Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo è il quarto episodio del primo libro di La Leggenda di Aang, Acqua.

<<< episodio precedente

Sinossi[]

Aang raggiunge la sua prossima tappa, l'isola di Kyoshi, per cavalcare le gigantesce carpe elefante. Purtroppo vengono catturati, ma gli aggressori si rivelano le guerriere di Avatar Kyoshi, non soldati del fuoco. Dopo essersi liberato e presentato come l'Avatar, Aang viene accolto come un re, suscitando la gelosia di Katara che vorrebbe andarsene presto. Purtroppo anche Zuko viene a sapere che l'Avatar é comparso sull'isola Kyoshi e si prepara all'attacco. Nel frattempo Sokka diventa amico della capa delle guerriere di nome Suki e, dopo essere stato umiliato da lei, chiede pentito di essere addestrato, promettendo di cambiare la sua visione sessista. Alcuni giorni dopo Zuko attacca il villaggio, spingendo Aang e i suoi amici a fuggire per attirarlo via, ma l'attacco intanto ha causato ingenti danni agli edifici.

Storia[]

Un maestro della fuga, eh?

Dopo aver riparato la sua nave e rimessosi nuovamente in viaggio in mare, Zuko sta meditando nella sua stanza, le fiamme delle candele davanti a sé seguono il suo respiro controllato. Viene interrotto dall’arrivo di suo zio che lo avverte che ha portato delle notizie che forse non gli piaceranno e gli chiede di restare calmo. Il principe risponde che è sicuro di poter sopportare queste brutte notizie, così Iroh si appresta alla comunicazione e inizia con l’ammettere che non hanno idea dove si trova l’Avatar in questo momento. Istantaneamente la rabbia di Zuko infuria e tradisce la sua buona intenzione, alzando le fiamme delle candele fino al soffitto, ma suo zio tira solo fuori un ventaglio e nota che sarebbe meglio aprire una finestra. Il principe si prende la mappa con gli avvistamenti dettagliati dell’Avatar e nota frustrato che non c’è un percorso ben preciso, va tutto a zig-zag, quel ragazzino dev’essere un maestro nell’arte della fuga.

Il suo nuovo trucchetto preferito

Intanto anche Sokka si guarda una mappa e si lamenta che Aang non deve avere nessuna idea di dove andare (smascherando la deduzione di Zuko come errata), ma quello sorride solo che stanno cercando un posto vicino all’acqua, no? Il ragazzo chiede a Momo di dargli le sue biglie e mostra a Katara un trucco da dominatore dell’aria, facendole roteare tra le sue mani. Vedendo che non lo sta neanche guardando perché occupata a riparare i pantaloni strappati di Sokka, se la prende leggermente, così il guerriero del sud lo avverte di lasciar stare ragazze che fanno il loro lavoro. Questo commento irrita Katara che chiede cosa c’entra essere una ragazza con il lavoro di sarto, Sokka risponde che è un lavoro per donne, mentre gli uomini devono combattere e cacciare. La ragazza inizia a sorridere in modo sarcastico e gli lancia addosso i suoi pantaloni ancora mezzi rotti, dichiarando di aver finito con il suo lavoro; finalmente Sokka capisce di aver esagerato e si scusa. Aang li interrompe ridendo che nel posto dove stanno per andare, non avrà bisogno di pantaloni.

Molto convincente...

Il trio atterra su un’isola vicina, ma i due fratelli non capiscono la causa, hanno fatto una sosta solo ieri, a questo ritmo arriveranno al Polo Nord fra un anno. Aang cerca di trovare la scusa che Appa sia semplicemente stanco, ma non riesce a nascondere la sua gioia quando nel mare davanti a loro avvista degli strani animali: le gigantesche carpe elefante. Sotto gli sguardi esterrefatti dei suoi amici si spoglia e spiega che è venuto qua per cavalcarli, poi si butta dritto nella acqua fredde.

Aang cavalca la carpa elefante

Aang salta sulla schiena di uno delle carpe gigantesche e si appiglia sulla sua pinna dorsale come se fosse un surfer. Mentre Sokka si fissa incredulo e seccato, Katara inizia a capire il suo entusiasmo e lo saluta sorridendo. La felicità del dominatore dell’aria si smorza quando vene Katara correre via per un motivo a lui sconosciuto (impedire a Appa di mangiare qualcosa), ma non si accorge che dietro di lui, nella acque marine, si sta avvicinando un’ombra minacciosa. Solo vedendo i gesti agitati e allarmati dei suoi amici guarda dietro, appena in tempo prima di essere sbalzato in acqua. Davanti a lui emerge una creatura mostruosa con una pinna dorsale grande come la vela di una nave che attacca le carpe, istintivamente lui scappa subito correndo sopra l’acqua con il dominio dell’aria.

Cosa succede?

Aang raggiunge la salvezza della spiaggia travolgendo Sokka, il trio osserva spaventato come la creatura mostruosa gira al largo, rimanendo ignota. Sokka dichiara la sosta finita e incita tutti ad andarsene, ma in quel momento vengono circondati da una mezza dozzina di persone vestiti di verde che in pochi attimi li catturano senza chiedere neanche il loro nome.

Le Guerriere di Kyoshi

Con le mani legati e gli occhi bendati, i tre ragazzi vengono portati in un villaggio e legati a un palo. Un uomo gli ordina di dare spiegazioni, mentre una ragazza li minaccia di gettargli direttamente nella acqua con un certo Unaghi se non obbediscono. Sokka, ancora acceccato, sfida gli aggressori a mostrarsi, così gli viene tolta la benda… e davanti a lui vece solo cinque ragazze con vestiti da combattimento verde e i visi dipinti con colori bianchi e rossi. Incredulo, il guerriero del sud vuole parlare con gli uomini che li hanno catturati, ma la capa del gruppo lo corregge, dicendo che non c’erano uomini, erano state loro. Sokka ancora non ci crede e mette in dubbio le parole delle ragazze, per fortuna Katara interviene spiegando che suo fratello a volte dice stupidaggini, così la ragazza vestita di verde gli chiede ancora cosa ci facevano su quest’isola.

La statua di Avatar Kyoshi

Aang si prende la sua responsabilità e ammette di essere venuto solo per cavalcare le carpe elefante, ma l’uomo del villaggio non gli crede e lo accusa di essere delle spie della Nazione del Fuoco. Questa è l’Isola di Kyoshi che finora è rimasta fuori dalla guerra e vorrebbe tenerlo così. Il nome Kyoshi risuona in Aang e afferma di conoscerla, ma questo fa ridere le persone davanti: Avatar Kyoshi era nata su quest’isola ben quattrocento anni fa, è impossibile che la conosca. Finalmente Ang rivela di essere l’Avatar, ma la gente non gli crede, l’ultimo Avatar era stato un dominatore dell’aria morto cento anni fa, per cui condanno il trio ad essere mandato in pasto all’Unaghi. Ma prima di essere attaccati, Aang si libera e con un balzo prova di essere un dominatore dell’aria, poi convince gli spettatori con il suo giochetto con le biglie di prima.

Zuko riceve questa informazione da un cuoco

La notizia che l’Avatar si trova su Kyoshi si espande come un tifone, e facendo passaparola attraverso pescatori, venditori e cuochi arriva fino alle orecchie del principe Zuko. Il ragazzo interrompe il suo pasto- a grande noia di suo zio che vorrebbe prima mangiare- ordina subito di cambiare rotta e di preparare immediatamente i suoi rinoceronti per l’attacco, stavolta l’Avatar non gli scapperà.

Sokka non accetta la sconfitta da parte di ragazzine

Aang, Appa, Sokka e Katara ora vengono trattati come dei nobili, persino la colazione è esagerata. Solo Sokka ha la luna di traverso e Katara sa anche il perché: è ancora imbronciato perché è stato battuto da un gruppo di ragazze. Il guerriero in questione non nega di esserlo, ma si giustifica con fatto che era stato vittima di un attacco a sorpresa per cui tecnicamente non era un combattimento leale e per cui non vale. Dichiarando di non avere paura di nessuno, specialmente non di un branco di ragazze, finalmente si degna di assaggiare la colazione, poi se ne va.

Katara lo incita a ripartire presto

Aang nota sorridente che questo posto è proprio fantastico, vengono trattati come dei re, ma Katara lo incita ad andarsene presto, è troppo pericoloso restare qua troppo a lungo. Il ragazzo contraccambia che la sua presenza rende felici le persone dell’isola, stanno persino ristaurando la statua di Kyoshi sulla piazza. Katara esprime il suo timore che gli sta andando un po’ alla testa, ma il ragazzo nega di avere certe tendenze, essendo un semplice monaco. Ma quando nota la sfilza di ragazze fuori dalla casa che lo adulano, non riesce a contenere il suo vanto.

Col passare del giorno però la faccenda diventa sempre più stressante, Aang viene ormai perseguitato da gruppo di fangirls che riesce a seminare solo a malapena. Il ragazzo cerca comunque di impressionarli con vari trucchetti, irritando Katara sempre di più.

Suki sfida il grande Sokka

Intanto Sokka, ancora inviperito per sua sconfitta, raggiunge la casa dove le ragazze si stanno allenando nell’uso dei ventagli da guerra. Con un sorriso strafottente, il ragazzo interrompe la loro “lezione di danza” e gli chiede dove può fare un po' di allenamento. La capa delle ragazze guerriere si scusa per l’attacco di ieri, ma Sokka torna nel suo fare da maschilista e afferma che stavolta farà un‘ eccezione di non portare rancore, dato che erano solo un gruppo di ragazze. La ragazza risponde con un sorriso sarcastico, dicendo che ne è molto felice, contro un uomo così grande e forte come lui non avrebbero avuto nessuna possibilità. Quando Sokka si vanta di essere il miglior guerriero del suo villaggio, la ragazza gli chiede di dare una dimostrazione della sua abilità.

Che figura....!

Il ragazzo, sempre sicuro di sé, annuncia il suo attacco con aria di superbia, ma la ragazza in armatura lo blocca facilmente. Ci riprova ancora una volta con più impeto, ma stavolta viene addirittura spinto a terra e finisce davanti ai piedi della capa delle ragazze guerriere. Ora si sta arrabbiando e attacca con tutta la sua forza, ma anche stavolta viene sbalzato in giro come una marionetta. La ragazza gli lega persino una mano e un piede con la sua cintura e ride quando Sokka finisce a terra come un sacco di patate e lotta contro le lacrime.

Aang saluta le sua fan- a grande noia di Katara

Aang e le sue ammiratrici guardano la statua ristrutturata di Avatar Kyoshi, cioè Aang in una delle sue vite passate. Il dominatore si ricorda di Katara e le chiede di venire con loro su un giro con Appa, ma questa sbuffa che vederlo pavoneggiare davanti alle ragazzine non è divertente, sarebbe meglio aiutarla a preparare tutto per la loro partenza. Aang però non vuole ancora andarsene, ovviamente l’attenzione della gente non gli sta dispiacendo. Katara lo ricorda delle sue parole che era un semplice monaco, a questo risponde che la vera causa di questa fretta è il fatto che Katara sia gelosa. La ragazza lo nega e si allontana sbuffando, mentre le ammiratrici trascinano Aang via con loro.

Sokka vestito da guerriera Kyoshi

Qualche ora dopo la sua figura barbina, Sokka si è calmato e torna nella palestra a testa bassa, dove chiede umilmente alla capa delle ragazze di addestrarlo e si mette in ginocchio davanti ma lei per scusarsi del suo comportamento. La ragazza si presenta come Suki e lo fissa dall’alto con lo sguardo severo, notando che normalmente non insegna la sua arte a nessun estraneo, specialmente non a un maschio. Ma vedendolo cosÍ riformato, ci ripensa e con un sorrisetto lo avverte che, se dovesse accettarlo, deve seguire tutte le loro tradizioni- TUTTE. Sokka non esita ad accettare questa richiesta.

Non si aspettava certo di indossare la divisa delle guerriere di Kyoshi, incluso il make-up, la gonna e l’armatura; Sokka stava per criticarlo, ma Suki gli spiega che è una divisa da guerriero, dovrebbe esserne fiero. Dopo una spiegazione sui particolari della divisa, il ragazzo si gonfia il petto alle parole valore e onore, ma in quel momento passa Aang che gli fa un complimento ironico per il suo vestito, smorzando la sua gioia.

Aang e Katara litigano

Aang intanto torna nella loro camera dove trova Katara ad esercitarsi nel dominio dell’acqua e annuncia orgoglioso che ritenterà di cavalcare l’Unaghi, il mostro marino che ieri lo stava per divorare. Deluso dalla reazione apatica della ragazza chiede se non ha voglia di fermarlo, Katara non lo guarda neanche e gli augura addirittura buon divertimento. I due iniziano a litigare e si separano arrabbiati, ma alcuni attimi dopo si pentono.

Suki mostra a Sokka cosa sa fare

Suki sta mostrando a Sokka alcune tecniche di base con il ventaglio da guerra, ma lo avverte che ci vorrà del tempo per impararli bene, e neanche lei si ritiene tanto abile. Il ragazzo cerca di eseguire i movimenti più precisamente possibili, ma alla fine sbaglia e si lascia fuggire il ventaglio di mano che vola lontano. Suki lo corregge, affermando che non deve usare la sua forza, ma quella del suo avversario contro di lui. Quando attacca per una dimostrazione, Sokka riesce ad evitare e il colpo e di contrattaccare usando la sua tecnica manda al tappeto la ragazza. Mentre Suki afferma che era caduta solo per farlo sentire meglio, Sokka ride che stavolta l’ha battuta, ma la ragazza lo prende per una mano e lo mette in leva, era stato solo un colpo di fortuna. Dopo essersi calmati e fatti una risata insieme, i due tornano all’allenamento.

Il mostro Unaghi

Aang e la sue fan sono tornati alla spiaggia e attendono l’Unaghi, ma il mostro si fa desiderare.  Le ragazzine iniziano ad annoiarsi e nemmeno il trucchetto delle biglie ha più effetto su di loro, alla fine se ne vanno deluse lasciando Aang da solo nell’acqua. L’umore del dominatore dell’aria si solleva notevolmente quando vede arrivare Katara e i due si scusano per il litigio di prima, ha avuto ragione la ragazza. Ma quando Aang sta per tornare a riva, dietro di lui compare il mostro Unaghi: un gigantesco serpente marino!

Katara salva Aang

Il mostro attacca Aang che riesce a tenersi a malapena attaccato ai suoi lunghi baffi, ma viene sbalzato in giro come un insetto fastidioso. Katara osserva dalla spiaggia come il ragazzo viene scaraventato in acqua dopo un volo di più di venti metri e dopo l’impatto galleggia sulla superficie privo di conoscenza. Disperata, gli accorre, ma davanti a lei s’innalza il mostro e si appresta ad attaccare. Con la forza della disperazione Katara usa il dominio dell’acqua per spingerli verso la riva dove atterrano in modo abbastanza brusco, ma per fortuna fuori dalla portata del mostro. Sollevata, Katara vede che dopo alcuni attacchi alla cieca si ritira, ma nello stesso momento nota l’arrivo della nave di Zuko che sta atterrando accanto.

Zuko deciso a catturare Aang

Dalla nave escono Zuko e alcuni soldati a cavallo di rinoceronti da battaglia, il principe gli ordina di catturare l’Avatar vivo, poi da l’ordine di partenza. Katara si nasconde con un Aang ancora incosciente, per fortuna non viene notata. Usando il suo dominio gli estrae l’acqua dai polmoni e dopo alcuni colpi di tosse Aang si risveglia con l’avvertimento di non cavalcare mai l’Unaghi, non è divertente.

Al calar del sole Sokka sta iniziando ad imparare le tecniche delle guerriere di Kyoshi, ricevendo persino delle lodi di Suki. In quel momento però ricevono l’allarme dell’attacco dell’armata del fuoco e Sokka si unisce a Suki e le altre.

Sokka salva Suki da Zuko

Il principe Zuko ordina a Aang di presentarsi, ma non ricevendo nessuna riposta, ordina ai suoi uomini di andarlo a cercare per il villaggio distruggendo tutto. Inaspettatamente vengono attaccati dalle guerriere di Kyoshi che respingono i soldati semplici, ma Suki, che cerca di attaccare Zuko direttamente, viene sconfitta. Quando il principe attacca la ragazza a terra, Sokka la salva, mentre un’altra guerriera spinge Zuko giù dal suo rinoceronte. Ma nonostante ritrovarsi in uno contro tre, Zuko rimane calmo e in poche mosse si libera dei suoi avversari e grida che queste ragazzine non possono salvare l’Avatar.

Aang spazza via Zuko

In quel momento sente il voice di Aang che lo sta aspettando in strada e Zuko passa subito all’attacco. Riesce a strappargli il bastone, ma Aang si prende due ventagli delle guerriere di Kyoshi e le usa per scaraventare via il suo avversario, sorprendendosi dell’efficacia di quest’arma. Ma non riesce a gioire di questa vittoria, quei soldati hanno già causati danni ingenti al villaggio. Mentre lo sorvola con il suo aliante, vede gli edifici in fiamme, così come la statua della sua vite precedente e questo lo rende triste. Atterrando davanti a Katara si sente in colpa per questo attacco che la gente ha subito solo per proteggerlo. La ragazza nota che devono scappare, Zuko lo lascerà in pace per inseguirli, cosa che Aang accetta a malincuore.

Questa non se l'aspettava

Le guerriere di Kyoshi combattono valorosamente, ma i soldati sono tremendamente potenti e aggressivi. Sokka si avvicina a Suki che crede che sia venuto per salutarla, ma il ragazzo invece le offre le sue scuse per averla trattata solo come una ragazza, non come una guerriera. Con un sorriso, Suki nota che è una guerriera, ma anche una ragazza e gli da un bacetto sulla guancia, facendolo arrossire. Ma il momento tenero dura poco, dato che la capa delle guerriere Kyoshi si butta nella mischia per permettere al Team Avatar la fuga su Appa. La tattica funziona, appena avvistati, Zuko ordina a tutti di tornare alla nave per inseguirli.

Baganati come dei cani...

Ormai in volo, Katara rassicura che se la caveranno, Zuko avrebbe distrutto tutta l’isola se fossero rimasti, ma Aang prende una decisione. Con determinazione salta giù da Appa nella acqua del mare per poi riemergere sulla testa dell’Unaghi che stavolta controlla tramite i suoi baffi. Usando il suo istinto animalesco, lo guida verso il villaggio e gli fa spruzzare acqua per spegnere le fiamme, bagnando tutto, incluso Zuko e i suoi soldati.

Alla fine non riesce a tenere il broncio

Dopo essere tronato su Appa, Aang ammette che era stata un’azione stupida e insensata, cosa che Katara asseconda con un sorriso per poi abbracciarlo. Il gruppo riparte per il suo viaggio per il nord, mentre l’Unaghi fa i suoi soliti giri in mare.

>>> epsodio successivo

Personaggi apparsi[]

Aang

Appa

Katara

Sokka

Suki (debutto)

Momo

Zuko

Iroh

Unaghi

Oyaji

Trivia e note[]

  • Il carattere su uno dei ventagli sulla statua di Kyoshi legge "京" ("Kyo"), ovvero "capitale", mentre l'altro "士" ("Shi") ovvero "guerriero" in giapponese. Tornano anche sulle maniche delle guerriere.
  • Con questo episodio, Aang, Sokka e Katara entrano nel Regno della Terra.
  • L'uomo con la bocca schiumeggiante lo rivedremo più volte, é un "running gag".
  • Il giocetto con le biglie Aang lo fa ancora da adulto, come visto nella foto del venditore di pesce in "Korra è sola" e "La chiamata". Inoltre lo ha ripetuto anche in "Disquilibrio".
  • Per la prima volta sentiamo un maestro parlare di usare l'arma come un'estensione del proprio corpo, cosa che rivedremo con gli insegnamenti di Piandao e Toph.
  • Katara domina per la prima volta acqua all'interno di un corpo, un primo indizio alla guarigione e al dominio del sangue.
  • La tecnica di Zuko, con la quale atterra l'avversario partendo da terra con un movimento a mulino é lo stesso che ha usato contro Zhao e poi userà anche contro Azula.
  • Per la seconda volta Zuko porta un elmo della Nazione del Fuoco
  • Per la prima volta in un episodio, Aang non usa lo Stato dell'Avatar.
  • Si scopre il nome di un'altra delle vite precedenti di Aang, Avatar Kyoshi, nata su quell'isola quattrocento anni fa.
  • La nota di Aang che Sokka non avrà bisogno di pantaloni annuncia che il ragazzo porterà la divisa delle guerriere di Kyoshi, ovvero una gonna.
  • La tecnica delle guerriere é simile al dominio dell'acqua, inoltre ispirato al Ninjutsu.
  • Sokka riceve il suo primo bacio
  • Sokka é il primo straniero a diventare un guerriero di Kyoshi, e il primo e unico maschio
  • La sequenza dove Aang si vanta delle sue flessioni sulle braccia senza braccia ricorda molto una scena comica in "Kung Pow! Enter the Fist" (2002)
  • L'informazione del sindaco Oyaji che Kyoshi era nata su quest'isola viene più tardi contradetta nel romanzo "L'ascesa di Kyoshi", dove viene spiegato che l'isola (a quei tempi ancora penisola) era stata sola la sua patria addottiva.
Advertisement