Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Gommu è un ex-telegrafo delle Forze Unite che ora vive come un senzatetto a Città della Repubblica; ama questo stile di vita e bazzica posti come il parco cittadino oppure le fogne. Di carattere spensierato ed estroverso, non conosce i pregiudizi, nemmeno verso i dominatori, nonostante sia un non-dominatore impoverito. Senza pensarci su, offre alloggio alla Squadra Avatar durante le loro giornate in attesa dell'arrivo della flotta delle Forze Unite.

Non si cura molto del suo aspetto: porta capelli e barba spettinati e vestiti mezzi rotti, e gli mancano anche dei denti. Ma il suo carattere è molto solare, vede sempre il lato buono delle cose e non si lascia mai perdere d'animo, e a suo modo è anche saggio.


Storia[]

Gioventù (prima del 170)[]

Gommu nacque a Città della Repubblica come figlio di due immigrati non-dominatori dalla nazionalità sconosciuta che lo abbandonarono già da piccolo. Crebbe in un orfanotrofio che lasciò a quindici anni per arruolarsi nell'armata delle Forze Unite, mentendo sulla sua età. Fece carriera e diventò un operatore di telegrafia molto abile, e tramite il suo lavoro sulle navi da guerra viaggiò per tutto il mondo e si abituò a questo stile di vita da nomade.

Purtroppo arrivò il momento in cui il suo lavoro diventò obsoleto grazie all'introduzione delle trasmissioni radio e finì senza lavoro, e dovette cambiare postazione sulla terraferma. Questa vita stazionaria non lo soddisfaceva e lasciò l'armata per finire come un senzatetto nelle strade di Città della Repubblica: non per necessità, ma per libera scelta. Dedicò la sua vita ad aiutare le persone in difficoltà come i suoi amici vagabondi che vivono con lui nelle fogne. Trovò un bel cespuglio nel parco della città che dichiarò come sua nuova casa.

Incontro con Korra (170 DG)[]

Gommu si autoinvita al pasto di Korra

Gommu incontrò la giovane donna della tribù dell'acqua che stava gironzolando nel suo parco con un cane polare addestrato e che usò il dominio del fuoco per cuocere i pesci che avevano pescato dal fiume. Vedendo questo, il vagabondo sbucò inavvertitamente dal suo cespuglio e chiese senza tanti intoppi se poteva avere uno di quei pesciolini invitanti. Korra esaudì la sua richiesta e durante questo pasto cercò di istigare una conversazione, venendo a sapere che questo tizio strano stava vivendo volentieri in questo cespuglio e che esistevano parecchi senzatetto a Città della Repubblica. Questa affermazione la confuse, dato che aveva pensato che in questa città la gente era tutta ricca, cosa che fece ridere Gommu apertamente chiamandola novellina. Infatti le disse che doveva ancora imparare molto, e le diede ufficialmente il benvenuto a Città della Repubblica.

Purtroppo la loro conversazione venne interrotta dall'arrivo di un poliziotto che stava correndo verso di loro, gridando che era vietato pescare nel fiume del parco. Gommu si alzò di scatto e avvertì Korra che era meglio darsela a gambe, per poi tuffarsi nel suo fidato cespuglio. Mentre la ragazza scappò con Naga, emerse ancora una volta e la salutò gioioso.

Ospitalità con la squadra dell'Avatar[]

Gommu trasmette il messaggio a Iroh con il suo vecchio telegrafo

Dopo l'invasione di Città della Repubblica da parte dei Paritari, Korra e i suoi amici si nascosero nei sotterranei della città e incontrarono Gommu e i suoi amici che li portarono a un accampamento dove dominatori e non-dominatori vivevano in armonia. Il vagabondo preparò persino da mangiare: una zuppa fatta con i "migliori rifiuti che la città ha da offrire"; Bolin la lodò, mentre Asami ne rimase profondamente disgustata.

Più tardi, dopo la sconfitta della flotta del Generale Iroh, Korra chiese aiuto a Gommu per trasmettere un messaggio segreto al Comandante Bumi, e l'ex-soldato non si fece pregare. Mise su un telegrafo e mandò il messaggio, che purtroppo venne intercettato da Hiroshi Sato. Quando la Squadra Avatar si divise per affrontare Amon, Gommu era molto triste e gli augurò tutta la fortuna del mondo, chiamandoli validi eroi.

Vita alla Foresta degli Spiriti (173- )[]

Nel 173 Gommu si era stabilito nella Foresta degli Spiriti, spuntata nel mezzo della città dopo la Convergenza Armonica e divenne presto amico di molti spiriti che ci vivevano.

Quando Kuvira nel 174 stava minacciando di invadere la città, Gommu si stava giustamente gustando un pesce che aveva pescato nel parco dell'Avatar, ribattezzato in onore di Korra. Sentì alla radio il principe Wu che chiedeva a tutti gli abitanti di evacuare la città e capì che non era uno scherzo. Prese la mano del poliziotto che lo stava rimproverando per la sua azione illegale e corse verso una macchina che stava per lasciare Città della Repubblica.

Trivia[]

  • Il nome di Gommu non viene mai menzionato nel cartone animato, ma solo durante un'intervista dei creatori in vista del finale della serie
  • Con la sua ultima scena si conclude un cerchio che ricorda la sua prima comparsa nel primo episodio
  • Il parco in cui lo vediamo è sempre lo stesso, solo che alla fine verrà ribattezzato "Parco dell'Avatar Korra"
Advertisement