Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Kori è la figlia del governatore di Yu Dao, Morishita, un cittadino della Nazione del Fuoco, e di una donna, cittadina del Regno della Terra. È molto fiera della natura multiculturale della colonia e disposta a fare qualsiasi cosa per preservarla, persino assassinare il nuovo Signore del Fuoco Zuko. Alla fine era stata la sua cocciutaggine che spinse Zuko a fermare il Movimento per la Ristorazione dell'Armonia e salvare Yu Dao dalla cancellazione. Dopo la battaglia per il futuro della colonia, Kori e suo padre fecero parte delle trattative di creare un governo autonomo che rappresentava i cittadini di entrambe le nazioni.

Storia[]

Passato[]

Kori era la figlia del sindaco di Yu Dao Morishita, un cittadino della Nazione del Fuoco, e sua moglie che era una dominatrice della terra, di cui ha ereditato il dominio. Fin dall'infanzia è stata educata a tenere in onore entrambe le sue discendenze e i valori particolari della sua città. Si è allenata nel dominio della terra e nell'uso di alcuni armi come per esempio la palla chiodata.

Nell'inizio dell’anno 100 DG incontrò per caso Ghigno, un ex-ribelle del Regno della Terra che era tornato a Yu Dao per aiutare suo zio dopo lo scioglimento del suo gruppo. I due si innamorarono e iniziarono una relazione che a Yu Dao che tennero segreto dalla maggior parte della gente.

Crisi di Yu Dao[]

Promessa Kori attacca Zuko

Attacca il Signore del Fuoco!

Un anno dopo Yu Dao iniziava a entrare nel mirino del Movimento di Restaurazione dell’Armonia ideato da Re Kuei e Signore del Fuoco Zuko che implicava lo scioglimento della colonia e il suo ritorno al Regno della Terra. Kori e la sua famiglia erano molto delusi del comportamento del nuovo Signore del Fuoco e si sentivano come traditi da lui. Senza il consenso o il sapere del padre, Kori decise di prendere in mano la situazione e viaggiò alla capitale per attaccare Zuko durante il sonno.

La ragazza mise fuori gioco le guardie con facilità per poi infiltrarsi nella camera da letto del Signore del Fuoco, ma questo si accorse della sua presenza e si difese subito. Dopo averla sconfitta, le diede la possibilità di arrendersi, ma Kori si tolse solo la maschera di dichiarò senza nessuna paura che era pronta a morire per Yu Dao e che considerava Zuko come traditore.

Promessa 1 Kori sfida Zuko

Non ha nessuna paura!

Arrabbiato, ma anche curioso dello sfondo di questo odio, Zuko la riportò a Yu Dao di persona per consegnarla ai suoi genitori. Kori non si sentì minimamente in colpa per il tentato assassinio del Signore del Fuoco e testimoniò ancora una volta la sua decisione di fare tutto per salvare la sua patria. Zuko tentò di convincere il sindaco a lasciare Yu Dao e di tornare alla nazione del Fuoco in pace, ma questo si ribellò alla sua decisione. Kori si liberò dalle sue catene usando il dominio della terra e la sua dichiarazione fiera che si considerava comunque una cittadina della Nazione del Fuoco fece impensierire Zuko che accettò la proposta di Morishita di accompagnarlo per un giro turistico per la città. Questa nuova prospettiva convinse il Signore del Fuoco a decidere di ritirarsi al Movimento per la Restaurazione dell’Armonia per permettere a Yu Dao di continuare ad esistere.

Purtroppo la gente fuori dalle mura della colonia non era così felice di questa decisione e formarono il gruppo dei protestanti per il suo scioglimento, il che spinse Kori e i suoi cugini- tra cui sia dominatori del fuoco e della terra- ad iniziare ad allenarsi per prepararsi a un eventuale conflitto violento formando la “Resistenza di Yu Dao”.

Promessa 2 Kori e Ghigno litigano

Da che parte stai?

Poco dopo comparvero tra i protestanti anche Fiuta-Api e Lanciolungo, il che rese la relazione con Ghigno parecchio tesa, dato che il ragazzo non sapeva da che parte stare. Kori si arrabbiò molto quando seppe che si era persino unito una volta alle proteste al fianco dei suoi compagni di un tempo. Come riposta Ghigno le lanciò contro la domanda chi voleva scegliere lei, la Nazione del Fuoco o il Regno della Terra, e Kori dichiarò che aveva già scelto: lei era una cittadina della Nazione del Fuoco che viveva a Yu Dao. Prima di andare via, la ragazza gli diede un ultimatum: voleva stare con lei per combattere per Yu Dao oppure prendere la parte di Fiuta-Api e terminare la loro relazione?

Promessa 3 Kori Ghigno dichiarazione

Sempre convinta dei suoi ideali

Dato che Ghigno scelse la resistenza di Yu Dao, la coppia rimase insieme e proseguirono ad attaccare Aang e Katara quando questi tornarono da Ba Sing Se con l'ordine di lasciare subito questa città. Dopo una breve schermaglia Kori si presentò davanti ai due stranieri e ribadì che non lasceranno mai Yu Dao e notò sorridendo che potevano gestire bene questi protestanti. Ma quando Aang rivelò che l’armata del Re della Terra stava arrivando per sforzare l’evacuazione, la ragazza tentò di convincere l’Avatar a combattere al suo fianco, ma senza successo. Come ultimo tentativo Kori gli presentò la sezione di Yu Dao del fanclub dell’Avatar, ma il suo piano ebbe l’effetto opposto, dato che le fangirls cementarono ancora di più l’opinione di Aang che le nazioni dovevano rimanere separate e Yu Dao doveva tornare al Regno della Terra.

Promessa 3 quattro nazioni

Quattro nazioni... insieme

Quando i Combattenti per la Libertà irruppero in città, Ghigno presentò la sua ragazza ai suoi amici, ma ogni tentativo di discutere la faccenda in modo razionale e pacifico fallì e alla fine iniziò una battaglia tra la resistenza e i protestanti. Pochi minuti dopo arrivarono le due armate di Re Kei e Signore del Fuoco Zuko, dove il Generale How annunciò l’ordine del Re della Terra di scogliere Yu Dao e l’espulsione di ogni cittadino della Nazione del Fuoco dal Regno della Terra. Ovviamente Kori e i suoi compagni si rifiutarono categoricamente e lo attaccò con la sua palla chiodata, ma il soldato lo sfracellò. Fortunatamente la battaglia fini prima di mietere vittime con la comparsa di Aang nello Stato dell’Avatar che separò le due fazioni sollevando Yu Dao di una decina di metri. Kori e Ghigno vennero poi usati da lui come esempio contro chi stava facendo guerra, ovvero anche contro la sua stessa gente.

Verso il futuro[]

Dopo la soluzione della crisi e un incontro tra Re Kuei e Zuko, venne deciso che Yu Dao poteva rimanere. Morishita e sua figlia erano presenti a un incontro al municipio per discutere il futuro della colonia insieme al Team Avatar e altri funzionari.

Frattura Kori annuncia governo Yu Dao

Annuncia il nuovo governo di Yu Dao

Dopo estenuanti dibattiti si giunse alla conclusione che Yu Dao verrà governato da un’alleanza tra rappresentanti sia della Nazione del Fuoco che del Regno della Terra eletti dal popolo. Kori era quella che annunciò questo risultato al popolo radunato.

Personalità[]

Kori si é dimostrata una ragazza molto testarda e attiva, ogni tanto persino sconsiderata, a detta di suo padre. Anche se normalmente è molto calma e tranquilla, si accende quando vede in pericolo qualcosa che le è importante come la sua patria, per la quale era disposta a finire in prigione o subire la punizione capitale, oppure rischiare il suo amore.

Abilità[]

Dominio della terra[]

Kori è la prima dominatrice della terra vista che si è identificata pubblicamente come cittadina della Nazione Fuoco. Ha iniziato ad allenarsi da quando ha scoperto questa abilità, prima con sua madre, poi con i suoi cugini con lo stesso potere, diventando parecchia brava.

Armi[]

In aggiunta al suo dominio ha anche imparata ad usare armi, tra cui la palla chiodata che usa per ampliare il potere distruttivo del dominio del fuoco. Usa questo per cambiare direzione alla e per lanciarla con maggior potenza.

Trivia[]

  • I suoi vestiti, di colore rosso e verde, sono testimoni della sua eredità mista.
  • Kori ha almeno cinque cugini, tra cui tre sono dominatori della terra come lei e due quelli del fuoco.
Advertisement