Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo è il settimo episodio del secondo libro di La leggenda di Aang: Terra, e il ventisettesimo in tutto. Il titolo originale venne ripreso sia in un episodio di La leggenda di Korra ("Korra alone") che nel fumetto su Suki ("Suki alone").

<<< episodio precedente

Sinossi[]

Zuko sta viaggiando da solo e soffre spesso la fame. Arriva a un villaggio del Regno della Terra, dove finisce nel mirino di alcuni soldati bulli, ma fa anche la conoscenza della famiglia di Lee che lo ospita per qualche giorno. Zuko non rivela né il suo nome né la sua origine, ma continua ad avere sbalzi di ricordi della sua infanzia. Si ricorda di come abbia litigato con sua sorella Azula e come sua madre Ursa lo ha sempre difeso. Purtroppo questo era destinato a finire, quando seppe della morte di suo cugino Lu Ten e la ritirata di suo zio da Ba Sing Se. Ozai, fratello minore di Iroh, propose ad Azulon, Signore del Fuoco del tempo, di diseredarlo e di fare di lui l'erede al trono, cosa che successe quando il monarca anziano morì inaspettatamente pochi giorni dopo. In quella notte scomparve anche Ursa per non essere mai più rivista. Nel presente, Zuko diventa amico di Lee, ma questo viene catturato dai soldati bulli e Zuko si avvia per liberarlo, ma non riesce a battere il loro capo senza il dominio. Alla fine rivela sia quello che il suo nome e il suo rango, preferendo venire odiato piuttosto che nascondersi ulteriormente.

Storia[]

L2 E07 Zuko fame

Zuko soffre la fame

Zuko sta vagando da solo attraverso il Regno della Terra in groppa al cavallo-struzzo rubato a Song settimane fa. È dimagrito molto, ma non si lascia abbattere, continua ad avanzare, anche se la fame lo sta tormentando. Mentre passa attraverso una vasta distesa piena di dischi della terra di una guerra lontana, Zuko si rende conto che ha anche finito l’acqua e la stanchezza inizia a farlo vacillare. Tra veglia e sonno vede visioni di una donna che gli sorride con l’espressione triste per poi mettersi un mantello e scomparire nell'oscurità, questo lo fa risvegliare.

L2 E07 Gow interroga Zuko

I soldati infastidiscono Zuko

Dopo giorni e giorni di viaggio finalmente raggiunge un villaggio, dove Zuko vede alcuni soldati del Regno della Terra che lo osservano con l’aria scettica e denigrante. Il ragazzo scende dal suo cavallo-struzzo e chiede a un venditore del posto se può avere un po' di acqua, un pasto caldo e del mangime, ma i soldi non bastano per tutto. Mentre il venditore porta due porzioni di mangime, due ragazzini appaiono accanto al banco e lanciano un uovo contro i soldati posto dell’altra parte della strada per poi scappare via sogghignando. I soldati pensano che sia stato Zuko ad averlo lanciato, anche se questo lo nega, e iniziano ad interrogarlo. Il principe aveva visto chi lo aveva lanciato, ma preferisce non tradire i ragazzini e nota che forse una gallina era volata sopra la loro testa. Nel momento in cui il venditore arriva con i due sacchi di mangime, il capo dei soldati si fa avanti e se lo prende, ringraziandolo per il suo “generoso contributo per l’armata”, poi consiglia allo straniero di lasciare il villaggio. Mentre Zuko osserva come si allontanano, il venditore spiega che questi tipi dovrebbero proteggere il villaggio dalla Nazione del Fuoco, ma in realtà sono solo un branco di criminali.

L2 E07 Lee ringrazia Zuko

Lee cerca di ricambiare il favore

Quando Zuko vuole montare il suo cavallo-struzzo, appare il ragazzino che aveva lanciato l’uovo e lo ringrazia per non averlo tradito, ma lo straniero non risponde e sale sul suo animale da sella. Il ragazzino lo segue e gli offre di portarlo al suo maso per dare del mangiare al suo cavallo-struzzo per ripagarlo. Zuko lo segue, ma deve ignorare il suo stomaco che brontola sempre di più.

L2 E07 famiglia Lee

Lee gli presenta la sua famiglia

Il ragazzino di nome Lee guida Zuko fino alla sua fattoria piena di animali che chiamano agitati alla vista di questo straniero, sono come un sistema di allarme integrato. Arrivano i genitori di Lee, il quale racconta come Zuko si era ribellato ai soldati. Sua madre vuole sapere il suo nome, ma il principe non può usare il suo nome alternativo preferito “Lee”, dato che anche il bambino si chiama così, per cui inizia a balbettare. Il padre di Lee lo interrompe e afferma che non deve rivelare il suo nome se non vuole, chiunque abbia il coraggio di ribellarsi a questa patetica scusa di soldati è il benvenuto. La famiglia racconta che i veri soldati, come il fratello maggiore di Lee, Sensu, sta combattendo con l’armata, poi invita Zuko a restare per cena. Il ragazzo inizialmente si rifiuta, ma la madre di Lee, Sela, insiste, se vuole può ripagarli facendo dei lavori alla fattoria. Zuko accetta senza esitare.

L2 E07 Zuko si batte il pollice

Non è abituato al lavoro manuale

Gansu, il padre di Lee, porta Zuko a fare dei lavori, tra cui riparare il tetto del fienile, ma l’inesperienza sul campo di lavoro pratico del principe si fa subito notare. Difatti non riesce a buttare giù un singolo chiodo, ma continua ad insistere. Dietro di lui Lee continua a tempestarlo di domande sul suo passato, finché suo padre non lo rimprovera che deve lascialo in pace. Ma il bambino non demorde e alla fine chiede come abbia ricevuto questa cicatrice sul volto. In quel momento Zuko, preso alla sprovvista, si colpisce il pollice e Gansu nota che fare tutte queste domande non è cortese, il passato di un uomo è affar suo. Mentre Zuko riprende il suo lavoro, ha un’altra visione del passato:

L2 E07 Zuko bambino Ursa

Zuko ride insieme a sua madre

Lui, ancora bambino, era seduto accanto a un laghetto del palazzo insieme a sua madre che stava dando da mangiare alle tartanatre. Il bambino le offrì di farle vedere come lo faceva sua sorella e gli lanciò l’intero pane alla volta, spaventando sia i piccoli animaletti che loro madre. Mentre questa lo rimproverò, la mamma dei piccoli anatroccoli attaccò Zuko e lo morse alla caviglia, spingendo la donna a doverlo liberare. Arrabbiato, Zuko volle sapere la ragione perché questa tartanatra lo abbia morso, così sua madre gli spiegò che le madri sono molto protettivi nei confronti dei loro piccolo e che mordono quando sono in pericolo. Per enfatizzare la cosa, la donna finse di mordere il collo di Zuko che iniziò a ridere per poi continuare ad osservare il laghetto.

L2 E07 Azula bambina sorrisetto

Un sorriso innocente...

Mentre Zuko e sua madre passeggiarono attraverso il cortile, Azula stava tentando di fare una ruota, ma finì a cadere sul finale. Dietro di lei Ty Lee eseguì la stessa manovra, ma la condì con una serie di capriole che finì in modo perfetto. La principessa si sentì presa in giro a la spinse a terra per poi iniziare a ridere. Mai li aveva osservato in disparte, ma quando vide passare Zuko, arrossì e diverse lo sguardo timida. Azula notò questo e sussurrò a Ty Lee di guardare, poi accorse a sua madre e suo fratello per chiederle se il ragazzino poteva giocare con loro, dato che servivano due squadre uguali per un gioco. Zuko si rifiutò, così Azula gioca la sua carta che, essendo fratelli, dovrebbero passare più tempo insieme, no? La tattica ebbe successo e loro madre lo fece giocare con le tre ragazzine per poi andare via.

L2 E07 Zuko Mai fontana

Zuko e Mai finiscono nella fontana

Azula spiegò quindi il gioco che consisteva a far cadere una mela dalla testa del suo compagno usando il dominio del fuoco. Pose il frutto su Mai, che non sembrò tanto convinta, e incendiò la mela con un colpo preciso. Zuko scattò in avanti per battere giù la mela incendiata, ma mise il piede in fallo e finì per spingere sé stesso e la ragazzina nella fontana dietro di loro. Mentre Azula rise di questa scena che aveva funzionato alla perfezione, Ty Lee commentò che questi due sono così carini insieme. Mai quasi non riuscì a contenere la sua rabbia per la tattica mancina e il principe si allontanò arrabbiato e bagnato fradicio, passando davanti a sua madre gridando che “ragazze sono pazze!”

L2 E07 Zuko Ursa Azula lettera

I tre leggono la lettera di zio Iroh

Sua madre era venuta per informarlo dell’arrivo di una lettera di zio Iroh da Ba Sing Se, dove scrisse che, se la sua mura some magnifici come il suo interno, doveva essere spettacolare. Inoltre sperava che in giorno potevano vederla, a meno che non lo bruciavano in ceneri prima. Azula, Zuko e sua madre, che stavano leggendo la lettera, iniziarono a ridere per questa battuta, poi si misero a studiare i regali che lo zio gli aveva mandato. Per Zuko un pugnale di perle che aveva ricevuto in dono dal Generale che si era arreso dopo l’irruzione del muro esterno. Il ragazzino lo prese in mano sorridendo e notò la scrittura sulla lama “Mai arrendersi senza combattere”. Azula invece ricevette solo una bambola che la disgustò molto.

L2 E07 Azula brucia bambola

Azula brucia il suo regalo

Delusa da questo regalo, Azula chiese cosa succederebbe se suo zio non tornasse dal suo assedio, non è che loro padre diventasse il nuovo erede al trono di Signore del Fuoco? Sua madre la rimproverò per dire una cosa del genere, sarebbe un peccato che suo Iroh morisse, inoltre Signore del Fuoco Azulon era ancora in perfetta salute. Zuko aggiunse cosa ne penserebbe se loro cugino Lu Ten volesse che loro padre morisse. In per nulla impressionata, Azula commentò che pensava ancora che loro padre sarebbe molto più adatto ad essere un Signore del Fuoco del suo fratello sdolcinato e amante del tè, poi procedé ad incendiare la bambola.

L2 E07 Lee sorride

Lee sorride a Zuko

Tornando nel presente, Zuko sta dormendo nel fienile, mentre le s’intrufola e si avvicina per prendere la spada dello straniero. Non nota che Zuko in realtà è sveglio che ha notato tutto. Lee va da un campo di girasoli e inizia a colpirli a casaccio con le lame come stesse combattendo contro un nemico. Non si accorge del proprietario delle spade che appare dietro di lui e gli fa notare che lo sta tenendo nel modo sbagliato, spaventandolo molto. Ma al posto di sgridarlo, Zuko spiega che queste sono spade gemelle, deve pensare come due metà di una cosa unica, non devono essere separate. Gli fa una piccola dimostrazione, poi le consegna al ragazzino che prova ad imitare i movimenti. Quando inizia a capire il significato di queste parole e i suoi movimenti diventano più fluidi, Zuko e Lee si guardano a e sorridono. Sulla via del ritorno Lee nota che lui e suo fratello Sensu probabilmente andrebbero molto d’accordo.

L2 E07 Gansu arrabbiato

Gansu si arrabbia con Gow

La mattina dopo Zuko si prepara a ripartire e Sela gli vuole dare dietro un po’ di cibo per il viaggio. In quel momento appare una nuvola di polvere causato dai soldati che si stanno avvicinando alla fattoria, questo annuncia problemi. Gansu chiede cosa siano venuti a fare, il capo dei soldati di nome Gow annuncia con un sorriso che il battaglione di Sensu è stato catturato. Con un sogghigno malizioso Gow chiede al suo compagno cosa facevano quelli della Nazione dei Fuoco con prigionieri di guerra e questi risponde che lo facevano indossare uniformi del fuoco per piazzarli al fronte senza armi per poi osservare come venivano ammazzati. Arrabbiato, Gansu ordina a Gow di stare attento a come parla, ma questo si avvicina lui in modo minaccioso, ma viene bloccato da Zuko che gli taglia la strada. I due si fissano per alcuni secondi, poi il gruppo di soldati si arrende e lo insulta per alla fine ritirarsi.

L2 E07 Zuko notizia morte Lu Ten

La notizia della morte di Lu Ten lo ha colpito

In quell'occasione Zuko vede un altro ricordo di quando seppe come suo cugino Lu Ten era perito nella battaglia durante l'assedio di Ba Sing Se. Sua madre gli comunicò la cattiva notizia e il bambino ne rimase profondamente scioccato.

L2 E07 Zuko regala pugnale

ZUko è pronto a separarsi da questo tesoro

Gansu dichiara che andrà al fronte per riportare indietro suo figlio, così Lee corre da Zuko e gli chiede se resterà se suo padre andrà via, ma questo risponde che non lo può, deve proseguire. In compenso gli regala il prezioso pugnale che aveva ricevuto in regalo da suo zio tanti anni fa per poi ripartire con il suo cavallo-struzzo. Mentre sta cavalcando, Zuko si ricorda di un’altra scena del suo passato.

L2 E07 Azula deride Iroh e Zuko

Per Azula lutto equivale a debolezza

Zuko si stava esercitando con il suo pugnale, ma sua sorella commentò che stava solo sprecando il suo tempo giocando con coltelli, poi non era neanche bravo. Mentre il ragazzino le propose di metterle una mela in testa per vedere quanto era bravo, la ragazzina notò con un sorriso che suo zio stava per tornare a casa. Zuko chiese questo vuol dire che hanno vinto la guerra, ma Azula sbuffò che no, non è così, vuol dire che lo zio è un perdente che si arrende subito. Un vero Generale non si lascerebbe destabilizzare dalla morte del figlio e sarebbe rimasto per radere al suolo Ba Sing Se, non tornare a casa piangendo. Zuko si arrabbiò per queste parole denigranti, Iroh era solo triste che suo unico figlio se n’era andato per sempre. 

L2 E07 Ursa arrabbiata con Azula

L'atteggiamento di Azula la fa arrabbiare

In quel momento arrivò loro madre Ursa per informali che Signore del Fuoco Azulon aveva richiesto un’udienza, devono sbrigarsi e mettersi i vestiti migliori. Mentre Zuko obbedì subito, Azula commentò che poteva anche chiamarlo solo “nonno”, no? Tanto, secondo lei, qualcuno presto prenderà il suo posto. La donna la castigò per queste parole impudenti e irrispettosi, ma la ragazzina non si sentì per nulla in colpa e le passò davanti come se nulla fosse, spronando sua madre a chiedersi cosa ci sia di sbagliato con questa bambina.

L2 E07 Azula Zuko Ozai Ursa davanti Azulon

L'intera famiglia davanti al Signore del Fuoco

Nella sala del trono, al cospetto del Signore del Fuoco Azulon, il Principe del Fuoco Ozai chiese ai suoi figli come suo nonno Sozin aveva vinto la battaglia di Han Tui. Zuko non riuscì a formulare una risposta, ma Azula gli tagliò la parola e rispose in modo corretto. Ozai le fece i complimenti, poi le chiese di mostrare al nonno i nuovi movimenti che aveva imparato, cosa che la ragazzina eseguì senza problemi e con grande precisione. Mentre Zuko si rimase affascinato, suo padre commentò che Azula era un vero genio, esattamente come suo nonno, da cui aveva preso il nome.

L2 E07 Ursa consola Zuko

Ursa consola suo figlio dopo il suo fallimento

Quando sua sorella si rimise a sedere accanto a suo fratello, gli sussurrò che non riuscirà mai a raggiungerla, spingendo il ragazzino ad alzarsi e di annunciare che eseguirà anche lui la stessa forma che stava imparando. Il sorriso di Ozai, sorto alla dimostrazione di Azula, si tramutò in un cipiglio, e osservò i movimenti di suo figlio a malavoglia. Purtroppo Zuko faticò molto con questo Kata e finì per cadere più volte, alla fine si dovette arrendere sotto le lacrime. Sua madre si accasciò per consolarlo e lo rassicurò che le piaceva osservarlo, perché lui era qualcuno che continua a lottare anche nell'avversità.

L2 E07 Azuolon arrabbiato con Ozai

Azulon si rifiuta di tradire Iroh a favore di Ozai

Stufo di questo teatro, Azulon volle sapere da suo figlio cosa volesse, così mandò via tutti tranne Ozai. Mentre Ursa si allontanò, Azula trascinò Zuko via dietro alle quinte della sala per orecchiare il discorso tra padre e figlio. Sentirono Ozai dire che, dopo la morte di Lu Ten, la linea di sangue di Iroh si era arrestata e che inoltre aveva cessato il suo assedio di Ba Sing Se per questo motivo. Fece notare a suo padre che invece lui era ancora qua, con due figli ancora in vita. Azulon intuì dove voleva arrivare, ma gli chiese comunque di sputare il rospo, cosa che Ozai alla fine fece: gli chiese di revocare il diritto di primogenitura di Iroh e di fare di lui il suo umile servitore come principe ereditario. Ma suo padre reagì con rabbia a questa insolenza e freddezza e lo castigò per questo suggerimento. Con un tono minaccioso gli fece notare che Iroh aveva già sofferto abbastanza, ma la sua sofferenza aveva appena iniziato.

L2 E07 Ursa tira via Azula

Azula viene tirata via da sua madre

Spaventato dalle fiamme di rabbia di suo nonno e ciò che aveva sentito, Zuko corse via e si rifugiò nella sua camera da letto. Quando si aprì la porta, il bambino vide sua sorella che canticchiava sorridendo suo padre sta per ucciderlo, alla sua incredulità racconta che aveva sentito tutto: nonno Azulon aveva deciso che la punizione di suo figlio doveva essere pari al suo crimine; imitando il Signore del Fuoco, Azula spiegò che Ozai doveva sperimentare il dolore di perdere il suo primogenito. Zuko la chiamò una bugiarda, ma la ragazzina continuò impavida che glielo stava dicendo solo per il suo bene, magari troverà una bella famiglia del Regno della Terre pronto a adottarlo. Quando Zuko ripete che non le credeva e che suo padre non farebbe mai una cosa del genere, entro nella stanza Ursa, preoccupata per ciò che aveva sentito. Vedendo il sorrisetto sinistro di sua figlia, la tirò via dal braccio con l’annuncio che era giunto il momento di parlare. Zuko rimase indietro sul letto e iniziò a ripetersi il verso “Azula mente sempre”.

L2 E07 Zuko aiuta Sela

Zuko accetta di salvare Lee

Zuko si sta riposando nell’erba quando sente arrivare la madre di Lee che gli chiede aiuto, dato che quando i soldati erano tornati per prendersi del cibo, il bambino ha tirato fuori un pugnale. Gow lo ha portato via con la frase che se è abbastanza grande da combattere, è anche abbastanza grande da unirsi all'armata. Sentendosi in colpa, Zuko si alza e rassicura la donna in lacrime che lo riporterà indietro.

L2 E07 Zuko sfida Gow

Zuko insulta i soldati

Zuko torna al villaggio verso sera e Lee, legato a un palo, è molto contento di vederlo e grida che sapeva che sarebbe tornato. Il principe si toglie il cappello di paglia e ordina ai soldati di lasciare libero il bambino. I soldati lo deridono, chiedendo chi si creda di essere per dargli ordini. Zuko risponde con calma che non importa chi sia lui, sa solo che loro non sono soldati, ma bulli vigliacchi che abusano il loro potere per tiranneggiare una famiglia che ha già perso un figlio in battaglia.

L2 E07 Gow martelli

Gow sfodera i suoi martelli

Gow chiede si suoi compagni se permetteranno di lasciarsi insultare oltre, cosi uno di loro attacca lo straniero con la sua lancia. Zuko lo colpisce con l’impugnatura della sua spada senza neanche sfoderarla completamente, spronando il codardo a fuggire con la coda fra le gambe. Il secondo viene sconfitto a mani nude e spinto a terra, anche lui scappa via dalla paura. Accorre il terzo soldato, ma Zuko gli spezza la lancia con un calcio ascendente, così l’uomo, vedendo la sua arma spezzata, corre via gridando. Ora rimane solo il capo che tira fuori i suoi martelli, così anche Zuko sfodera le sue spade.

L2 E07 Zuko a terra

Zuko finisce a terra

Gow domina su dei macigni dal terreno che lancia verso il suo avversario con i martelli, ma Zuko riesce a bloccare i primi attacchi. Ma il bombardamento diventa sempre più inteso e Zuko inizia a vacillare, ma si riprende e passa all'attacco sotto il tifo degli abitanti del villaggio. Purtroppo Gow inizia a prendere il sopravvento e continua a colpire lo straniero che inizia faticare a parare i colpi sempre più violenti. Alla fine viene colpito in pieno da un pilastro di terra che lo scaraventa in alto e lo fa atterrare con violenza.  L’impatto lo scaraventa nell'ennesima memoria:

L2 E07 Ursa saluta Zuko

Ursa saluta suo figlio prima di scomparire

Zuko bambino stava dormendo nella sua stanza, dove venne svegliato gentilmente da sua madre che rassicurò suo figlio ancora mezzo addormentato che aveva fatto tutto solo per proteggerlo. Lo abbracciò forte e quando lo lasciò, gli disse un'ultima cosa: "Per quanto possa sembrare che le cose cambiano, tu non dimenticare mai chi sei!" Dopodiché la donna si voltò e si mise il cappuccio del suo mantello per voltarsi e scomparire in un corridoio oscuro.

L2 E07 Zuko fiamme

La fiamma di Zuko si risveglia

Nel presente, Zuko rimane a terra per qualche secondo, mentre Gow si avvicina a lui per il colpo finale. In quel momento il principe apre gli occhi e sfodera una fiammata contro di lui e si alza di scatto. Il capo dei soldati viene spinto via per molto metri e vede il suo avversario fissalo in mezzo alle fiamme con evidente furia. Anche Lee, che ha visto tutto, rimane sbalordito e spaventato da questa visione. Gow tenta di affrontarlo, ma Zuko lo sbaraglia con attacchi combinati tra spada e fuoco e lo scaraventa violentemente contro un muro.

L2 E07 Sela Lee odiano ZUko

L'eroe decaduto a nemico...

Giacendo sconfitto sotto il cumulo di macerie, Gow chiede infine chi sia e Zuko risponde rivelando il suo nome e il suo titolo al completo: "Il mio nome é Zuko, figlio di Ursa e del Signore del Fuoco Ozai, Principe della Nazione del Fuoco ed erede al trono!". Tutti i presenti si zittiscono, finché un uomo non lo chiama un bugiardo, dato che si sa che Signore del Fuoco lo aveva bandito dopo avergli bruciato il viso, non era un principe, ma un esiliato. Zuko lo ignora, piuttosto s’inchina davanti all’uomo sconfitto e si prende il pugnale dalla sua tasca.  Tenta di riconsegnarlo a Lee, ma sua madre si pone davanti a lui per difenderlo, affermando che non deve osare far un altro passo. Zuko obbedisce, ma insiste e s’inginocchia per posare il pugnale a terra, affermando che era suo. Lee però lo fissa con disprezzo e grida che lo odia, poi si allontana insieme a sua madre.

L2 E07 Zuko bmabino desolato

La sua vita sta per cambiare in peggio

L’ennesima memoria: Zuko bambino i svegliò la mattina dopo e chiese di sua madre correndo per i corridoi del palazzo. Azula, che stava giocando con il pugnale del fratello, gli rivelò che nessuno sapeva dove era finita, poi aggiunge con nonchalance che la notte scorsa Azuolon era inaspettatamente deceduto. Zuko non le credé e la chiamò malata, poi le ordinò di ridargli indietro il suo pugnale. Azula lo derise, ma alla fine consegna il pugnale, così Zuko corse via per trovare sua madre. Arrivò al laghetto, ma al posto di Ursa trovò solo suo padre Ozai che non gli rivolse neanche lo sguardo. Non rispose alla domanda di suo figlio, così Zuko poteva solo abbassare lo sguardo triste e sconfitto.

L2 E07 Zuko Azula durante incoronazione

Zuko ha un brutto presentimento...

Il giorno dopo i Saggi del Fuoco tengono la cerimonia per il funerale di Signore del Fuoco Azulon, dove raccontarono i successi del capo dello stato in guerra per poi elencare i membri della famiglia, inclusi Zuko e Azula. Mentre la salma del monarca venne cremata, il sacerdote dei Saggi del Fuoco dichiarò che il suo ultimo desiderio era stato quello che suo secondogenito Ozai diventasse il suo successore. Proseguì a incoronarlo come nuovo Signore del Fuoco, iniziando la nuova era per la Nazione del Fuoco. Zuko osservò tutto impaurito e tremante, poi notò il sorrisetto malizioso di sua sorella che non prometteva nulla di buono.

L2 E07 Zuko si allontana

Riparte come un bandito odiato da tutti, ma almeno resta fedele a sé stesso

Nel presente, Zuko si rimette il cappello e sale sul suo cavallo-struzzo per uscire dal villaggio affiancato dagli abitanti che lo fissano con evidente odio e disprezzo, finché non scompare all'orizzonte del tramonto infuocato.   

>>> episodio successivo

Personaggi apparsi[]

Zuko

Iroh (flash-back)

Azula (flash-back)

Ursa (flash-back)

Ozai (flash-back)

Azulon (flash-back)

Mai (flash-back)

Ty Lee (flash-back)

Gow

Lee

Sela

Gansu

Trivia e note[]

  • Il cavallo-struzzo di Zuko è sempre quello che aveva rubato a Song in "La grotta dei due amanti"
  • Il pugnale è lo stesso che abbiamo visto usare a Zuko e Iroh in "Potenza e vulnerabilità" per tagliarsi i capelli
  • Per la prima volta si vede la madre di Zuko e Azula, Ursa
  • Il titolo originale "Zuko alone" viene ripreso nel titolo originale di "Korra è sola" ("Korra alone") e nel fumetto "Suki da sola" ("Suki alone")
  • Il volto di Ozai rimane ancora nascosto , anche se si vede metà del suo viso
  • Si scopre che Iroh ha avuto un figlio di nome Lu Ten e che era il legittimo successore al trono
  • La coppia con la donna incinta che Zuko decide di non derubare è la stessa che rivedremo in "il passo del serpente"
  • Vediamo Zuko combattere senza il suo dominio per la seconda volta dopo "Lo spirito blu"
  • C'è un piccolo intoppo sulla linea temporale: alla fine dell'episodio, il Saggio del Fuoco afferma che Azulon era stato sul trono per ventitré anni, ma sempre troppo poco, dato che Sozin avrebbe dovuto essere in carica per almeno settant'anni dopo il genocidio, dove era già un anziano
  • Quando Zuko rivela il suo titolo, un uomo della mischia grida che non è vero che è l'erede al trono, dato che suo padre gli aveva bruciato il volto e lo aveva esiliato. Tuttavia, in "La Tempesta" neanche Jee, il primo ufficiale di Zuko che ha viaggiato con lui per tre anni, era a conoscenza della verità. O è un errore, oppure Azula ha fatto spargere le notizie per colpire suo fratello ulteriormente
  • La bambola di Azula somiglia leggermente a Toph
  • Zuko ha tenuto a cuore le parole di sua madre che aveva detto che lui è una persona che combatte anche quando diventa duro. Dice una frase molto simile ad Aang in "L'assedio del Nord, parte 2"
  • La spiegazione di Ursa al laghetto che "le madri difendono i propri bambini anche mordendo", si riferisce alle cose ignobili e traditrici che farà, che verranno rivelate in "Il giorno del Sole Nero parte 2" e il fumetto "La ricerca"
  • Il gioco di Azula di far cadere una mela dalla testa del compagno è un chiaro riferimento alla saga di Wilhellm Tell
  • La gag di Lee che legge sul pugnale "Fatto nel Regno della Terra" è un riferimento al "Made in China" di tanti oggetti del mondo, dato che il Regno della Terra è ispirato appunto alla Cina
  • Questo è l'unico episodio dove nessuno dei protagonisti del Team Avatar appare
  • Il campo che Zuko passa all'inizio è lo stesso in cui diecimila anni prima l'Avatar Wan morì in battaglia ("L'inizio, parte 2")
Advertisement