Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement
L3 E06 Galleria Signori del Fuoco

I Signori del Fuoco del passato

Con esso si descrive un corridoio alto e imponente del Palazzo Imperiale su cui muri vengono esposti i ritratti celebrativi dei Signori del Fuoco a partire del nonno di Sozin. Ogni ritratto è alto più di dieci metri e mostra il monarca circondato da elementi che erano stati cruciali durante il suo governo e in mano una palla di fuoco per simboleggiare il loro dominio del fuoco. Ognuna di quest'opere è considerata un capolavoro e un eredità culturale della Nazione del Fuoco.

Prima dell'anno 295 AG, nella galleria venivano esposti anche i ritratti degli Avatar del Fuoco sul muro di fronte ai Signori del Fuoco, ma questi vennero distrutti durante l'attacco di Yun al palazzo.

Storia[]

Quando Avatar Kyoshi ha visitato il palazzo per la prima volta, venne scortata dal Cancelliere Dairin che le mostrò la galleria con orgoglio. La donna notò che i ritratti degli Avatar erano più distanti tra di loro rispetto a quelli dei Signori del Fuoco con un rateo di circa uno a tre. Il gruppo di Kyoshi si fermò davanti al ritratto dell’Avatar Szeto, il che spronò Dairin a raccontare delle imprese e la vita dell’ultimo Avatar del Fuoco fino ad ora. Subito dopo, la donna ispezionò il ritratto dell’attuale Signore del Fuoco Zoryu e chiese spiegazioni riguardo la composizione di fiori lì presente. Questo notò con orrore che questi dettagli erano stati aggiunti senza il suo consenso e ordinò alla donna del Regno della Terra di non parlarne assolutamente non nessuno.

Durante il suo attacco sanguinoso, Yun assassinò Lu Beifong e trascinò la sua salma fino alla galleria dove venne raggiunto da Kyoshi, Dairin e alcune guardie. Grazie al suo dominio della terra super-fine, Yun manipolò i pigmenti basati su minerali dei ritratti degli Avatar e lanciò proiettili di colore ai suoi nemici che uccisero Dairin e due dei suoi uomini e ferirono gli altri. La maestra Atuat li raggiunse poco dopo e aiutò a guarire quelli che riteneva salvabili mentre Kyoshi curò le ferite minori con il suo dominio dell’acqua.

Nonostante la sua idea fissa di cancellare la storia antica della sua nazione, Sozin esitò a togliere i ritratti dei suoi antenati e lasciò quelli di suo nonno e suo padre mentre fece custodire gli altri dai Saggi del Fuoco. Dopo la sua morte si aggiunse poi quelli di suo figlio Azulon; suo nipote veniva spesso alla galleria quando era stato ancora un principe e li studiò nella speranza che potessero dargli qualche aiuto.

Quando il Principe Zuko ricevette una lettera anonima che gli consigliò di imparare la verità sulla morte del suo bisnonno, il ragazzo venne alla galleria e fissò il ritratto di Sozin per estorcergli una risposta. Azula lo trovò immerso nei suoi pensieri e commentò con sarcasmo che, se voleva pensare di farsi fare un ritratto dovrebbe rassicurai che il pittore prenda il suo lato bello. Subito dopo gli raccontò quello che sapeva sulla morte del bisnonno, il che era quello che era quasi conoscenza comune.

Dopo il suo ritorno dall'esilio, una Ursa nervosa vagò per il palazzo fino a ritrovarsi davanti al ritratto di Ozai. Cercò di calmarsi ripetendo che lui ora non c’era più e che non poteva più farle del male, ma alla fine iniziò a tremare dal terrore e dovette allontanarsi.

Non si sa se Zuko ha ordinato di farsi fare un ritratto e se si, come è strutturato. In ogni caso è probabile, ma ancora non si è visto, idem per sua figlia Izumi.

Ritratti conosciuti[]

Avatar Szeto[]

Mentre negli altri ritratti dei Signori del Fuoco e degli Avatar il soggetto teneva in mano una palla di fuoco, Avatar Szeto teneva invece un abaco in onore del suo lavoro come magistrato. L’abaco aveva perline vere che erano stata messe in un modo da creare un numero con un buon auspicio. Nell'altra mano teneva un timbro gigante fatto di cinabro.

Purtroppo il suo ritratto era stato distrutto da Yun.

Signore del Fuoco Chaeryu[]

Il ritratto di Chaeryu ritrae una vegetazione ricca con piante di riso e altri raccolti. Nell'anno 295, alla visita di Kyoshi, era stato ancora incompleto.

Sotto di lui, da un vaso, emergono due fiori: una camelia che rappresentava il clan dei Saowon e suo figlio illegittimo Chaejin che metteva all'ombra una peonia che invece rappresenta suo figlio Zoryu, erede al trono e il clan Keohso.  Chaejin aveva corrotto il pittore di aggiungere questo dettaglio senza che il Signore del Fuoco o il cancelliere ne erano a conoscenza.

Signore del Fuoco Zoryu[]

Zoryu commissionò il suo ritratto poco dopo la sua purga del clan Saowon dalla capitale ed era stato aggiunto alla galleria poco dopo. Non si conoscono i dettagli.

Nonno di Sozin[]

Nonno di Sozin ritratto

Questo è il ritratto ufficiale del nonno di Sozin e il primo che era rimasto a palazzo anche durante la guerra. Il Signore del Fuoco porta gli abiti tradizionali, ma meno ornati di quelli del presente, con meno dettagli e più scuri.

Il monarca è in piedi in mezzo a dei fiori e foglie e anche dietro di lui si alza un ornamento di fiori e petali. Come con tutti i Signori del Fuoco, dietro alla sua testa si vede la rappresentazione del sole, anche se in questo caso il sole sembra essere più scuro, come se fosse oscurato dalla luna. Mostra anche due palle di fuoco.

Padre di Sozin[]

Padre di Sozin ritratto

Questo è il ritratto ufficiale del padre di Sozin, i suoi vestiti sono molto simili a quelli dei suoi successori Sozin, Azulon e Ozai. Al contrario del vestito di suo padre, questo mostra dettagli in oro e ha un tono più chiaro e tenente sul rosso.

Nella sua mano viene mostrata una immagine di una luna crescente davanti a una stella a quattro punti che rappresentano i punti cardinali. In simbolo molto simile ricompare ai suoi piedi che forse indica i suoi sforzi per una globalizzazione e esplorazione del mondo, accompagnato da nuvole e fiamme dietro al monarca. Dietro alla sua testa vediamo un sole rosso chiaro.

Signore del Fuoco Sozin[]

Sozin ritratto

In questo ritratto si vede Sozin più o meno come era stato durante la sua prima confrontazione con l’Avatar Roku dopo aver fondato le prime colonie nel Regno della Terra.

Sozin viene mostrato con in una mano una lunga pergamena che rappresenta le tante leggi modificate durante il suo governo mentre nell'altra mano tiene una palla di fuoco. Sopra la sua testa si vede la cometa che porterà il suo nome che ha usato per sterminare i Nomadi dell’Aria e iniziare la Guerra dei Cent’anni- è probabile che era stata aggiunta in seguito. Ai suoi piedi vediamo cinque soldati dominatori del fuoco come rappresentanti della forza militare della Nazione del Fuoco in continua crescita durante il suo governo. Dietro alla sua testa brilla un sole di bronzo.  

Signore del Fuoco Azulon[]

Azulon ritratto

Nel suo ritratto vediamo Azulon come giovane uomo. Il sole dietro alla sua testa dorato ha un contorno nero mentre il suo vestito è uguale a quello di suo padre, fatta eccezione di una linea dorata sulla roba che penda alla sua vite. Azulon è in piedi sopra una tartaruga marina dal collo lungo, un animale che vive sua sulla terra ferma che nell'acqua, simbolo del suo dominio sulle Tribù dell’Acqua e il Regno della Terra. Anche lui tiene in mano due palle di fuoco che potrebbe sia rappresentare la sua genialità nel dominio del fuoco che il fatto che ha avuto due figli.

Signore del Fuoco Ozai[]

Ritratto Ozai

L’ultimo ritratto che finora si è visto è quello di Ozai che viene mostrato a dominare un fuoco nero che somiglia quasi a dei fulmini da entrambe le mani. Ai suoi piedi e dietro di lui emergono pipe fumeggianti e ingranaggi, simboli del progresso industriale dotto il suo governo. Inoltre si vede uno schema di colo rosso e oro e, come gli altri Signori del Fuoco, dietro alla sua testa appare il sole. Il suo vestito è simile a quello dei suoi predecessori, ma ancora più ornato e appariscente. Nonostante la sua disposizione disonorevole, il suo ritratto rimase nella galleria anche durante i primi anni di governo di suo figlio Zuko.  

Trivia[]

  • I ritratti imitano lo stile cinese Lizhou
  • Il simbolismo del sole dentro alla loro testa è preso dalle rappresentazioni buddista della dinastia Tang dove il sole sta per illuminazione e il fuoco per saggezza. Lo ritroviamo anche nell'arte cristiana con gli aloni che simboleggiano la santità di una persona.
  • Nel libro "Avatar: The Last Airbender: Legacy of the Fire Nation" venne inclusa l'idea del ritratto se Iroh fosse diventato Signore del Fuoco: una fiamma nella sua mano sinistra e una tazza di té nella destra. Dietro di lui appaiono il sole e fiori di gelsomino mentre ai suoi piedi siede un drago.
  • Secondo una teoria, le palle di fuoco nei ritratti indicano il numero di eredi al trono, uno oppure due.
Advertisement