Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo è il sedicesimo capitolo del primo romanzo su Kyoshi "L'ascesa di Kyoshi".

Sinossi[]

L’ultimo commento di Lao Ge di voler mantenere il suo segreto ruba il sonno a Kyoshi; non solo perché lui ora sa che lei è l’Avatar, ma perché teme che basti ad ogni persona anziana di guardarle negli occhi per dedurlo. Rangi la sveglia bruscamente prima dell’alba e le ordina di venire con lei per l'addestramento nel dominio del fuoco, una proposta che scombussola la ragazza che si arrende. Le due ragazze si allontanano dall'accampamento lasciando Lek, Wong e Kirima a dormire mentre Lao Ge è di nuovo sparito.

Sul cammino verso delle collina a breve distanza, Kyoshi si sente come una prigioniera della dominatrice del fuoco che la pugnala più volte per farla andare più veloce. Quando raggiungono il posto giusto, Rangi le ordina di assumere la Posizione del Cavallo ma Kyoshi le chiede tentennante se davvero vogliano esercitarsi nel dominio del fuoco in questo posto poco nascosto, ricevendo la spiegazione che ripasseranno le basi senza creare fiamme. Con un cenno di un sorriso sulle labbra, la soldatessa le ripete l’ordine dicendo di dover tenere la faticosa posizione per dieci lunghi minuti. Dopo solo tre minuti, il dolore bruciante nella schiena, le gambe e le ginocchia le rivelano che questo “allenamento” in realtà è una punizione per non averle detto tutta la verità. Cerca di chiederle perdono, ma Rangi la permette di parlare solo se i suoi fianchi sono paralleli, obbligando Kyoshi a correggere la posizione facendola ancora più faticosa per la ragazza altissima. Attraverso la fatica, Kyoshi inizia ad ammettere che avrebbe dovuto dirle che sua madre fosse stata una dominatrice dell’aria, ma aggiunge anche che pensasse che non fosse importante. Rangi le contraddice dichiarando che invece è importante, dato che i Nomadi dell’Aria non sono fuorilegge, questa rivelazione è uno scandalo.

Intuendo che forse verrà rilasciata dalla punizione se si dimostra collaborante, Kyoshi inizia a raccontare tutto quello che sa su Jesa partendo dal fatto che fosse nata al Tempio dell'Aria dell’Est e che fosse diventata una maestra stimata già da giovane. Tuttavia, tutto cambiò quando viaggiò per il Regno della Terra, ha incontrato suo padre, un ladruncolo daofei dominatore della terra. Lui l’ha trascinata in uno dei suoi schemi e lei si è innamorata di lui e della sua vita da fuorilegge, il che l’ha spinta a rinnegare la sua cultura da Nomade dell'Aria. Si è persino tatuata dei serpenti sopra i suoi tatuaggi da maestra del dominio dell’aria e si è buttata nella vita da daofei alla ricerca di altre avventure, diventando una figura importante tra i criminali. Tuttavia, le sua abilità nel dominio soffrivano della sua vita segnata dall'avidità e dai desideri terreni, per cui ha compensato usando i suoi ventagli da guerra.

Per Rangi, la storia di una dominatrice dell’aria criminale rimane una cosa bizzarra, ma deve ammettere che per Kyoshi dev’essere stata ancora più doloroso scoprire tutto ciò. Questa risponde che non ne ha mai parlato neanche con Kelsang dato che lo considera una disgrazia per la sua cultura. Nel frattempo sono passati cinque minuti e Rangi le fa i complimenti per aver resistito nella Posizione del Cavallo, ma continua a controllare la sua postura. Dandole un colpetto alla schiena, le ordina di non buttare mai via la sua vita per un ragazzo, a cosa Kyoshi risponde con una risata chi mai potrebbe valere cosi tanto. Le sua parole le muoiono in bocca quando si rende conto che ha appena riso e che aveva pronunciato il nome di Kelsang senza maledire Jianzhu nello stesso respiro, inoltre aveva dimenticato Yun. Anche Rangi si rende contro di questo fallo di aver allentato la morsa su Jianzhu anche solo per un secondo e si giura di diventare più forte, sia nel corpo che nella mente. Per questo motivo, questi momenti di felicità dovevano diventare sempre più rari per rimanere sulla sua strada della vendetta.

Ricordandosi come non era riuscita a dominare il fuoco al cospetto del Saggio della Terra disprezzato e usando a suo favore di essere ancora in posizione, propone di provare a creare delle fiamme. Rangi glielo vieta, dichiarando che sia troppo tesa e che dominare il fuoco sotto queste circostanze produrrebbe un tipo di fiamma sbagliato o le farà sviluppare cattive abitudini. Per dimostrarlo, assume una posizione e lancia un pugno in aria lasciando che sulle nocche brucino come le punte di un bastoncino d’incenso. Prima di produrre delle fiamme, deve lavorare sul rilassamento e sulla sua coordinazione mentale per sopprimere il fuoco e di controllarlo anziché liberarlo. Kyoshi sbuffa e insiste a voler provare al imitare quello che ha fatto lei ignorando le proteste della sua amica. Immaginandosi il volto di Jianzhu, inspira e colpisce l’aria, ma al posto di far uscire una fiamma dal pugno, le sembra che le sua dita afferrassero del carbone incandescente. Si lascia cadere sulla schiena e punta la sua mano via da ogni ostacolo appena in tempo per far uscire un getto di fumo contorto e nero. Rangi la fissa con uno sguardo duro, ma prima che potesse sgridarla, venne interrotta dalla comparsa di Lek che le chiese ridacchiando che razza di dominio del fuoco schifoso fosse stato quello, dato che non aveva visto chi l’aveva prodotto. Rangi si assume la responsabilità affermando che aveva subito un momentaneo mancanza di disciplina, fissando la sua amica. Fortunatamente, Lek abbandona la questione e dichiara che la colazione fosse pronta.

Il gruppo si mangia un ratto-elefante catturato, sventrato e cotto; il fatto che Rangi e Kyoshi lo mangino con morsi famelici sorprende Lek. La soldatessa si spiega con il suo addestramento di sopravvivenza all'accademia mentre Kyoshi aggiunge che lei abbia mangiato persino la spazzatura che trovava in strada. Questo commento sorprende Kirima che pensava che fosse stata affidata a dei contadini, ma la ragazza chiarisce che gli abitanti di Yokoya raramente le dessero da mangiare. La dominatrice dell’acqua nota che debba averli odiati a morte per questo trattamento, ma Kyoshi risponde che non li odiasse più delle persone che l’avevano lasciata lì, riferendosi ai suoi genitori, il che ha arrabbiare Lek che si allontana infuriato. Kirima spiega che per lui Jesa e Hark sono degli idoli e sentir parlare così male di loro lo infastidisce, dato che gli avevano salvato la vita quando lo hanno trovato fuori dall’Oasi delle Palme Nebbiose dopo aver perso suo fratello. Lo avevano accolto e, dopo che si era dimostrato utile, divenne poi un membro della Compagnia dell’Opera Volante. Questa storia irrita Kyoshi ancora di più che, con un sarcasmo inusuale, promette di essere più gentile con il ragazzo che i suoi genitori avevano cresciuto al posto suo. Perdendo l’interesse per questa faccenda, Kirima si rivolge a Rangi e le chiede perché una nobile sia in compagnia di una contadina della Terra, ricevendo come risposta che abbia l’onore di seguire e proteggere Kyoshi. La ragazza dell’acqua le taglia la parola prima di poter continuare, dichiarando esasperata che l’ultima volta che abbia sentito un dominatore del fuoco parlare di “onore” le si sono cascate le orecchie.

Kyoshi torna all'argomento di ieri sera dove esigeva di essere addestrata nei domini, dato che sono gli unici dominatori disponibili. Un po scettica, Kirima le chiede come mai le servisse una dominatrice dell’acqua, cosi Kyoshi usa una perla di saggezza di Kelsang affermando che si possa trarre saggezza da ogni nazione. La dominatrice dell’acqua nota la sua sete di vendetta e chiede chi fosse quell'uomo che ti ha fatto questo torto, ma la ragazza della Terra si rifiuta di dirle il suo nome, dato che sa quanto famoso Jianzhu sia. Aggiunge poi la richiesta di poter imparare quella tecnica che Wong e Lek chiamano “scale di terra” e Kirima “scale di nebbia”; i daofei rimangono un po' sorpresi di questa richiesta, ma mettono subito in chiaro che quella sia la tecnica tipica del loro gruppo e che non arrivi gratis. Rangi s’intromette dicendo che la prendono troppo sul serio, dato che lei l’aveva copiata dopo averla vista una sola volta, a cosa Kirima spiega senza ironia che altri gruppi l'avrebbero uccisa per aver visto le sue tecniche segrete. Rivolgendosi a Kyoshi, dichiara che le insegneranno quella tecnica soltanto se dei diventasse una vera daofei e fa il giuramento ai loro codici. Nonostante il pensiero di diventare come Tagaka la infastidisce per un attimo, la ragazza accetta senza esitare, ignorando l’avvertimento di Rangi e persino di Wong di pensarci due volte. Per Kyoshi, cose come onore personale o reputazione non hanno peso, per cui lo avrebbe fatto per Yun e Kelsang.

Kirima spiega che la vera cerimonia di giuramento avrebbe dovuto aver luogo in una grande sala dove l’iniziato debba stare sotto un arco di spade e lance, ma per ovvi motivi devono improvvisare. Kyoshi si pone sulla riva del fiume con Wong che le tiene un coltello sospeso sopra la testa. La dominatrice dell’acqua le fa fare lo stesso saluto che aveva visto ieri con la mano sinistra piatta con il pugno destro sopra: il primo rappresenta la gente comune fedele alla legge mentre il secondo i fedeli al codice dei fuorilegge. Rangi si mette in disparte come segno del suo disprezzo per questa cerimonia mentre Kirima fa recitare a Kyoshi tre dei quaranta giuramenti: primo, difendere i suoi nuovi fratelli e le sue sorelle e obbedire agli anziani, secondo, non seguire mai più alcun sovrano e non lasciarsi vincolare da nessuna legge e, terzo, mai guadagnarsi da vivere in modo onesto con chi rispetta la legge o accettare un salario da nessun fedele della legge. Il primo giuramento non era un problema, mentre fatica già ad accettare il secondo come Avatar mentre il terzo le fa ribrezzo per via del suo passato come servitrice, ma si ricorda di non essere più quella persona. Con questo giuramento, Kirima la saluta come una sorella e Wong si congratula con lei, ma anziché iniziare gli allenamento annunciano che se ne andranno sul suo bisonte volante.

Kyoshi deve rendersi conto che ora viene trattata come una novellina, una bambina peggio di Lek, e questa idea la infastidisce molto. Per chiare subito la gerarchia, calpesta la coperta che Wong sta per raccogliere, il quale le lancia uno sguardo che la fissa minaccioso, ma alla fine si limita ad avvertirla che se continuerà così, non le insegnerà come usare i suoi ventagli. Stupita da questa affermazione, tira fuori uno dei ventagli di metallo e gli chiede se davvero sapesse usarli. Wong glielo strappa dalla mano e lo apre di scatto per poi lanciarlo in aria e fargli tracciare cerchi perfetti intorno al suo perno. Segue una dimostrazione di grazia e tecnica da teatro dove rotea il ventaglio intorno a sé in una serie di gesti fluidi che possono essere visti sia come una sequenza di attacchi, schivate e ritorsioni. Kyoshi non può far altro che applaudire e gli chiede dove abbia imparato tutto questo, ma è Kirima a spiegare che lo hanno imparato da Hark, il quale era stato un discendente di una scuole di teatro di Ba Sing Se e usava questa abilità per usarle come copertura quando vistavano le città. Era questa la ragione del loro nome, ovvero la “Compagnia dell’Opera Volante”. Come dimostrazione, la ragazza dell’acqua alza una gamba e, con grande grazie a agilità, compie una ruota in avanti senza la minima fatica. Kyoshi ne rimane sbalordita ed entusiasta, questa abilità potrebbero rivelarsi ancora più utili in combattimento. Wong le restituisce il ventaglio e le promette di insegnarle come usarlo in cambio di un quinto delle sue quote su qualsiasi lavoro futuro. La ragazza accetta cosi velocemente che Kirima nota che Wong avrebbe potuto chiedere anche la metà.

Lek torna da loro dopo aver preparato Pengpeng e Kirima gli racconta che Kyoshi ora facesse ufficialmente parte della loro banda. Questa novità gli fa ribrezzo e la accusa di essere una fedele alla legge alla quale non importi nulla del codice, per cui si rifiuta di chiamarla “sorella”. Kyoshi e Rangi montano su Pengpeng e notano che Lek l’aveva sellata alla perfezione e questo anche velocemente. I loro sguardi critici offendono il ragazzo del deserto che sbuffa indignato che abbia molta esperienza, probabilmente più di loro, a cosa Kirima aggiunge che il lavoro di contrabbando era facile se hai un bisonte volante per sorvolare i posti di blocco, per cui lo dovevano quasi esclusivamente a Longyan. Mentre gli altri caricano Pengpeng, Rangi reclama il suo posto di guida sfidando Lek a contenderglielo. Questi tira fuori una mappa approssimativa della zona dichiarando con l’aria da leader che andranno a un posto d’incontro sulle montagna fuori da Ba Sing Se per aggiornarsi e trovare qualche lavoretto facile per ricominciare.

Il gruppo decolla e Lek non perde tempo a chiedere alle due ragazza da dove avessero preso questo bisonte volante e se lo avevano rubato da un amico dominatore dell’aria. In silenzio, Kyoshi lo ringrazia per averle ricordato il suo dovere di odiare Jianzhu e per sé stessa, ma risponde con una menzogna che lo aveva veramente rubato. Mentre Rangi é solo sorpresa di questa riposta, Lek scuote la testa disgustato e dichiara che fosse una cosa orribile degna di qualcuno che non rispetta la madre e il padre. Kyoshi non risponde e assapora il sentimento del nulla, finché non si rende conto che manca Lao Ge.

Note[]

Continuità[]

  • Rangi ordina a Kyoshi di assumere e mantenere la Posizione del Cavallo per dieci minuti e la critica per non aver mantenuto i fianchi paralleli al suolo; in "La giornata dell'Avatar", Kyoshi dimostra di aver imparato bene la lezione nonostante la sua statura che lo rende più difficile.
  • Il declino delle abilità nel dominio dell'aria di Jesa quando si lasciò assorbire dai peccati e dai legami terreni é l'esatto contrario dell#aumento di abilità di Zaheer quando raggiunge l'abilità del volo libero quando si separa da ogni legame terreno in "Entrare nel vuoto".
  • La spiegazione di Rangi che i primi esercizi nel dominio del fuoco si concentrano sulla soppressione delle fiamme e il controllo su di esse coincide con la istruzioni di Jeong Jeong per Aang in "Il maestro del dominio del fuoco".
  • Kyoshi diventa un membro della Compagnia dell'Opera Volante andando contro la sua stessa dichiarazione a Tagaka in "L'iceberg" di non voler mai diventare una daofei.

Rivelazioni[]

  • Jesa proviene dal Tempio dell'Aria dell'Est ed era stata una maestra del dominio dell'aria molto stimata già da giovane.
    • Più tardi, era diventata una figura famosa tra i daofei e ha dovuto usare dei ventagli di guerra per compensare l'indebolimento dei suoi poteri.
  • Hark proviene da una cittadina nel Regno della Terra dove era stato un ladruncolo e un daofei.
    • Aveva legami con un gruppo di teatro di Ba Sing Se; ha insegnato l'arte del teatro ai suoi compagni per avere una copertura credibile.

Riferimenti[]

  1. O'Bryan, John (writer) & MacMullan, Lauren (director). (April 28, 2006). "Avatar Day". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 5. Nickelodeon.
  2. ↑ DiMartino, Michael Dante (writer) & Graham, Ian (director). (August 22, 2014). "Enter the Void". The Legend of Korra. Book Three: Change. Episode 12. Nick.com.
  3. ↑ Hedrick, Tim (writer) & MacMullan, Lauren (director). (October 21, 2005). "The Deserter". Avatar: The Last Airbender. Season 1. Episode 16. Nickelodeon.
  4. ↑ Yee, F. C. (author), DiMartino, Michael Dante (author). (July 16, 2019). Chapter Seven, "The Iceberg". The Rise of Kyoshi. Amulet Books.
Advertisement