Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Ikki le la seconda figlia di Tenzin e Pema e quindi una nipote di Avatar Aang, come il resto della famiglia vive al Tempio sull 'Isola dell'Aria, dove impara la cultura e l'arte del dominio dell'aria che vuole portare avanti per il futuro insieme alla sorella maggiore Jinora e i fratellini Meelo e Rohan.


Le é una bambina estremamente attiva e ama parlare, sembra che non abbia filtro tra cervello e bocca, sembra di pensare che debba sempre lottare per non essere ignorato da tutti, essendo "la bambina di mezzo".

Storia[]

Infanzia[]

Ikki naque nel 163 DG sull'Isola del Tempio dell'Aria di Città della Repubblica come secondogenita di Tenzin e Pema, e quindi nipote di Avatar Aang. Ben presto scoprirono le sua doti del dominio dell'aria e la bambina crebbe come erede della tradizione dei Nomadi dell'Aria. Pochi anni dopo nacquero anche i suoi fratelli minori, Meelo e Rohan, con i quali é spesso in competizione.

Libro Uno (170 DG)[]

Allenamento di Korra[]

Ikki interrompe Jinora e Katara

Nell'autunno del 170 Ikki e la sua famiglia viaggiarono su Oogi verso la Tribù dell’Acqua Meridionale per incontrare Avatar Korra che doveva iniziare l’allenamento per il dominio dell’Aria sotto la guida di suo padre Tenzin. Già durante il volo, Ikki infastidì suo padre con ripetute domande se erano arrivati, facendolo sospirare esausto quando finalmente raggiunsero la loro meta. Una volta atterrati, Ikki saltò giù dal bisonte volante sul suo scooter aereo e s’intromise nella conversazione tra Jinora e nonna Katara riguardo la madre di Zuko, tempestando la donna anziana con una cascata di domande a raffica, facendo innervosire sua sorella. La mattina seguente lei a la sua famiglia lasciarono il complesso di allenamento, erano venuti solo per informare Korra che le obbligazioni di Tenzin come Consigliere avrebbero reso impossibile seguire i suoi studi qua al Polo Sud. Di conseguenza, Ikki tornò a Città della Repubblica.

Qualche giorno dopo, Korra arrivò di nascosto nella capitale delle Nazioni Unite e incontrò Tenzin, che però non voleva allenarla e insisteva di rimandarla a casa. Ikki e i suoi fratelli l’attesero al porto e divennero molto tristi dal sapere che Korra non sarebbe rimasta con loro, ma quando Tenzin ci ripensò, scoppiarono in un grido di felicità.

Durante l’allenamento di Korra, Ikki tentò di darle consigli, ma purtroppo non diedero risultati. Quando la ragazza del Sud in un impeto di furia distrusse gli artefatti antichi per il dominio dell’aria e chiamò Tenzin un “maestro terribile”, lei e Jinora consolarono loro padre con un abbraccio mentre Meelo imitò Korra continuando la distruzione dei cancelli bruciati.

Qualche settimana dopo, quando Ikki e Jinora avevano assistito il primo passaggio con successo di Korra attraverso i cancelli roteanti, le due sorelle chiesero all’Avatar di Mako che si stava avvicinando dietro di lei. I due vennero catapultati via dal suo dominio della terra, ma atterrarono più in là con eleganza, ridacchiando alle spalle di Korra.

Ikki infastidisce Tarrlok

Quando Tarrlok interruppe la loro cena al Tempio dell’Aria, Ikki gli chiese perché avesse tre code di cavallo i e perché profumi come una donna. Dopo esser stava chiamata” precoce”, Ikki ribadì col chiamarlo “strano” e lo fissò con uno sguardo diffidente e pungente, simile a quello di sua madre pochi secondi prima. Quando Tarrlok finalmente levo le tende, Ikki lo salutò a voce alto come “uomo con tre code”, dando gran fastidio all'uomo del Nord.

Più tardi lei e Meelo facevano finta di guidare una satomobile lussuosa che Tarrlok aveva mandato come regalo per Korra. Ikki imitò il clacson e ordinò a suo padre di stare alla larga, dato che stavano “guidando”. Mentre l’assistente del consiglio arrivò con un ‘altro regalo costoso, lei e Jinora stavano giocando a Pai Sho, e la sera successiva era presenta al galà di Tarrlok in onore dell’Avatar.

Ikki adora la storia romantica di sua madre

Quando lei, Jinora e Korra stavano dando da mangiare ai lemuri, le sorelle chiesero alla giovane donna della sua relazione con Mako. Inizialmente Korra cercò di negarlo, ma subito dopo le chiese consigli su come confessarsi al dominatore del fuoco se ci fosse un ipotetico interesse in lui. Jinora raccontò di una favola che aveva letto, ma Ikki la interruppe e propose una porzione magica con arcobaleni e tramonti. Pema, che aveva sentito l’intera discussione invece offrì all’Avatar il suo consiglio personale che venne scelto da tutti i presenti come migliore.

Ikki sia arrabbia per essere bistrattata da Korra

Quando alcune settimane dopo Asami, Mako e Bolin si trasferirono al tempio dell’Aria, Ikki li salutò con entusiasmo e s’innamorò di Pabu. Quando Bolin le chiese una raffica di domande sulle usanze dell’isola, Ikki rispose a tutte senza esitare, causando gli adulti a rimanere di stucco. Quando più tardi mostrò a Asami la via per la sua stanza, a grande shock dell’Avatar, rivelò la sua cotta per Mako. arrabbiata e nervosa, Korra chiuse la porta con forza davanti alla faccia della bambina e le ordinò di sgamare, facendola arrabbiare molto.

La mattina dopo aver ritrovato Korra, che era stata rapita da Tarrlok, Tenzin trovo i suoi figli nel letto con Pema. Quando si svegliarono, Ikki saltò nelle braccia del padre e ammise di aver avuto paura che Korra non sarebbe tornata. Tenzin la consolò e chiese scusa per averla spaventata, d’ora in poi andrà tutto bene.

Rivoluzione anti-dominatori[]

Qualche giorno dopo iniziò l’attacco massiccio dei Paritari su Città della Repubblica, a Ikki e la sua famiglia venne ordinato da Lin Beifong di rimanere calmi e di rifugiarsi in casa, in quel momento Pema iniziò con il travaglio, che prese Ikki alla sprovvista. Alla insaputa di sua madre, i tre fratelli affrontarono i Paritari invasori salvando Lin dalle scariche elettriche del Tenente; Ikki irruppe sul campo di battaglia sul suo scooter aereo e travolse letteralmente i suoi avversari.

Quando Tenzin raggiunse l’isola rimase scioccato dalla notizia che i suoi bambini avevano combattuto, ma Lin lo calmò che le avevano salvato la vita e che li aveva addestrati bene.

Ikki e i suoi fratelli salutano Rohan

Più tardi la famiglia si riunì accanto al letto di Pema che aveva partorito il suo quarto figlio, Rohan, e Ikki lo salutò insieme agli altri. Affermò che era nato in una famiglia grande e felice e che era contenta che lui ora ne facesse parte. Il momento tenero venne smorzato da Korra che li informò dell’arrivo di altri dirigibili dei Paritari. Ikki chiese a suo padre se anche ora tutto andrà bene.

Prima che il nemico potesse approdare, Ikki e la sua famiglia scapparono sui loro bisonti volanti per salvare la stirpe dei dominatori dell’aria con Lin. Purtroppo, nonostante il sacrificio eroico della dominatrice del metallo, Ikki e la sua famiglia venne catturata lo stesso da Amon che aveva intenzione di purificare il mondo dal dominio dell’aria alla sua manifestazione di vittoria per la conquista della città.

Ikki in balia di Amon

Il capo dei Paritari li mostrò a Korra e Mako legati e imbavagliato sul suo palcoscenico e annunciava il suo scopo, ma i due dominatori non si lasciarono impaurire e corsero in loro aiuto. Korra liberò per prima Tenzin, poi i suoi figli per poi guidarli fuori dall’arena di dominio sportivo. Il maestro dell’aria li guidò poi avanti per raggiungere loro madre e il piccolo Rohan in prigione, mentre Mako e Korra sconfissero Amon.

Quando Città della Repubblica era nuovamente sicura, Ikki tornò all'Isola del Tempio dell’Aria e osservò come il loro zio Bumi sbarcò con la sua nave della Seconda Flotta. Mentre suo padre reagì snervato, i suoi figli facevano salta dalla gioia.

Seguendo Korra alla Tribù dell’acqua del Sud per tentare di ripristinare i suoi domini persi per mano di Amon, Ikki accompagnò la sua famiglia su questo viaggio. Attese in silenzio l’esito della visita di Katara davanti alla porta del suo ambulatorio, ma quando la diagnosi si rivelò nefasta, Ikki tentò di consolare la disperata Korra. Più tardi, dopo che i poter dell’Avatar vennero ripristinati, Ikki divenne testimone del suo Stato Avatar e come ridiede il dominio a Lin.

Libro Due (171 DG)[]

Vacanza ai Templi dell'Aria[]

Ikki sgrida Korra

Sei mesi dopo la sconfitta di Amon Ikki partecipò a una gara di scooter aereo con Jinora, Meelo e Korra. Lei stava vincendo, finché Korra non usò lo Stato Avatar per breve un aumento di forza e vinse per un soffio. Quando Bumi dichiarò l’Avatar come vincitrice, Ikki si arrabbiò e gridò che l’uso dello Stato Avatar non era leale. Come riposta Korra tiro solo fuori la sua lingua.

La donna del Sud si fece perdonare invitando i tre fratelli al festival degli Spiriti dei Ghiacciai a casa sua, promettendoli una fiera e dolcetti, convincendo Tenzin a permettergli di andare, nonostante questo voleva visitare direttamente i Templi dell’Aria. I bambini arrivarono alla Tribù dell’Acqua del Sud e salutarono zia Kya che abitava lì con la nonna Katara. La loro visita al festival durò poco, dato che Korra si era separata da Tenzin spingendolo via, così il maestro dell’aria tornò ai suoi piani originari per visitare i Templi dell’Aria insieme alla sua famiglia- inclusi Bumi e Kya.

Ikki litiga con Jinora per un libro

Ikki arrivò al Tempio dell’Aria del Sud, dove un gruppo di monaci lo salutarono con grande reverenza e regali, ma quando vide che Jinora aveva ricevuto un libro divenne molto gelosa e cercò di appropriarselo. Jinora ribatté che pensava che non le piacesse leggere, ma Ikki le tirò solo fuori la lingua cocciuta. Più tardi sfidò suo fratello a una cara di scooter aereo e in un momento non controllato da suo padre irruppe nella Stanza degli Avatar. Poco dopo i suoi fratelli si fecero nuovamente gioco di lei, ma stavolta si era stancata e scappò di casa, spingendo Tenzin e i suoi fratelli di andarla a cercare.

Ikki parla con suo padre


Tenzin la trovò la mattina seguente in una caverna in compagnia di quattro vitelli di bisonti volanti, con i quali si stava godendo la colazione. Ricordandosi gli insegnamenti di suo padre, recitò una preghiera prima di mangiare, nella quale però finì per parlare male dei suoi fratelli. Si accorse di suo padre solo dopo aver finito e gli permise di unirsi a loro nel pasto. Spiegò che i vitelli erano i suoi nuovi fratelli, suscitando un’idea nel dominatore dell’aria. Affermò che anche lui ogni tanto voleva fratelli nuovi, una rivelazione che sorprese la bambina, dato che adorava sia la dolce e avventurosa Kya e il divertente Bumi, ma Tenzin ribatté che la stessa cosa si potrebbe dire anche di Jinora e Meelo.

Pema abbraccia sua figlia

Ikki continuò a giocare con i piccoli bisonti usando il suo dominio dell’aria, fino al ritorno dei loro genitori. Vedendo la riunione di quella famiglia felice, Ikki realizzò che anche lei faceva parte di una famiglia, anche se non era sempre tutto rose e fiori, una famiglia è un legame indistruttibile. Insieme a suo padre tornò al Tempio dell’Aria dove sua madre la abbracciò sollevata. Jinora e Meelo si scusarono per averla derisa e presa in giro e dopo aver accettato le scuse, i tre fratelli corsero via per giocare. Qualche giorno più tardi vide lo spettacolo che Meelo aveva organizzato con i suoi lemuri volanti.

Il mondo degli spiriti e Convergenza Armonica[]

Ikki ascolta il racconto di Korra

Dopo essere passata con la famiglia al Tempio dell’Aria dell’Est, Ikki ascoltò annoiata l’itinerario che suo padre aveva preparato per la giornata, che includeva un sacco di visite agli reperti antichi del tempio che la bambina commentò come “roba vecchia”. La sua reazione cambiò completamente quando inaspettatamente Korra arrivò al tempio su un bisonte volante sconosciuto e Ikki accorse subito per abbracciarla felice. Ma quando l’Avatar diede un riassunto veloce sugli avvenimenti che a causa della loro vacanza gli erano sfuggiti, la sua gioia si tramutò in shock.

Quando divenne evidente che Korra doveva assolutamente imparare a raggiungere il Mondo Spirituale, Ikki cercò di aiutare lei e suo padre nel miglior modo possibile. Durante la loro sessione di meditazione su un prato del tempio, Ikki adoperò il dominio dell’aria per suonare un corno mentre Meelo suonò il campanello cerimoniale. Dato che quel tentativo risultò un fallimento, il gruppo si trasferì da un posto all’altro.

Tutta la famiglia è sotto shock per Jinora

Una volta ritornati al tempio, Ikki ascoltò incredula la confessione di suo padre di non essere mai stato capace di raggiungere il Mondo Spirituale. Quando Jinora permise ai suoi amici spiriti coniglio-libellule di potersi mostrare, li rincorse subito per giocare con loro, anche se all'inizio li scambiò per semplici conigli.

Quando Tenzin, Korra, Kya e Bumi ritornarono dal loro viaggetto, Ikki stava giocando con Meelo del giardino del tempio. Inizialmente era felice del loro ritorno, ma la rivelazione, che sua sorella era rimasta intrappolata nel Mondo Spirituale, la rattristò molto.

Ikki vede sua sorella nel cielo

Appena prima dell’inizio della Convergenza Armonica, Ikki e i suoi due fratelli tornarono dalla loro casa con la madre a Città della Repubblica. Dal balcone dell’Isola dell’Aria osservarono la comparsa dell’Avatar oscuro che si stava preparando a distruggere la città, seguito presto dalla comparsa inaspettata dalla proiezione astrale gigantesca di Korra.

Quando Unalaq stava per corrompere la proiezione di Korra, Ikki si accorse per prima della comparsa della proiezione astrale di Jinora attraverso il suo telescopio, descrivendo sua sorella come “bellissima”. Continuò ad osservare come sua sorella aiutò Korra a liberare Raava e sconfiggere l’Avatar Oscuro.

Libro Tre[]

Una scoperta inaspettata[]

Chiama Tenzin a sguarciagola

Due settimane dopo Ikki stava giocando con suo fratello e Pabu quando vide accorrere Bumi agitato che chiese di suo fratello minore. La bambina lo chiamò a squarciagola, facendolo accorrere spaventato. In seguito Ikki ascoltò la storia fantastica di suo zio riguardo i suoi nuovi poteri, ma quando fallì a dare una dimostrazione, perse presto interesse e si avviò per la cena. Seguì il trambusto durante il pasto in silenzio, tuttavia quando Bumi dimostrò per davvero di aver acquisito il dominio dell'aria, rimase profondamente sorpresa.

Una famiglia unita

Il giorno seguente suggerì la sua idea che suo zio potrebbe essere semplicemente a scoppio ritardatario, ma il rapporto di Mako e Lin, che esisteva almeno un'altra persona con questo nuovo potere, dovette ricredersi. Più tardi trovò suo padre, che stava osservando la statua di Aang e filosofando sulla possibile rinascita della Nazione dell'Aria, e gli chiese se questi nuovi dominatori dell'aria erano parte della sua famiglia. Quando ricevette una risposta positiva, sbuffò che non aveva voglia di dividere la sua stanza con gente ignota, dato che ci teneva al suo spazio personale. Tenzin rispose che non doveva farlo, ma tutti loro dovevano abituarsi all'idea che non erano più gli unici dominatori dell'aria.

Ikki e Meelo si sentono bistrattati

Quando arrivò all'isola Asami con la sua aeronave di Industrie del Futuro per partire per il loro viaggio alla ricerca dei nuovi dominatori dell'aria sparsi nel Reno della Terra, Ikki seppe che lei e Meelo non si sarebbero uniti al team Avatar e la persero male, specialmente dato che Jinora invece poteva andare con loro. i due bambini accorsero imbronciati e chiesero spiegazioni ai loro genitori, Kya li calmò spiegando che dovevano rimanere qua a Città della Repubblica per accogliere ogni nuovo dominatore dell'aria che arrivava qua. La prospettiva di poter essere una maestra la entusiasmò e non vide l'ora, alla partenza del gruppo li salutò felice.

Trova Yorru a curiosare in giro

Nelle settimane seguenti diedero il meglio per accogliere i nuovi dominatori dell'aria che si presentarono al Tempio dell'Aria, finché un giorno non arrivò un uomo ignoto che si presentò a loro come "Yorru" che aveva sentito che quest'isola era un santuario per persone con questa nuova abilità. Dopo aver dimostrato di possedere davvero il dominio dell'aria, Ikki chiamò Pema e Kya che aveva "trovato un'altro". Quella notte la bambina, che stava vagando per il tempio perché non riusciva a dormire, trovò "Yorru" che stava frugando nella stanza privata di Tenzin e lo informò che quella stanza era aperta solo a suo padre. Curiosa, gli chiese cosa stava leggendo e l'uomo la informò che era una poesia del saggio guru Laghima. Venne interrotto dall'arrivo di Kya che le ordinò di tornare a letto e la bambina obbedì augurando a "Yorru" una buona notte.

Si divertono anche troppo

Ikki viaggiò il giorno seguente con gli altri dominatori dell'aria al Tempio dell'Aria Settentrionale, Aiutò suo padre nel loro allenamento ricaricando il loro lancia-meloni che sparavano sui allievi durante il loro corso a ostacoli. Alla fine del corso Tenzin, frustrato e arrabbiato, lasciò l'allenamento a lei e a Meelo.

Più tardi Ikki aiutò suo zio, che aveva saputo che Jinora e Kai erano stati catturati da dei bracconieri di bisonti dell'aria, preparando due bisonti per la missione di salvataggio. la bambina assisté all'attacco portando due dominatori dell'aria sul suo scooter aereo per assalire uno dei bracconieri. Dopo aver salvato Jinora, Kai e alcuni cuccioli di bisonti, Ikki si diverti a riposare nella loro pelliccia.

La minaccia del Loto Rosso[]

Vegono bloccati da Zaheer

All'arrivo del Loto Rosso al tempio, Ikki venne trovata da suo padre che le ordinò di evacuare subito, ma prima di raggiungere le stalle con la sua famiglia le venne bloccato il passaggio da Zaheer. Insieme agli altri abitanti del tempio, anche Ikki venne portata nella sala di meditazione interna, dove il capo del Loto Rosso spiegò il suo piano per loro. La bambina riuscì a fuggire grazie a suo padre e i suoi fratelli che tennero occupati i criminali per permetterle di scappare. Purtroppo non riuscirono a lasciare il tempio, dato che i bisonti dell'aria vennero spaventati dalle esplosioni di P'Li prima che potesse salirci sopra.

Spera che Korra si salvi

Ikki e gli altri vennero portati in un complesso di caverne a alcuni chilometri dal tempio, dove vennero incatenati al terreno e lasciati nella custodia di alcune sentinelle del Loto Rosso. Al segnale di Jinora, Ikki gridò che aveva sete, dato che questo faceva parte di un piano per rubare le chiavi delle guardie.Purtroppo il loro piano venne scoperto, ma vennero salvati dall’arrivo tempestivo del Team Avatar che sconfisse le guardie. Insieme dagli altri, Ikki venne liberata e portata fuori dalla grotta, dove corse da suo padre ferito per un abbraccio. Durante il duello feroce tra Korra e Zaheer, Ikki si unì al cerchio creato da Jinora per aiutare a creare un tornado che liberò l’Avatar e le permise di scaraventare il suo avversario a terra. Ikki osservò preoccupata come Korra si accasciò a terra in fin di vita e attese col fiato sospeso mentre Suyin estrae il veleno metallico dal suo corpo, salvandole la vita. Quando era chiaro che la donna del sud era salva, Ikki sorrise felice.

Aiuta a spingere la sedia di Korra

Due settimane più tardi, Ikki stava aspettando insieme alla sua famiglia, Signore del Fuoco Zuko, il presidente Raiko, i genitori di Korra e le sorelle Beifong che Asami portasse fuori la giovane Avatar su una sedia a rotelle. Si offrì di spingere la sua sedia e corresse Meelo sul nome corretto della sala delle festività. Alla fine Ikki tenne solo ferma la sedia di Korra, mentre era Lin che li spinse su per le scale con il suo dominio. Durante la cerimonia di nomina a maestra del dominio dell’aria di Jinora, Ikki era seduta in prima fila e osservò la rivelazione dei tatuaggi di sua sorella maggiore.

174 DG[]

Il tempo passa[]

Tre anni dopo, Ikki era presente insieme alla sua famiglia alla grande cerimonia di apertura della nuova stazione centrale dei treni di Città della Repubblica; durante il discorso del presidente Raiko e il taglio del fiocco da parte di Asami, giocò con Pabu seduto sulla sua spalla.

Ikki arrabbiata per le parole di Meelo

Verso sera tornò al Tempio dell’Aria con i suoi, il principe Wu, Lin, Mako e la coppia presidenziale. Durante il pasto Meelo le chiese se Korra lo riconoscerà e reagì con indifferenza dalla sua idea che era diventato irriconoscibile, dato che ora era un uomo. Quando un accolite dell’aria avvertì i presenti dell’arrivo di una nave dal sud, insieme agli altri corse verso il porto per salutare Korra che doveva tornare con quella nave. Ikki grattò la pancia di Naga felice, che si era messa sulla schiena davanti a lei, ma si bloccò per lo shock nell'apprendere che alquanto pareva Korra aveva lasciato la Tribù dell’Acqua del Sud già mezz’anno fa. Il giorno seguente la situazione politica divenne così delicata che Tenzin diede ai suoi figli l’incarico di trovare l’Avatar disperso. Quando Meelo notò che lui era molto più affidabile delle sue sorelle, Ikki e Jinora lo fissarono con uno sguardo scocciato.

Ikki esasperata con suo fratello

I tre fratelli partirono la mattina seguente, Ikki aiutò a caricare il bisonte dell’aria di Jinora, Pepper. Mentre stava posando i loro bagagli sulla sella, Meelo le lanciò un sacco direttamente in faccia, il che la spinse ad inseguirlo arrabbiata. Quando sentì sua madre esprimere le sue paure di vedere i suoi figli partire per una avventura del genere senza un adulto, Ikki la calmò e notò che Aang e i suoi amici avevano avuto più o meno la loro età quando stavano viaggiando per il mondo. Prima di partite, Ikki abbracciò sua madre e Rohan per poi saltare su Peeper e lasciare Città della Repubblica.

Alla ricerca di Korra[]

Impressionata del disegno di Meelo

Il gruppo si fermò a una stupa in cima a una montagna vicino a un villaggio per permettere a Meelo di andare in bagno e a Jinora di fare un primo tentativo di localizzare Korra. Ikki le chiese di salutarla in caso la dovesse contattare, alcuni secondi dopo chiese se aveva già avuto successo, poi volle sapere perché ci stava mettendo così tanto. Quando sua sorella le chiese esasperata di giocare con degli spiriti, dato che stava disturbando la sua concentrazione, sospirò delusa e spiegò a suo fratellino che i poteri spirituali di Jinora non funzionavano. Meelo suggerì di andare al villaggio accanto per chiedere se magari qualcuno aveva visto l’Avatar e Ikki acconsentì entusiasta. Il ragazzino le ordinò di essere silenziosa e di prendere con sé il ritratto di Korra che aveva fatto. Vedendo il disegno estremamente realistico, Ikki commentò che non sapeva che lui potesse disegnare così bene, ma Meelo sorrise solo che c’erano tante cose che lei non sapeva su di lui.

Si deve difendere alla accuse di Meelo

Una volta arrivati al villaggio, Ikki mostrò il disegno a una donna anziana che affermava di non sapere nulla sull’Avatar, ma pensava che Meelo fosse molto carino e gli pizzicò le guance. Il ragazzino, imbarazzato, ordinò a sua sorella di dimenticare questo episodio all’istante e i due si divisero per continuare la ricerca. Non ebbero successo, per cui continuarono nel prossimo villaggio, ma non sembrava andare meglio. Durante la ricerca Ikki scoprì Meelo a flirtare con una ragazzina del posto e insinuò sorridente che aveva trovato una fidanzatina. Nonostante suo fratello le ordinò di lasciarla in pace, Ikki scese sulla strada e rivelò che Jinora lo stava cercando per continuare la ricerca altrove. Il trio raggiunse un villaggio sulla costa oceanica, dove Meelo li chiamò entusiasta per aver trovato Korra, Ikki e Jinora accorsero subito, ma vennero delusi dallo scoprire che si trattava solo di una sua foto. Quando il venditore di pesce, che aveva fatto questa foto, rivelò che non sapeva dove Korra fosse andata dopo, Meelo accusò Ikki che non si impegnava a fondo in questa missione.  Mentre il ragazzino si allontanò, lei chiese a sua sorella se si ricordava di quando Meelo era stato un bambino dolce e affettuoso, ma Jinora rispose che non lo era mai stato.

Ed é finita nei guai

Durante un'altra pausa, Ikki stava cercando il grande sacco con le provviste di sua madre, ma quando Meelo la informò che lo aveva buttato nel fiume per poter vivere dalla natura cacciando, si arrabbiò moltissimo con lui. Inoltre precisò che vegetariani come loro non andavano a caccia, ma Meelo la ignorò cocciuto. Dopo un grido di frustrazione assonnate, Ikki si allontanò e corse nella foresta accanto infuriata. Per rilasciare una parte della sua rabbia, imitò i suoi fratelli e rilasciò un getto d’aria nella vegetazione che spaventò un pentauro dello zucchero che stava mangiando una noce. Ikki si scusò con la creatura e la inseguì per ridargli al sua noce che aveva lasciato indietro. Ma durante l’inseguimento si distrae e si schiantò contro un ramo per poi finire a terra su una radura nella foresta. Quando realizzò che la radura era causata dall'abbattimento degli alberi, venne scoperta e catturata da due soldati dell’Impero della Terra.

Ikki e i soldati

Dopo essere portata alla loro baracca, Ikki venne legata a una sedia e interrogata per scoprire le sue ragioni per aver trapassato le frontiere. La bambina chiarì subito che non era una spia, poi iniziò a spiegare tutto a velocità mitragliatrice per finire con la rivelazione che era la figlia di Tenzin. I soldati ora cercarono di sembrare più amichevoli con lei e le offrirono dei macaron, ma Ikki li riconobbe come quelli fatti dalla mamma. Quando le chiesero dei suoi fratelli, la bambina cambiò argomento e affermò che non voleva neanche saperlo e che preferiva stare con loro due.

Almeno le lascia un regalino

I tre iniziarono una conversazione, durante la quale i soldati si lamentarono di essere stati lasciati indietro da Kuvira e costantemente esclusi. Ikki provò simpatia per questo, dato che anche lei si sentiva spesso esclusa dai suoi fratelli. Notando che Meelo e Jinora non la stavano aiutando nella sua ricerca per Korra, i due soldati si offrirono di aiutarla. Le diedero una mappa della zona, così Ikki usò facilmente delle corde che la legavano e indicò la strada finora fatta. Quando uno dei soldati notò che un avvistamento dell’Avatar sarebbe stato segnalato sicuramente, Ikki chiese di un punto della mappa senza stazionamenti dell’armata, e le venne spiegato che quello era la Plaude Nebbiosa, nessuno osava avvicinarsi. Giusto nel momento in cui i due soldati la volevano rilasciare, rassicurandola che possedeva un grande cuore e che era un membro importante della squadra, Meelo e Jinora irruppero nella baracca e colpirono i due uomini. Ikki reagì con leggera scocciatura e uscì completamente dalle corde, notando che aveva tutto sotto controllo, incluso aver ritrovato le provviste e avere un’idea su dove cerare Korra. Prima di lasciare la baracca, si scusò con i due soldati per il comportamento brusco dei suoi fratelli e gli lasciò due involtini dolci con le faccine allegre fatta da Pema.

Ikki conosce Toph Beifong

Mentre Pepper stava sorvolando la palude, Ikki notò che era comprensibile che Korra potesse ritirarsi in un posto così attivo spiritualmente per guarire. Quando Jinora non riusciva a percepire la presenza dell’Avatar e voleva andarsene, Ikki la implorò di continuare, ma sua sorella non si lasciò commuovere e ordinò a Pepper di volare via. Inaspettatamente delle liane aggrapparono il bisonte dell’aria e lo trascinarono a terra, Ikki lo prese per un indizio che si stavano trovando nel posto giusto. Jinora continuò ad essere scettica e notò che non riusciva a percepire Korra, ma Ikki sbuffò che finora non l’aveva mai potuto sentire in qualunque posto. Lei e Meelo iniziarono una discussione accesa, durante la quale il ragazzino affermava che era stanco a fidarsi di lei, ma i due vennero silenziato dalla sorella maggiore quando questa annunciò di aver sentito la presenza di Korra nelle vicinanze. I tre fratelli raggiunsero l’Albero Banyano dove finalmente trovarono la persona cercata e le spiegarono che l’avevano trovata collaborando. Dopo essere stati presentati a Toph Beifong, i tre imploravano Korra tornare a casa per fermare Kuvira.  Il gruppo tornò nella caverna di Toph dove i tre fratelli seguirono come Korra si estrae i resti del veleno dal suo corpo per poi ripartire verso Città della Repubblica.

Ikki deve rimanere indietro

Durante il volo Ikki osservò suo fratello diventare sempre più entusiasta della prospettiva di andare a Zaofu per vedere Korra affrontare Kuvira. Arrivarono nella città del clan del metallo e vennero accolti come ospiti, ma durante la notte vennero svegliati dall'annuncio di Kuvira che aveva arrestato Suyin Beifong per tentato assassinio.  Ikki dichiarò di voler accompagnare Korra, Opal e Jinora nel loro tentativo di negoziare con la dittatrice, ma sua sorella le ordinò di rimanere indietro e di aspettare in sicurezza. Ikki continuò a implorarle, ma Korra le chiese di rimanere con Huan e Baatar, dato che non poteva rischiare la cattura di altre persone.

Ikki deve trattenere Opal

La mattina seguente, la bambina rimase sotto la tutela di Huan Beifong, che la incitò a dipingere e le fece i complimenti per essere stata in grado di catturare le sue emozioni crude. Ma l’ora di arte venne interrotta da Jinora che gli chiese disperatamente aiuto tramite la proiezione astrale. Ikki e Meelo partirono con Pepper per salvare Opal, Jinora e Korra per poi lasciare Zaofu in fretta e furia. Lei e Jinora dovevano trattenere Opal che stava per buttarsi giù per andare ad aiutare la sua famiglia, prigionieri di Kuvira. Una volta tornati all'Isola del Tempio dell’Aria, Ikki corse dai suoi genitori e ricevette i complimenti per l'ottimo lavoro svolto.

Alla difesa di Città della Repubblica[]

Tutta la famiglia decide di restare

Dopo che Raiko, in vista dell’attacco imminente di Kuvira, aveva dichiarato l’evacuazione di Città della Repubblica come obbligatoria, Ikki si ritirò nella sua stanza insieme ai fratelli e la madre a fare i bagagli. Ma dopo aver parlato tra di loro, la famiglia decise di rimanere in città, dato che la ritenevano la loro patria che aveva bisogno di ogni aiuto possibile. Dopo che Pema aveva informato suo marito di questa decisione, si scambiarono un abbraccio caloroso, poi il capofamiglia ordinò ai suoi figli di aiutare gli altri dominatori dell’aria a monitorare l’avanzamento dell’armata nemica dall’alto.

Ikki ascolta il piano di Korra

Une settimana più tardi il nemico era alle porte, così Ikki e gli altri dominatori dell’aria si riunirono sui tetti, dai quali osservarono il raduno dell’Armata Unita e l’arrivo dell’armata di Kuvira. Come gli altri, anche la bambina rimase scioccata dalla visione di un mecha gigantesco che in pochi minuti distrusse da solo l’intera Flotta Unita con il suo cannone spiritale, spingendo tutti a ritirarsi nella fabbrica di Industrie del Futuro. Quando Korra non la scelse per la sua missione segreta di catturare Baatar Jr con l’aiuto di alcuni dominatori dell’aria, Ikki inizialmente era rimasta delusa, ma accettò la decisione senza proteste. Al loro ritorno osservò i vari tentativi di Suyin e Korra di convincere il vice-comandante a collaborare e dovette poi scappare per salvarsi la pelle quando Kuvira rintracciò la chiamata radio di Baatar Jr e fece saltare in aria l’intera fabbrica.

Ikki aiuta nella lotta

Come gli altri, anche Ikki riuscì a sopravvivere all’esplosione e uscì dalle macerie grazie a Bolin alzò una massa enorme di cemento. Mentre Asami e Varrick si avviarono per la torre di Industrie del Futuro per rendere operabili i due prototipi del mecha Colibrì, lei e gli altri dominatori affrontarono Kuvira e la sua armata per fermarli o almeno rallentarli. Seguendo l’idea di Meelo, Ikki e gli altri dominatori dell’aria presero con sé dei palloncini pieni di vernice che lanciarono addosso alle finestre del mecha gigantesco per oscurargli la vista. In questo modo i dominatori del metallo riuscirono a legargli le gambe e, seguendo il segnale di Bolin, di tentare di fargli perdere l’equilibrio. Ikki e gli altri dominatori dell’aria crearono una potente corrente d’aria che colpì il colosso di Kuvira in pieno, ma questo riuscì a mantenere la stabilità e di passare al contrattacco. Ikki e gli altri dovettero scappare alla svelta per evitare un raggio del cannone spirituale di Kuvira che li rese abbastanza scombussolati nonostante li aveva mancati. La bambina si ritrovò seduta a terra mezza intontita, Kai si avvicinò a lei e le chiese se stava bene, poi tutti si ritirarono alla torre di Asami per trovare un nuovo piano. I dominatori dovevano attaccare il mecha colossale di Kuvira senza sosta per distrarlo e permettere ai due mecha Colibrì di atterrare sulla sua corazza di platino per tagliare un buco senza rimanere schiacciati.

Ikki salva Jinora

Quando Kuvira prese di mira Avatar Korra, Ikki e la sua famiglia, Daw e Kai collaborarono per creare un tornado che colpì il braccio esteso del mecha e lo spinse giù per terra, facendogli sbagliare mira. Nonostante che Ikki e Meelo riuscirono ad atterrare in sicurezza, i due notarono che Jinora e loro padre, dopo aver schivato il cannone per un pelo, avevano perso la conoscenza e che stavano precipitando a peso morto. Ikki si avviò velocemente e prese sua sorella in braccio per poggiarla su un tetto vicino, dal quale vide come Meelo era riuscito a rallentare la caduta di Tenzin appena in tempo.

Alla fine il loro piano ebbe successo e mentre Korra, Lin, Suyin, Mako e Bolin infiltrarono il mecha gigante, Ikki corse per le strade della città con la sua famiglia. Ma prima che potessero raggiungere un posto sicuro vennero investiti da un onda d’urto causata da fuoco incontrollato del cannone spirituale nella Foresta degli Spiriti. Seguì un’esplosione gigantesca che si espanse per tutto il centro della città, la famiglia era costretta a fuggire nell'atrio di una casa per ripararsi dal fumo e i macigni.

Ikki abbraccia Korra

Quando il fumo si era chiarito, Ikki seguì la sua famiglia alla Foresta degli Spiriti dove ora si eresse un nuovo Portale degli Spiriti. Dopo aver realizzato che Korra e Kuvira erano scomparse, si unì al Team Avatar nella loro ricerca, controllando dall’alto. Alcuni minuti dopo notò sorpresa il ritorno degli spiriti e quando vide uscire dal portale una Kuvira sorretta da Korra, era molto felice di rivedere la sua amica. La dittatrice si arrese e venne portata via in manette, in seguito Ikki si unì all'abbraccio collettivo sull’Avatar.

Ikki era anche presente alle nozze di Varrick e Zhu Li alcune settimane dopo, all’inizio delle danze, trascinò sul palco un Huan in apparente imbarazzo. Mentre lui rimaneva fermo come una statua, lei iniziava a saltellare in giro tenendo le sue mani.

"Mondi contesi" e "Ripulire l'aria"[]

Zhu Li da gli ordini per il giorno

Nelle settimane seguenti Ikki si unì alla sua famiglia nei lavori al campo dei profughi temporaneo nei pressi della città. Stava ascoltando le istruzioni di Zhu Li a tutti i volontari, quando vennero distratti dall'arrivo di Korra e Asami nella tenda, che erano tornate dalla loro vacanza nel Mondo degli Spiriti. Eccitata dal rivederle, Ikki volle subito sapere tutto sulla loro avventura.

Korra salva Ikki

In seguito Ikki accompagnò Korra, i suoi fratelli e padre e alcuni dominatori dell'aria per un viaggio attraverso il portale degli spiriti, ma al loro arrivo vide come'era ridotto quel mondo normalmente cosi colorato, Meelo la ringraziò sarcasticamente per averlo svegliato per una delusione del genere. Quando scesero per controllare meglio, un viticcio spinoso si avvolse intorno alla sua mano, facendola andare in panico, ma venne liberata da Korra. Il gruppo si sbrigò a tornare nel mondo materiale per raccontare della loro avventura, ma si ritrovò davanti all'esercito delle Forze Unite sotto il Generale Iroh.

Gioia per la vittoria di Zhu Li

Poco dopo Ikki si unì alla sua famiglia nella loro protesta pacifica per proteggere il nuovo Portale degli Spiriti sia da Weyun Keum che le Forte Unite, ordinate sul posto dal presidente Raiko, e resistette nonostante gli attacchi ripetuti. Ikki era anche presente all'annuncio dei risultati delle elezioni alcune settimane dopo ed era molto felice dell’apprendere che Zhu Li aveva vinto alla grande. Con grande gioia e fierezza ascoltò il suo primo discorso come nuova presidentessa della Repubblica Unita.

Qualche tempo dopo, Ikki e Jinora finirono in una lite dopo aver accidentalmente strappato un rotolo di un testo. Suo padre spiegò il metodo dei nomadi dell’aria di risolvere conflitti raccontando una storia della sua gioventù. Ma purtroppo questo non ebbe l’effetto desiderato, dato che i bambini iniziarono a litigare sul metodo giusto per “ripulire l’aria”.

Personalità[]

Ikki è una bambina estremamente curiosa e iper-attiva, sembra che la sua mente stesse sempre viaggiando a velocità supersonica. Ha mille domande per ogni cosa che vede e sente, tutto è affascinante e da fuoco alla sua fantasia. Non si placa finché non ha chiarito ogni dubbio, cosa per lei assai improbabile.

La sua curiosità viaggia in compagnia della sua energia apparentemente illimitata, portandola ad essere ogni tanto persino una ficcanaso senza tatto, come quando rivelò a Asami senza contenimento la cotta di Korra verso Mako per poi arrabbiarsi della reazione scocciata e aggressiva dell’Avatar. Un altro esempio è quando interruppe la conversazione tra sua nonna e Jinora per tempestare Katara con domande a velocità mitragliatrice. La natura impaziente e in netto contrasto con la calma di Jinora e l’autoritarismo di Meelo e prona a creare conflitti. Inoltre la sua sincerità disarmante non è certa d’aiuto. Nonostante questo è capace di crearsi amici velocemente ed è pronta ad aiutare dove può.

Ikki è intelligente e ha una buona memoria per immagazzinare i fatti raccolti, non aveva problemi e tener passo con il bombardamento di domande di Bolin al suo arrivo al Tempio dell’Aria, rispondendo alle domane con velocità sorprendente. Era stata persino capace di ricordarsi il numero di alberi presenti su tutta l’isola, dimostrando di non essere solo parole.

A parte della sua personalità energetica, quando vuole sa anche essere calma e saggia, prendendosi il tempo di osservare il suo ambiente intorno e dando consigli riguardo l’amore di famiglia.

Abilità[]

Nonostante sia ancora un'allieva, Ikki dimostra un'abilità notevole nel dominio dell'aria. Già a 10 anni sa volare con l'aliante e generare una brezza abbastanza forte da far partire i cancelli roteanti, inoltre è capace di superare i suoi fratelli e anche Korra in una gara di scooter aereo. Se ci si mette d'impegno, è capace di sconfiggere uomini adulti con esso, come visto contro i Paritari durante l'attacco all'isola. Quando Korra l'aveva catapultata in aria, era stata capace di atterrare tranquillamente. Ha anche dimostrato un controllo abbastanza fine delle correnti d'aria che sa suonare un corno rituale con grande maestria. Alcuni anni più tardi ha imparato anche a volare con la nuova tuta alare.

Trivia[]

  • Ikki é un nome giapponese con significati diversi tipicamente maschile, tra cui "splendore", "lucidezza" oppure "scintillare". La traduzione letteraria invece sarebbe "tumulto", "insurrezione", entrambe le versioni si addicono a lei.
  • Nel finlandese "Tuulikki" vuol dire "piccolo vento" che si addice alla giovane dominatrice dell'aria.
  • In varie lingue turche "ikki" vuol anche dire "due", in linea con il suo essere la secondogenita.
  • I suoi vestiti sono molto simili a quelli di Aang nel primo e secondo libro.
  • Ikki é uno dei solo tre nomi in Avatar che è un palindroma, gli altri sono Appa e Kuruk.
  • In contrasto a sua sorella maggiore, a Ikki non piace leggere per acquisire sapienza, lei chiede direttamente.
Advertisement