Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement

Questo è una novella grafica che, in origine, era stata inizialmente pubblicata in patria come volume singolo e che ha luogo durante la prima parte del secondo libro di La Leggenda di Aang: Terra. È stato scritto da Faith Erin Hicks insieme a Tim Hedrick con i disegni di Peter Wartman e segue le avventure di Katara che viene brevemente separata dai suoi amici. Giunse in Italia nel volume di racconta "Team Avatar Treasury" grazie alla Tunuè Comics.

Storia[]

Pirati Katara Appa volo

Che bello volare...

Il Team Avatar sta volando sopra il Regno della Terra su Appa; un Sokka molto rilassato commenta quanto sia questa la sua idea di vita, ovvero viaggiare con il vento tra i capelli, mentre Toph risponde con sarcasmo se invece intendesse essere perseguitati da una principessa assassina o passare una giornata in un buco sia qualcosa di godevole. La dominatrice della terra aggiunge che lei si goderà il vento tra i capelli solo quando la Nazione del Fuoco smetterà di dargli la caccia, il che spinge Katara a chiamarla pessimista e le consiglia di rilassarsi. Toph invece contraccambia che invece lei è solo realista e che ignorare i problemi non li cambierà, così la dominatrice dell'acqua, ormai leggermente alterata, risponde che anche lei sia realista e le ricorda che lei ha viaggiato con Aang per più tempo.

Pirati Katara Sokka Katara Toph discutono

Mi state insultando o lodando?

Toph abbandona la discussione ammettendo che i loro punti di vista sono semplicemente differenti, facendo l’esempio dei loro metodi di insegnamento dei domini per l’Avatar. Il fatto che Toph abbia lanciato dei sassi in testa ad Aang sciocca Katara che era convinta che avesse usato il suo rinforzo positivo come promesso; il diretto interessato conferma la storia dei sassi in testa con una smorfia di imbarazzo. Mentre Toph si auto-dichiara solo una persona diretta, Sokka chiama Katara più dolce e gentile come un cucciolo di gattodrillo, inoltre la dominatrice della terra si vanta del fatto che Aang ha imparato il dominio della terra in un giorno, mentre per quello dell’acqua ci ha messo settimane. Ormai quasi in panico e in cerca di affermazione, Katara chiede a Aang se fosse davvero così, che era stata troppo dolce e gentile con lui e se lui pensi che era stata una buona insegnante. Leggermente nervoso davanti a queste domande sensibili, il Nomade dell’Aria risponde che è vero che le due ragazze abbiano un metodo di insegnamento differente, ma per lui non era male, lei non doveva essere dura come Toph.

Pirati Katara Katara cade

Katara cade da Appa

La loro discussione ha impedito ad Aang di avvistare in anticipo il blocco di soldati del fuoco a terra che all'improvviso li attaccano con palle di fuoco che spingono Appa a delle manovre di evasione acrobatiche. Per sfuggire al bombardamento, Appa sfreccia verso l’altro, ma Katara non riesce ad afferrare la sella in tempo e viene scaraventata fuori verso un fiume sottostante. Si salva dall'impatto creando un vortice di acqua, ma quando risale in superficie vede con orrore che la forte corrente la sta trascinando verso una cascata. Per proteggersi, Katara domina una sfera di ghiaccio intorno a sé che rimbalza contro delle rocce per poi finire nuovamente nel fiume sotto la cascata. Dopo alcune centinaia di metri, la sfera atterra sulla riva e si spacca, rilasciando la sua passeggera mezza intontita.

Pirati Katara Soldato riconosce Aang

L'Avatar, il nemico!

Nel frattempo, gli altri sono riusciti ad atterrare a una certa distanza dai soldati e si mettono subito alla ricerca della loro compagna. Sokka inizia immediatamente a gridare a squarciagola, ma Toph gli ordina di non fare chiasso, dato che sente qualcosa qua vicino. Il guerriero però non vuole ascoltare e risponde che continuerà a gridare finché non avranno trovato sua sorella, ma si blocca a metà frase quando nota le catapulte e alcuni soldati dell'artiglieria dell’attacco di prima. I tre cercano di allontanarsi a soppiatto ma s’imbattono in un altro soldato che si era messo in disparte per mangiare il suo pranzo. Lui e il trio si fissano per alcuni secondi, finché il soldato non getta via il suo pasto e identifica Aang come l’Avatar.

Pirati Katara Soldato borioso posa

Non esita a sfidare l'Avatar

Mentre questo prova a negarlo, il soldato assume una posa di combattimento e con grande spavalderia dichiara Aang in arresto per l’onore della Nazione del Fuoco e il Signore del Fuoco Ozai. Poco impressionata, Toph alza un pilone di terra che lo scaraventa a terra per poi ricordare a tutti che devono trovare Katara. Mentre si stavano voltando, il soldato mette a fuoco gli alberi vicini con una fiammata impressionante e annuncia che lo inseguirà anche in capo al mondo. Aang invece si preoccupa solo dell’incendio forestale e Sokka teme che queste urla attireranno anche il resto dell’esercito, ma il soldato si vanta del fatto che non avrà bisogno di aiuto e che si prenderà tutta la gloria. L'unica a rimanere calma è Toph che lo imprigiona tra delle lastre di terra, poi aiuta Aang a spegnere l’incendio.

Una volta fatto, Sokka incita i suoi amici a tornare alla ricerca di sua sorella mentre il soldato arrogante avverte Aang che la Nazione del Fuoco continuerà a dargli la caccia per punirlo della sua malvagità, un commento che sorprende il Nomade dell’Aria. Scombussolato, gli chiede di spiegargli cosa abbia fatto di male, così il dominatore del fuoco spiega che dovrebbe saperlo, lui e i Nomadi dell’Aria volevano conquistare il mondo, la Nazione del Fuoco ha dovuto fermarli. Ovviamente, Aang afferma che questa era una bugia, ma il soldato risponde cocciuto che, se fosse una bugia, glielo dovrebbe provare.

Pirati Katara Katara perlustrazione

Katara fa un giro in questa cittadina

Katara si riprende dalla botta e ispeziona la zona circostante; la prima cosa che nota è una barriera che sembra debba impedire a delle persone di lasciare una cittadina sul fiume. Curiosa e cauta, decide di andare a vedere e osserva come dei soldati del fuoco stanno controllando gli abitanti per impedirgli di uscire. All'improvviso, dietro di lei appare un soldato che esige spiegazioni sul perché si trovi fuori dal la città senza un accompagnatore e le ordina di ritentare. In un secondo memento si insospettisce dei suoi vestiti della Tribù dell’Acqua, dato che in questa zona non ce ne sono. Senza neanche voltarsi, Katara lo rende incosciente con dell'acqua congelata e lo nasconde nei cespugli.

Pirati Katara Katara incontra Jiang

Chi è questa donna?

Ora molto più cauta, s'infiltra nella cittadina e si prende un mantello verde da un filo della biancheria per travestirsi e passare inosservata. Katara si ferma al primo venditore per chiedere se fossero arrivati altri soldati del fuoco di recente, ma l’uomo risponde che è lo stesso numero di sempre e si lamenta dal fatto che i soldati mangiano come dei cavalli-struzzo e hanno svuotato tutta la sua merce. L’avverte anche che oggi sarebbero più tesi del solito, dato che è stato avvistato il bisonte dell’Avatar in in zona, il che impensierisce la ragazza.

Katara si scusa e inizia a pensare su come possa rintracciare Aang e gli altri sotto queste circostanze, finché un passante le sussurra di seguirlo. Lei si rifiuta con cordialità, ma quando vuole allontanarsi, altre due persone le bloccano la strada da dietro. Allarmata, afferra la sua boccetta d'acqua e avverte il gruppo che si sappia difendere; uno del gruppo, una donna dalla testa rasata e con cicatrici sul volto, risponde che lo sappia, lo aveva visto con quel soldato di prima. Katara cerca di negarlo, ma la donna chiede in modo ironico se allora fosse stato solo una coincidenza che dell’acqua sia saltata fuori dal fiume e abbia colpito quell'uomo? Alla esitazione continua della ragazza di confermarlo, la donna spiega che sta cercando una dominatrice dell’acqua per la sua nave che deve scendere per il fiume, una informazione che istiga la curiosità di Katara che chiede cosa debba fare per guadagnarsi quel posto sulla nave.

Pirati Katara Katara dimostrazione

Vuoi una prova? Eccola.

La capa della banda le chiede solo di dimostrare la sua abilità per valutare se fosse capace di agire in caso di bisogno, così le getta contro dell’acqua dalla sua borraccia che Katara devia con facilità bagnando un membro del gruppo. Questo soddisfa la capa che si presenta come Jiang, la capitana della Pipistrello-Lupo Volante, e chiede scusa per aver chiesto delle prove che fosse una dominatrice dell’acqua vera, dato che l’ultimo le aveva mentito. Scettica, Katara le chiede cosa ne fosse stato, così Jiang la rassicura che sta benone, ma in realtà lo aveva dato in pasto a un alce-leone dalle denti a sciabola.

Katara pirati Team discussione

Cosa ne facciamo con questo?

Nello stesso istante, Aang cerca di convincere Sokka e Toph della sua idea di voler convincere il soldato a cambiare idea sui Nomadi dell’Aria, a cosa Toph risponde che era solo un soldato che li condurrà dal Signore del Fuoco senza pensarci due volte. Aang spiega con una certa rabbia e tristezza che a Sozin non era bastato solo spazzare via i Nomadi dell’Aria, ma ha anche messo in giro bugie sul loro conto che fossero stati una minaccia per il mondo. Insiste che debba fargli capire che si sbaglia, se fosse capace di far cambiare anche una sola persona nella Nazione del Fuoco ne sarebbe valsa la pena. Sokka gli fa notare che potrebbe anche essere giusto, ma gli chiede se volesse davvero provare a far ragionare questo tipo in particolare, dato che gli sembra un vero idiota. Stringendo le spalle, aggiunge che sua sorella sappia cavarsela da sola, per cui gli concede questo tempo per provarci, ma Toph gli fa ricordare che solo alcuni minuti prima l’aveva descritta come un cucciolo di gattodrillo. Il guerriero spiega che la stava solo prendendo in giro come un buon fratello maggiore, in realtà la vede come un gattodrillo adulto, capace di stendere un orso-ornitorinco adolescente.

Pirati Katara Soldato sapientone

È sicuro di avere ragione

Deciso ma cortese, Aang saluta il soldato intrappolato e gli propone di conoscersi meglio, poi soffia via una foglia dalla fronte dell’uomo che però lo spaventa moltissimo e chiama il dominio dell’aria un “potere demoniaco”. L’Avatar cerca di convincerlo che non gli farà del male, ma il soldato gli elenca i “poteri oscuri” dei dominatori dell’aria come risucchiare il respiro dal corpo delle persone, oppure che sappia della loro “armata di persone alate” che attaccavano chiunque li minacciasse. Scocciato e incredulo di fronte a queste accuse, Aang spiega che i Nomadi dell’Aria erano stati monaci pacifici che non avevano mai avuto né un’armata né che sapessero volare, potevano solo planare con gli alianti. Il soldato allora vuole sapere dove sia quel suo aliante, a cosa Aang spiega che si trova sul suo bisonte volante, il che fa esultare il dominatore del fuoco: era vero allora che avevano un animale che sappia volare; quindi, la Nazione del Fuoco aveva l’obbligo di fermarli, altrimenti avrebbero conquistato il mondo a cavallo delle bestie volanti.

Pirati Katara Aang si arrende

Aang si deve arrendere

Ormai con i nervi tesi all'ultimo, Aang la chiama una teoria folle e chiede dove l’abbia letta, ricevendo la riposta arrogante che l’aveva sentito da suo cugino che l’aveva preso da sua sorella, la quale da un suo coinquilino che l’aveva letto su un manifesto. Scombussolato e incredulo, Aang gli chiede se non avesse mai pensato che un manifesto possa dire una cosa non vera, ma il soldato gli ride in faccia che ovviamente debba essere vero, dato che la Nazione del Fuoco non spenderebbe soldi per spargere bugie. Davanti a tale ignoranza mista ad arroganza, Aang non può far altro che arrendersi e torna dai suoi amici totalmente sconfitto.

Pirati Katara essere dura

Katara si deve fingere dura

Intanto, Katara, Jiang e la sua ciurma camminano per la cittadina mentre la dominatrice dell’acqua cerca di fingersi dura come Toph per apparire come una persona forte e decisa. Infine, esagerando, sputa contro il muro di una casa, il che disgusta due membri del gruppo e rende in imbarazzo Katara. Jiang si ferma davanti al magazzino di un certo Tu per controllare la merce per il colpo di domani. Questo si insospettisce nel vedere la ragazza della Tribù dell’Acqua e afferma che le ricorda la ragazza che sta viaggiando insieme all’Avatar. Racconta anche di suo cugino Oh che una volta aveva viaggiato per la zona dell’isola mezzaluna e che aveva incontrato una ragazza con la sua stessa acconciatura che le aveva rubato una preziosa pergamena sul dominio dell’acqua. Come tutta risposta, Katara crea uno ghiacciolo appuntito che conficca nel tavolo davanti a Tu per intimorirlo e dichiara che non è un amico dell’Avatar, ma solo una dominatrice dell’acqua che vuole andarsene al territorio controllato dalla Nazione del Fuoco, per cui sarebbe meglio non fare domande.

Pirati Katara travestimento

Un'uniforme della terra..?

Jiang la porta a vedere la merce che si trova in diverse casse, il che si rivela essere il bottino di un furto a una nave del fuoco e ora li devono caricare sulla loro nave. Curiosa, Katara chiede perché queste casse hanno lo stemma del Regno della Terra, ma Jiang le consiglia di ascoltare il suo stesso consiglio di prima, ovvero “non fare domande”, poi le dà una uniforme di un soldato della terra. La capitana spiega che si devono travestire per evitare uno scontro con la Nazione del Fuoco, così si fingeranno dei collaboratori del Regno della Terra per sfuggirgli. Quando Katara si rende conto che i proprietari di queste uniformi erano quasi sicuramente morti, le si gela il sangue nelle vene.

Pirati Katara Sokka e soldato

È più ciocciuto di un mulo...

Di ritorno nella foresta, ora è il turno di Sokka a provare a convincere il soldato della innocenza dei Nomadi dell’Aria usando i fatti. Gli racconta che, in realtà, loro non volevano essere i nemici della Nazione del Fuoco, ma convivere in armonia con il Signore del Fuoco e la sua nazione, il che confonde il soldato. Sokka continua chiedendogli se non si era mai chiesto come mai uno come lui, un soldato della Nazione del Fuoco, fosse stato mandato nel Regno della Terra per occuparlo, cosi il dominatore del fuoco grida che la Nazione del Fuoco deve condividere i suoi successi e il suo benessere con il mondo, per cui dovrebbero sentirsi onorati della loro presenza. Il guerriero del sud però non ha finito, gli chiede allora perché finora i cittadini del Regno della Terra non li avevano accolti nelle loro case, mentre in realtà le altre Nazioni avrebbero voluto convivere in armonia con la Nazione del Fuoco come lo avevano fatto per secoli? Suggerisce poi che, forse, il Signore del Fuoco preferisce attaccare e dominare il mondo anziché convivere in pace con le altre nazioni.

Pirati Katara Appa lancia soldato

Appa lo congeda

Il soldato ci pensa alcuni secondi, ma poi dichiara non è vero e inizia a cantare l’inno al Signore del Fuoco; Sokka si arrende, dichiarando che avevano perso solo il loro tempo con questa testa dura. Toph è felice del suo suggerimento di andarsene finalmente mentre Aang chiama Appa con il fischietto. Il soldato arrogante si libera della sua prigione di terra e sfida Aang ancora una volta, ma in quel momento arriva Appa che lo afferra con la bocca e lo sputa contro un albero. Il dominatore del fuoco rimane appeso su un ramo mentre osserva la partenza del gruppo.

Pirati Katara verso la nave

Il gruppo si avvia verso la nave

Il gruppo di Jiang, travestito da soldati della terra, raggiunge la loro nave, la Pipistrello-Lupo Volante, ancorata nel porto. La piratessa racconta che è in possesso della sua famiglia da generazioni, il che indica a Katara che la sua famiglia debba essere stata pirata da generazioni, ovvero persone che rubano da altre persone e vendendo il bottino a miglior prezzo. Jiang lo ammette sorridendo, dichiarando che non se ne vergogna minimamente, ma aggiunge che la sua educazione forte aveva permesso a lei e la sua ciurma di ribellarsi ai soldati del fuoco per impedire che la sua nave venisse sequestrata. Ammette che la sua banda forse non sembra un granché, ma sono tutti devoti e lei farebbe di tutto per permetterle di rimanere liberi. Con acidità, Katara vuole sapere se questo volesse anche dire derubare la sua stessa gente, ma Jiang spiega con una smorfia che per lei quelli di Ba Sing Se non sono la sua stessa gente, dato che l’esercito del Re aveva abbandonato la gente fuori dalle mura della capitale.

Pirati Katara Jiang avverte Katara

Ma cosa ti importa della merce?

Alla vista dei soldati del fuoco, Katara si sussurra di essere come Toph mentre Jiang consegna i documenti di trasporto e la ciurma sale sulla nave. Quando però il primo ufficiale sta per dichiarare tutto in ordine, il suo comandante dichiara di voler dare un'occhiatina alla nave, cosa che la capitana permette subito. Allo stesso tempo però sussurra anche alla dominatrice dell’acqua di tenersi pronta a dimostrare che aversi meritato il passaggio. Katara risponde acida di potersela cavare, ma Jiang le spiega un po' scocciata che qua c'è molto di più in gioco della sua sola vita se non riuscissero a trasportare il carico.

Pirati Katara attacco ai soldati

Katara fa sul serio

L'ufficiale riconosce la nave come quella che non erano riusciti a catturare qualche mese prima e ordina con rabbia l’arresto di questi pirati. Mentre il gruppo di Jiang corre verso la nave e la fa salpare, Katara si ferma prima di salire e getta via il suo travestimento, rivelando i suoi vestiti da Tribù dell’Acqua. Quando i soldati si sono avvicinati abbastanza, usa il suo dominio per creare un’onda impressionante che travolge uomini e plancia, poi sconfigge due soldati con una frusta d’acqua mentre Jiang e gli altri faticano a fissare la merce. Nel momento di respiro, sale sulla nave e ordina a Jiang di lasciare stare le casse caduta in acqua, ma questa insiste che ha bisogno di tutta la merce. Un soldato è risuscito a salire a bordo e vuole attaccare la capitana alle spalle, ma Katara e Jiang lo colpiscono insieme e lo buttano nell'acqua.

Pirati Katara Katara dominio acqua

Sconfigge i soldati con la loro stessa nave

La nave salpa mentre le truppe le lanciano contro palle di fuoco e una barca del fuoco le blocca il passaggio. Una palla di fuoco colpisce la Pipistrello-Lupo Volante che inizia ad affondare, ma ancora una volta Jiang da proprietà alla casse anziché alla sua nave o la ciurma, il che scombussola Katara. La piratessa le grida di levarsi di torno perché non stia capendo, spronando Katara a creare un ghiacciaio sul fiume sul quale corre verso la nave nemica e la colpisce per buttare in acqua la sua ciurma. Una volta da sola sul vascello, lo porta fino in porto mentre Jiang e la sua ciurma si vedono costretti ad arrendersi ai soldati del fuoco. In quel momento però Katara sfreccia contro il nemico investendo i soldati, sfracellando l'intero bacino di carenaggio. Sbalordita e felice di questa azione, Jiang ordina alla sua ciurma di salire a bordo e di portarsi dietro la merce.

Pirati Katara Katara soldato borioso

Ma sta zitto...

In quel momento sbuca dalla foresta il soldato arrogante che avvista Katara e la identifica come un complice dell’Avatar, poi passa immediatamente all'attacco in nome della Nazione del Fuoco. Questa informazione indica alla ragazza che Aang dev'essere nei paraggi, poi congela il soldato a mezz’aria mentre dalla città arriva un’altra nave del fuoco. La ciurma di Jiang lancia un masso di pietra che la colpisce in pieno e la affonda; in quel momento la colonna di ghiaccio che tiene sospeso in aria il soldato arrogante si spezza e lo fa cadere nell'acqua.

Pirati Katar Jiang sorrisetto

Lo fa solo per... argento?

La piratessa ringrazia Katara per averli salvati, ma questa vuole solo che mantenga la sua promessa di portarla fuori dal territorio della Nazione del Fuoco. Jiang la rassicura che lo farà, a patto che le permetta un’altra fermata. Con uno sguardo disgustato, la ragazza del sud studia le casse e il suo contenuto, scoprendo che si tratta di medicine rubate; dichiara che loro fossero peggio di quello che pensava: derubare persone malate delle medicine per curarle? Jiang però le risponde con un sorriso che lei è una pirata, non fa mai niente gratis, per queste casse riceverà tantissimo argento.

Nel frattempo, Aang e gli altri hanno raggiunto la cittadina e vedono la distruzione causata dalla fuga della nave di prima e il ghiaccio nell'acqua e Sokka conclude che dev’essere stata opera di sua sorella. Ora sanno che devono seguire il fiume.

Pirati Katara Jiang gigli argento

L'argento dei pirati sono dei fiori?

La nave della Nazione del Fuoco catturata prosegue il fiume fino a raggiungere un piccolo villaggio alla riva dove la ciurma approda e inizia a scaricare le casse. Dopo pochi minuti, vengono scoperti dagli abitanti che radunano subito tutti quanti mentre un bambino di nome Lian corre verso Jian con in mano alcuni fiori. Con un sorriso felice stampato in faccia, il bambino le regala i fuori di color argento, la quale lo ringrazia per questo regalo, poi chiede a Katara se non pensi anche lei che sia un compenso giusto. La piratessa spiega che questi sono gigli d’argento che crescono solo qua, ed era quello l’argento di cui parlava prima come ricompensa. Questa rivelazione scombussola la donna del sud, così Jiang chiarisce che non chiederebbe mai dei soldi per dei farmaci che questa gente ha bisogno. Lei è stata una pirata per molti anni che ha rubato per poi vendere il bottino per guadagnare, ma dopo che la Nazione del Fuoco ha attaccato la sua terra lei e la sua ciurma ha giurato di combattere contro di lei ed aiutare la propria gente- almeno fino alla fine della guerra, dopo non sa.

Pirati Katara Riunione

Come mi aveva trovato?

Mentre Jiang prende per mano Lian, Katara sente dal cielo qualcuno che la chiama e con grande felicità vede che si tratta dei suoi amici. Le accorre e li saluta con un abbraccio che persino Toph non rifiuta, poi chiede come abbiano fatto a trovarla. Sokka spiega che hanno visto la nave del fuoco congelata a monte e hanno dedotto che potesse essere stata solo lei, ma poi vuole sapere come ha fatto lei ad arrivare fin qua. Katara così racconta la sua avventura di come sia finita nella cittadina occupata dalla Nazione del Fuoco e come sia riuscita ad uscire unendosi a una ciurma di pirati. I suoi amici non sembrano molto convinti di questa storia, specialmente la parte con i pirati irrita suo fratello. In quel momento arriva Jiang per salutare Katara e ringraziarla per il suo aiuto a scendere lungo il fiume, poi le offre di diventare un membro onorario della sua ciurma. La ragazza del sud però rifiuta con rispetto e insinua che invece spera che invece loro diventassero dei membri rispettosi della legge dopo la fine della guerra. La risposta della pirata rimane aperta su questo, ma ripropone l'offerta che, semmai Katara dovesse stancarsi di combattere con l’Avatar, il posto da pirata rimanerebbe aperta per lei.

Pirati Katara Jiang saluto

Jiang saluta Katara

Con questo, i due gruppi si salutano e Katara chiede ai suoi amici con un pizzico di spavalderia cosa stessero dicendo prima, cosi Sokka si salva con le lodi che stava dicendo che era la sorella più fantastica del mondo. Il quartetto sale su Appa e riparte per il loro viaggio.

Personaggi apparsi:[]

Trivia e note[]

  • Questo fumetto ha luogo tra gli episodi “Il dominio della terra” e “Lo spirito della conoscenza”.
  • Toph e Katara parlando dei loro rispettivi allenamenti di Aang, una continuazione dell’episodio animato.
  • Nella versione inglese, Katara ripete il gioco di parole "Be tough as Toph" che suona molto simile.
  • Questo fumetto conferma la presenza di collaboratori del Regno della Terra che lavoravano per la Nazione del Fuoco, ma anche quella di altri gruppi che si opponevano contro l’occupazione. Questa crea dei livelli di complessità maggiore tra gli abitanti del regno immenso e diviso, come insinuato nei romanzi di Kyoshi.
  • Il cugino di Tu è ovviamente uno della ciurma del capitano dei pirati visti in “Il dominio dell’acqua” che ora ha un nome, Oh.
  • Jiang parla di come il resto del Regno della Terra fuori da Ba Sing Se si senta abbandonato, questo è uno degli effetti della politica di Long Feng che si concentra solo sul mantenere il potere sul Re e la capitale, trascurando di conseguenza il resto dei territori.
  • Il gesto di Katara a pagina 35 è un riferimento alla fine della discussione tra Lin e Korra nell'episodio “Benvenuti a Città della Repubblica”.
  • A Toph non piacciono gli abbracci, li concede solo in circostanze particolari. Mantiene questa caratteristica fino nell'anzianità, come visto con Korra in “La chiamata” dove le permette di abbracciarla solo dopo che si era estratto il veleno metallico rimasto.
  • Il soldato borioso ricorda molto certe persone su internet che sono convinti di essere nel giusto anche di fronte a fatti che dicono il contrario, combinando arroganza con ignoranza voluta. Credono più alle voci in giro di qualche conoscente anziché agli esperti in materia; come succede spesso, le persone esperte si devono arrendere davanti a tale cocciutaggine perché perdono la pazienza.
  • “Katara e l’argento dei pirati” è stato il primo fumetto graphic novel pubblicato singolarmente (in patria).
  • Rachel Robertos, la direttrice di Dark Horse comica, ha chiamato questo fumetto e i fumetti su Toph e Suki come la trilogia delle “signorine fantastiche di Avatar” (“the awesome ladies of Avatar”), il che portò alla pubblicazione di questa edizione collettiva sotto il nome di “Team Avatar Treasury”.
  • Piccole note di inconsistenza: nella serie animata, Aang scopre la propaganda anti- Nomadi dell’Aria solo nell'episodio “La festa da ballo”. Si potrebbe spiegare questa incongruenza con Aang che non sta ancora pensando che queste voci siano il frutto di una propaganda organizzata e su larga scala che viene insegnata alle scuole, ma li crede solo la pazzia di qualche fanatico.
  • Quando Katara racconta della sua avventura, anche Toph non le crede, anche se possiede già il senso sismico e avrebbe dovuto capire che non stava mentendo.
Advertisement