Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo è il quarto episodio del terzo Libro di La leggenda di Korra e il trentesimo in tutto.

<<<episodio precedente

Ripasso e sinossi[]

“Da Ba Sing Se stanno misteriosamente scomparendo i dominatori dell’aria, compreso Kai. La regina della Terra nega la loro esistenza, ma Korra non abbandona la ricerca. Mako e Bolin ritrovano la loro famiglia che li rinforma del rastrellamento dei dominatori dell’aria per arruolarli nell’esercito della regina. In una prigione del Nord Tonraq e Lord Zuko si preparano per l’imminente attacco di Zaheer.”

Tonraq, Zuko, Eska e Desna stanno aspettando l'attacco di Zaheer, che non tarda a comparire. Ming-Hua riesce a sconfiggere i gemelli e liberare P'LI, grazie alla quale il gruppo, ora completo, riesce a fuggire. Nel frattempo Mako e Bolin tornano da Korra e Asami e le rivelano della loro teoria, ma l'arrivo della regina, che le "suggerisce" di andare a cercare altrove, li interrompe. Al gruppo si unisce inaspettatamente anche Lin che ordina a Korra di tornare a Città della Repubblica e le spiega la storia dietro a Zaheer, di cui la ragazza finora era stata tenuta all'oscuro. Ma prima devono liberare i dominatori dell'aria, missione che viene eseguita con successo, attirandosi però l'ira della permalosa regina...

Storia[]

Lord Zuko pattuglia con il suo dragone

Nella sua gelida prigione nella tundra del Nord, P‘Li sta attendendo con trepidazione l’arrivo dei suoi compagni, mentre Lord Zuko sta controllando la zona sul suo drago, ma a parte una tempesta di neve non ha trovato nulla di strano. Tonraq invece lo informa che questa non è una tempesta di neve normale, è lui. E ha ragione: il dominatore dell’aria malvagio alza la neve intorno al suo carrarmato a catene per nasconderlo fino all'ultimo, e appena vicini, si apprestano ad attaccare.

Eska, Desna, Zuko e Tonraq li affrontano subito senza esitazione; il capotribù del Sud combatte contro Zaheer, mentre i gemelli cercano di fermare Ming-Hua, ma vengono presto sconfitti nonostante le loro abilità. La dominatrice dell’acqua senza braccia procede subito a invadere la prigione sotterranea e dopo aver sconfitto le guardie libera P’Li. Dopo un breve saluto, dove la dominatrice della combustione finalmente si toglie il sigillo sul tatuaggio in fronte, le due donne scalano le mura del ghiacciaio per raggiungere la superficie.

P'Li si aggiunge al gruppo

Appena arrivata, P’Li mostra il suo potere abbattendo il drago di Zuko con un’esplosione generata dalla sua mente e rilasciata attraverso il tatuaggio sulla fronte, gioendo perché aspettava da tredici lunghi anni di sentire nuovamente questo calore. Nel frattempo l’anziano Zuko viene abbattuto da Ghazan, mentre Tonraq, che stava combattendo quasi alla pari con il fuggitivo Zaheer, viene steso da un’altra delle esplosioni a tradimento di P’Li, così il gruppo può fuggire. Una volta riuniti all'interno del loro veicolo, Zaheer saluta la sua ragazza P’Li e i due si baciano, dando gran fastidio a Ghazan.

È ora di lasciare la nuova famiglia

A Ba Sing Se Tu arriva finalmente con i passaporti che permetteranno a Mako e Bolin di tornare all'anello superiore, quindi è ora di salutare la loro nuova grande famiglia.

Korra sfoga la sua rabbia

Asami e Korra si stanno allenando nel giardino del loro alloggio, l’Avatar ha davvero bisogno di sfogare la sua rabbia per i modi ovviamente falsi della regina. Quando la giovane Sato chiede una pausa, le due vedono arrivare i due fratelli di corsa e senza fiato, e ovviamente chiede subito che fine avessero fatto. Bolin inizia a spiegare, ma il suo accumulo di parole apparentemente senza senso non è molto comprensibile, così Mako traduce in sintesi: la Regina della Terra sta catturando i dominatori dell‘aria della città per arruolarli nel suo esercito. Korra si arrabbia nuovamente, i suoi sospetti si sono rivelati esatti, ora brama vendetta. Per fortuna Asami l’avverte dell’arrivo della monarca prima che possa tradire le sue intenzioni.

La regina vuole liberarsi della Squadra Avatar

Bolin riesce a nascondere Pabu sotto la sua maglietta appena in tempo prima che Hou-Ting lo veda. La regina fa comunicare loro che nella provincia di Yang sono stati avvistati dei dominatori dell’aria, ora l’Avatar potrà lasciare la città, no? Il suo discorso viene interrotto da un improvviso attacco di starnuti, così sospetta subito la presenza di un animale nelle vicinanze e minaccia il suo segretario di trovarlo se vuole vivere (Bolin se la fila con discrezione). Una volta calmata, Hou-Ting ordina al gruppo di andarsene entro stasera... Korra stava per tradirsi, ma Asami la salva con la piccola menzogna che hanno un problema con il motore della loro aeronave e avranno bisogno di un altro giorno.

Korra rassicura Jinora sul fatto che troveranno Kai

Una volta da soli, il gruppo si rifugia nell'alloggio per discutere tutto con gli altri, ovviamente Tenzin è scioccato da questa notizia, mentre Bumi secco nota che tecnicamente lei abbia ben il diritto di chiamare alle armi i suoi sudditi, suscitando sguardi abbastanza scocciati. Jinora si preoccupa soprattutto di Kai, ma Bolin la calma, affermando che quel ragazzino è peggio da acchiappare di una “scimmia cinghiale cosparsa d’olio”. Dato che questo non aiuta a calmare la ragazzina, Korra le promette che lo troveranno, ma devono prima capire dove cercare. Mako propone l’antica fortezza del Dai Li sotto il lago Laogai, della quale aveva letto in uno dei libri di Jinora, a gran sorpresa di tutti. La dominatrice dell’aria sorride dicendo che con la sua proiezione astrale potrebbe anche controllare senza essere scoperta: ora non è potente come durante la Convergenza Armonica, ma se si avvicina abbastanza può farlo.

Il Dai Li allena i nuovi dominatori dell'aria

Nel frattempo Kai e gli altri dominatori dell’aria rapiti iniziano il loro addestramento sotto la severa guida del Dai Li che li tratta come proprietà della regina e li vuole trasformare in crudeli macchine da combattimento. Kai si dimostra già molto bravo, ma quando l’agente del Dai Li scopre che si sta trattenendo per non fare del male ai suoi compagni, lo costringe a colpire con forza e senza pietà, come un vero soldato.

La base sotto il lago è distrutta

Il gruppo di Korra raggiunge il lago Laogai e Jinora inizia a meditare sull’isolotto in centro. Il suo spirito setaccia la vecchia base sommersa del Dai Li, ma trova solo acqua e ruderi, i dominatori dell’aria non ci sono. I posti a Ba Sing Se, dove si possono nascondere prigionieri, sono centinaia, la situazione sembra disperata, finché a Korra non viene un’idea. Chiede a Jinora come abbia fatto a trovarla durante la sua battaglia contro l’Avatar Oscuro, e la ragazza spiega che si era concentrata sulla sua energia e che aveva usato la loro connessione per localizzarla. Quando Korra nota che esiste una connessione tra Jinora e Kai, Tenzin rimane sospettoso e sorpreso di questa novità, ma prima che possa continuare, sua figlia inizia già il suo tentativo.

Kai si attira la rabbia dell'Istruttore

L’allenamento del Dai Li continua con sempre più crudeltà: ora i dominatori dell’aria devono scansare e respingere dischi di terra che gli vengono lanciati contro con forza. L’unico che ci riesce al primo colpo è Kai che inoltre salva un suo compagno dall’essere colpito in pieno e si attira nuovamente le ire dell’istruttore. Il ragazzino viene sommerso di attacchi e finisce a terra gramante di dolore, ma poi usa le sue ultime forze per attaccare l’agente. Come punizione per l'insurrezione, Kai viene buttato in una buia cella solitaria.

Jinora trova Kai

Kai sta per rassegnarsi alla solitudine quando improvvisamente davanti a lui appare l’immagine spettrale di Jinora, spaventandolo molto. Dopo un momento di shock si calma e permette a Jinora di spiegarsi: la ragazzina cerca di capire dove sono, ma neanche Kai lo sa. Jinora promette di scoprirlo, ma prima di sparire, Kai la ringrazia di cuore facendola arrossire. Alzandosi sopratterra, la dominatrice dell’aria scopre che si trovano esattamente sotto al palazzo della regina.

Che sorpresa...!

Dopo aver ricevuto questa informazione cruciale, la squadra Avatar pianifica la missione di salvataggio che dev’essere eseguita per forza entro stanotte. La riunione viene interrotta da una persona che bussa alla porta e pensando che fosse di nuovo la regina, il gruppo si sparpaglia per far finta di nulla, ma rimangono sorpresi che non c’è Hou-Ting alla porta, ma nientemeno che Lin Beifong!

Tenzin e Lin raccontano a Korra del tentato rapimento

La capa della polizia va subito al dunque e afferma che la vita di Korra sia in pericolo e racconta a Tenzin che Zaheer è evaso e che ora sia un dominatore dell’aria. Mentre il maestro dell’aria reagisce con grande shock, Korra si sente ignorata e chiede spiegazioni su questo tipo apparentemente tanto pericoloso. Tenzin sospira e racconta che Zaheer e tre dei suoi compagni avevano tentato di rapirla poco dopo aver scoperto che Korra era l’Avatar, ma lui, suo padre, Sokka e Zuko hanno potuto fermarli e rinchiuderli in prigioni speciali. La donna del Sud ora finalmente capisce la vera ragione per la quale venne rinchiusa nel complesso del Loto Bianco, una ragione triste e scioccante. Mako chiede cosa volevano fare con Korra, ma Lin spiega che in questi tredici anni di prigionia e interrogazioni nessuno di loro ha mai ceduto, quindi non conoscono le loro vere intenzioni. Ma quando la capa della polizia ordina a Korra di tornare con lei subito a Città della Repubblica, la ragazza si rifiuta categoricamente di seguirla, non è più una bambina e ha prima una missione da finire. Con un sospiro Lin capisce che per ora non c’è verso di smuoverla, così si offre di aiutare nella missione di liberare i dominatori dell’aria.

Inizia la missione "Liberazione"

Una volta scesa la notte, parte del gruppo s’intrufola nella reggia della regina, dove si dividono in due gruppi da tre. Tenzin, Korra e Bumi liberano i dominatori dell’aria e gli spiegano il piano, una volta usciti Bumi chiama Lin e Asami per preparare i dirigibili. Mako, Bolin e Jinora liberano intanto Kai; la ragazzina lo saluta con un bacetto sulla guancia che emoziona Bolin. Il nuovo dominatore dell’aria si scusa con i fratelli per i guai causati, dimostrando di essere cresciuto. Ma purtroppo il gruppo viene presto scoperto da tre agenti del Dai Li che accusa Kai di alto tradimento, punibile con la morte.

L'aria respinge la terra

Il gruppo di Korra raggiunge la superficie, ma appena usciti dal palazzo vengono circondati dall’armata del Dai Li e dalla Regina della Terra parecchio infuriata da questa situazione. Ordina ai “suoi” dominatori dell’aria di arrendersi e di tornare dentro, oppure si gusteranno la furia del suo esercito, mentre minaccia Korra che rapire i “suoi” soldati sia una dichiarazione di guerra. Ovviamente Korra non ne vuole sentire, così il Dai Li inizia il suo attacco. Ma i dominatori della terra non s’aspettano la forza combinata di una dozzina di dominatori dell’aria e vengono respinti abbastanza per permettere alle aeronavi di Lin e Asami di raggiungere il palazzo.

Kai sconfigge l'ultimo degli inseguitori

Nel frattempo Mako e Bolin combattono contro i tre agenti riuscendo a sconfiggerne due, ma il terzo riesce a catturare Jinora. Kai si arrabbia e lo attacca con due colpi d’aria e lo atterra, ridendo del fatto che l’allenamento ha dato i suoi frutti.

Infuriata, Hou-Ting vede il gruppo allontanarsi

Dopo che i dominatori dell’aria sono saliti sulle aeronavi, Tenzin e Korra scappano su Oogi, la regina della terra ordina subito ai suoi uomini di abbatterli. In quel momento arrivano in superficie anche Mako, Bolin, Kai e Jinora che hanno alle calcagna una dozzina di uomini del Dai Li e devono scappare a gambe levate. Bolin li lancia in aria e il gruppo riesce ad atterrare su Oogi per mettersi in salvo, e la regina può solo osservare la fuga tremante d’ira, ma quando gli cadono addosso alcuni peli del bisonte volante soccombe a un violento attacco di starnuti.

I nuovi dominatori si aggiungono a Tenzin

Sorge il sole e le due aeronavi atterrano su una collina rocciosa lontana dalla capitale. Tenzin spiega ai nuovi dominatori dell’aria che ora hanno la libera scelta di essere portati in un luogo sicuro lontano dalla regina della terra oppure di unirsi a lui e di iniziare il loro addestramento al tempio dell’aria settentrionale per diventare nomadi dell’aria. Quando tutti quanti decidono di seguirlo, il maestro dell’aria non può trattenere le sue lacrime: il sogno si sta avverando. Tenzin ringrazia Korra ancora una volta e la saluta: le loro strade si dividono per ora, lui aspetterà altre reclute al tempio dell’aria.

Tenzin e Korra si salutano, per ora

>>>episodio successivo


Personaggi apparsi[]

Korra

Asami Sato

Mako

Bolin

Pabu

Oogi

Tenzin

Bumi

Jinora

Kai

Hou-Ting

Gransegretario Gun

Tonraq

Eska

Desna

Lord Zuko

Zaheer

Ghazan

Ming-Hua

P'Li (debutto)

Trivia e note[]

  • Mako si riferisce alla fortezza del Dai Li che Aang e i suoi amici avevano trovato e distrutto nell'episodio "Il Lago Laogai" e "Il Re della Terra" (Libro 2: Terra, capitoli 17 e 18)
  • Jinora cerca anche nella stanza in cui è morto Jet
  • Jinora spiega come ha fatto a trovare Korra in "Luce nell'Oscurità"
  • Korra finalmente capisce la ragione per la quale era stata rinchiusa nel complesso del Loto Bianco, accennato già da suo zio in "Spirito Ribelle"
  • La Regina della Terra è allergica ai peli degli animali
  • Jinora ha conservato la sua abilità della proiezione astrale anche senza la Convergenza armonica, anche se in versione più debole
  • Zaheer e la sua banda hanno cercato di rapire Korra da bambina
  • Tenzin rivela che Sokka era stato una volta il capotribù (inofficioso) del Sud
  • Alcune scene che dovevano mostrare momenti del tentato rapimento di Korra da bambina, vennero tagliate per motivi di tempo, così come il modo in cui Lin e Asami si erano intrufolate nelle loro aeronavi
  • Sul dirigibile di Lin Beifong si legge l'ideogramma 警察 per "polizia"
  • La scena nella quale Ming-Hua apre il portone di metallo con il ghiaccio, era stata ispirata a McGyver che si era liberato una volta con la stessa tecnica
Advertisement