Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Kiyi è la figlia di Ursa/Noriko e Ikem/Noren, quindi la sorellastra di Zuko e Azula.

Nata dopo il ritorno di Ursa a Hira'a sotto il nome di Noriko, Kiyi non era conoscenza della sua connessone con la famiglia imperiale. Quando Zuko riuscì a rintracciarli, la bambina era subito attratto al giovane, forse intuendo già il legame di sangue. In seguito si trasferì alla capitale, anche se inizialmente aveva grandi difficoltà ad accettare il nuovo volto di sua madre. Kiyi aveva un ruolo importante durante la crisi dei Kemurikage, dato che anche lei veniva rapita dai cospiratori del Nuovo Ordine di Ozai, ma si liberò anche grazie al suo dominio del fuoco nuovamente scoperto. Crescendo, divenne un membro stimato della famiglia imperiale e una dominatrice del fuoco rispettata, inoltre é la zia della futura Signora del Fuoco Izumi.

Storia[]

Prima infanzia[]

Dopo che Ursa era stata esiliata dalla capitale per via di un patto con Ozai per farlo diventare Signore del Fuoco in cambio della vita di Zuko, la donna tornò al sul villaggio natio di Hira’a. Lì incontrò il suo amore d’infanzia Ikem che ora viveva sotto il nome di Noren con un volto nuovo- dopo la partenza della sua amata, l’uomo si è disperato e chiese alla Madre dei Volti di dargli un volto diverso e iniziare una vita nuova. Temendo una reazione terribile di Ozai e non riuscendo a dimenticare Zuko e Azula, Ursa lo spinse a fargli parlare con questo spirito per dare anche a lei una nuova identità. Cosi Ursa divenne Noriko, una donna ignara del suo passato, che si sposò con Noren e ebbe con lui una figlia di nome Kiyi.

Nell'anno 101 DG, Noriko regalò a sua figlia una bambola fatta da lei che la bambina adorava moltissimo, fino a portarla con sé ovunque e darle il suo stesso nome.

Incontro con Zuko[]

Kiyi bambola

Kiyi presenta la sua bambola a Zuko

Quando un anno dopo il Team Avatar venne a Hira’a per investigare sul destino di Ursa, Kiyi iniziò a parlare con Zuko e Azula con felicità senza neanche intuire che erano i suoi fratellastri. Gli chiese se volevano vedere la sua bambola e Zuko accettò con gioia mentre Azula rifiutò con disprezzo. Kiyi non si lasciò distrarre e raccontò che la bambola si chiamasse come lei, dato che era un nome così bello che poteva usarlo due volte. Quando Zuko fece un commento sul taglio di capelli della bambola un po' strano, la bambina ammise che aveva cercato di darle una nuova acconciatura, ma purtroppo aveva tagliato troppo. Il ragazzo notò che Azula faceva cose molto simili alle sue bambole, la quale chiarì che non era così, lei si limitava a straccarli direttamente la testa. Aggiunse con un sorriso freddo che poteva anche darle subito una dimostrazione, il che spinse Kiyi a nascondersi dietro a Zuko e di tenersi la bambola stretta al petto. Quando suo padre le fece ricordare di dimostrare ospitalità agli ospiti, la bambina lo rassicurò che si stava provando. Il Team Avatar si scusò poco dopo per il fastidio causato, ma Kiyi rincorse Zuko e lo implorò di tornare a trovarlo.

Noren difende Kiyi

Noren porta in salvo Kiyi

Difatti questo tornò alcuni giorni dopo quando Zuko tornò a casa di Noriko dopo aver appreso che era lei Ursa. Il ragazzo venne invitato a cena e spiegò la vera ragione per essere arrivato qua a Hira’a, il che scombussolò Kiyi moltissimo. Si aggrappò a sua madre, ma prima che potesse ricevere spiegazioni, Noren la zittì per aver sentito rumori strani provenienti dal tetto. Prima di poter orientarsi, Azula irruppe nella stanza da pranzo e fece Kiyi gridare aiuto a sua madre mentre suo padre la tenne ferma. Noren la prese con sé e la portò all'aperto su suggerimento di Sokka, mentre Azula combatteva contro Zuko.

Alla fine delle ostilità, Noren e Kiyi accesero un fuoco di campeggio fuori dalla loro casa distrutta e attesero il ritorno di Noriko. Questa però tornò come Ursa, il che alla bambina la fece sembrare una sconosciuta, mentre accettò subito che Zuko era il suo fratellone. In seguito ignorò la sua bambola e smise di portarsela dietro.

Viaggio alla capitale[]

Fumo Ombra Kiyi scappa da Ursa

Odia l'abbraccio di sua madre

Qualche settimana dopo, la famiglia decise di tornare insieme alla capitale della Nazione del Fuoco, il che segnava la prima volta che Ursa metterà piede lì dopo il suo esilio. Durante il viaggio Aang la portò con sé a cavalcare peschi-delfini nel mare aperto che la divertì moltissimo. Il divertimento venne però terminato quando Ursa, in preda al panico, le ordinò di tornare subito sulla nave. Mentre il Nomade dell’Aria chiese perdono, la donna abbracciò sua figlia strettamente, affermando che non poteva perderla. Kiyi però non voleva accettare questa donna come sua madre e iniziò a gridare di essere rilasciata subito, poi corse a rifugiarsi dietro alla gamba di suo padre e gli chiese di tornare sotto coperta.

Fumo Ombra Zuko convince Kiyi

Solo perché lo chiede Zuzu

Dato che Zuko aveva saputo che al suo ritorno era previsto un attacco a sorpresa, si decise di cambiare corso e di chiedere a Iroh e Suki di venire con un sottomarino a prenderli. Kiyi era affascinata da questo veicolo strano, poi salutò lo zio di Zuko e Suki, commentando che la Guerriera Kyoshi era molto bella. Quando doveva superare un pancone molto stretto per salire sul sottomarino, suo fratello le suggerì di tenere sua madre per mano, insinuando che potrebbe essere spaventata. Kiyi rifiutò più volte, ma alla fine si arrese quando Zuko glielo chiese come un favore personale.

Fumo Ombra Noren Ursa Kiyi attacco

Non si spaventa di nulla?

Kiyi e la sua famiglia salirono su una carrozza per raggiungere la capitale su un sentiero secondario, ma vennero attaccati dal Nuovo Ordine di Ozai. Mentre Noren e Ursa dovettero fingersi coraggiosi, la bambina si allontanò da sua madre, lamentandosi delle sue mani fredde. I ribelli cercarono di convincere Zuko ad arrendersi e consegnare il suo titolo a Ozai, ma questo non ci pensò nemmeno e passò al contrattacco. Lui e  Suki stavano per essere catturati, ma Kei Lo li salvò e in seguito arrivarono i rinforzi nella forma di Mai e le Guerriere Kyoshi. Dopo una breve schermaglia una lancia finì nella carrozza, il che spinse Zuko a vedere spaventato se qualcuno era ferito, ma fortunatamente erano tutti illesi. Kiyi sembrava la più calma di tutti, chiedendo a suo fratello di avvertirlo quando era finito tutto, dato che si stava annoiando. In realtà anche lei aveva paura, ma non voleva far preoccupare suo fratello.

Nonostante questo imprevisto, la carrozza raggiunse la capitale al tramonto dove Kiyi trascinò suo padre a iniziare a esplorare il palazzo, ignorando il suo suggerimento di riposarsi per riprendersi da tutta questa agitazione. La bambina lo ignorò affermando che sapeva che “Zuzu” li avrebbe protetti- Zuko e Ursa si chiesero da dove abbia preso quel nomignolo. Kiyi non ebbe difficoltà ad ambientarsi nel palazzo e andrò ad esplorare tutti i giorni da sola. Una volta trovò Zuko ad esercitarsi nelle forme del dominio del fuoco e rimase lì ad osservarlo per imparare questi movimenti, dato che credé che erano quelle che di facevano essere così coraggioso.

Rapimento[]

Kiyi respinge Ursa

Sempre più maleducata

Un mese più tardi Kiyi, in compagnia dei suoi genitori, osservò per caso come l’ispettore Sung scortò fuori un Ukano parecchio scontroso e la bambina chiese a suo padre cose stesse succedendo. Mentre Noren l’avvertì che non erano affari loro, Ursa cercò di spiegarle che non poteva essere nulla di importante, dato che a palazzo erano sicuri. Kiyi però reagì con rabbia a queste parole, gridando che non aveva chiesto a lei, inoltre non voleva essere toccata con queste mani gelide. La donna rimase indietro scioccata per questa reazione sgarbata e osservò triste come Noren portò sua figlia a letto.

Mentre la bambina stava dormendo nel suo letto, Ursa irruppe nella stanza dopo aver inavvertitamente sentito parlare Suki e Ty Lee della situazione critica con spiriti oscuri e bambini rapiti. Quando la vide dormire beata, la donna si calmò e la abbracciò senza svegliarla.

Fumo Ombra 2 Zuko porta in spalle Kiyi

Tratta Zuko come un fratello comune

Qualche ora dopo Kiyi si svegliò e sentì il peso di sua madre che era salita nel suo letto e la stava tenendo stretta con le sue mani gelate, il che le diede molto fastidio. Per evitare di svegliarla, la bambina chiamò Zuko sottovoce quando lo sentì passare davanti alla stanza e lo implorò di aiutarla. Il Signore del Fuoco la portò con sé e la caricò in spalle per portarla in un’altra stanza. Sul tragitto, gli chiese curiosa cosa aveva fatto per tutto il giorno e venne a sapere che c’era un problema che necessitava la sua collaborazione, ma Zuko la rassicurò che non era niente che non poteva gestire. Dopo averla messa a letto, Kiyi dichiarò confidente che lo sapeva che ne era capace, poi si addormentò. Ma quella notte ricevette una visita dalle Kemurikage false che la drogarono per poterla rapire nel cuore della notte.

Fumo Ombra 3 Kiyi senza paura

Che grinta!

La bambina venne portata nel nascondiglio delle Kemurikage dove venivano tenuti anche gli altri bambini rapiti come Tom-Tom e Guri. Ma già prima di arrivare, Kiyi iniziò a svegliarsi dai sonniferi e ribellarsi violentemente contro la persona che la stava tenendo ferma, sorprendendole per la sua energia. Quando venne finalmente messa giù, avvertì le due Kemurikage che stava provando pietà per loro, dato che era sicura che suo fratellone Zuko gli ridurrà in poltiglia. Una delle due signore mascherata stava già tentando di punirla quando l’altra la fermò e la incitò alla fretta, che non era nessun’altra che la sua sorellastra Azula. Persino lei dovette ammettere che era una tipa battagliera e che ce l’aveva nel sangue.

Fumo Ombra 3 Kiyi si allena

Sto cercando di concentrarmi!

Poco dopo i bambini sentirono un rumore strano provenire da dietro alla porta di metallo e iniziarono a litigare, ma Kiyi ordinò di stare zitti dato si stava esercitando nelle forme del dominio del fuoco che aveva visto fare a Zuko. Voleva imitarlo perché era della ferma convinzione che anche lei poteva diventare più coraggiosa con esse. Qualche ora dopo infine, quando sentirono altri rumori strani provenire dalla porta- ignorando che si trattava di Ukano che stava piangendo dalla disperazione e dal pentimento-, Kiyi annunciò che aveva finalmente capito. Chiese agli altri bambini di stare calmi e di spostarsi dalla porta, poi per la prima volta usò il suo dominio del fuoco appena sbloccato per scogliere un buco nella porta di metallo. Un Ukano molto stupefatto raffreddò il metallo con dell’acqua e si offrì di riportarli dai loro genitori; quando i bambini uscivano dalla loro cella, Guri chiese a Kiyi di sposarlo, ma questa rifiutò.

Fumo Ombra 3 Kiyi saluta Ursa

Finalmente...

Purtroppo la loro fuga venne bloccata da altre due Kemurikage, ma vennero salvati da Aang, Mai e Kei Lo. Poco dopo Kiyi ritrovò finalmente Zuko e lo abbracciò felice, dichiarando che era stata sempre sicura che sarebbe venuto. Quella notte, per la prima volta, era felice per il ritorno di sua madre e la salutò serena, accettando il suo nuovo volto.

Vita adulta[]

Da giovane donna, Kiyi venne ufficialmente aggiunta alla famiglia reale che comparve persino nell'albero genealogico che Iroh aveva creato per Zuko.

Personalità[]

Kiyi è una persona aperta e sicura di sé che non ha paura di affrontare nemici più grandi di lei. È molto chiara nella sua decisione su chi fidarsi e su chi no, fidandosi del suo intuito, ed è difficile farle cambiare idea. Ha una fiducia incrollabile in Zuko e rimane calma anche in situazioni critiche quando sa che lui arriverà ad aiutarla. Ursa invece ha sperimentato l'opposto, dato che dopo il suo cambiamento Kiyi ha perso la fiducia in lei e la tratta come una perfetta estranea senza badare al dolore causatole. Anche se gli piace giocare come a tutti i bambini, rimane straordinariamente calma a ragionevole anche in pericolo mortale che la rende più matura di altri bambini della sua età. È molto coraggiosa, ha osato minacciare persino una delle Kemurikage false senza nessun segno di paura, impressionando persino Azula.

Abilità[]

Kiyi dominio fuoco

Niente male...!

Nonostante nessun allenamento serio nel dominio del fuoco, le è bastato osservare suo fratello ad allenarsi nelle forme e di ripeterle per alcune ore per sbloccare il suo dominio del fuoco latente, il che la rende un genio come sua sorellastra Azula. Già al primo tentativo è riuscita a generare una corrente di fuoco abbastanza calda e costante per scogliere il metallo della porta della prigione, impressionando tutti quanti intorno.

Indirettamente si accenna al fatto che è anche molto resistente fisicamente, dato che l'anestetico usato su di lei ha avuto meno effetto che sugli altri bambini, sorprendendo anche i suoi rapinatori. Ha avuto energia da vendere anche dopo le esperienze drammatiche sul loro arrivo a palazzo.

Comparsa[]

Graphic novel[]

  • La Ricerca, seconda e terza parte
  • Trilogia "Fumo e Ombra"

Riferimenti[]

  1. DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). Smoke and Shadow Part One (September 23, 2015), Dark Horse Comics.
  2. ↑ Ehasz, Elizabeth Welch (writer) & MacMullan, Lauren (director). (May 12, 2006). "Zuko Alone". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 7. Nickelodeon.
  3. DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). Smoke and Shadow Part Three (April 12, 2016), Dark Horse Comics.
  4. DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Search Part Three (October 30, 2013), Dark Horse Comics.
  5. DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Search Part Two (July 10, 2013), Dark Horse Comics.
  6. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). The Rift Part One (March 5, 2014), Dark Horse Comics.
  7. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Yang, Gene Luen (writer), Sasaki of Gurihiru (penciling, inking), Kawano of Gurihiru (colorist), Heisler, Michael; Comicraft (letterer). Smoke and Shadow Part Two (December 16, 2015), Dark Horse Comics.
  8. Avatar: The Last Airbender: Legacy of the Fire Nation, page 31.
  9. ↑ DiMartino, Michael Dante; Konietzko, Bryan; Hedrick, Tim & Hamilton, Joshua (March 10, 2015). "The Coronation" commentary. Book Four: Balance Blu-ray.
Advertisement