Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo è l'ottavo episodio del terzo libro di La leggenda di Korra e il trentaquattresimo in totale. È l'ultimo di questo libro ad aver avuto la prima visione in TV, in seguito la prima visione è avvenuta online, mentre quella in TV (su Nicktoons) è avvenuta solamente mesi dopo.

<<< episodio precedente

Ripasso e sinossi[]

"Korra è il primo Avatar a dominare il metallo! Grazie agli insegnamenti di Suyin Beifong impara subito a padroneggiare questo dominio e Bolin spera di seguire le sue orme. Intanto il nuovo dominatore dell’aria Zaheer è diretto a Zaofu, e con lui ci sono il dominatore della lava Ghazan, la dominatrice dell’acqua Ming-Hua e la dominatrice delle esplosioni P’Li. Cosa vogliono questi pericolosi criminali?"

Arriva l'ultimo giorno di permanenza a Zaofu, il gruppo saluta Opal che parte per il Tempio dell'Aria Settentrionale per poi ritirarsi per la notte. Ma in qualche modo Zaheer, Ghazan, Ming-Hua e P'LI riescono ad infiltrarsi nella città e a rapire Korra, ma vengono scoperti e fermati. Grazie al lavoro di squadra di tutti Korra viene salvata, ma ora è importante scovare la talpa all'interno di Zaofu, e i sospetti cadono su una giovane guardia. Su suggerimento di Varrick, la Squadra Avatar riconsidera le prove apparentemente schiaccianti e arrivano alla conclusione che il traditore sia Aiwei, il consigliere di fiducia di Suyin, ma quando cercano di confrontarsi con lui, il sospetto scappa...

Storia[]

Korra festeggia le sue capacità di dominatrice del metallo

A Zaofu termina un’altra giornata: Korra si sta allenando con Wing nel dominio del metallo; il ragazzo è entusiasta di potersi allenare con l’Avatar, mentre Wei è costretto a sorbirsi Bolin che finora non ha mostrato neanche un briciolo di dominio del metallo. Il giovane Beifong si prende gioco del povero dominatore della terra che si prende la rivincita colpendolo con un sassolino in piena fronte. Mako si complimenta con lui per questo colpo preciso, ma ride del fatto che doveva usare il metallo, no? Bolin sbuffa che dominare il metallo è estremamente duro e nessuno ci riesce al primo colpo, ma in quel momento Korra scaraventa a terra il suo avversario e fa i salti dalla gioia, proclamandosi “regina del metallo”. Asami annuncia che fra un po' inizia la cena di addio per Opal che ha deciso di partire per il Tempio dell’Aria Settentrionale, cosa che rattrista Bolin moltissimo.

Bolin si lamenta di doversi separare da Opal

A tavola, il cuoco ammette che Opal le mancherà mentre le pone il suo piatto preferito, Bolin sospira che è triste doversi lasciare dopo solo qualche giorno. La ragazza cerca di consolarlo, si rivedranno presto alla fine della ricerca dei nuovi dominatori dell’aria, ma questa prospettiva non soddisfa il povero Bolin.

Varrick difende la sua invenzione

Varrick tenta di dargli un consiglio sulle donne, ma Bolin rifiuta subito, così l’inventore chiama Zhu Li per portargli una sua invenzione: un rivelatore di dominatori dell’aria. Asami lo prova subito con Korra accanto a lei, ma il macchinario rimane silenzioso, così afferma che forse è rotto. Varrick sbuffa che è ovvio che ci si deve soffiare dentro con il dominino, altrimenti come pensava che funzionasse?

Aiwei capisce che Mako sta mentendo

Mako, seduto alla parte opposta del tavolo, s’innervosisce perché si sente tagliato fuori e si lamenta del posto ricevuto; quando Aiwei accanto a lui lo guarda permaloso chiarisce che non ce l’ha con lui, ma il veggente capisce subito che sta mentendo. In quel momento Suyin fa un toast in onore di sua figlia e le augura ogni bene, affermando che sia molto orgogliosa di lei e che diventerà un’esperta dominatrice dell’aria.

Le cupole di Zaofu si chiudono

Opal parte con un’aeronave al tramonto, mentre il resto del gruppo si prepara per la notte e ripartirà per il loro viaggio la mattina seguente. Il capitano delle guardie dà l’OK e le cupole della città si chiudono per la notte.

Korra e Naga sedati dai dardi

All’interno della cupola gironzolano quattro figure losche, sono Zaheer e i suoi amici, evitando le guardie riescono ad avvicinarsi agli appartamenti della Squadra Avatar. L’unico a svegliarsi è Pabu, ma Bolin ignora il suo avvertimento e torna a dormire arrabbiato per questo disturbo. Ming-Hua e Zaheer si avvicinano alla camera di Korra e riescono ad aprire un buco nella finestra senza fare rumore per poi lanciare dei dardi avvelenati a Naga e Korra. La donna cerca di attaccare, ma l’effetto del dardo la paralizza e deve osservare immobile come i quattro criminali la portano via.

Pabu avverte Bolin del pericolo

Pabu sveglia Bolin nuovamente con più decisione, e il ragazzo prima reagisce annoiato, ma quando vede passare la banda di Zaheer con Korra in spalla grida subito aiuto a squarciagola. I due fratelli saltano dal letto e si mettono al loro inseguimento, fermandoli brevemente e facendo scattare l’allarme generale.

Zaheer e gli altri scoperti

Privati dell’elemento sorpresa, il gruppo di Zaheer passa alle maniere forti con P’Li che spara esplosioni a destra e a manca, dimostrando che riesce persino a cambiare la direzione del suo raggio. Mako e Bolin finiscono a terra, accorre Asami che nota che ormai tutte le guardie e persino i Beifong sono arrivati sul posto e stanno attaccando gli intrusi.

Lava come barriera insormontabile

Per un momento sembra che i quattro criminali siano in trappola, ma ora è Ghazan a dimostrare il suo potere segreto trasformando l’intero giardino in un bollente lago di lava. Bolin reagisce con fascinazione, ma indietreggia subito sospirando che per loro questa è una pessima notizia: ora come si possono avvicinare per riprendersi Korra che giace immobile dietro di loro?

Su e gli altri discutono un piano

In questa situazione di stallo anche loro sono in trappola, Zaheer cerca di creare un diversivo, ma viene trascinato via da una guardia. I suoi amici tengono testa agli altri che continuano ad attaccare impavidi, ma non riescono a passare le difese di P’Li e i suoi raggi di esplosione curvati. Lin si chiede come abbiano fatto ad entrare in città, Suyin ammette che non ne ha idea, ma non li lascerà scappare. Le guardie iniziano a creare un ponte di metallo sopra il lago di lava, ma Ghazan è all’erta e li ferma subito.  

Bolin spaventato da questa responsabilità

Asami nota che è impossibile passare la lava, così Suyin alza lo sguardo per trovare un modo per arrivare dall'alto e propone che lei e Lin si caleranno con i cavi. La capa della polizia è favorevole all’idea, se la “signorina tre occhi” non fosse lì a fulminarli appena le vede. Su rivela che è una dominatrice della combustione, e per bloccarla devono stordirla in qualche modo, così Mako suggerisce che Bolin la può colpire con un sassolino in fronte. Mentre l'addressato non è per nulla convinto di questa responsabilità, il gruppo accetta il piano, e le sorelle Beifong si mettono a preparare la missione di salvataggio.

Mako cerca di fermare i Beifong

I gruppo si divide: Lin, Su, Wing e Wei scalano il tetto e raggiungono un’apertura direttamente sopra il lago di lava, mentre Mako e Bolin rimangono giù per tenere occupato il nemico e creare il diversivo. Mako segnala l’OK tramite radio e incita suo fratello a concentrarsi, lui però si sente schiacciato dal peso di questa responsabilità ed esita. I primi tentativi vanno male, non riesce a prendere la mira, così i due si nascondono di nuovo. Wing chiede se possono partire e fraintendono il messaggio di Mako che cerca di fermarli, ma troppo tardi: Lin e Su si stanno già lanciando dall’alto.

Lin tira su Korra

Succede tutto in un momento: P’LI nota la minaccia dall’alto, Mako incita Bolin a partire, il ragazzo lancia il suo sasso che colpisce la dominatrice della combustione in piena fronte, facendola cadere a terra stordita. Lin e Su atterrano nell’isola del lago di lava e si prendono Korra; Ming-Hua tenta di fermare Lin che porta in spalla l’Avatar paralizzato, ma il suo tentacolo di acqua viene vaporizzato da Mako.

Zaheer ordina la ritirata

Zaheer, che sta combattendo contro le guardie fuori dal giardino, nota con rabbia che stanno salvando Korra e si sbriga a intervenire volando su con il suo aliante. Ma prima che riesca ad avvicinarsi a Lin, Suyin danneggia il suo aliante a tal punto che è costretto ad atterrare a mani vuote e dopo essersi riunto con i suoi compagni ordina di darsela a gambe. Crea un vortice che alza terreno e vapore per mascherare la loro fuga, lasciandosi dietro solo un silenzio e tanta distruzione. Suyin ordina subito alle sue guardie di setacciare ogni centimetro della città.

Una volta sveglia, Korra ha un'intuizione

Una volta al sicuro, Korra viene portata nello studio di Suyin, dove Aiwei le dà da bere un antidoto per le tossine utilizzate. Mentre la donna del sud inizia a riprendersi, Lin e Su iniziano a litigare su come sia stato possibile che dei criminali siano potuti entrare a Zaofu, la cosiddetta “città più sicura del mondo”. La capitana delle guardie fa rapporto e annuncia che non hanno trovato nulla, così la matriarca ordina di continuare le ricerche. Aiwei propone che ci sia un infiltrato all’interno, cosa a cui è d'accordo Korra che afferma che potrebbe essere stata una delle guardie. Arrabbiata e colta nell’onore, Suyin ordina che ognuno di loro venga interrogato, il traditore subirà le conseguenze e la sua rabbia.

Aiwei interroga tutti

Appena sorto il sole iniziano le interrogazioni: Aiwei interroga ogni membro delle guardie e controlla se dice la verità. La ricerca finora si rivela senza frutti, anche quando si fa avanti Varrick senza essere chiamato che non esita a raccontare tutta la sua routine serale strampalata fin nei minimi dettagli.

Hong Li è la spia?

Ormai in preda alla frustrazione, Lin nota che forse era stato qualcuno ai vertici della città, insinuando che forse era stata Suyin ad essere la talpa. Korra protesta indignata, ma la matriarca non esita a lasciarsi interrogare da Aiwei, risultando ovviamente innocente. La prossima guardia di nome Hong Li invece suscita l’interesse del veggente e viene alla conclusione che stia mentendo. Suyin reagisce con violenza e rabbia a questa rivelazione, minacciando la guardia, ma Aiwei la ferma, proponendo di andare prima a perlustrare la sua casa.

Varrick interrompe le ricerche del gruppo

Aiwei, Mako, Asami, Bolin e Korra controllano l’abitazione di Hong Li e dopo poco il dominatore del fuoco trova sulla scrivania una nota con su scritto “Squadra riunita, pronta all'incontro” e un registro con i turni di tutti i suoi colleghi. Quando Korra propone impaziente di confrontare la guardia con le prove, Aiwei la ferma, preferendo tenerlo sulle spine finché non confesserà da solo.

Mako conclude che solo una persona può essere il vero colpevole

Mentre i quattro stanno controllando il luogo del delitto, Mako si chiede come mai non debbano parlare con il sospetto, stanno perdendo tempo inutilmente! Inoltre i conti non tornano: come fa una guardia di diciott'anni, nata e cresciuta a Zaofu, ad essere in combutta con criminali che erano in galera da tredici anni? Alla nota di Korra che le prove siano schiaccianti, dal nulla sbuca Varrick che afferma che le prove siano anche troppo schiaccianti. Dopo aver spiegato che stava cercando una pietra pomice per i calli sui suoi piedi (inclusa dimostrazione pratica a gran disgusto dei presenti) sorride che sa riconoscere subito una cospirazione se ne vede una. Se dovesse incolpare qualcuno, indirizzerebbe i sospetti verso di lei per poi piantare prove per confermarli, esattamente come aveva fatto con Mako. Il poliziotto, dopo un momento di indignazione, gli dà ragione: quella guardia è solo il capro espiatorio per l’unica persona capace di mantenere un segreto a Zaofu: Aiwei.

Un tunnel segreto sotto la casa di Aiwei

La Squadra Avatar s’infiltra nella casa di Aiwei durante la sua assenza per cercare prove che lo colleghino a Zaheer. Durante la ricerca Mako nota dei graffi sul pavimento accanto a una libreria e difatti trovano l’entrata di un passaggio segreto sotterraneo. In quel momento il proprietario della casa sta tornando e li trova davanti a sé, e chiede spiegazioni.

Aiwei sembra nutrire sospetti

Bolin tenta di confonderlo, ma si arrende davanti al fatto che Aiwei sa percepire le menzogne, così si fa avanti Korra che spiega che erano venuti per chiarire alcune cose che gli sembrano non combaciare. Sospettoso, Aiwei li fa sedere a tavola per una tazza di tè per chiedere cos'è che non tornerebbe, a cui Mako risponde con i dubbi su come Hong Li abbia conosciuto Zaheer. Il veggente propone delle spiegazioni per poi porre domande specifiche che fanno innervosire Korra e i suoi amici e dimostrano che sa che stanno sospettando di lui. Dopo aver visto che la sua libreria era stata spostata, Aiwei avverte Korra che non ha la minima idea di cosa le starà per succedere, per poi alzare una parete di metallo tra lui e la Squadra Avatar.

Korra salva tutti dall'onda d'urto della bomba

Korra tenta di aprirsi un varco, ma il suo primo tentativo non perfora la parete di metallo, suscitando un commento denigrante di Mako. La donna si concentra e riesce a sfondare l’ostacolo, permettendogli di raggiungere il passaggio segreto. Ma quando apre il portone si trovano davanti una bomba che gli esplode in faccia, facendo tremare anche la zona intorno alla casa del veggente. Per fortuna Korra dimostra reazioni fulminee e protegge tutti con il dominio dell’aria, ma devono constatare arrabbiati che Aiwei è fuggito.

Li ordina di cercare il traditore mentre Su è costernata

Allertati dell’esplosione, sopraggiungono Su e Lin, che chiedono subito spiegazioni. Korra racconta alla matriarca che era stato il suo consigliere fidato a tradirla e che era fuggito attraverso una galleria. Lin controlla con il senso sismico e sospira che ha fatto crollare il passaggio dietro di lui. Suyin ci rimane molto male da questa notizia scioccante e ordina subito alla capa delle guardie di inseguire e trovare Aiwei.

Suyin si mette dalla parte di Lin

Il gruppo si riunisce poco dopo nel suo studio: la capitana ritorna con l’informazione che hanno trovato l’uscita del passaggio, ma a parte segni di pneumatici non ci sono tracce del traditore. Suyin è desolata, si era fidata di Aiwei come di un membro della famiglia, ma era stata solo una farsa, e questo dimostra quanto sia pericoloso il gruppo di Zaheer. Korra propone di interrompere la ricerca dei dominatori dell’aria e di inseguire Aiwei per forse scovare informazioni anche su Zaheer. Lin non ne vuole sentire, ordina a Korra di tornare a Città della Repubblica con lei, ma l’Avatar si rifiuta categoricamente, visto che, se non era al sicuro qui, non sarà al sicuro da nessuna altra parte. La discussione sta per tramutarsi in litigio, finché s’intromette anche Suyin che prende la parte di sua sorella, chiedendo a Korra di darle retta, perché ci penserà lei a portare davanti alla giustizia i cospiratori. La donna del sud si arrende a gran malavoglia e accoglie la proposta di andare a riposarsi per la partenza prevista per domani mattina.

Korra ringrazia Su per l'aiuto

Il gruppo attende in stanza, quando qualcuno bussa alla porta, è Suyin che chiede se Naga davvero potrebbe rintracciare Aiwei. Alla risposta affermativa di Korra le dà le chiavi per una jeep pienamente attrezzata e li incita a trovare Aiwei e di riportalo da lei, aveva solo fatto finta di assecondare sua sorella. Dopo un abbraccio di ringraziamento Korra sale su Naga e parte, mentre i suoi amici la seguono con la jeep.

La Squadra Avatar parte alla caccia di Aiwei

>>>episodio successivo

Personaggi apparsi[]

Korra

Mako

Bolin

Asami Sato

Naga

Pabu

Varrick

Zhu Li

Suyin Beifong

Lin Beifong

Opal Beifong

Wing e Wing Beifong

Capitana delle guardie

Aiwei

Hong Li

Zaheer

Ming-Hua

Ghazan

P'Li

Trivia e note[]

  • Nella lettera sulla scrivania di Hong Li si legge "隊伍斉集 待命行事", "Squadra riunita, pronta all'incontro”
  • Sul libro che Mako dà ad Aiwei si legge 皂阜保安隊 "forze di sicurezza di Zaofu"
  • In originale Aiwei diagnostica il veleno usato sui dardi come veleno di Shirshu, che abbiamo già visto nella prima serie di Aang. June ha avuto un raro esemplare di Shirshu come animale da compagnia e segugio, e il suo veleno estratto dalla sua saliva era stato usato anche per sedare Appa quando era stato rapito dai dominatori della sabbia. Paralizza la vittima che però rimane cosciente
  • Considerando che Aiwei è un membro del Loto Rosso, é probabile che era stato lui ad avverire Zaheer della presenza di Korra a Zaofu alla fine di "Vecchie ferite".
  • Suyin chiede a Bolin di colpire P'LI in fronte per stordirla, dove si trova il suo tatuaggio, esattamente come inavvertitamente fece sua madre Toph con l'uomo combustione
  • Mako si riferisce a come era stato incastrato da Varrick in "La guida"
  • Pabu ha salvato Korra!
  • Quando apre la parete di metallo, Korra adopera uno stile di dominio del metallo tipico di Toph e Aang, tenendo le mani semi-aperte come artigli
  • Si scopre che Aiwei è un traditore e membro del gruppo di Zaheer (il suo nome si scopre in seguito)
  • Per l'unica volta vediamo P'LI dominare fuoco normale
  • In originale, Lin la descrive come "three-eyed freak", esattamente come Katara descrisse l'uomo combustione
  • Per la prima volta vediamo usare il senso sismico con qualcuno che indossa delle scarpe, perché finora gli utilizzatori della tecnica erano sempre stati a piedi nudi per aumentare la sensitività
  • L'avvertimento di Aiwei verso Korra indica che sa cosa sta pianificando Zaheer, forse addirittura ha qualcosa a che fare con il veleno di mercurio
Advertisement