Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement



Lau Gan-Lan era il figlio del Venditore di Cavoli e il proprietario della Cavolo Corporation durante l’era di Korra, la impresa rivale maggiore di Industrie del Futuro a Città della Repubblica. Come suo padre, era perseguitato dalla sfortuna come quando Hiroshi Sato lo incastrò come il fornitore di armi dei Paritari o quando i suoi magazzini subirono ingenti danni durante la rivoluzione dei Rivoluzionati. Ma nonostante tutto, la sua impresa riuscì a prevalere più prosperosa che mai e di migliorare la sua reputazione pubblica.

Storia[]

Essendo il figlio del Venditore di Cavoli, Lau Gan-Lan divenne l’unico erede della Cavolo Corporation e le polizze di assicurazione costose di suo padre. Mantenne gli ultimi ed espanse la prima.

B1 E07 Cavolo arrestato

Lin lo arresta

Nell’anno 170 DG, la polizia di Città della Repubblica venne allertata da un indizio anonimo del fatto che la Cavolo Corporation fosse in qualche modo legata ai Paritari. Dopo aver sequestrato abbastanza prove, gli agenti vennero nel suo ufficio per arrestarlo. Nonostante Lau Gan-Lan dichiarasse di essere innocente e che queste accuse fossero false, la polizia procedette con l’arresto e lo stavano per portare via davanti ai suoi operai. In quel momento sentì che esisteva la seria possibilità che i suoi assetti sarebbero stati confiscati e che Cavolo Corporation era destinata al fallimento, l’uomo d’affari iniziò a piangere e a disperarsi.

Solo in seguito venne a galla che era stato incastrato dal suo rivale, Hiroshi Sato delle Industrie del Futuro, il vero collaboratore dei Paritari, il che portò al suo rilascio immediato. Anche gli anni successivi non erano segnati dalla buona fortuna, dato che la città, e per cui anche la Cavolo Corporation stessa, subirono ingenti danni in seguito alla crisi di Unalaq, la comparsa delle foreste degli spiriti e infine l’invasione della Repubblica Unita da parte dell'Impero della Terra. Grazie al fatto di aver pagato tutte le assicurazioni del mondo, l’impresa ne rimase pressoché intoccata e poté usare i problemi delle altre ditte a suo favore. Lau Gan-Lan investì parte delle sue risorse finanziarie in piccole corporazioni e imprese start-up, trasformandoli in sub-imprese della Cavolo Corporation.

In aggiunta a questo, cercò anche di migliorare l’immagine pubblica della sua impresa, dato che, nell'occhio pubblico, la Cavolo Corporation era famosa più che altro per prodotti scandenti e di scarsa qualità. Voleva aggiungere alla sua gamma di prodotti anche qualcuna di alta qualità per dimostrare che anche lui poteva essere all'avanguardia della tecnologia e non essere solo un’alternativa conveniente dei suoi rivali. Lau Gan-Lan divenne la sorgente più grande di episodi di tangenti e corruzione industriale quando voleva identificare ogni nuova invenzione in anticipo per poterla comprare prima della sua concorrenza.

Comparsa[]

La Leggenda di Korra[]

Libro uno: Aria (气)[]

  • 107. "Una triste verità"

Avatar Legends: The Roleplaying Game[]

  • Republic City

Trivia[]

  • Nel doppiaggio inglese, lui e suo padre hanno lo stesso doppiatore, James Sie; l'attore impersonerà il Venditore di Cavoli anche nella serie live-action Netflix.
  • Lau ha gridato “NO ! Non la mia Cavolo Corp!” quando era stato arrestato dai poliziotti, una frase molto simile a quella del Venditore di Cavoli che ha sempre gridato: “No! Non i miei cavoli!”
  • Il suo nome è un gioco di parole sulla parola 老 che è un titolo rispettoso per “Signore” o “Vecchio”, mentre 甘藍, vuol dire “Cavolo”. Quindi, il il suo nome può essere tradotto come “Signor Cavolo”.

Riferimenti[]

  1. DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Dos Santos, Joaquim, Ryu, Ki Hyun (directors). (May 19, 2012). "The Aftermath". The Legend of Korra. Book One: Air. Episode 7. Nickelodeon.
  2. The Legend of Korra—The Art of the Animated Series, Book One: Air, page 92.
  3. Avatar Legends: The Roleplaying Game. Republic City, Version 1.0, 2023, p. 26.
Advertisement