Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Hama era stata una maestra del dominio dell'acqua proveniente dalla Tribù dell'Acqua del Sud che era stata l'ultima ad essere stata catturata e portata via dall'armata della Nazione del Fuoco. Dopo decenni di prigionia terribile, riuscì a fuggire tramite il dominio del sangue, da lei inventato, per poi rifugiarsi in un villaggio della Nazione del Fuoco. Anche dopo tutti questi anni ha continuato a cercare la sua vendetta rapendo persone ogni luna piena e ha tentato di insegnare la sua arte a Katara per portarla avanti.

Storia[]

Gioventù[]

L3 E08 Hama contro invasione

Hama affronta la Nazione del Fuoco

Hama nacque nella Tribù dell’Acqua del Sud e nei suoi primi anni visse una vita semplice ma felice, e presto scoprì di essere una dominatrice dell’acqua come tanti. Una della sua migliore amiche fu Kanna che era apparsa da chissà dove, ma la loro vita era destinata a cambiare quando circa intorno all’anno 40 DG la Nazione del Fuoco iniziò con i suoi attacchi contro la Tribù dell’Acqua del Sud. Seguendo l’ordine del Signore del Fuoco Azulon, l’armata del fuoco esegui innumerevoli attacchi veloci e precisi con l’obiettivo di catturare tutti i dominatori dell’acqua per destabilizzare la loro forza militare. Hama e i suoi compagni li affrontavano senza timore e riuscirono a congelare una nave intera e di intrappolarlo sopra un ghiacciaio.

Purtroppo gli attacchi sempre più brutali continuarono senza pietà e un dominatore dell’acqua dopo l’altro venne catturato e portato via, finché Hama non rimase l’ultima a difendere la sua tribù. Dopo l’ennesimo attacco era costretta ad arrendersi e venne incatenata a portato via su una nave del fuoco dopo aver guardato per l’ultima volta Kanna e i suoi amici.  

Prigionia e fuga[]

Hama prigioneria

Nella mani del nemico

Come gli altri dominatori dell’acqua, anche Hama venne imprigionata in una gabbia fatta di legno solitaria senza nessun contatto fisico con gli altri. Inoltre l’umidità dell’aria venne tenuta al minimo per impedire che potessero raccogliere l’acqua per tentare la fuga e, ogni volta quando gli diedero da bere, le loro braccia e gambe vennero legate per immobilizzarli.

L3 E08 Hama sviluppa dominio del sangue

Hama controlla i ratti della prigione

Nonostante ciò, Hama manteneva i suoi sensi allertati e si accorse del flusso di potere di ogni luna piena e confidò nella sorte di trovare un modo di fuggire da questo tormento. Dopo essere stata prigioniera per decenni, realizzò infine che acqua esisteva in ogni essere vivente e che poteva tentare di controllarla all'interno del loro corpo. Si rese conto che poteva allenarsi a manipolare l’acqua nei corpi di ratti elefante che infestavano la sua gabbia soltanto in quelle notti, ma nonostante ciò riuscì a padroneggiare questa abilità dopo parecchi anni di pratica. Il suo isolamento l’aveva resa estremamente fredda e crudele in confronto dei suoi guardiani, così, in una notte di luna piena, mise in atto il suo piano: usò quello che le aveva chiamato “dominio del sangue” sulla guardia di turno e la costrinse ad aprire la sua gabbia per poi renderla incosciente e fuggire dalla prigione.

Hama fuggì fino a raggiungere un piccolo villaggio dove si nascose e assunse il ruolo di una proprietaria di un piccolo albergo. Mentre all'esterno si finse una signora anziana simpatica e amichevole, in segreto bramò ancora vendetta atroce per le violenze subita durante sua prigionia che la spinse a vedere ogni cittadino della Nazione del Fuoco come un nemico. Iniziò così ad usare il dominio del fuoco ogni luna piena per abdurre abitanti del villaggio costringendoli a camminare su per una montagna per imprigionarli in una grotta. Una delle rare persone di esserli sfuggirli fu il vecchio Ding che lo aveva già in pugno, ma prima che potesse chiudere la porta della prigione, arrivò l’alba e il sole spezzò il suo controllo sull'uomo, premettendogli la fuga.

Incontro con Katara[]

L3 E08 Gruppo con Hama

Li offre di stare da lei per la notte

Decenni dopo la sua fuga, Hama beccò il Team Avatar nel bosco vicino al suo villaggio e sentì parlare Katara della storia di Nini, una ragazza della Tribù dell’Acqua, riconoscendola come un membro della sua tribù natia. Si presentò a loro, spaventandoli non poco, per invitarli a pernottare nel suo albergo, avvertendoli del pericolo di persone che stavano scomparendo durante le notti della luna piena. I ragazzi accettarono l’offerta con gratitudine.

L3 E08 Hama pettine

Il suo tesoro più grande

La mattina seguente i ragazzi la aiutarono a fare la spesa in paese, dove Hama e Katara iniziarono ad andare d’accordo molto bene, mentre Sokka da canto suo iniziava a diventare sospettoso di questa strana signora. Dopo il ritorno a casa, questa beccò il gruppo di ragazzi che stava sbirciando di nascosto nel soffitto della casa e stavano per intrufolarsi nel soffitto per aprire una cassa misteriosa e sospetta. Hama li sorprese con la sua comparsa, spaventandoli molto, ma poi aprì la cassa per mostragli il suo tesoro più grande: un pettine della Tribù dell’Acqua, la sua patria.

L3 E08 Katara consola Hama

Katara prova pietà per la sua compaesana

Di nuovo nel soggiorno, Hama spiegò la sua storia e come venne catturata e portata qua contro il suo volere per poi essere riuscita a fuggire. Mentre descrisse molto a fondo gli anni di resistenza al polo sud, mantenne il silenzio sul modo esatto della sua fuga, affamando che il ricordo era troppo doloroso. Katara la abbracciò commossa e la chiamò un eroe per la tribù, poi Hama le offrì di insegnarle ogni cosa che sapeva per portare avanti la tradizione del dominio dell’acqua del sud per impedire che si estingua. La ragazza accettò con grande entusiasmo.

L3 E08 Hama dimostrazione

Attira l'umidità dall'aria

L’addestramento iniziò la mattina seguente, dove per prima cosa Hama spiegò la necessità per un dominatore dell’acqua di procurarsi acqua anche in posto apparentemente arrido, dato che è il suo punto debole rimanere senza. Dimostrò questo attirando l’umidità dall'aria circostante per creare alcuni ghiaccioli sulla mano che lanciò contro un albero. Avvertì la sua studentessa di mantenere sempre una mente aperta e di realizzare che acqua si poteva trovare anche in posti inattesi- la lodò quando questa raccontò che aveva usato il suo sudore per liberarsi da una cella.

L3 E08 Hama attira acqua dalle piante

L'acqua esiste in ogni essere vivente

Poco dopo la portò su un campo di fiori di gigli di fuoco e spiegò che si poteva anche raccogliere acqua dagli esseri viventi e dimostrò questa tesi attirando a sé l’acqua delle piante per cerare una ama di acqua abbastanza forte da tagliere una roccia. Mentre Katara si dimostrò impressionata, non poté nascondere la sua tristezza per i fiori distrutti per colpa di questa tecnica. Hama ignorò la sua preoccupazione ribadendo che erano soltanto fiori e un dominatore dell’acqua in un paese straniero e ostile doveva fare di tutto per sopravvivere. In seguito a questa dimostrazione, la signora offrì a Katara di insegnarle una tecnica possibile soltanto durante una notte di luna piena, ma questa rispose con paura per le storie sulle persone scomparse proprio durante notti del genere. Hama la calmò con la frase che due maestri del dominio dell’acqua durante una luna piena non avevano nulla da temere.

L3 E08 Hama luna piena

Finalmente fa cadere la sua maschera

Quella notte, Hama guidò Katara a una foresta vicina e le rivelò il segreto del dominio del sangue e come poteva controllare altri esseri viventi tramite ad esso. A sua grande delusione la ragazza reagì con orrore all’idea di controllare un’altra persona come una marionetta e si rifiutò categoricamente di imparare quest’arte. La signora ribadì che non era una scelta che le spettava, dato che il potere esisteva anche senza che lei lo voglia. Spinta da un’ira improvvisa, dichiarò che i dominatori dell’acqua dovevano cercare la vendetta contro la Nazione del Fuoco che voleva estirpare la loro intera cultura. Questo fece realizzare Katara che era stata lei l’artefice di questi strani avvenimenti recenti, ma Hama non si sentì minimamente in colpa, affermando che ogni cittadino della Nazione del Fuoco si meritava questo trattamento come vendetta per lei e i suoi compagni del sud. Sentendo questo, la ragazza rafforzò la sua avversione contro il dominio del sangue e aggiunse decisa che non permetterà che lei continui a terrorizzare questa cittadina.

L3 E08 Hama vero volto

Il volto di una strega

Con la sua identità esposta, Hama dominò il sangue di Katara per costringerla temporaneamente in ginocchio. Ma la ragazza si riprese poco dopo e si riprese il controllo sul suo corpo, avvertendo che il suo potere era inutile, dato che lei era la dominatrice dell’acqua più potente. I due iniziarono un duello violento, attirando acqua dall’erba, dagli alberi e dall'aria per attaccare.

L3 E08 Hama risata finale

Sei una dominatrice dell sangue, Katara!

Katara stava per avere la meglio sulla dominatrice anziana quando arrivarono sul posto Sokka e Katara che nel frattempo avevano liberato i prigionieri sulla montagna e scoperto l’identità di Hama. Purtroppo questo diede alla dominatrice del sangue l’occasione per mettere sotto pressione Katara e li fece attaccare la loro amica. Katara riuscì ad evitare il primo assalto, ma Hama fece alzare a Sokka la spada contro Aang e stava per colpirlo. Ma un attimo prima che la lama infilzasse l’Avatar, Katara usò il dominio del sangue per fermare Hama e liberare i suoi amici dalla sua stretta. In quel momento arrivò Toph con gli altri abitanti del villaggio che arrestarono Hama e la potarono via con l promessa di incarcerarla per il resto della sua vita. Questa non fece resistenza, ma rise che il suo lavoro era finito, dato che ha insegnato a Katara il dominio del sangue, poi scoppiò a ridere come una pazza, lasciando la ragazza indietro con le lacrime agli occhi.

Dopo la guerra[]

(questo paragrafo si riferisce alle informazioni del gioco di ruolo canonico "Avatar Legends")

Nella sua seconda prigionia, Hama ora era nota e famosa in tutta la nazione per la sua abilità, ma al contrario degli altri dominatori dell’acqua, che il nuovo Signore del Fuoco Zuko fece liberare dopo al fine della guerra, Hama venne considerata un caso speciale e rimase in prigione per il timore di causare danni alla civilizzazione. Dopo estenuanti negoziazioni, la Nazione del Fuoco firmò il consenso di trasferirla alla Tribù dell’Acqua del Sud, ma alla condizione che non lascerà mai più la nuova capitale. Purtroppo il trasferimento non andò a buon fine, dato che Hama venne attaccata da un gruppo di veterani della guerra arrabbiati che volevano ricatturarla. Questa ovviamente non si arrese senza combattere, ma non si sa come sia finita…

Personalità[]

Si può dire che Hama sia un esempio del detto "Se non riesci a morire da eroe, vivrai abbastanza a lungo per diventare un cattivo". La ragazza gentile, premurosa e determinata di un tempo amica di Kanna, con gli anni di prigionia si è trasformata in una donna crudele, opportunista e pragmatica che di occupa soltanto del suo vantaggio. Da anziana, riesce ad apparire al pubblico come una tipica signora altruista che si occupa dei suoi vicini come una madre, il che attirò l'interesse e la compassione di Katara. La sua natura determinata le ha permesso di resistere alla torture dei soldati del fuoco e gli anni in prigione solitaria, anche se hanno distorto la sua umanità e l'hanno resa crudele e mentalmente instabile. Ha sviluppato il pensiero machiavelliano che per sopravvivere era lecito tutto, ogni azione meschina, ogni sacrifico. La scoperta del dominio del sangue ha riacceso la sua determinazione mista a una sete di potere che rasentava la pazzia che nutrì la sua sete di vendetta contro coloro che l'hanno catturata e imprigionata. nella sua pazzia ha iniziato a vedere ogni cittadino della Nazione del Fuoco come complice delle atrocità della nazione e fece di tutto per causare danni ad essa. Istigata dalla ira, ha iniziato ad usare il suo potere per catturare e imprigionare cittadini innocenti come punizione della Nazione del Fuoco per aver devastato la Tribù dell'Acqua del Sud. Non mostrò alcun pentimento o pietà e li trattò nello stesso modo disumano come era stata trattata lei, ampliando questo atteggiamento anche alla sua allieva che si era rifiutata di imparare il dominio del sangue.

Quando incontrò Katara, il suo desiderio di preservare lo stile di dominio dell'acqua del sud poteva anche essere genuino, dato che voleva impedire che si estinguesse con lei, ma aveva tutta l'intenzione di insegnarle anche il dominio del sangue. Avendo davanti una maestra del dominio dell'acqua del sud, per lei diventò ovvio che questa ragazza doveva impararlo per portare avanti il suo lavoro di vendetta, volente o nolente. Si era dimostrata una insegnante molto valida e capace, dando spiegazioni logiche con una dimostrazione pratica al suo seguito. Ma il suo obiettivo era il dominio del sangue e preparò Katara affinché capisse il suo ragionamento, ma fu delusa dal fatto che la ragazza si rifiutò e lo vide come un'atrocità. Ma non si arrese e cambiò tattica: costringendo Katara ad usarlo contro di lei per salvare i suoi amici, cosa che effettivamente successe. Poteva anche essere di nuovo imprigionata, era comunque sicura che Katara porterà la sua vendetta contro la Nazione del Fuoco, ora che aveva in mano questo strumento di potere.

Abilità[]

Dominio dell'acqua[]

Hama era sempre stata una dominatrice dell'acqua molto potente che resistette fino all'ultimo contro gli invasori. Verso la fine della Guerra dei Cent'Anni era rimasta l'unica maestra del dominio dell'acqua che praticava esclusivamente lo stile del sud, finché non passò la sua sapienza a Katara.

Hama non solo era molto potente, ma anche innovativa e creativa nell'uso della sua arte, ben conscia del punto debole del suo dominio, ovvero il rischio di non aver a disposizione il suo elemento per dominarlo. Per raggirarle questo problema, imparò ad estrarre l'acqua dall'aria, dall'erba e dagli alberi per non essere mai disarmata, il che la rese un'avversaria ostica e pericolosa. La sua lama di acqua poteva tagliare un macigno di alcune tonnellate, creato dall'acqua di fiori e erba.

Dominio del sangue[]

Dopo essersi resa contro che, per principio degli esseri viventi, acqua era la componente più grande di un corpo, Hama creò e perfezionò il dominio del sangue con una determinazione eccezionale che rasentava una fissazione. Dopo anni di allenamento riusci a controllare un corpo vivente manipolando il sangue nelle sue vene come se fosse un burattino, agendo contro il volere della sua vittima. Questo potere era limitato alle notti di luna piena, ma poteva controllare anche due persone contemporaneamente come fece con Aang e Sokka, ma poteva essere spezzato da una dominatrice dell'acqua più potente oppure dal suo dominio del sangue.

Altro[]

Hama era un'insegnante molto capace che riuscì a passare la sue conoscenza a Katara in poco più di un giorno, anche se lei era già una maestra. Inoltre di dimostrò di essere un'attrice molto credibile, nascondendo la sua ira contro i cittadini del suo villaggio in modo convincente. Era persino stata capace di ingannare Toph che poteva percepire le menzogne, Dopo la sua fuga, nessuno s'immaginò che questa signora in realtà non era natia della Nazione del Fuoco, provando ancora la sua grande capacità di attrice.

Trivia[]

  • Il suo nome proviene dal greco αίμα (aima) che vuol dire "sangue" ( vedasi per esempio "emoglobina")
  • Hama era stata l'unica dominatrice dell'acqua del sud senza occhi azzurri, dato i suoi erano grigi.
  • Inoltre aveva la pelle molto chiara per la sua etnia, il che le aiutò a nascondersi nella Nazione del Fuoco.
  • Hama venne anche menzionata nel film "L'ultimo dominatore dell'aria" come l'ultima dominatrice dell'acqua che era stata portata via.
  • Hama era stata la prima antagonista proveniente da una Tribù dell'Acqua e finora l'unica cattiva di quella del sud.
  • Hama ha inventato il dominio del sangue, dopo di lei c'erano stati solo altri quattro: Katara, Yakone, Tarrlok e Amon/Noatak
  • I pupazzi che Sokka trovò quando sbirciava intorno nella sua casa sono stati fatti per somigliare alle persone catturate. Inoltre sono un collegamento al titolo originale dell'episodio.
  • Al contrario di Katara, Hama non cambiò acconciatura quando si travesti da cittadina della Nazione del Fuoco, ma aggiunse solo un ornamento del fuoco.
  • La nave che lei e gli altri dominatori dell'acqua congelarono è quella che Aang e Katara trovano in "Il ragazzo nell'iceberg".
Advertisement