Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Con questo termine si descrive il tentativo del criminale Tokuga, il nuovo capo della triade del Triplo Terrore, di prendere il controllo su Città della Repubblica usando a suo favore il caos generato dall'attacco di Kuvira e scatenando una guerra di territorio con le altre triadi.

Storia[]

Preludio[]

Durante l’invasione della Repubblica Unita, Città della Repubblica subì ingenti danni da parte dell'Impero della Terra, specialmente il centro città, sia durante della battaglia tra il Team Avatar e gli invasori che per via del cannone ad energia spirituale del colosso di Kuvira. Tutta questa distruzione ebbe un impatto non solo sull'infrastruttura, ma anche sulle vari triadi criminali di Città della Repubblica, di cui territori erano stati parzialmente distrutti e dovevano trovare nuove zone da controllare, entrando in competizione con le triadi rivali.

Tokuga racconto

Tokuga ha carriera nella malavita

Tokuga, un giovane appena arrivato in città, salì presto tra i ranghi della triade del Triplo Terrore e usò questo caos a suo favore eliminando Viper e diventandone il nuovo capo. Dimostrandosi un capo ambizioso e senza pietà, usò il suo nuovo potere per arruolare nuovi membri con la forza, costringendoli alla collaborazione se volevano rimanere in vita. In poche settimane, aveva sottomesso e inglobato triadi più deboli come quella della Rising Flame mentre altre come quella dei Cristalli Rampicanti oppose ancora feroce resistenza.

Korra Tokuga spirito

Lo spirita deforma Tokuga

In seguito a un conflitto acceso tra la Nazione dell’Aria, l’Avatar Korra e l’imprenditore Wonyong Keum riguardo il diritto di possessione del nuovo portale spirituale comparso alla fine del duello tra Korra e Kuvira, Wonyong assoldò la triade del Triplo Terrore per attaccare il portale e scacciare via i dominatori dell’aria che lo stavano difendendo. L’attacco iniziò bene, ma i dominatori dell’aria ricevettero presto l’aiuto del Team Avatar, ma dopo alcuni minuti si unì alla battaglia una terza frazione: uno sciame di spiriti infuriati per la violenza degli umani e la loro arroganza di poter decidere sul diritto di accesso al Mondo degli Spiriti. Korra tentò di calmare la loro guida, lo spirito anguilla-drago, nella speranza di poter evitare un conflitto aperto tra umani e spiriti, ma questo si rifiutò, dichiarando che l’Avatar aveva fallito a proteggere il portale. La sua furia lo fece diventare uno spirito oscuro e dichiarò che uno degli umani doveva pagare il prezzo per aver iniziato questa battaglia, ovvero Tokuga. Mentre Korra tentò di fermarlo invano, lo spirito attaccò il capo della triade, il quale cercava di proteggersi ma venne attraversato dallo spirito e tramutato in un essere metà umano e metà spirito. Scioccato e sorpreso da questo, ordinò ai suoi uomini di ritirarsi immediatamente, ponendo fine alla battaglia.

Preparativi per l’insurrezione[]

Dopo la sua metamorfosi fisica che lo aveva sfigurato, Tokuga si rese conto di non potersi più accontentare delle piccole guerre di territorio con le altre triadi e decise di voler guidare il Triplo Terrore fino a conquistarsi il controllo sull'intera Città della Repubblica. Inoltre era convinto che Korra fosse responsabile della sua mutazione, dato che aveva dedotto erroneamente che l’Avatar avesse richiamato gli spiriti di proposito ed ordinato allo spirito ad attaccarlo.

Tokuga minaccia Keum

Tokuga prende in ostaggio Keum

Pochi giorni dopo la battaglia al portale, Tokuga si assicurò la fedeltà dei suoi uomini con il terrore e l’intimidazione, ma anche con la promessa di diventare le persone più importanti della nazione. Lui e due membri della triade si infiltrarono nell'ufficio di Keum dove attesero il ritorno dell’imprenditore e lo presero come ostaggio. Tokuga rivelò la sua nuova forma orripilante e dichiarò di non essere più al suo servizio, ma che ora Keum e la sua impresa edilizia appartenesse a lui. Mentre setacciava le sue possessioni, scoprì in una cassaforte dei disegni tecnici per una pompa a gas di Hiroshi Sato che questo aveva dato a Keum sette anni fa nella speranza di poterlo arruolare tre le fila dei Paritari. Questi disegni diedero a Tokuga l’idea su come conquistarsi il controllo sulla città.

Esplosione magazzino

Una terribile trappola!

Allo stesso tempo, Mako e Bolin raccontarono a Lin Beifong della teoria di Korra che Tokuga fosse stato assoldato da Wonyong Keum, ma la capa della polizia si rifiutò di continuare ad inseguire questa strada dato che non poteva arrestare questo imprenditore importante e ricco senza prove più concrete. I due fratelli andarono in prigione da Ping Duedita per interrogarlo, ricevendo da lui l’indizio che Tokuga stava usando bambini della strada per passare informazioni tra i membri della triade. Basandosi su questa idea, i due rintracciarono Skoochy che gli raccontò che Tokuga stava usando un vecchio magazzino abbandonato al porto come nascondiglio. Gli uomini di Lin eseguirono un raid al magazzino, ma questo si rivelò una trappola: l’intero edificio era stato riempito di esplosivi e gli agenti si salvarono solo grazie al dominio del fuoco di Mako che dominò le fiamme abbastanza a lungo da poter fuggire con tutti.

Takuga minaccia Zhen

Tokuga non tollera disubbidienza

Nel suo nuovo nascondiglio, Tokuga sentì parlare Zhen che espresse i suoi dubbi sulla abilità di guida del suo nuovo capo davanti agli altri. Arrabbiato per questa mancanza di fedeltà, il mezzo-spirito minacciò il vecchio quasi strozzandolo per poi rivelare poi il suo piano per il dominio sulla città. Dato che ora non doveva più occuparsi dei soldi dopo aver preso il controllo sull'impresa di Keum, Tokuga ordinò ai suoi uomini di attaccare un deposito di armi fuori dalla città dove la polizia stava tenendo gli armi e i veicoli confiscati dall’armata di Kuvira dopo la sua resa.

Attacco[]

Raid al magazzino[]

Zhen Asami

Zhen ha Asami in pugno

Dopo aver saputo della nuova relazione amorosa tra l’Avatar Korra e Asami Sato, Tokuga ordinò a Zhen ed alcuni dominatori della terra di farsi strada dell'ufficio della donna sul cantiere per le nuove case degli sfollati e di rapirla. Quando Korra seppe di questo, pensava erroneamente che dietro a questi vile atto si celasse la triade dei Cristalli Rampicanti sotto Jargala Omo ed andò a interrogarla.

Nello stesso istante, Tokuga guidò la sua triade al magazzino d’armi e si portò dietro Asami e Keum come ostaggi. In pochi minuti, i criminali aveano rubato gli armi dell’Impero della Terra modernissimi, grazie ai quali sottomisero gli agenti della polizia con facilità. Allertati dalle esplosioni, Korra, Mako e Bolin arrivarono sul luogo poco dopo e iniziarono una breve schermaglia. Purtroppo, i due fratelli vennero presto sopraffatti dai mecha mentre Tokuga usò Asami per costringere l’Avatar alla resa, permettendo alla sua triade di fuggire con le armi rubate e i suoi ostaggi.

Preparativi per i passi successivi[]

Tokuga Asami ordine

Costringe Asami a collaborare

Armati dei carri armati e i mecha rubati, il Triplo Terrore attaccò i Cristalli Rampicanti e li sconfisse con facilità, costringendoli alla fuga. Inoltre, i criminali presero possesso dell’intero quartiere e impedì che cinque possa lasciare la propria casa. Tokuga minacciò di distruggere l'intera zona se la polizia si fosse intromessa, creando una situazione di stallo. Grazie ad essa, il Triplo Terrore nascose le sue aeronavi nella abbandonata Raffineria della Terra e del Fuoco, dove portò anche i suoi ostaggi, Asami e Keum.

Tokuga stritola Keum

Nessuna pietà

Al suo ritorno alla raffineria, Asami cercò di convincere Tokuga a liberarla, ora che aveva costretto l’Avatar a lasciarlo andare, ma il criminale rispose con un tono sadico che quella donna non avesse ancora sofferto abbastanza per ciò che gli aveva fatto. Mostrandole i disegni di suo padre, Tokuga ordinò alla ingegnera di costruirgli quelle pompe per il gas, annunciando di voler usare del gas velenoso come arma per costringere Città della Repubblica alla resa. Voleva montare quelle pompe su una delle aeronavi rubate per diffondere il gas sulla popolazione se il Presidente Raiko non si fosse sottomesso al suo volere. Asami ovviamente si rifiutò, cosi Tokuga iniziò a strangolare Keum davanti a lei, spingendola alla resa e assicurandosi la sua collaborazione. Asami si mise al lavoro seguendo i disegni, ma in segreto sabotò le pompe affinché avrebbero disperso il gas all'interno della cabina anziché verso l’esterno.

Battaglia alla raffineria[]

Mondi Contesi attacco a Tokuga

Il Team Avatar collabora con i Cristalli Rampicanti

Ormai rimasti senza alternative, Korra, Mako e Bolin fecero visita a Jargala per convincerla ad aiutargli a salvare Asami delle grinfie del loro nemico in comune, inoltre speravano che fossero a conoscenza del nuovo nascondiglio di Tokuga. La capa dei Cristalli Rampicanti si dimostrò scettica in confronto delle loro vere intenzioni, ma alla fine accettò per aiutarli a riconquistarsi il suo vecchio territorio.

Per non essere scovati dal nemico in superficie, la donna li guidò attraverso un sistema di tunnel sotterranei fino alla vecchia Raffineria della Terra e del Fuoco. Il gruppo emerse del canale giusto nel momento in cui Asami stava terminando le pompe per il gas, ma Tokuga se ne accorse all'istante. Il Team Avatar e i Cristalli Rampicanti affrontarono il Triplo Terrore riuscendo a tenerli sotto controllo, ma Tokuga e alcuni dei suoi uomini fidati riuscirono a fuggire a bordo dell'aeronave modificata insieme ad Asami e Keum. Jargala e i suoi uomini rimasero indietro per riconquistarsi il suo territorio mentre Korra, Mako e Bolin inseguirono Tokuga.

Scontro finale[]

Tokuga minaccia tutti

Tokuga comunica i suoi ordini

L’aeronave di Tokuga mise rotta verso il portale spirituale che nel frattempo era stato circondato dalle Forze Unite su ordine del presidente Raiko Allo stesso tempo era anche luogo di una azione di presta da parte di Zhu Li Moon e Tenzin che si stavano ribellando agli ordini del presidente di voler usare la forza per scacciare via ogni ribellione. Questo sfondo era il palco perfetto per Tokuga per avere più ostaggi possibili per la sua insurrezione: dal suo dirigibile avvertì tutti i presenti che aveva intenzione di ripristinare lo splendore di Città della Repubblica sotto il suo governo. Accusò Raiko e Korra di aver deluso la città e dichiarò il portale il simbolo della distruzione del futuro, poi ordinò al presidente di ritirare immediatamente l’armata, altrimenti avrebbe usato il gas tossico sulle persone presenti. Terminò il so discorso di minaccia con l'avvertimento che aveva a bordo come osteggi Asami Sato e Wonyong Keum per impedire ai soldati di abbattere il dirigibile se non volevano uccidere anche loro.

Korra su Oogi

Korra si presta Oogi

Non volendo nuovamente ritirarsi come aveva fatto contro Kuvira, Raiko fece finta di arrendersi, ma ordinò al Generale Iroh di abbattere il dirigibile appena che quel criminale si fosse allontanato abbastanza dalla folla presente. Quando Iroh gli fece notare che questo avrebbe condannato gli ostaggi alla morte, gli rispose con severità di non mettere in dubbio i suoi ordini. Disperato, il militare corse da Korra, appena arrivata sul posto, e gli raccontò di questo ordine, così la donna del sud prese in prestito Oogi per andare a salvare la sua ragazza.

Varrick mover

i dominatori dell'aria controllano il gas

Sul dirigibile, Asami convinse Keum ad aiutarla nella fuga e gli raccontò del suo sabotaggio, anche se non aveva previsto che potrebbe trovarsi sul dirigibile con loro. Mentre azionò la pompa manomessa, l’imprenditore si prese le due maschere anti-gas mentre i membri della triade venivano messo KO dal gas. Grazie al suo essere mezzo-spirito, Tokuga si rivelò immune al gas tossico e sottomise Asami per strapparle via la sua maschera. Mentre la donna stava quasi perdendo conoscenza, irruppe Korra e allontanò il criminale con un calcio per poter salvare Asami con il dominio dell’aria. Il capo della triade arrabbiato sfracellò i vetri della gondola per permettere al gas di fuoriuscire all'aperto verso la folla a terra per pura vendetta. Mentre Korra affrontò Tokuga, Asami guidò il dirigibile attraverso il portale, deducendo che gli spiriti, esattamente come Tokuga, fossero immuni al gas. Intanto a terra, Tenzin e la Nazione dell’Aria usò il suo dominio per tener lontano il gas dalle persone mentre Zhu Li coordinò l'evacuazione e Raiko fuggì insieme ai suoi fidati.

Tokuga caduta

Tokuga cade nel vuoto

Sul dirigibile, Tokuga stava per sconfiggere Korra grazie alla sua abilità di bloccante del Chi, ma prima di poterle dare il colpo di grazia, Asami fece fare una manovra brusca al velivolo che scaraventò Tokuga attraverso uno delle finestre rotte. Riuscì ad afferrare al bordo della finestra con il suo braccio a tentacolo, ma in quel momento apparve Keum che gli mozzò l’arto con un'accetta, dichiarando che Imprese Keum appartenesse solo a lui.

Tokuga nascosto

Non è finita...

Il criminale cadde cosi nel vuoto, ma sopravvisse alla caduta e fuggì nel Mondo degli Spiriti prima di poter essere arrestato. I suoi uomini rimasti indietro vennero salvati dal gas e catturati al Team Avatar mentre Korra riuscì a calmare gli spiriti arrabbiati per questo disturbo.

Conseguenze[]

Korra espresse la sua previsione che Tokuga “starà buone per un po'” ma non sarebbe stata l'ultima volta che avrebbe sentito di lui, una previsione molto logica. Difatti, nei mesi successivi, Tokuga stava preparando la sua rivincita su coloro che l'avevano offeso. Ma ora, senza di lui, a Città della Repubblica tornò l’ordine pubblico e le triadi si calmarono per riorganizzarsi.

Bolin si licenziò dalla polizia, dichiarando che non voleva essere troppo legato.

Wonyong Keum, immensamente grato ad Asami e Korra per avergli salvato la vita, voleva rimediare alle sue azioni e promise di voler aiutare a mantenere la pace. Rinunciò al suo diritto di proprietà al terreno intorno al portale per impedire altri conflitti con gli spiriti e lo regalò alla città.

Mentre Raiko era fuggito a gambe levate al primo segno di pericolo, Zhu Li era rimasta indietro per aiutare la gente mettendo a rischio la propria vita. Questa azione eroica, documentata nei docu-moventi di Varrick insieme alla fuga codarda di Raiko, insieme al suo impegno costante durante la crisi degli sfollati, permisero a Zhu Li di vincere le elezioni e di diventare il nuovo presidente della Repubblica Unita con ben 68% dei voti. Come prima azione regalò il territorio intorno a portale alla Nazione dell’Aria affinché diventino responsabili della sua protezione.

Ironia della sorte: l’insurrezione fallita di Tokuga, che doveva dire il potere assoluto alla triade del Triplo terrore, lo aveva invece indebolito, portando a un vuoto di potere che venne colmato con triadi minori e diede spazio a quelle maggiori per crescere.  

Riferimenti[]

  1. DiMartino, Michael Dante (writer), Koh, Irene (artist), Piekos, Nate; Blambot (letterer), Campbell, Heather; Ng, Killian (cover). Turf Wars Part Two (January 17, 2018), Dark Horse Comics.
  2. DiMartino, Michael Dante (writer), Koh, Irene (artist), Piekos, Nate; Blambot (letterer), Campbell, Heather; Bak, Jane (cover), Ng, Killian (colorist). Turf Wars Part One (July 26, 2016), Dark Horse Comics.
  3. Avatar Legends: The Roleplaying Game. Starter Set, Adventure Booklet, pg. 27.
  4. DiMartino, Michael Dante (writer), Koh, Irene (artist), Piekos, Nate; Blambot (letterer), Campbell, Heather; Ng, Killian (cover). Turf Wars Part Three (August 1, 2018), Dark Horse Comics.
  5. Avatar Legends: The Roleplaying Game. Republic City, Version 1.0, 2023, p. 46.
  6. Avatar Legends: The Roleplaying Game. Republic City, Version 1.0, 2023, p. 23.
  7. Avatar Legends: The Roleplaying Game. Republic City, Version 1.0, 2023, p. 27.
  8. Avatar Legends: The Roleplaying Game. Republic City, Version 1.0, 2023, p. 54.
  9. Avatar Legends: The Roleplaying Game. Republic City, Version 1.0, 2023, p. 55.
  10. Avatar Legends: The Roleplaying Game. Wan Shi Tong's Adventure Guide, Version 1.0, 2022, p. 175.
Advertisement