Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questi erano una serie di attacchi contro gli esseri umani causati da vari spiriti oscuri durante il periodo di grave squilibrio spirituale dell’anno 171 DG. In quell'anno, l’influenza dello spirito dell’oscurità e del caos, Vaatu, aveva iniziato a crescere in modo esponenziale e ha spinto molto spiriti a diventare oscuri. Questi seguivano gli ordini di Vaatu ed iniziarono ad attaccare gli esseri umani, specialmente la Tribù dell’Acqua del Sud; alcuni di loro erano sotto il controllo di Unalaq che li usava per il suo piano di costringere sua nipote Korra ad aprire il portale spirituale. Tuttavia, il controllo del capotribù del nord non era assoluto ed alcuni spiriti oscuri lo intralciarono attaccando Korra prima del tempo. Poco prima e durante la Convergenza Armonica, Vaatu richiamò gli spiriti oscuri in massa per uccidere chiunque volesse fermarlo, in modo speciale Korra stessa. Mentre lei, tornata ad essere l’Avatar, purificò gran parte di loro, alcuni vennero schiavizzatati da Hundun che li voleva usare come aiuto nella sua missione di gettare il mondo nel caos. Una volta sconfitto lui e purificato gli spiriti oscuri rimasti, venne finalmente ristabilita l’equilibrio nel Mondo degli Spiriti.

Preludio[]

Imprigionamento di Vaatu e la Grande Guerra[]

B2 E08 Wan Vaatu sfida

Wan affronta Vaatu

Il conflitto con gli spiriti oscuri ha le sua radici nel lontano passato e fa parte della guerra eterna tra l’oscurità e il caos rappresentato da Vaatu e la luce e l’ordine rappresentato da Raava. Quando Wan imprigionò Vaatu nell'Albero del Tempo nel 9829 AG, il primo Avatar ha separato il Mondo Materiale da quello Spirituale chiudendo i due portali spirituali. Tuttavia, lo spirito ancestrale non ha mai smesso di tramare la sua vendetta anche dalla sua prigione e attese pazientemente il giorno in cui sarebbe tornato ad essere abbastanza forte da evadere.

In un momento non chiarito della storia alcuni millenni dopo, un Avatar ignoto sconfisse Hundun e ferì in modo letale suo fratello gemello congiunto, entrambi dei Re gemelli e maestri nell'attacco del caos. Per salvarsi, i due si ritirarono nel Mondo degli Spiriti dove Hundun, completamente fuori equilibrio e colmo di odio e rancore per la ferita inguaribile di suo fratello, inizio a complottare la sua vendetta contro l’Avatar.

Nell'anno zero, il mondo perse il suo equilibrio per colpa della Guerra dei Cento Anni che portò a un rapido declino della sua spiritualità: prima con il genocidio dei Nomadi dell’Aria, la nazione più spirituale, poi con la soppressione di gran parte della spiritualità della Nazione del Fuoco in favore al progresso e la potenza militare e infine con il fatto che i membri della Tribù dell’Acqua del Sud abbandonarono molte delle loro antiche tradizioni destinati a pacificare gli spiriti presenti al Polo Sud perché erano occupati con la loro lotta per la sopravvivenza. Il risultato fu quello che molti siti spirituali caddero nel dimenticatoio o vennero addirittura dissacrati e distrutti; Vaatu si nutrì di questo caos diventando sempre più forte.

Dopo la fine della guerra cento anni dopo, le tre nazioni sopravvissute iniziarono il loro percorso di guarigione che però si limitò spesso all'aspetto materiale e fisico, tralasciando il loro lato spirituale. Questo accelerò il decadimento spirituale, specialmente al Polo Sud, uno dei centri spirituali più importanti del mondo, dove si spensero le luci del sud mentre i suoi abitanti diventarono oscuri e diedero origine alla furiosa Tempesta Eterna.

Attacchi di spiriti alla Tribù dell’Acqua del Nord[]

B2 E02 distruzione capitale nord

Gli spiriti attaccano la capitale del Nord

Lo squilibrio spirituale non si limitò solo al Sud, anche il Nord subì un attacco da parte di alcuni spiriti oscuri nell'anno 151 DG, anche se provocato da una dissacrazione umana. Il giorno precedente all'attacco, Tonraq aveva distrutto la foresta spirituale intorno al Polo Nord per inseguire alcuni barbari che avevano a loro volta invaso Agna Qel’a, ignaro del fatto che era caduto in uno schema meschino di suo fratello Unalaq per farlo cadere in disgrazia. Il piano aveva funzionato, dato che gli spiriti si infuriarono con gli umani per l’atto computo e attaccarono la capitale del Nord per vendicarsi. I guerrieri della tribù furono incapaci di opporsi all’attacco di questi spiriti oscuri finché Unalaq non li pacificò utilizzando il dominio dello spirito per ripristinare l’equilibrio tra luce e oscurità in loro e li rimandò nel Mondo degli Spiriti. Dato che era stata l’azione aggressiva di Tonraq ad aver causato questo attacco che aveva quasi distrutto la Tribù del Nord, venne esiliato e privato del suo diritto di primogenita al trono del Nord mentre Unalaq, ritenuto il salvatore della tribù, divenne l’erede al titolo di capotribù.

Tonraq si trasferì la Tribù del Sud e mise su famiglia sposando Senna, dalla quale ebbe la sua unica figlia che si rivelò essere l’Avatar, Korra. Quando Unalaq, ormai diventato capotribù dopo la morte di suo padre, seppe di questo, tentò di avvicinarsi alla bambina per spingerla ad aprire il portale spirituale in vista della Convergenza Armonica prevista per l’anno 171 DG. Il suo piano era quello di soddisfare la sua ambizione senza freni di liberare Vaatu dalla sua prigionia per riunire i due mondi sotto il suo comando.

B2 E02 spirito

Gli spiriti al Polo Sud

Avvicinandosi a questa data, l’influsso di Vaatu sul mondo crebbe fino al punto da poter influenzare direttamente gli spiriti viventi nel mondo materiale nonostante si trovasse ancora nella sua prigione. Già verso al fine dell’anno 170 DG, gli spiriti presenti della Tempesta Eterna erano già diventati oscuri ed iniziavano ad attaccare gli umani apertamente. Il loro numero crebbe esponenzialmente, dando a Unalaq la scusa perfetta per farsi avanti e proporre il suo aiuto da esperto in materia.

Storia[]

Attacchi al Sud[]

B2 E01 purificazione spirito

Unalaq purifica lo spirito

Unalaq criticò la Tribù dell’Acqua del Sud per la sua deteriorazione spirituale curante il suo discorso al Festival degli Spiriti degli Ghiacciai e il fatto che abbiano dimenticato gran parte dei vecchi riti e delle loro tradizioni. Il suo discorso incontrò ostio e venne quasi completamente ignorato, ma le sue parole si rivelarono profetiche; la stessa notte uno spirito oscuro attaccò Korra e recò gravi danni al zona del festival sconfiggendo sia l’Avatar che una squadra di dominatori esperti. Ancora una volta Unalaq si presentò come il salvatore prodigio che calmò lo spirito con la guarigione spirituale, dimostrando la sua sincera competenza su questo campo fino a spingere Korra ad abbondare Tenzin per seguire suo zio come studente.

B2 E02 foresta ghiacciata

La foresta ghiacciata

Nei giorni successiva, Unalaq organizzò una spedizione al Polo Sud andando contro le protesta di Tonraq per ristabilire l’equilibrio spirituale della Tribù dell’Acqua del Sud. Mentre passavano per l’ostacolo della Tempesta Eterna, Unalaq spiegò a Korra che doveva riaprire un portale socchiuso da millenni che si trovava nel cuore di una foresta congelata al polo Sud nel giorno del solstizio d’inverno. Sul viaggio, il gruppo venne ripetutamente attaccato da spiriti oscuri che volevano fermali e che distrussero le riserve di cibo. Questo spinse Tonraq a ripetere la sua richiesta di abbandonare questa missione e di tornare indietro, ma Korra rifiutò e continuò il viaggio insieme agli altri, mandando indietro solo suo padre.

B2 E02 Korra stato avatar

Korra non si lascia fermare

Il gruppo raggiunse la foresta congelata nel giorno del solstizio e Korra ci si avventurò da sola alla ricerca del portale nascosto al suo centro, ma venne immediatamente attaccata da uno sciame di spiriti oscuri. Riuscì comunque a raggiungere il portale sigillato sotto uno spesso strato di ghiaccio, ma li spiriti continuarono a intralciarla per impedire che lo riaprisse. Attivando lo Stato dell’Avatar, Korra riuscì a prevalere e, con il suo tocco fugace con un dito, aprì il portale. Immediatamente, la Tempesta Eterna si dissipò e le luci del sud ricomparvero nel cielo notturno, calmando gli spiriti presenti.

Attacco all’Avatar Korra[]

Anche se gli spiriti oscuri del Polo Sud si erano calmati grazie all'apertura del portale, non tutti gli spiriti oscuri scomparvero dal mondo. Uno di loro attaccò Korra sul mare aperto mentre stava fuggendo da Eska e Desna che l'avevano attaccata a sorpresa mentre si stava trovando in viaggio verso la Nazione del Fuoco.

B2 E05 Korra spirito

Korra tenta di pacificare lo spirito

Inizialmente, Korra si limitò ad evitare lo spirito, ma il suo avversario si rivelò troppo veloce per lei e venne scaraventata nel mare dell’oceano. Sott'acqua, entrò nello Stato dell’Avatar e tentò di utilizzare la tecnica di suo zio per purificare lo spirito, ma fallì e non poté impedire di venir travolto da lui. Korra venne trascinata sott’acqua e apparentemente divorata, il che spinse Eska e Desna di abbondare la caccia e di tornare da loro padre con la notizia che l’Avatar sembrava essere morta.

In realtà, la ragazza sopravvisse e finì sulla spiaggia di un’isola sperduta della Nazione del Fuoco senza nessun ricordo della sua identità. Fortunatamente venne presto trovata dai Saggi del Fuoco e portata dalla loro sacerdotessa che la riconobbe subito come l’Avatar. Esaminandola, diagnosticò una infezione del suo spirito da parte di questo spirito oscuro che rischiava di distruggerla. Per salvarla, la fece immergere nell'acqua spirituale dove Korra visse i ricordi del primo Avatar, Wan, e di come abbia affrontato Vaatu insieme a Raava e chiuso i portali. Quando si risvegliò, non solo Korra si era riconnessa con lo spirito dell’Avatar, ma aveva anche sconfitta l'infezione.

B2 E09 Korra guarigione spirituale

Stavolta ci riesce

Alcuni giorni dopo, Korra incontrò uno sciame di spiriti oscuri simili a pipistrelli che sbucavano da un circolo di meditazione antico sotto il Tempio dell’Aria dell’Est quando vennero disturbati dal rituale di purificazione di Tenzin. In un primo momento, i presenti tentarono di affrontarli usando attacchi di dominio normali, ma questi si rivelarono perfettamente inutili, cosi Korra si fece forza e tentò ancora una volta la guarigione spirituale. Per la prima volta la completò con successo e purificò gli spiriti oscuri, allontanando la loro energia negativa dal sito di meditazione.

Convergenza Armonica[]

B2 E12 portale fortezza

Il portale guardato da spiriti oscuri

Con l’avvicinarsi della Convergenza Armonica, gli spiriti sperimentarono un aumento di forza e numero in entrambi i mondi. Grazie all'alleanza tra Vaatu e Unalaq, questi seguirono gli ordini del capotribù e lo aiutarono sia a debellare i ribelli del Sud guidati da Tonraq che a difendere il portale spirituale del sud contro eventuali attacchi. Impedirono al Team Avatar di accedere al Mondo degli Spiriti e aiutarono le truppe del Nord nelle pattuglie. Quando alcuni spiriti volevano aiutare a sottomettere Bumi, furono invece cruciali nella distruzione dell’intero accampamento militare, seppur in modo completamente accidentale. Grazie a questo incidente, il Team Avatar poté fuggire dalla prigionia e accedere al Mondo degli Spiriti.

Spiriti albero del tempo

Stavano per vincere!

Durante la Convergenza Armonica, una Korra priva dello spirito di Raava in lei stava meditando nell’Albero del Tempo per connettersi con l’energia cosmica e creare una proiezione astrale gigantesca di se stessa per affrontare la fusione tra Vaatu e Unalaq. Un’orda di spiriti oscuri attaccò l’albero per fermala, ma incontrarono la testarda resistenza di Tenzin, Bumi, Bolin, Mako, Eska e Desna. Nonostante l’impegno eroico degli umani, la loro superiorità numerica fu cosi grande da metterli sulla difensiva fino a respingerli all'interno della caverna dell’Albero del Tempo. Gli spiriti oscuri erano in procinto di invadere l’albero e di distruggere gli umani lì presenti, ma all’ultimo tornò la proiezione starle di Korra che li purificò facendoli scomparire.

La vendetta di Hundun[]

Nonostante la sconfitta di Vaatu, non tutti gli spiriti oscuri del mondo vennero completamente purificati. I resti degli servitori dello spirito del caos vennero schiavizzatati da Hundun che usò la sua abilità per trasformare in spiriti oscuri altri spiriti normalmente bilanciati. In questo modo, il maestro del caos poté ammassare una orda di spiriti oscuri intorno all’Albero del Tempo e usò il portale aperto per portarne alcuni nel mondo umano. Al Polo Sud attaccarono Korra che era venuta per inseguire Hundun nel Mondo degli Spiriti e, dopo una lunga battaglia, la spinsero attraverso il portale per premettere alle forze di Hundun di distruggerla. Ma nonostante tutti gli sforzi, li spiriti oscuri non poterono impedire che l’Avatar raggiungesse l’Albero del Tempo e molti di loro vennero purificati dalla sua guarigione spirituale. Davanti alla prigione di Vaatu, gli spiriti lanciarono il loro attacco più massiccio mettendo in difficoltà Korra finché non entrò nello Stato dell’Avatar e dissipò la maggioranza di loro. Quando Hundun alzò in aria il terreno sul quale si stavano trovando, i suoi ultimi spiriti oscuri vennero distrutti da Korra, costringendolo ad affrontare la sua avversaria da sola.  

Riferimenti[]

  1. Hedrick, Tim (writer) & Heck, Colin (director). (September 13, 2013). "Rebel Spirit". The Legend of Korra. Book Two: Spirits. Episode 1. Nickelodeon.
  2. DiMartino, Michael Dante (writer) & Graham, Ian (director). (November 22, 2013). "Light in the Dark". The Legend of Korra. Book Two: Spirits. Episode 14. Nickelodeon.
  3. ↑Hedrick, Tim, Hamilton, Joshua (writers) & Shirahama, Eiro, Jin Ahn, Sung (directors). PlatinumGames (October 21, 2014). The Legend of Korra. Activision.
  4. Jump up to:4.0 4.1 Hedrick, Tim (writer) & Graham, Ian (director). (November 15, 2013). "Harmonic Convergence". The Legend of Korra. Book Two: Spirits. Episode 12. Nickelodeon.
  5. Hamilton, Joshua (writer) & Graham, Ian (director). (September 13, 2013). "The Southern Lights". The Legend of Korra. Book Two: Spirits. Episode 2. Nickelodeon.
  6. Hedrick, Tim (writer) & Heck, Colin (director). (October 4, 2013). "Peacekeepers". The Legend of Korra. Book Two: Spirits. Episode 5. Nickelodeon.
  7. DiMartino, Michael Dante (writer) & Heck, Colin (director). (October 18, 2013). "Beginnings, Part 1". The Legend of Korra. Book Two: Spirits. Episode 7. Nickelodeon.
  8. ↑ Hedrick, Tim (writer) & Graham, Ian (director). (October 18, 2013). "Beginnings, Part 2". The Legend of Korra. Book Two: Spirits. Episode 8. Nickelodeon.
  9. ↑ Hamilton, Joshua (writer) & Graham, Ian (director). (October 11, 2013). "The Sting". The Legend of Korra. Book Two: Spirits. Episode 6. Nickelodeon.
  10. ↑ Hamilton, Joshua (writer) & Heck, Colin (director). (November 1, 2013). "The Guide". The Legend of Korra. Book Two: Spirits. Episode 9. Nickelodeon.
Advertisement