Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo è il dodicesimo e penultimo episodio del quarto libro di La Leggenda di Korra Bilancio e di tutta la serie. Fu pubblicato insieme alla puntata successiva prima online, poi in TV la stessa sera, come gran finale.

<<< episodio precedente

Ripasso e Sinossi[]

"l’Impero della Terra ha invaso la Repubblica Unita! Dopo aver visto i disastri causati dall’arma di Kuvira, il presidente Raiko si arrende incondizionatamente, ma Korra si rifiuta di cedere senza lottare e prende in ostaggio Baatar Jr per costringere Kuvira a fermarsi. Il piano fallisce, viene aperto il fuoco sul nascondiglio di Korra, riuscirà il team Avatar a fermare Kuvira e il suo mecha gigante?"

Kuvira continua la sua marcia attraverso la città, mentre Korra e gli altri cercano un nuovo piano. Asami afferma che ha ancora dei prototipi dei mecha Colibrì nel suo ufficio, ma devono ancora farli funzionare. Mentre i due ingeneri cercano di completarli, i dominatori fanno di tutto per rallentare Kuvira, ma l'avversario si rivela troppo tosto e si devono presto ritirare. Il piano di Varrick di disattivare il gigante con un impulso elettromagnetico fallisce, ma poi Lin porta Hiroshi Sato ad aiutare e con il suo aiuto confabulano un piano molto rischioso: gli ingegneri apriranno un buco con le torce di plasma montata sui mecha Colibrì per permettere a Korra e gli altri ad infiltrarsi nel robot e distruggerlo dal'interno. Tutti si buttano nella battaglia, ma Kuvira si dimostra sempre più crudele, Hiroshi riesce a completare la missione, ma a caro prezzo...

Storia[]

Bolin sorregge mezzo palazzo

Della fabbrica di Industrie del Futuro sono rimaste solo le macerie fumanti, ma ad un tratto un enorme pezzo di cemento inizia a muoversi e si alza, è Bolin che lo sta dominando. Il giovane resiste con i denti stretti, finché tutte le persone sopravvissute sono riuscite a fuggire, e quando finalmente sono usciti tutti, Bolin può lasciare la sua presa.

Korra e i suoi amici decidono di lottare

Tenzin salta su un edifico alto e osserva con orrore come il mecha di Kuvira passa attraverso la baia della città, mentre i mecha del suo esercito marciano inarrestabili sul ponte Kyoshi. Il maestro dell’aria fa subito rapporto agli altri, ma persino Bolin inizia a pensare che tentare di fermarla ora sarebbe inutile, meglio ritirarsi per pensare a una strategia. Mako si oppone, cose ne sarà di tutte le persone ancora non evacuate, specialmente se dovesse scoprire che il principe Wu è ancora qui? Korra gli dà ragione, aveva fallito a proteggere Zaofu, non permetterà che Kuvira si prenda anche Città della Repubblica, e a lei si aggiunge anche Lin, che era venuta a vedere se c’erano dei sopravvissuti. Varrick nota che i dominatori dovranno arrangiarsi da solo, dato che quel raggio ha distrutto tutti i mecha Colibrì, ma Asami rivela che nel suo ufficio personale ci sono ancora i prototipi. Korra ha un’idea: mentre i dominatori cercheranno di rallentare l’avanzata di Kuvira, gli ingegneri cercheranno di far funzionare quei prototipi.

Wu annuncia di avere un piano

Alla stazione dei treni regna il panico, le persone ancora presenti sentono il rimbombo delle esplosioni e si sentono in trappola. Pema cerca di calmarli, ma il capo-treni annuncia in quel momento che l’esercito di Kuvira ha distrutto tutte le rotaie, poi si aggiunge anche Tu che grida di aver visto avvicinarsi i mecha armati nemiche. Il panico inizia ad avere il sopravvento, ma ora arriva Wu che annuncia di aver un’idea per tirarli fuori da qui, ma a tal proposito deve allontanarsi per un po'. Prima di andarsene, chiede a Pema se può tenere a bada la folle per qualche minuto, la donna risponde che ovviamente si, lei è la madre di Meelo, può tenere a bada chiunque.

Nonostante tutti gli attacchi consecutivi, il Colosso è indenne

I dominatori corrono per le strade per avvicinarsi al gigante, quando Meelo nota un negozio di colori e ordina a tutti di prendere la vernice e dei palloncini. Kuvira marcia per la città, poco dopo vede arrivare alcuni dominatori dell’aria e si prepara subito ad abbatterli con il suo cannone. Lo sparo li manca di pochissimo, Kai e Ryu devono atterrare un attimo per le turbolenze, mentre gli altri continuano il loro volo. Al segnale di Meelo, i dominatori dell’aria lanciano i loro palloncini pieni di vernice e cercando di sporcare i vetri della sala comando per accecare il colosso. Mentre Kuvira tenta di pulire i vetri, Bolin, Wei e Wing cercando di fargli perdere l’equilibrio con i rispettivi domini, legandogli le gambe. Quando tutto è pronto, Korra e gli altri lo colpiscono con un colpo di vento alla massima potenza, ma Kuvira usa il suo raggio e spara quasi alla cieca, causando danni ingenti alla metropoli. Per un momento sembra che il colosso stia per cadere, ma si riprende all’ultimo e un suo raggio ben piazzato non mieta vittime soltanto per il rotto della cuffia. Anche l’Avatar cade a terra, per fortuna senza ferite, ma deve constatare che hanno fallito, il colosso continua ad avanzare, devono ritirarsi.

Da nemici a collaboratori

Intanto, all’ufficio di Asami, lei e Varrick lavorano sodi per mettere a punto i due mecha Colibrì, ma è chiaro che hanno ancora qualche problema nella stabilizzazione. Daw li avverte dell’avvicinarsi dei mecha armati, in quel momento Varrick sembra avere un’idea su come fermarli e ordina a Asami di staccare ogni apparecchio elettronico per poi correre via.

Suyin non abbandona suo figlio

Intanto Baatar Jr si risveglia nella stanza accanto e si scusa subito con sua madre per aver tradito lei e la sua famiglia, si sente come uno stupido e ora Kuvira l’ha tradito. Mentre il giovane teme di non essere mai più perdonato dai suoi fratelli, Suyin lo consola che si, ci metteranno un bel po' di tempo, ma sono comunque una famiglia.

Persino Varrick e Zhu Li non sanno piú cosa fare

Varrick e Zhu Li sono saliti sull’antenna radio dell’edificio, l’inventore nota che ha già disattivato mecha armanti con un impulso elettromagnetico, forse funziona anche con uno gigante se usa un’antenna gigante. Mentre lavoro sui circuiti, Varrick ad un tratto diventa sentimentale e racconta della sua infanzia, dove aveva avuto un cavallo-struzzi di nome Ms. Beaks, ma la sua assistente lo interrompe, il tempo stringe troppo. Varrick attiva il suo impulso e tutti mecha armati di Kuvira cadono a terra come immondizia metallica- tutti tranne il colosso. L’uomo del Sud inizia ad andare in panico e ordina a Zhu Li di “fare quella cosa”, ma la donna nota con voce tetra che “non ci sono più cose da fare”.

Kuvira nota che è successo qualcosa, un suo operatore la informa dell’impulso elettromagnetico, così la donna ordina di trovarne la fonte. Vuole catturare Varrick e chiunque sia ancora presente nella città.

Hiroshi Sato come nuovo alleato?

Il gruppo si riforma nell’ufficio di Asami, dove Bolin chiede a Baatar Jr. come mai l’impulso di Varrick non ha funzionato sul colosso e l’ingegnere spiega che la ragione è la fonte di energia: energia spirituale. In quel momento tuona una voce inaspettata, è Hiroshi Sato, che Lin ha tirato fuori dalla prigione per farsi aiutare dalla sua mente geniale. Il padre di Asami rassicura tutti che farebbe di tutto per salvare la sua città e offre una tattica nuova: agire come un’infezione, penetrare dalla pelle e distruggere gli organi interni. Korra note che la corazza di platino è indistruttibile, cosi l’inventore risponde che Industrie del Futuro hanno torce al plasma capaci di tagliare il platino, ma Asami ribatte che sono troppo pesanti per essere montati sui Colibrì. Dopo un momento di riflessione Sato trova un’idea per convertire una fiamma ossidrica in una torcia al plasma, trasformando quindi i Colibrì in una sorta di zanzara. Ma devono stare attenti a non venir schiacciati prima di aprire un buco abbastanza grande da potersi infilare.

Wu controlla le talpe-tasso con il suo canto

Intanto, alla stazione, Pema sta calmando la folla con una canzone dei Nomadi dell’Aria, ma il suo pubblico inizia ad innervosirsi.  In quel momento appaiono Wu e Tu su due talpe-tasso che hanno liberato dallo zoo e resi docili con il canto del principe. Tutto lo scetticismo viene spazzato via dell’ennesima esplosione e la gente segue Wu e le sue talpe-tasso che iniziano a scavare un tunnel sotto la città.

Baatar rivela un modo per spegnere il reattore

Kuvira sta rastrellando la città alla ricerca di civili rimasti, poco dopo individua la sorgente del raggio elettromagnetico: la torre di Industrie del Futuro. Daw avverte tutti che Kuvira si sta avvicinando, ma Asami nota che servono ancora alcuni minuti per montare le torce al plasma. Dopo che Baatar Jr. ha spiegato l’unico modo per spegnere il generatore, Korra spinge tutti a dare il meglio: se non riescono a distruggere il gigante, devono almeno rallentarlo per guadagnare tempo.

Il piccolo Meelo salva suo padre

Korra, Bolin, Mako e la famiglia Beifong si mettono in marcia e affrontano il gigante individualmente, lei usa lo Stato dell’Avatar per muoversi velocemente e costringere Kuvira a sparare nel vuoto, poi attacca con macigni enormi. A lei si aggiungono i dominatori dell’aria che, creando un tornado, riescono a farli sbagliare mira e farlo barcollare. Ma la Grande Unificatrice non si lascia distrarre e contrattacca senza pietà; un raggio sfiora Jinora che si salva solo per l’intervento tempistico di suo padre, ma tutti e due cadono a terra incoscienti. Ikki salva sua sorella, mentre Meelo riesce a rallentare la caduta di suo padre fino a renderla innocua.

Kuvira non si vuole arrendere

Bolin, Lin e Su collaborano e riescono a staccare un intero grattacielo e di farlo cadere sul colosso che viene sepolto sotto le macerie. Per un momento sembra che hanno vinto e regna la calma, ma Kuvira si riprende e si alza nuovamente in piedi, a grande shock di tutti i presenti.

Le talpe-tasso sconfiggono i soldati

Con il suo canto stonato Wu comanda le talpe- tasso che continuano a scavare senza sosta, l’unica persona a cui piace la sua lagna è nonna Yin. Ma la loro fuga viene bloccata dalla comparsa di alcuni soldati dell’Impero che dichiarano tutti presenti prigionieri. Wu si mette in prima file e rivela il suo titolo, apparentemente pronto a consegnarsi, ma non senza un’ultima canzone. Il suo canto fa sparire le talpe tasso- gli soldati pensano che lo abbaino abbandonati- ma i due animali dominatori della terra compaiono dietro di loro e distruggono i loro mecha. Vittoria!

Asami e suo padre si riconciliano

Asami e suo padre sono riusciti a montare le torce al plasma su mecha Colibrì, la donna sorride che, se riescono a sconfiggere quel colosso, sarà anche merito di suo padre. Lui ricambia questo sentimento e per la prima volta in quattro anni dice che vuole bene a sua figlia, cosa che lei ricambia con l’ennesima emozione.

Il fidanzamento più strambo della storia

Mentre i due Sato montano su uno dei due Colibrì, un Varrick molto nervoso ferma Zhu Li, notando che prima di partire deve ancora sistemare una cosa. La donna prevede già la delusione, ma l’uomo si rifà subito, quando tira fuori dalla tasca un anello di finanziamento e chiede a Zhu Li se vuole “fare quella cosa per il resto della nostra vita”. Ovviamente accetta con grande gioia, ora possono partire per la loro missione suicida.  

I Colibrì tentano di tagliare la corazza

I Beifong continuano a cercare di intralciare il colosso, ma l’avanzamento di Kuvira sembra inarrestabile, ma finalmente Korra sente arrivare i due Colibrì. I due piccoli mecha volanti cercano di avvicinarsi per trovare un punto dove iniziare a tagliere il buco, Varrick opta per in mezzo alla schiena, dove lui non riesce a grattarsi. Ma il robot è più agile di lui e deve abortire, ora ci provano Asami e Hiroshi, ma anche loro devono cambiare subito posizione. Il Colosso sembra una persona che cerca di schiacciare disperatamente delle zanzare fastidiose.

Korra congela metà del colosso

Korra osserva le manovre con aria preoccupata, quando trova un fiume vicino e domina le sue acque per congelare la metà inferiore del colosso che però riesce ancora a sparare, colpendo di striscio il Colibrì di Varrick e Zhu Li, che si salvano all'ultimo tramite le loro sedie eiettabili. Capendone la pericolosità, Korra congela anche il braccio destro, offrendo a Asami e Hiroshi l’opportunità di attaccarsi alla coscia del robot, ancora sgombro di ghiaccio.

Asami disperata per la morte di suo padre

Kuvira ha intuito il piano nemico e ordina di aumentare la potenza del braccio destro, nel frattempo Sato senior lavora per controllare le torci e tagliare il buco nella corazza di platino. Asami nota che il ghiaccio intorno al braccio del colosso inizia a spezzarsi e lo implora a lasciar perdere, ma suo padre vuole insistere. Il ghiaccio si sgretola, è una corsa contro il tempo, manca poco, il buco è quasi pronto… Alla fine però il braccio si libera e si abbatte sul Colibrì con una ferocia incomparabile. Un secondo prima dell’impatto, Hiroshi sussurra per l’ultima volta che ama sua figlia per poi attivare la sedia eiettabile- solo quella di Asami, lui resta per completare l’opera. Mentre la donna si salva, deve osservare con orrore come la mano di metallo si schianta sul mecha e schiaccia il Colibrì come se fosse appunto una mera zanzara, uccidendo Hiroshi Sato.

Inutile, ormai sono dentro

Korra e gli altri hanno osservato tutto dal basso, ma non hanno tempo per lasciarsi bloccare dello shock, Hiroshi ha dato la sua vita per offrigli questa possibilità, non possono sprecarla. Determinati come non mai, Korra, Mako, Bolin, Lin e Suyin scalano le gambe del mecha, mentre Kuvira inizia a sudare freddo. Tenta ancora una volta di schiacciare questi insetti prima che riescano a raggiungere il buco, ma Korra blocca la mano con del ghiaccio per quei pochi attimi che servono per sfuggirli. La mano si schianta nuovamente sulla coscia, ma oramai è troppo tardi: gli intrusi si sono infiltrati nel suo colosso.

>>> episodio successivo

Personaggi apparsi[]

Korra

Mako

Bolin

Asami Sato

Hiroshi Sato

Varrick

Zhu Li

Lin Beifong

Suyin Beifong

Wei e Wing Beifong

Wu

Tu

Yin

Tenzin

Pema

Meelo

Kuvira

Baatar Jr.

Trivia e note[]

  • Sulla finestra del negozio di pittura si legge 富彩,"Colori ricchi".
  • Sulla pubblicità per Industrie del Futuro vediamo la stessa immagine del giornale che Asami ha letto in "Riunione", ma a specchio.
  • Varrick parla del suo impulso elettromagnetico che ha usato nella stessa puntata.
  • Il fatto che le Talpe-tasso amano la musica vene già usato nel secondo libro di Aang "La grotta dei due amanti".
  • Tra la folla alla stazione vediamo anche la giornalista, una donna vestita di viola con un capello, che ha tempestato Korra alla sua prima conferenza stampa e durante il gala di Tarrlok.
  • L'idea di Hiroshi di distruggere il Colosso dall'interno ricorda molto la strategia di Sokka per distruggere il trapano gigante che minacciò Ba Sing Se (Viaggio a Ba Sing Se: La macchina infernale").
  • Si scopre che Varrick era cresciuto su una fattoria povera e che aveva avuto un cavallo-struzzo di nome Mr Beaks, inoltre aveva lavorato per un circo.
  • Finalmente sentiamo il cognome di Zhu Li, Moon.
  • Meelo parla per l'ultima volta.
  • Abbiamo visto l'ultima morte in diretta sullo schermo, Hiroshi Sato.
  • Questa puntate e la successiva sono l'unico rilascio doppio dell'intero libro.
  • Inoltre è la prima puntata che, fin da "L'appostamento", era stata trasmessa in TV lo stesso giorno del rilascio online.
Advertisement