Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo era stato un alto ufficiale dell'armata della Nazione del Fuoco dal nome sconosciuto, che era stato il responsabile di una piattaforma per lavori forzati per dominatori della terra arrestati. Era stato un uomo molto meschino e sadico che vedeva i suoi prigionieri solo come poco più di uomini delle caverne e amava prenderli in giro per distruggerli anche il più piccolo barlume di speranza. Si finse spesso educato e gentile, ma usava subito punizioni severissimi anche per trasgressioni minori, il che valeva anche per i suoi stessi uomini. Era avido di rispetto e odiava chiunque glielo negava, anche non intenzionalmente come per esempio esprimere incertezze su un suo ordine.

Storia[]

L1 E06 Katara guardiano

Katara resiste allo sguardo del governatore

Dopo che Katara si era lasciata arrestare di proposito, insieme agli altri dominatori della terra catturati, venne portata su una nave da prigione che raggiunse una piattaforma di metallo posta nel mezzo del mare. Una volta atterrati, il gruppo venne ricevuto dal governatore della piattaforma in persona. L’uomo cercò di vendergli la loro situazione drammatica come positiva, affermando che era solo il loro “oste premuroso e umile”, con il quale era possibile ragionare se ci si comportava bene. Ma la sua maschera falsa cadde qualche secondo dopo quando un prigioniero anziano iniziò a tossire durante il suo discorso, scatenando una reazione dal militare molto violenta: gli sparò davanti ai piedi una palla di fuoco che lo face saltare indietro e lo condannò a una settimana di prigionia solitaria come punizione per questa mancanza di rispetto. Una volta calmato, il guardiano diede agli altri prigionieri un tour della piattaforma- che funzionava sia come prigione che fucina- ribadendo che l’intera struttura era fatta di metallo e lontana miglia e miglia dalla terra ferma, per cui la fuga era impossibile. Soddisfatto dalla loro reazione desolata, li salutò e li lasciò davanti all'entrata degli accampamenti dei prigionieri.

´L1 E06 Guardiano e soldato

Ordina a di svegliare qualcuno

Poco dopo osservò dalla cima delle mura come Katara tentò di incitare i prigionieri a seguirla in una ribellione. Mentre i suoi soldati erano già pronti ad entrare in azione, li fermò per permetterle di finire il suo discorso e, come previsto da lui, vide che nessuno dei prigionieri aveva ancora la forza e la volontà di ribellarsi e sorrise soddisfatto.

Quella notte due sentinelle gli fecero rapporto di aver visto qualcosa di simile a un bisonte volante volare sopra la piattaforma. Ma il guardiano perse la pazienza quando i due soldati iniziarono a discutere se era un bisonte oppure und bufalo. Volle sapere cos’era allora, ma quando uno dei due ripose che non era importante cosa fosse, lo prese come u n’insubordinazione e lo buttò dritto nell'oceano, forse condannandolo a morte. Ordinò al secondo soldato di svegliare il capitano e di setacciare la piattaforma, ma quando venne informato che il capitano era stato quello che aveva appena buttato in mare, gridò infuriato che allora doveva svegliare qualcuno che non era ancora stato buttato in mare.

L1 E06 Guardiano deride Katara

Deride Katara

I soldati trovarono gli intrusi la mattina seguente. Il guardiano si confrontò con Katara e le consigliò di arrendersi subito, altrimenti la dovrà uccidere. Intanto, nel tentativo di incitare i dominatori della terra a reagire, Aang aveva fatto uscire all’aperto le riserve di carbone, ma a grande divertimento del guardiano tutti quanti si ritirarono impauriti. Continuò a infierire sulla ragazza per essere stata così stupida da aver provarti a cambiare il cuore dei dominatori catturati, facendole notare che erano stati spezzati già tanto tempo fa.  

Guardiano cade in acqua

Una degna fine per un essere indegno

Mentre si stava voltando indietro per allontanarsi a testa alta, il governatore venne colpito da un pezzo di carbone in testa che gli aveva lanciato Haru. Infuriato fino al limite, rispose con due potenti getti di fuoco, ma che vennero bloccati da un muro di carbone creato da Tyro. Finalmente si rese conto che era in atto una ribellione e ordinò ai suoi soldati di abbatterli senza nessuna pietà. Ma ora, che la piattaforma era coperta da uno strato di carbone- quindi materiale dominabile dai prigionieri- il vantaggio dei soldati si era azzerato e, con l’aiuto del Team Avatar, presero presto il sopravvento. Il Guardiano venne sbalzato in giro e sollevato in aria da parte di Tryo e due altri dominatori della terra con una lastra di carbone sotto i suoi piedi che poi venne spostata sopra il mare aperto. Preso dalla paura, il governatore li implorò di non lasciarli cadere, dato che non sapeva nuotare, ma ovviamente questa richiesta non venne rispettata. Prima di lascialo cadere, Tyro notò che non doveva preoccuparsi, aveva sentito che i codardi galleggiavano.

Personalità[]

Il guardiano era stato un uomo brutale, sadico e senza cuore che fece soffrire sia i suoi prigionieri che i suoi soldati con i suoi metodi cinici. Era arrogante, privo di compassione e intollerante ad ogni forma di dispetto contro la sua persona, mandando un vecchio in prigione solitaria per una settimana solo per aver tossito durante il suo discorso di benvenuto. Molto similmente lanciò il suo capitano in mare solo per aver osato dichiarare la sua domanda, se l’animale avvistato fosse stato un bisonte o un bufalo, non importante. Minacciò Katara di ucciderla se continuava a istigare gli altri alla rivolta e si divertì a spezzare l’anima delle persone per sentirsi importante e potente. Come prova di un carattere psicopatico, amava presentarsi prima gentile e premuroso, solo per accoltellare la gente alle spalle al minimo segno di insubordinazione, godendosi la loro disperazione. Riteneva la sua cultura della Nazione del Fuoco come principalmente superiore, mentre disprezzava il dominio della terra come arcaico e selvaggio. Ma, come c’era da aspettarselo, in faccia alla sconfitta cambiava completamente atteggiamento e cercò di implorare pietà a coloro che un minuto fa aveva minacciato di morte.

Abilità[]

Il guardiano era stato un dominatore del fuoco notevole, capace di generare potenti getti di fuoco senza stancarsi, ma forse per via della sua età non più giovanissima non era al massimo della sua forza e si limitò ad attaccare persone che non potevano reagire.

Trivia[]

  • Il suo doppiatore inglese era George Takei, famoso per il suo ruolo di Hikaku Sulu in "Star Trek", che é una persona famosa nella comunità LGBTQ+ e un noto attivista per i diritti umani. La sua strana scelta di aver doppiato un personaggio tanto odioso deriva dal fatto che lui la sua famiglia avevano vissuto un'esperienza simile quando, dopo essere arrivati negli USA durante la Seconda Guerra Mondiale, vennero portati in un campo di prigione per immigrati dal Giappone ad Arkansas, solo perché erano appunto ancora cittadini giapponesi.
  • George Takei dona la sua voce al Koh della serie di Netflix.
Advertisement