Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Kuei era stato il cinquantaduesimo Re della Terra verso la fine della Guerra dei Cent'Anni e durante il periodo della ristorazione. Per tanti anni era stato soltanto una marionetta nella mani di Long Feng che gli aveva persino tenuto nascosto il fatto che fuori della mura di Ba Sing Se regnava una sanguinosa guerra per tenerlo buono. Si era conquistato brevemente il potere sul suo regno dopo l'arresto di Long Feng, ma venne cacciato dal trono durante il colpo di stato orchestrato dal Dai Li e Azula. Dopo la fine della guerra tornò sul suo trono e s'impegnò di diventare un reggente forte e benevole per compensare per i suoi errori, ma la sue determinazione causò quasi un nuovo conflitto con la Nazione del Fuoco quando Signore del Fuoco Zuko non voleva rimuovere le vecchie colonia della sua nazione sul territorio del Regno della Terra. Il Team Avatar risolse questo conflitto e dopo alcuni ani di negoziazioni Kuei aiutò nella creazione della Repubblica delle Nazioni Unite.

Storia[]

Marionetta[]

Dopo la morte dei suoi genitori, Kuei divenne Re della Terra a soli quattro anni, ovvero uno dei Re più giovane della storia. Data l'evidente immaturità del bambino, venne ritenuto appropriato che ricevesse un custode e che le mansioni di governo cadessero nella mani del suo Gran-Segretario Long Feng. A insaputa del giovane, questo diede atto a una cospirazione appropriandosi sempre più del governo, finché la posizione del Re era poco più di una figura simbolica. Divenne completamente dipendente dal suoi consigli e incapace di prendere decisioni da solo. Non gli venne nemmeno rivelato che, fuori dalle mura del palazzo e della capitale, da molti decenni regnava una sanguinosa guerra con la Nazione del Fuoco.

Escluso dal mondo esterno, Kuei si dedicò a diversi hobby, come crearsi una vasta collezioni di animali da tutto il mondo che gli vennero portati dall'università di Ba Sing Se. Il suo animale domestico preferito era un rarissimo esemplare di orso comune che battezzò Bosco che sembrava essere il suo unico vero amico. Kuei dedicò molto tempo al suo animale domestico, dandogli da mangiare soltanto i cibi più prelibati, dando feste in suo onore e ordinando diverse spedizioni per trovagli una compagna, ma senza successo. Dato che l'orso era molto intelligente, lui e il suo padrone impararono a comunicare tra di loro e Kuei si fidava del suo senso del giudizio nelle persone.

Una scoperta sconcertante[]

L2 E18 Re Kuei Long Feng

Kuei ancora si fida di Long Feng

Un giorno Kuei seppe di un attacco al palazzo da parte di quattro ragazzi che, dopo aver recato danni al palazzo e sconfitto le guardie, arrivarono al suo cospetto mentre stava discutendo con Long Feng. I ragazzi, che erano Aang, Katara, Sokka e Toph, procedettero a parlargli della guerra e lo avvertirono del tradimento del suo gran-segretario, ma Kuei inizialmente non li voleva ascoltare e stava per seguire l'ordine di Long Feng di farli arrestare. Rimase scettico persino dopo che Aang si era rivelato come l'Avatar, ma decise di ascoltarli quando Bosco si dimostrò molto amichevole con lui, il che per lui era una prova che non erano cattivi. Long Feng continuò a negare di aver avuto a che fare con i crimini di cui veniva accusato, tra cui aver catturato Appa, ma venne provato come bugiardo quando fecero vedere il morso del bisonte dell'aria sulla gamba del capo del Dai Li. Spinto da questa prova, Kuei decise di vedere con i suoi occhi se le dichiarazioni dei ragazzi erano vere.

L2 E18 Kuei accetta proposta

Un volo su Appa? Subito!

Usando per la prima volta in vita sua il treno che lo portava fuori e meravigliandosi di quanto "pubblico" fosse il trasporto pubblico, il Re raggiunse il lago Laogai. Purtroppo il Dai Li aveva nel frattempo distrutto il loro quartier generale segreto, derubando il Team Avatar della sua prova per le menzogne di Long Feng che continuò a voler mantenere lo status quo. Re Kuei se ne stava già andando via seccato quando Aang riuscì a convincerlo ad andare al muro esterno dei Ba Sing Se in cambio di un volo su Appa, Li gli mostrarono la trivella gigante della Nazione del Fuoco ancora incastrato nel muro come prova inconfutabile della guerra che finora gli era stata tenuta nascosta. Long Feng cercò ancora una volta di farlo passare per un progetto di costruzione, ma la fiducia del Re era distrutta e non gli credette più. Dopo averlo arrestato, Kuei tornò a palazzo dove ringraziò il Team Avatar per avergli aperto gli occhi e si lamentò di quanto stupido era stato per aver creduto quelle menzogne per tutti questi anni. Poi ascoltò il piano di invasione di Sokka e accettò di aiutarli.

Detronizzazione e ritorno al potere[]

L2 E20 Azula minaccia Re Kuei

Ostaggio di Azula

Mentre Sokka e Aang partirono per l'Est, Kuei rimase a palazzo con Katara mentre i suoi Generali iniziarono a pianificare l'invasione della Nazione del Fuoco. Non rendendosi contro che le Guerriere Kyoshi a palazzo erano nemiche, ovvero Azula, Mai e Ty Lee, il monarca si fidò così tanto di loro che le rivelò per sbaglio il piano di invasione. Quando Katara voleva avvertirlo che Zuko si trovava in città, accorse nella sala del trono, ma era troppo tardi: venne sconfitta da Ty Lee e arrestata prima che potesse avvertire qualcuno.

L2 E20 Team Avatar fuga

Una sconfitta amara

Poco dopo, quando Sokka, Toph e Aang tornarono al palazzo per avvertire il re del colpo di stato in agguato, le Guerriere Kyoshi finte si smascherarono e iniziarono a combattere. Azula prese in ostaggio il Re della Terra e li minacciò di farlo fuori se non si arrendessero, Kuei erra impotente davanti a questa minaccia. Insieme ai tre ragazzi, il Re venne imprigionato nella prigione del Dai Li, ma riuscirono a fuggire grazie al dominio del metallo di Toph. Stavano per fuggire, ma Kuei si rifiutò di lasciare indietro il suo amato Bosco, così tornarono a palazzo dove l'orso stava giocando con Mai e Ty Lee. Queste non si opponevano minimamente, cosi padrone a animale domestico erano nuovamente riuniti. Il gruppo prese poi Katara e un Aang gravemente ferito per fuggire dalla città su Appa; durante il volo Kuei guardò ancora una volta la sua città e notò triste che il Regno della Terra era caduto.

Nel mondo esterno[]

Insieme al Team Avatar, Re Kuei raggiunse l'appostamento della flotta della Tribù dell'Acqua del Sud capitanata da Hakoda situata nella Baia del Camaleonte. Per la cena tagliò della carne per Bosco e glielo diede da mangiare con delle bacchette, la mattina seguente gli lesse da un'enciclopedia come un orso selvaggio era supposto di comportarsi. Sokka, che aveva assistito a questo per alcuni minuti, perse la pazienza e se lo preso il libro per stracciarlo e di offrirsi di insegnargli personalmente come sopravvivere nel mondo esterno. I due passarono una giornata intera provando a fargli insegnare come pescare, salire sugli alberi o di ringhiare come un verso orso, ma verso sera Sokka dichiarò l'impresa un fallimento e una perdita di tempo.

Kuei Bosco partono

Kuei come uomo povero

Kuei però lo calmò e affermò di aver imparato qualcosa lui: c'erano tantissime cose del mondo di cui non sa nulla, esattamente come Bosco che non sapeva come essere un orso normale anche lui non sapeva come vivono le persone normali. Con questo il monarca detronizzato annunciò che andrà ad esplorare il mondo come un uomo semplice, cosi lui e Bosco si strapparono i vestiti nobili. Vestito ora come uomo povero, Kuei saltò sulla schiena del suo compagno animale, salutò tutti quanti e partì nel suo viaggio solitario alla scoperta del mondo per capire meglio i suoi sudditi.

Qualche settimana dopo, in seguito alla liberazione di Ba Sing Se da parte del Loto Bianco, Kuei tornò in città e si riprese il suo trono. Il suo primo progetto come nuovo Re pratico e attivo era quello di scogliere le varie colonia della Nazione del Fuoco sul suo territorio. Chiamò questo progetto "Movimento per la Ristorazione dell'Armonia" e venne inizialmente condiviso anche da Signore del Fuoco Zuko. Purtroppo nel corso del primo anno iniziarono a salire sempre più conflitti nella prima colonia di Yu Dao che portarono Zuko a ritirare il suo supporto al progetto creando tensioni che minacciavano di infrangere la pace appena conquistata.

Crisi di Yu Dao[]

La crisi rischiava di ampliarsi sempre di più e Kuei venne informato da questo sviluppo da Katara e Aang, il quale giunse alla decisione di non voler essere più percepito come "debole" e di essere vittima di altre menzogne. Seguendo ragionamento, si rifiutò di chiedere personalmente spiegazioni per questo cambiamento di atteggiamento nel Signore del Fuoco, dato che aveva decretato la promessa di collaborazione come l'ennesima menzogna di cui era stato soggetto. Kuei annunciò che manderà delle truppe per liberare Yu Dao e imporre l'armonia con la forza, scioccando tutti quanti. Terminò annuncio con un avvertimento a Avatar Aang che, se non era con lui, dedusse che era contro di lui.

Il Re dimostrava che non stava scherzando quando guidò personalmente un'armata impressionante che arrivò a Yu Dao solo qualche giorno dopo, aiutato dal Generale How. Proseguì con la dichiarazione che la colonia era tornata al Regno della Terra e che ogni cittadino della Nazione del Fuoco doveva lasciarla subito, altrimenti verrà arrestato. Poco dopo arrivarono anche le truppe di Zuko che voleva impedire lo scioglimento della colonia, cosi Kuei ordinò a How di iniziare le ostilità, osservando tutto quanto da una mongolfiera a debita distanza. Sotto di lui iniziava una battaglia con quattro fazioni: le due armate, il Team Avatar e i colonialisti, ognuno lottava per il controllo della città. In un momento di tranquillità, Katara salì sulla mongolfiera del Re e lo trovò accovacciato in un angolo dalla paura e chiamando il suo orso Bosco. La ragazza capì che il Re non aveva mai visto Yu Dao o un'altra delle colonia del fuoco che conosceva soltanto dalle mappe, così gli propose di scendere dalla mongolfiera per parlare personalmente con i suoi cittadini per prendere una decisione più informata. Nonostante i suoi timori, Kuei accettò l'idea e accompagnò Katara a terra.

In quel momento Aang entrò nello Stato dell'Avatar per dividere la città dai suoi attaccanti creando un baratro profondo fermando la battaglia. Quando tutto si era calmato, Aang chiese al Re della Terra di guardare un momento contro chi stava combattendo, non solo contro la Nazione del Fuoco, ma anche contro il Regno della Terra, la Tribù dell'Acqua e un Nomade dell'Aria. Non stava combattendo contro una colonia, ma contro un mondo nuovo; questa frase scosse il giovane Re che ordinò ai suoi sostenitori di zittirsi per permettergli di vedere con i suoi occhi.

Re Kuei e Lord Zuko si ritrovarono poco dopo per riprendere le trattative per il futuro delle colonie e formarono una tregua per assicurare una pace duratoria tra le loro due nazioni. Nonostante Kuei non era presente alla trattative, mandò un professore per educare i governatori di Yu Dao di antiche forma di governo, dato che credeva che si doveva imparare dal passato per creare un futuro nuovo.

Relazioni internazionali[]

In occasione del progetto della Ricostruzione del Sud, Re Kuei venne invitato alla Tribù dell'Acqua del Sud da Hakoda, il nuovo Premier del Sud. Insieme a Signore del Fuoco Zuko, il capotribù voleva iniziare a costruire nuove relazioni internazionali che avrebbero aiutato il Sud a salire sul palcoscenico mondiale, a Kuei era positivo di poter essere d'aiuto, seppur attualmente non in modo diretto. Promise a Hakoda il suo supporto futuro, quando avrà stabilizzato il suo pregno, se la Tribù dell'Acqua del Sud avesse raggiunto uno sviluppo tecnologico e culturale concreto e misurabile. La sua scelta di parole leggermente arrogante infastidì Katara, cosi il Re cercò di rimediare con la proposta di aiutare il sud a diventare un posto più pulito e sicuro.

Ma prima che l'incontro potesse arrivare a un buon fine, Kuei venne rapito da Gilak e i suoi ribelli che volevano scambiarlo per con Hakoda. Quando lo scambio sul ponte del Non Ritorno stava per essere attutato, Gilak tagliò le funi del ponte per sbarazzarsi dei due governatori con un colpo solo. Il Re stava per cadere nel vuoto, ma venne salvato da Zuko e portato in salvo. In seguito a questo spavento Kuei si riprese a casa di Hakoda gustandosi una cena di festa.

Eredità[]

La debolezza percepita del governo di Re Kuei durante la Guerra dei Cent'Anni ebbe un influsso indiretto sullo sviluppo del Movimento della Supremazia dei dominatori, dove la sua capa Liling credette che il Re era stato detronizzato e spodestato dal Dai Li solo per ché era un non-dominatore e per cui un debole. Di conseguenza giunse alla conclusione che non-dominatori non dovrebbero ricoprire posizioni di potere.

Qualche anno dopo la crisi di Yu Dao, Kuei si sposò ed ebbe almeno due figli, di cui si conosce solo il nome della primogenita: Hou-Ting. Questa divenne Regina della Terra dopo di lui, ma si dimostrò molto critica nei suoi confronti e caratterialmente il suo esatto opposto. Prese male specialmente la decisione di suo padre di aver ceduto parte del territorio del Regno della Terra a Avatar Aang e Signore del Fuoco Zuko per creare quello che diventerà la Repubblica Unita con la capitale Città della Repubblica, chiamandolo un furto. Inoltre, essendo severamente allergica ai peli di animali, sviluppò un odio smisurato verso gli animali che bannò dal suo palazzo. Inoltre, al contrario di suo padre, provava solo disprezzo in confronto dell'Avatar.

Kuei ebbe un secondo erede, di cui nipote Wu divenne il successore di Hou-Ting in seguito alla sua morte violenta per mano di Zaheer.

Personalità[]

Il fatto che Kuei salì al trono da bambino molto giovane e plasmabile per poi vivere rinchiuso all'interno del palazzo senza contatti con l'esterno ebbe un effetto negativo su di lui. Con l'aggiunta del fatto che Long Feng, nella sua sete di potere, gli consigliò continuamente di lasciare a lui le questioni di governo era ovvio che non poteva sviluppare grandi abilità sociali. Il suo amico più stretto non era un essere umano, ma un orso, intorno alla gente Kuei si comportò spesso molto insicuro e pauroso, nascondendosi dietro al suo status di "Sovrano intoccabile" e venendo venerato senza dover far nulla.

Anche nei suoi anni di adolescenza, Kuei si dimostrò infantile e ingenuo, incapace di riconoscere le sfumature del suo ruolo e la responsabilità di poter decidere sulle vite delle persone. Era cosi fissato su Long Feng come consigliere che, dopo il suo arresto, ebbe grande difficoltà a prendere decisioni e si fidava di chiunque, anche del Consiglio dei Cinque e il Dai Li. Questa sua ingenuità permise a Azula di infiltrarsi a palazzo come Guerriera di Kyoshi e, senza neanche pensare a un tradimento, le rivelò i piani segreti dell'invasione della Nazione del Fuoco durante l'eclissi.

Dopo aver sperimentato da vicino il pericolo di essere a capo di uno stato in guerra e i varie intrighi a suo discapito, Kuei decise di non lasciarsi più ingannare e di apparire come un sovrano serio e forte dopo il suo ritorno sul trono. Sviluppò uno stile di governo molto diretto e autoritario, inoltre divenne molto schietto con chiunque, persino con Avatar Aang, per lui ora esisteva solo "con me o contro di me" per impedire che veniva ancora soggiogato dalle menzogne. Questo portò a una reazione molto aggressiva al ritiro di Zuko dal Movimento per la Ricostruzione dell'Armonia che prese come l'ennesimo tradimento. La sua decisione portò il mondo all'orlo di una nuova guerra sanguinosa, solo perché non voleva più ascoltare i consigli delle gente intorno a sé.

Ma dietro a questa apparizione seria e decisa, Kuei aveva ancora paura di affrontare i conflitti direttamente e di guidare i suoi uomini in battaglia, affidando tutto al suo Generale, mentre lui si era rifugiato sulla sua mongolfiera sopra il campo di battaglia. Quando Katara lo trovò lì, si era accucciato in un angolo, impaurito e in panico, implorando Bosco di aiutarlo. Divenne chiaro che la cruda realtà delle colonie gli era stata aliena fino a quel momento e non aveva nessuna idea della vita dei colonialisti che vivevano qua a Yu Dao e la ragione per la loro ribellione alla Ristorazione dell'Armonia. Quando Aang e Katara gli aprirono gli occhi contro chi stava combattendo veramente, Re Kuei decise di guardare con i suoi occhi per poi prendere una decisione più informata.

Comparsa[]

Avatar: La Leggenda di Aang[]

Libro due: Terra (土)[]

  • 214. "La città dei segreti" (senza dialoghi)
  • 218. "Il Re della Terra"
  • 219. "Il Guru"
  • 220. "Il Regno della Terra è sconfitto"

Libro tre: Fuoco (火)[]

  • 301. "Il risveglio" (flashback, senza dialoghi)

Fumetti di Avatar[]

  • Iss. #12. "It's Only Natural"
  • Iss. #14. "The Bridge" (flashback, senza dialoghi)

Graphic novel[]

  • Trilogia "La Promessa"
  • Nord e Sud, terza parte
  • Rovine dell'Impero, seconda parte (flashback, senza dialoghi)

Avatar Legends: The Roleplaying Game[]

  • Core Book

Avatar videogiochi[]

  • Avatar: The Last Airbender: Quest for Balance

Trivia[]

  • Il suo nome non venne usato nella seria animata, si scopre soltanto nel fumetto "La promessa".
  • Il suo nome potrebbe essere sia una variante di traduzione di "魁" (Kuì) che vuol dire "capo" che di "傀" (Kuì) che vuol dire "pupazzo". Entrambi hanno senso, visto le circostanze della sua gioventù.
  • Kuéi somiglia molto a Puyi, l'ultimo imperatore della Cina:
    • Anche Puyi era salito al trono a un età molto giovane ed era soltanto una marionetta politica fino a durante l'occupazione giapponese.
    • Puyi ha vissuto quasi sempre nascosto nelle mura della Città Proibita, così come Kuei non ha mai lasciato il palazzo.
    • Kuei e Puyi portano occhiali e un vestito basato sul Chaofu, un tipo di abbigliamento cerimoniali degli imperatori Manchu della dinastia Qing.
    • In seguito alla loro rimozione dal trono, sia Kuei che Puyi hanno cercato di diventare reggenti più popolari, ma sono finiti di diventare ancora più aggressivi e autoritari di prima.
    • Anche la relazione tra Kuei e Long Feng somiglia alla relazione di potere tra l'imperatore della Cina sotto il governo Giapponese: L'imperatore era soltanto una marionetta, mentre il vero potere era nelle mani di un Shogun generale.
  • La sua storia d'origine proviene dall'archivio di Avatar su Nick-com, ora offline.
  • Kuei era stato il primo Re della Terra ad aver lasciato Ba Sing Se.
  • Quando Toph ha creato la miniatura dell'Anello Superiore nella sabbia dell'Isola di Ember, si poteva vedere una statuetta ben riconoscibile di Kuei e Bosco.
  • Da giovane, l'interesse maggiore di Kuei era di collezionare animali rari di tutto il mondo che gli vennero portati delle spedizioni di studiosi dell'università di Ba Sing Se.

Riferimenti[]

  1. DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Promise Part Two (May 30, 2012), Dark Horse Comics.
  2. From older Avatar: The Last Airbender official site, originally on Nick.com. Encyclopedia now broken, archived at The Lost Lore of Avatar Aang - Character: Earth King.
  3. ↑ Hedrick, Tim (writer) & MacMullan, Lauren (director). (September 22, 2006). "City of Walls and Secrets". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 14. Nickelodeon.
  4. O'Bryan, John (writer) & Spaulding, Ethan (director). (November 17, 2006). "The Earth King". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 18. Nickelodeon.
  5. Ehasz, Aaron (writer) & DiMartino, Michael Dante (director). (December 1, 2006). "The Crossroads of Destiny". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 20. Nickelodeon.
  6. DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Promise Part Three (September 26, 2012), Dark Horse Comics.
  7. ↑ From older Avatar: The Last Airbender official site, originally on Nick.com. Encyclopedia now broken, archived at The Lost Lore of Avatar Aang - Creature: Bosco.
  8. Hamilton, Joshua; Matte, Johane (writer), Matte, Johane (artist), Dzioba, Wes (colorist), Comicraft (letterer). "It's Only Natural" (September 18, 2007), Nick Mag Presents: Avatar: The Last Airbender.
  9. DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). North and South Part Three (April 26, 2017), Dark Horse Comics.
  10. DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Volpe, Giancarlo (director). (December 1, 2006). "The Guru". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 19. Nickelodeon.
  11. ↑ Ehasz, Aaron (writer) & Volpe, Giancarlo (director). (September 21, 2007). "The Awakening". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 1. Nickelodeon.
  12. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Promise Part One (January 25, 2012), Dark Horse Comics.
  13. Avatar Legends: The Roleplaying Game. Core Book, Version 1.0, 2022, p. 70.
  14. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Search Part One (March 20, 2013), Dark Horse Comics.
  15. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Hicks, Faith Erin (writer), Wartman, Peter (artist), Matera, Adele (colorist). Imbalance Part Three (October 1, 2019), Dark Horse Comics.
  16. ↑ Hedrick, Tim (writer) & Graham, Ian. (June 27, 2014). "The Earth Queen". The Legend of Korra. Book Three: Change. Episode 3. Nickelodeon.
  17. ↑ Hamilton, Joshua (writer) & Heck, Colin (director). (October 3, 2014). "After All These Years". The Legend of Korra. Book Four: Balance. Episode 1. Nick.com.
  18. ↑ DiMartino, Michael Dante; Dos Santos, Joaquim & O' Bryan, John (August 14, 2007). "The Earth King" commentary. Book 2: Earth, Volume 4 DVD.
  19. Avatar Extras for "The Earth King", on Nicktoons Network.
  20. ↑ DiMartino, Michael Dante (writer) & Spaulding, Ethan (director). (July 19, 2008). "Sozin's Comet, Part 1: The Phoenix King". Avatar: The Last Airbender. Season 3. Episode 18. Nickelodeon.
Advertisement