lei doveva accettare il fatto che erano semplicemente più deboli dei dominatori, era così come funzionava il mondo. Si voltò per andare a dormire e le ordinò di disfare i bagagli, non rendendosi conto di quanto aveva appena ferito sua figlia con queste parole crudeli.

Caduta e cattura[]

Squilibrio 3 Liling contro Aang

Non ha rispetto per l'Avatar

Liling e i suoi seguaci si avviarono per marchiare contro Industrie della Terra e del Fuoco per l’attacco finale. Dopo un breve tentativo dell’Avatar di calmare la situazione bollente, Liling lo accusò da “stare dalla parte sbagliata” e ordinò ai suoi seguaci di attaccare. Inizialmente lei e Yaling rimasero indietro per osservare la schermaglia, ma si resero presto conto che il nemico era preparato e si stava difendendo troppo bene. Scocciata di come Toph stava evidentemente giocando con i suoi seguaci, Liling ordinò a sua figlia di distruggerla, ma con l’andare avanti della battaglia in lei crebbe la sensazione che qualcuno doveva aver spifferato il suo piano al Team Avatar.

Squilibrio 3 Liling affonda Ru

Sta veramente per uccidere sua figlia?!

A sua grande shock ricevette la sua risposa pochi attimi dopo da Ru che era venuta per affrontare sua madre e dirle in faccia la verità. In un primo momento Liling reagì con orrore a questo tradimento per lei inaspettato; Ru la accusò di essere stata lei il vero aggressore in questo conflitto, non i non-dominatori, e la dichiarò una cosa orribile, ma Liling si rifiutò di ascoltarla. Indignata da tanta insolenza, rispose che lo aveva fatto solo per proteggere la sua famiglia, ma sua figlia l’accusò arrabbiata di averlo fatto solo per sé stessa. La ragazza tentò di bloccare il Chi di sua madre, cosa che questa prese come un insulto personale e la sconfisse con facilità. Presa da un odio sproporzionato, Liling fece affondare Ru nel terreno dichiarando che la punirò per la sia ingratitudine e insolenza. La stava per uccidere, ma venne fermata all'ultimo dall'intervento di Aang.

Squilibrio 3 Liling macigno

È impazzita?

Accecata dalla furia, Liling alzò un macigno enorme sopra la sua testa e dichiarò che il suo messaggio arriverà al mondo e si insedierà in ogni parte della città, nemmeno l’Avatar poteva fermare l’imminente guerra tra dominatori e non-dominatori.  Aang entrò nello Stato dell’Avatar e sfracellò il macigno, poi la imprigionò in una colonna di ghiaccio con l’intenzione di toglierle il dominio. Katara riuscì però a fargli cambiare idea, ma non la lasciò senza l’avvertimento che continuerà a combattere il suo veleno che aveva iniettato e la comparò con l’immondizia della spiaggia.

Squilibrio 3 Liling insulta Ru

Nessun pentimento

Nuovamente da sola con Ru, Liling la chiamò una figlia ingrata e miserabile per dimostrare che non si era arresa, ma la ragazza rispose con la stessa acidità che poteva anche essere, ma lei era una madre terribile. Liling e Yaling vennero così arrestate e rinchiuse in una gabbia vicina alla raffineria voltando le spalle a Ru che invece li osservò con melanconia da fuori. In seguito vennero trasferite nella prigione di Città dei Gru-Pesce in attesa di trovare una prigione più adatta in futuro.

Personalità[]

Liling era una donna estremamente testarda e motivata di raggiungere quello che per lei è la giustizia, credendo che stava agendo per il bene della sua famiglia e tutti i dominatori del mondo. Era una ferma credente della supremazia dei dominatori sui non-dominatori dichiarando che era “l’ordine naturale” dei dominatori di poter governare sui non-dominatori, considerati deboli e inferiori. Arrivò fino a trovare scuse per il comportamento imperialista e assolutista del Signore del Fuoco Ozai e la sua guerra contro il Regno della Terra, credendo che stava facendo solo quello che ogni leader forte ha il diritto di fare, ovvero usare la debolezza dei non-dominatori a suo favore. Nonostante avesse sofferta in prima persona per via della guerra, non diede la colpa a Ozai e la sua invasione di Ba Sing Se, ma al Re della Terra per averla permessa perché, essendo un non-dominatore, si era lasciato giocare da dominatori come Azula e Long Feng.

Nonostante tutto ha avuto una figlia non-dominatrice che amava sinceramente, ma alla quale affidò sempre compiti diversi da sua sorella perché non credeva che potesse essere veramente al suo livello. Inconsciamente la trattò non tanto meglio di altri non-dominatori manipolandola a credere nella sua filosofia radicale e di convincerla che aveva a cuore solo il bene della sua famiglia. Quando Ru iniziava a dubitare delle sue parole, Liling la corresse con un tono arrogante e autoritario, consigliandole di accettare il suo destino di essere inferiore ai dominatori. Era così sicura di sé che non considerava nemmeno la possibilità che a sua figlia non-dominatrice qualcosa non potesse piacere la sua filosofia che reagì con sincero shock quando si rese conto che Ru l’aveva tradita.

Nella sua mente ristretta, Liling none sitava a rendere difficile la vita ad ogni persona che riteneva nemica sua, costringendo i non-dominatori a penare il suo stesso destino di essere cacciati dalla propria patria. Col progredire del suo movimento divenne sempre più radicale e non si curò di danni collaterali che potevano portare a feriti gravi o anche a vittime. Quando si rese conto che l’Avatar non seguiva la sua idea, non esitò a consideralo un nemico e decise di cacciarlo dalla città insieme agli odiati non-dominatori. Il tradimento di Ru era uno shock per lei, ma il punto di rottura avvenne quando questa osò attaccarla usando il blocco del Chi, una abilità eretica che dava ai non-dominatori il potere di sconfiggere un dominatore e per quello era la cosa peggiore. In quel momento rinunciò a sua figlia e dimostrò tutta la sua freddezza e violenza quando cercò di ucciderla schiacciandola nel terreno.

Abilità[]

Dominio della terra[]

Liling era un'abile dominatrice della terra capace di muovere grandi massi e creare colonne di terra alti più di cinque metri in pochi attimi. Poteva anche sparare piccoli sassi a ripetizione e far affondare una persona nel terreno, oppure rendere instabile il pavimento di una grande caverna per farla crollare.

Altro[]

Era anche una manipolatrice nata che poteva mascherare la sua freddezza davanti alla gente mentendo persino all'Avatar e Sokka. Inoltre era un#abile relatrice pubblica che poteva entusiasmare i suoi seguaci a seguirla nella sua guerra personale istigando teorie di cospirazione su agende segrete a discapito dei dominatori. Anche davanti a sorprese inaspettate rimase calma e usò spesso il momento a suo favore. Ma nonostante ciò rimase cieca di fronte ai versi sentimenti di sua figlia Ru e la ferì più volte, il che la spinse a tradirla.

Trivia[]

  • Il disegnatore ha fatto sempre attenzione di coprire il suo volto nell'ombra per far intuire che stava nascondendo qualcosa.
  • I suoi vestiti sono inspirati a quelli dell'Anello medio di Ba Sing Se, ma con accenti spigolosi per un look da "villain".
  • Il disegnatore l'ha creata come "una madre terribile" come contro-peso a tutti i padri terribili finora comparsi.
  • La paura di Liling di armi avanzate che i non-dominatori potevano usare per ribellarsi ai dominatori divenne realtà con i Paritari e i loro mecha e guanti elettrici. Ha avuto anche ragione sul fatto che Aang non poteva fermare la guerra anche dopo la sua morte, ma era stata Korra ad esserci riuscito.
  • Il modo in cui Liling riesce a creare un atmosfera tesa contro l'Avatar con poche frasi ricorda tanto quello di Tarrlok e Amon contro Korra.
Advertisement