Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo è il venticinquesimo capitolo del primo romanzo su Kyoshi "L'ascesa di Kyoshi".

Sinossi[]

La Compagnia dell’Opera Volante si mette in posizione davanti al palazzo in attesa del segnale di avvio che arriva quando l’incenso si spegne nelle mani di Rangi. Dopo aver ricevuto il permesso di partire, Lek sale sul macigno dietro al loro nascondiglio con le scale di terra e tira fuori la sua fionda dalle cinghie legate sul braccio. Mentre Rangi, Kirima e Wong corrono verso il palazzo, il ragazzo del deserto lancia un proiettile dalla grandezza di un pugno colpendo con precisione una guardia sul lontano muro di difesa. Kyoshi è impressionata dalla sua abilità di unire arma e dominio, ma mentre Lek sta preparando il secondo colpo, viene distratto dal suono improvviso del corno dei daofei che si buttano all'attacco al cancello a sud. Il ragazzo bestemmia, ma grazie al suo eccezionale controllo a distanza riesce ad reindirizzare la seconda pietra e colpire la seconda guardia lo stesso.

Ignaro della sua ammirazione, il ragazzo del deserto ordina a Kyoshi e Lao Ge di partire, dato che Mok ha fatto saltare la loro copertura. Mentre loro due corrono per i campi, gli altri tre salgono per il muro del palazzo. Kyoshi nota che il Governatore abbia già mandato i suoi dominatori della terra che stanno facendo strage tra i membri del Kang Shen e tra i spadaccini in prima linea. I fuorilegge non si lasciando intimorire dalle perdite e continuano a caricare sempre più veloci, contando sulla loro superiorità numerica. Kyoshi e Lao Ge si indirizzano proprio verso il terreno di scontro tra le due fazioni e, dopo aver ricevuto il permesso, la ragazza abbraccia completamente la terra sotto di lei.

Poche ore prima, Kyoshi aveva dichiarato che non potevano permettere che Mok si avvicini al palazzo, altrimenti ammazzerebbe tutti quelli che si trovano al suo interno. Rangi commentò che l’unico modo per impedirlo sarebbe schierasi dalla parte del governatore, ma la sua ragazza scosse la testa e aggiunse che massacrare le forze di Mok non sia la soluzione. Scettica, Kirima concluse che dovrebbero quindi trovare un modo di attaccare il palazzo, impedire un massacro su entrambi i lati e poi anche salvare un prigioniero, tutto insieme, cosa che Kyoshi confermò. La dominatrice del fuoco l’avvertì che avevano a disposizione solo un numero limitato di opzioni per via del basso numero di dominatori dalla loro parte. Questa rispose con una smorfia di pensare cosa potrebbero fare se avessero a disposizione l’Avatar.

Mentre corre, Kyoshi apre un solco che ammucchia il terreno da entrambi i lati con il suo dominio della terra finalmente liberato dalle sua catene. Il gruppo si era accorto già prima che al palazzo mancava un fossato di difesa, quindi Kyoshi e Lao Ge ora gli stanno fornendo uno gratuitamente per tenere lontano i daofei. Una volta terminato, i due tornano dal resto del gruppo sul tetto orientale del palazzo puntuali sul piano. Kyoshi chiede se le guardie si sono riuniti al cancello a sud ricevendo la conferma da parte di Rangi, ma sanno che devono sbrigarsi lo stesso. Il gruppo si trova sopra lo stagno della residenza, pronto per le due dominatrici dell’acqua che bevono la forza della luna piena sopra di loro. Insieme sollevano l'enorme corpo l’acqua dello stagno dove Kyoshi fornisce la potenza mentre Kirima il controllo sulla gigantesca bolla d’acqua.

L’Avatar perde quasi il controllo quando viene colpita da una freccia che le striscia la cotta di maglia sotto il vestito. Dal lato opposto del cortile appaiono delle guardie, cosi Rangi dice alle due dominatrici dell’acqua che li copriranno loro. In quel momento Kirima ordina Kyoshi di “lanciare il martello”, ovvero far cadere la gigantesca bolla d’acqua che inonda metà del palazzo trascinando via le persone nei corridoi. Non vogliono farli annegare ma solo disarmare, per cui, una volta soddisfatti, Kirima e Kyoshi fanno saltare un muro per permettere all’acqua di uscire. Kyoshi si distrae quando vuole controllare che nessuno era morto, quindi viene sorpresa dalla comparsa di una guardia salita sul tetto. La ragazza non riesce a tirare fuori i ventagli in tempo per difendersi, ma prima che il soldato la trafigge, sente il famigliare sibilo della fionda di Lek che colpisce la guardia che cade dal tetto. Kirima la incita alla fretta per concludere l'ultima fase del loro piano: il prigioniero. Le due ragazze corrono per i corridoi raggiungendo Lao Ge che le stava già spettando a un bivio che afferma di aver bisogno di qualcuno per far rimbalzare la serratura della porta della cella. La dominatrice dell’Acqua annuisce e corre via, lasciando Kyoshi da sola con Lao Ge come probabilmente era stato il suo piano fin dall’inizio. Con una voce calma, la invita a venire con lui.

Kyoshi sente la vertigine tipica quando cammina insieme al vecchio assassino e perde l’orientamento in questo labirinto di corridoi sotterranei. Una volta raggiunta la fine, trova per terra una dozzina di abitanti del palazzo con vestiti da dame o maggiordomi tremanti dalla paura, dietro di loro un portone di metallo sbarrato e inaccessibile. Lao Ge si avvicina e spiega che il loro padrone li abbia abbondati al loro destino dopo essersi messo in salvo da solo. Kyoshi si ricorda degli sguardi di terrore tra le servitù della tenuta di Jianzhu che aveva incuto quando era tornata l’ultima volta e che per loro anche loro due devono sembrare l’incarnazione della morte. Sente un odore acre nell'aria e vede a terra un ciambellano dondolare e borbottare tra sé e sé implorando Yangchen e gli spiriti di salvarlo. Dopo una breve ristata spaventosa, Lao Ge annuncia agli inservienti che oggi vivranno e gli ordina di andarsene, il che li spinge a saltare via come inseguiti dal demonio stesso. Una volta da soli, il vecchio incita Kyoshi a pensare alla serratura del portone; Kyoshi lo afferra con entrambe le mani e inizia a riscaldarlo con il dominio del fuoco fino a farlo brillare per poi iniziare a farlo oscillare fino ad esaurire la tempra del metallo. Persino Lao Ge si dimostra impressionato da questa dimostrazione e la incoraggia a non desistere e dopo alcuni minuti interminabili, la serratura si spezza e lascia il portone appeso solo sul binari.

Kyoshi apre il portone per rivelare una stanza sorprendentemente lussuriosa che non avrebbe fatto sopravvivere i suoi occupanti per molto tempo per via di tante modifiche sciocche. Vedono un ragazzo in camicia da notte contro il muro e Kyoshi pensa che sia il figlio di Te, quindi gli chiede dove fosse il governatore. Con uno sguardo di sfida, il ragazzino risponde che sia lui il Governatore Te Sihung, il che spiazza la ragazza che si volta verso Lao Ge. Questo le sorride con consapevolezza, indicando che questo facesse parte della prova per vedere se lo avrebbe ucciso nonostante fosse solo un ragazzino. Gli chiese quanti anni avesse, ma questo le ringhia di non dovere riposte a una daofei, ma questo scherno fa infuriare Kyoshi che lo afferra per la nuca e lo trascina fuori dal bunker. Questo trattamento brusco deve averlo svegliato, dato che risponde alla ripetizione della domanda che avesse quasi quindici anni, poi la supplica di non ucciderlo. Lao Ge la ricorda che abbia la stessa età di Lek, quindi è abbastanza grande da conoscere il bene e il male e le ripete che, se prende la sua vita, salverà molte altre. Il ragazzino cerca di strisciare via, ma il vecchio lo blocca mettendo il suo piede sulla sua caviglia con una pressione abbastanza forza da minacciare di spezzargliela. Te continua di implorarli spiegando che abbia solo agito copiando quello che suo padre, il governatore prima di lui, gli aveva insegnato. Intuendo la sua esitazione, Lao Ge chiede a Kyoshi che se lei, con due anni più di lui, sia immune alle conseguenze. Questa alza il ragazzino in lacrime prendendolo per i baveri e gli chiede perdono, aggiungendo che abbia deciso cosa fare già prima di aver scoperto la sua età. Allungando il braccio, scaglia Lao Ge via con il dominio dell’aria.

Il giorno prima che Kyoshi iniziasse ad allenarsi con Kirima per la loro parte del piano, Rangi le aveva chiesto di fare con lei una lezione nel dominio dell’aria. Camminando in cerchio con le braccia allargate, Kyoshi ricordò alla sua ragazza che non sia una dominatrice dell’aria, quindi non vide la ragione per questo. La dominatrice del fuoco spiegò che non voleva insegnarle il dominio dell’aria, ma voleva solo farle creare del vento prima di iniziare l’addestramento serio nel dominio dell’acqua. Dopo qualche piroetta maldestra, Kyoshi le chiese come mai le stia andando bene questa lezione amatoriale, ricevendo la spiegazione che sia solo per la sua paura irrazionale di danneggiare il ciclo degli elementi se diventasse troppo brava nel dominio dell’acqua prima di aver almeno dato un segno di quello dell’aria. Temeva che sarebbe finita per bloccarsi e che sarebbe diventata un’Avatar a metà. Rangi infine si accasciò a terra e nascose il suo volto tra le meni, lamentandosi che stavano sbagliando tutto, dall’inizio alla fine. Kyoshi la abbracciò da dietro e le sussurrò che il centro non era cambiato, il che spinse la soldatessa a sbuffare, ma nota che anche a lei manchi Kelsang con il suo modo gentile e divertente. Aggiunse che le mancava anche suo padre e che vorrebbe averli qua con loro per poter aver più tempo con quelli che hanno perso. Kyoshi la strinse più forte fino a realizzare che, a grande sorpresa di entrambe, aveva creato un cerchio di vento intorno a loro che faceva danzare le foglie intorno, esattamente come Kelsang aveva fatto per farle ridere. Kyoshi si lasciò accarezzare dalla brezza per darle un'ulteriore spinta che le fece sentire come se Kelsang le stesse sorridendo con calore. Dichiarò infine che le persone che avevano perso, rimarranno sempre con loro.

Tornando nel presente, Lao Ge atterra su cuscini del bunker mentre Kyoshi si prende il governatore in spalla e scatta verso il corridoio, inseguito dal vecchio assassino. Raggiunge il cortile dove si trova circondata dalle guardie, ma fugge sul tetto utilizzando in modo esemplare le scale di terra, sorprendendo Lao Ge che non si era reso conto che lo avesse imparato, facendo finta di fallire ogni volta. La ragazza lo corregge che non tutti fallimenti erano finti per poi correre sopra i tetti. Si chiede brevemente se Il vecchio non sapesse usare le scale di terra o se si stia nuovamente prendendo gioco di lei, ma quando raggiunge le stalle pensa solo al ragazzo terrorizzato ancora in spalle. Lo pone si un cavallo-struzzo senza sella, ma quando il ragazzino inizia a ringraziarla e di offrigli ogni bene che voglia, lo zittisce con uno schiaffo. Con un tono severissimo, lo avverte che gli stia dando una sola possibilità di discolparsi come governatore e lo avverte che, se non dovesse impegnarsi a sfamare i suoi cittadini ed essere un leader migliore, lei personalmente andrà da lui per ucciderlo. Te, che l’aveva vista dominare sia la terra che l’aria, le chiede se per caso fosse l’Avatar; a Kyoshi non piace che l’aveva vista fare, dato che frequenta gli stessi ambienti di Jianzhu, ma alla fine decide di non negarlo e dichiara che sia un motivo migliore per fare come ha detto lei. Da uno schiaffo al cavallo-struzzo e lo osserva come scatta via verso il fossato con il suo passeggero che si sta tenendo su a malapena.

Con il governatore al sicuro, Kyoshi abbassa il ponte per impedire che gli uomini di Mok entrassero nel palazzo ammazzando persone innocenti, poi usa e scale di terra per riunirsi con il resto del gruppo. Durante la camminata, Lao Ge la critica per non essere una buona apprendista e ammette con rabbia malcelata che sia la prima volta dopo moltissimo tempo che fallisce un obiettivo, il che inizia a far paura a Kyoshi. L’avverte che d’ora in poi, Te Sihung fosse la sua responsabilità e l’accusa a limitarsi in questo modo, come se non avesse ascolta le sue lezioni. La ragazza chiede perdono, ma non si tira indietro sulla sua decisione, decisa ad accettare i risultati delle sue azioni, ma il suo sifu ringhia che ora ha facile parlare, ma l’avverte che la misericordia abbia un prezzo più alto che la maggior parte delle persone creda. Kyoshi rimane in silenzio, insicura se Lao Ge potesse ucciderla sul posto, ma è chiaro che la sua speranza che tutto quanto fosse stato soltanto una prova e che non volesse veramente assassinare il governatore era stata inutile.

I due raggiungono il resto della Compagnia dell’Opera Volante che stavano portando con sé un uomo legato con un sacco di patate sulla testa che mascherava il suo volto. Rangi abbraccia Kyoshi e si congratula con lei per il successo, mordendosi la lingua prima di lasciarsi sfuggire la parola “Avatar” davanti al prigioniero. Wong incita tutti a consegnarlo a Mok e se lo carica in spalla nel miglior modo possibile, chiedendo perdono per questo trattamento. Quando arrivano degli altri daofei, questi sono incavolati con loro per la trincea che gli aveva impedito di entrare nel palazzo, ma Kirima gli ricorda che hanno liberato il prigionieri, per cui la missione è stata portata a termine. Mok, inferocito, li sgrida per la loro insolenza e li minaccia con severe conseguenze, ma si ferma quando l’uomo incappucciato che gli ordina di lasciare in pace i suoi salvatori e di togliergli quel sacco dalla testa. Wong e Kirima lo liberano mentre Mok lo saluta come “fratello maggiore”, dimostrandosi improvvisamente sottomesso e reverenziale nei suoi confronti. I due uomini si salutano abbracciandosi, finché l’uomo salvato non si lamenta del fatto che gli ci siano voluti otto anni per liberalo e inizia a stritolarlo, mostrando una forza fisica notevole. L’ex-prigioniero lo getta da parte e studia i daofei intorno a lui che iniziano o ad inchinarsi davanti a lui o di stare all'attenti. Kyoshi teme che non abbiano liberato una persona qualunque e il suo istinto gli urla di andarsene immediatamente da qua, cosi chiede rispettosamente se il debito della Compagnia dell’Opera Volante fosse stato ripagato. L’uomo salvato gli ringrazia per il loro aiuto e si presenta come Xu Ping An, il che fa scattare i capannelli di allarme in Kyoshi: ha già sentito questo nome. Xu prende il comando dei uomini di Mok come se fosse una cosa naturale, poi da un discorso feroce ai daofei sulla fedeltà e sulla lealtà, ma li ricorda anche he hanno perso cinquemila uomini che lui non ha mai dimenticato, per cui oggi inizierà la sua vendetta.

A Kyoshi inizia a girare la testa quando connette gli indizi e vede come Xu Ping An incita tutti alla violenza contro il Regno della Terra. Tutti i presenti si mettono una sciarpa gialla intorno al collo, il colore che li aveva già contraddistinto in passato. La Società del Fiore d’Autunno non era nient’altro che una copertura di un'organizzazione molto più vecchia: i Colletti Gialli erano risorti.

Note[]

Continuità[]

  • Kyoshi domina l'acqua dopo aver "bevuto" la luce della luna piena e sentendo la sua spinta e attrazione, il che combacia con la spiegazione di Yue sull'origine del dominio dell'acqua in "L'assedio del Nord, prima parte".
  • Rangi ha insegnato a Kyoshi che dominatori del fuoco abili possono riscaldare oggetti toccandolo dirittamente con la loro pelle senza ustionarsi, cosi come riscaldare il metallo fino al punto di fusione. Iroh la mostrato questa abilità in "Il solstizio d'inverno, seconda parte" quando riscalda le sua catene in pochi secondi fino a farlo brillare di rosso per ustionare la mano del soldato della Terra.
  • Quando Rangi cerca di dare consigli a Kyoshi su come dominare l'aria, dice che debba "sentire la sua energia che si muove a spirale", una spiegazione simile a quella di Tenzin a Korra in "Una foglia nel vento" dove le spiega che il dominio dell'aria consiste in movimenti a spirale.
  • Kyoshi sblocca il suo dominio dell'aria in un modo simile a come Aang sblocca il suo chakra dell'aria in "Il Guru": entrambi confermano la loro abilità di amare nonostante il lutto che provano per coloro che hanno perso.
  • Il potere del metodo di aprire una serratura congelando il metallo fino al punto di rottura viene mostrata da Ming Hua quando apre la porta della prigione di P'Li congelandola in "In pericolo".
  • Xu Ping An e i Colletti Gialli vengono nominati nominato più volte da Jianzhu e Tagaka, come in "L'Iceberg" e poi in "Lo spirito".

Rivelazioni[]

  • Kyoshi dimostra per la prima volta il suo dominio dell'aria
  • Viene rivelato che la Società del Fiore d'Autunno è solo una copertura per i Colletti Gialli e che Xu PIng An è ancora vivo.

Riferimenti[]

  1. O'Bryan, John (writer) & MacMullan, Lauren (director). (December 2, 2005). "The Siege of the North, Part 1". Avatar: The Last Airbender. Season 1. Episode 19. Nickelodeon.
  2. ↑ DiMartino, Michael Dante (writer) & Volpe, Giancarlo (director). (April 15, 2005). "Winter Solstice, Part 2: Avatar Roku". Avatar: The Last Airbender. Season 1. Episode 8. Nickelodeon.
  3. ↑ DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Dos Santos, Joaquim, Ryu, Ki Hyun (directors). (April 14, 2012). "A Leaf in the Wind". The Legend of Korra. Book One: Air. Episode 2. Nickelodeon.
  4. ↑ DiMartino, Michael Dante, Konietzko, Bryan (writers) & Volpe, Giancarlo (director). (December 1, 2006). "The Guru". Avatar: The Last Airbender. Season 2. Episode 19. Nickelodeon.
Advertisement