Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


I Furetti di Fuoco (in originale "Fire Ferrets", 火焰貂 ) sono una squadra di dominio sportivo, fondata e capitanata da Mako. Il loro nome completo sarebbe "Furetti di Fuoco di Industrie del Futuro", dato che Hiroshi Sato aveva deciso di sponsorizzarli quando rischiarono di non poter partecipare al campionato per mancanza di soldi.

Come squadra di dominio sportivo sono composti da tre membri dominatori: uno del fuoco, uno della terra e uno dell'acqua. Il trio originale era composto da Mako, suo fratello Bolin e Hasook, ma quando quest'ultimo decise di lasciare la squadra senza preavviso, venne sostituito dalla principiante Korra. La loro mascotte è Pabu, il furetto di fuoco di Bolin e i loro colori sono beige, arancione e rosso. Il loro successo più grande è stato il titolo di vicecampioni dell'anno 170 DG, ma in seguito alla sconfitta di Amon, Mako e Korra hanno lasciato la squadra.

Storia[]

Fondazione[]

Dopo un periodo vissuto alle dipendenze della Triade del Triplo Terrore come messaggeri, gli orfani Mako e Bolin vennero invitati da Toza, ex campione di dominio sportivo con un buon occhio per i talenti, a vivere da lui e ad allenarsi in questo sport. Dopo qualche mese i due fratelli incontrarono il dominatore dell'acqua Hasook e insieme si allenarono pe formare una squadra seria ed entrare nel campionato. Il trio partì alla grande e sorprese tutti vincendo gare su gare.

Arrivo di Korra[]

I Furetti di Fuoco: Bolin, Mako e Hasook

Quando l'Avatar Korra venne a Città della Repubblica e prese casa sull'Isola del Tempio dell'Aria, si rese conto che l'arena di dominio sportivo si trovava solo a qualche chilometro di distanza e vedeva il realizzarsi del suo sogno di vedere una partita dal vivo. Il suo maestro Tenzin però le vietò di lasciare l'isola, dato che vedeva questo sport come "un insulto alla nobile tradizione del dominio". Ma la ragazza non si lasciò intimorire e fuggì di nascosto e nuotò per tutto il tragitto fino all'arena.

Korra tenta di parlare con Mako

Mentre Korra stava esplorando l'immensa arena, venne beccata da Toza che la voleva cacciare via. Bolin, che stava passando per caso per raggiungere gli spogliatoi, la salvò presentandola come una sua amica e la portò dai suoi compagni nel posto più spettacolare dell'arena: gli spalti degli atleti. Fu così che Korra conobbe Mako, che però non dimostrò alcuna simpatia per la giovane donna del sud: rimproverò suo fratello per aver portato "un'altra delle sue fan". La fama di Mako come dominatore sportivo era già nota a Korra, e nonostante l'accoglienza fredda decise di fare il tifo per i Furetti di Fuoco.

Bolin scopre che Korra è l'Avatar...

Questa gara valeva come semifinale del girone selettivo per il campionato, dove i Furetti di Fuoco dovettero affrontare una squadra fortissima ed esperta, le Tigri Corazzate, la squadra più giovane contro quella più anziana. La squadra di Mako riuscì a vincere con gran fatica grazie a una sua tripletta e avanzò per la finale del giorno dopo. Questo perché Il capitano aveva avuto seri problemi per via della prestazione di Hasook che gli aveva quasi costato la vittoria: il dominatore dell'acqua reagì con rabbia e acidità. Dopo questo, Korra rivelò ai due fratelli la sua identità di Avatar e accettò una lezione di dominio sportivo della terra da parte di Bolin.

Korra si unisce ai Furetti di Fuoco

La finale si sarebbe disputata contro gli Ornito-Orsi, ma Hasook non si presentò alla gara, condannando gli altri alla squalifica. Korra, arrivata ancora per tifare, si offrì di prendere il suo posto come dominatrice dell'acqua; Mako accettò con gran malavoglia, dato che non aveva alternative. Questa era la prima apparizione di Korra come dominatrice sportiva, una completa novellina e come tale venne subito presa di mira dagli avversari, Commise un fallo dopo l'altro e in un momento di panico fece l'errore di mostrare il domino della terra, rivelando il suo segreto al mondo. Le venne permesso di continuare se si limitava solo all'utilizzo dell'acqua, ma la sua inesperienza e impulsività causarono la perdita dei primi due round. Al terzo round, Korra si riprese e usò i movimenti circolari del dominio dell'aria per stancare i suoi avversi, permettendo ai suoi compagni di contrattaccare e di vincere la gara, aggiudicandosi un posto nel torneo vero e proprio.

Il torneo di dominio sportivo[]

Asami mostra la loro nuova divisa con il logo di Industrie del Futuro

Il trio iniziò ad allenarsi seriamente, specialmente Korra, quando un giorno venne visitato da Buthaka, il manager dell'arena, che era venuto per richiedere la tassa di iscrizione per partecipare al torneo vero e proprio. Ma la squadra spende tutti i soldi dei premi delle gare per attrezzi, mutuo e viveri. La cifra è di ben trentamila Yuan, così l'uomo gli diede una settimana di tempo per raccoglierli, oppure erano fuori dal torneo. Bolin cercò di dare il suo contributo mettendosi in stazione e raccogliendo soldi grazie ai trucchetti di Pabu, ma non ebbe successo, e arrivò addirittura ad accettare lavori sporchi, ma venne salvato dai suoi compagni. Alla fine Mako riuscì a stringere un accordo con Hiroshi Sato di Industrie del Futuro, che li sponsorizzò: da allora cambiarono il nome in "Furetti di Fuoco di Industrie del Futuro" e mostrarono il suo logo sulle divise.

Quasi alla corde...

Superarono il primo round senza problemi, collaborando come un motore ben impostato. Il secondo girone non andò altrettanto bene e subirono la prima perdita di un round, per via di una strana dissintonia tra Korra e Mako. Grazie alla sua resistenza e testardaggine, Bolin riuscì a far vincere il secondo round, seguito dopo da una parità al terzo round: Bolin si prese l'incarico di affrontare il tie-break, vincendo contro il suo avversario e conquistando la vittoria per la squadra.

Mako e Bolin fanno la pace

La collaborazione tra i membri della squadra peggiorò ulteriormente quando Bolin, che nel frattempo si era innamorato di Korra, subì una dolorosa delusione d'amore quando vide il bacio tra Korra e Mako. Il lavoro di squadra ne risentì pesantemente e persero chiaramente i primi due round contro le Vespe Rapaci. Mako aveva involontariamente ferito Bolin e Korra si era beccata un cartellino giallo per aver attaccato l'arbitro in preda alla furia. Prima dell'inizio del terzo e ultimo round, Korra cercò di incitare i due fratelli, ma loro si erano già rassegnati alla sconfitta e infatti vennero catapultati fuori dal ring quasi subito, lasciando la ragazza da sola. Mentre i due fratelli uscirono dall'acqua, si scusarono per il loro comportamento infantile per aver permesso una divisione del genere per colpa di una ragazza. Nel frattempo Korra era riuscita non solo a resistere, ma ad avanzare, riuscendo a mettere in fila i tre dominatori della squadra avversaria e a colpirli contemporaneamente con un potente getto d'acqua, buttandoli fuori dal ring con una tripletta spettacolare. Con questo i Furetti di Fuoco si aggiudicarono l'accesso alla finale del torneo.

Un avversario temibile

I Furetti di Fuoco si riunirono e discussero le loro tattiche per la finale: Korra guarì la spalla di Bolin, e nel frattempo si era già conclusa l'altra semifinale con una vittoria schiacciante e brutale dei Pipistrelli Lupo di Tahno. Questa sarebbe stata la sfida più grande mai affrontata.

Attacco di Amon[]

Un messaggio inquietante...

La squadra si stava allenando per la finale quando sentirono un annuncio di Amon alla radio che minacciò il Consiglio delle Nazioni Unite di "gravi conseguenze" se non avesse annullato la finale del torneo. I Furetti di Fuoco corsero al municipio e cercarono di fermare la decisione, ma il Consiglio sotto Tarrlok aveva già deciso di assecondare Amon, ma ci ripensò quando Lin Beifong assicurò la sicurezza dell'evento grazie ai suoi agenti dominatori del metallo.

Korra arrabbiata per la slealtà degli avversari

La finale ebbe cosi luogo, ma i Furetti di Fuoco ebbero subito grandi difficoltà: i Pipistrelli Lupo usarono ogni trucco illegale senza che l'arbitro li fermasse, portandoli al limite di un K.O. nel primo round, ma Korra era riuscita a trattenere e rilanciare Mako nel ring, portandoli avanti. L'illegalità aumentò nel secondo round, ma ancora l'arbitro si finse cieco, spingendo Mako a credere che Tahno lo abbia pagato. Korra voleva già rendergli pan per focaccia, ma il capitano la fermò e in qualche modo riuscirono a pareggiare, provocando un tie-break. L'Avatar sconfisse Tahno, conquistando il secondo round per i Furetti di Fuoco. Ma il terzo round era una festa di illegalità e alla fine i Pipistrelli Lupo vinsero questa gara sleale.

Pabu libera Bolin, Mako e Korra

Pochi secondi dopo il fischio finale, l'arena venne attaccata dai Paritari, e i Furetti di Fuoco, che si trovavano ancora nella piscina sotto il ring, vennero resi incoscienti da una scarica elettrica del Tenente e legati a una colonna, mentre Amon proseguì nel togliere il dominio ai vincitori. Fortunatamente Pabu nuotò verso i suoi amici ed eseguì l'ordine di Bolin di mordere le corde che li tenevano legati. Korra si avviò subito all'inseguimento di Amon, ma venne fermata prima di raggiungerlo e dovette affrontare alcuni Paritari sul tetto dell'arena, incluso il Tenente. Il combattimento fece crollare il tetto di vetro e Korra stava per cadere nel vuoto, ma Lin la salvò e la riportò a terra sana e salva. Mako e Bolin la salutarono con un abbraccio caloroso.

La nuova squadra[]

La nuova squadra...

Mezz'anno dopo la sconfitta di Amon si decise di far ripartire il campionato di dominio sportivo, ma Mako e Korra avevano lasciato la squadra per seguire il proprio cammino come poliziotto e Avatar. Industrie del Futuro, ora nella mani di Asami Sato, rimase lo sponsor ufficiale dei Furetti di Fuoco.

Bolin, volenteroso come sempre, cercò di mantenerli in vita e trovò dei sostituti, ma i nuovi membri non mostravano un briciolo di entusiasmo. Avevano già perso la gara d'inizio, la loro sconfitta nella secondo partita entrerà nella storia come "la sconfitta più veloce della storia del dominio sportivo".

Riunione (videogioco "La leggenda di Korra" del 2014)[]

Poco dopo la crisi di Unalaq, Mako, Bolin e Korra tornarono sul ring come Furetti di Fuoco per una manifestazione di beneficenza per raccogliere soldi per la ricostruzione della città. La squadra si fece strada nel torneo e affrontò nuovamente i Pipistrelli Lupo, che stavolta giocarono lealmente, e riuscirono a batterli vincendo il campionato.

Membri[]

Mako[]

Capitano della squadra e dominatore del fuoco. Veloce sui piedi e privo di paura, non si lascia prendere la mano neanche sotto stress, e non a caso viene definito "freddo sotto fuoco". È famoso per i suoi recuperi provvidenziali che hanno salvato la squadra da sconfitta certa più di una volta. Un ragazzo serio e concentrato, determinato a vincere per assicurarsi i soldi del premio. è disposto a fare di tutto per la squadra; un incontro casuale lo porta da Hiroshi Sato che li salva dalla squalifica per non avere i soldi per l'iscrizione al torneo. Il suo entusiasmo è contagioso, anche se non perde mai di vista il suo scopo. Generalmente è lui a gestire i tie-break, ma non è troppo testardo da non lasciare il posto agli altri membri della squadra se necessario.

Bolin[]

Il dominatore della terra dei Furetti di Fuoco. Molto agile e veloce, è capace di tenere il passo anche di avversari con più esperienza. È un ragazzo allegro e spensierato, capace di sollevare il morale dei suoi compagni anche in situazioni difficili. Determinato e fisicamente molto forte, non si arrende, anche di fronte a svantaggi e infortuni.

Hasook[]

Il dominatore dell'acqua originale dei Furetti di Fuoco. È riuscito a raggiungere la semifinale del girone di qualificazione al torneo insieme a Mako e Bolin, ma dato che era il più debole veniva spesso preso di mira dagli avversari. Non reagisce bene sotto stress, come dimostrato nella gara contro le Tigri Corazzate, dove Mako lo dovette rimproverare. La sua mancata concentrazione lo fece collidere con Bolin, facendo cadere entrambi fuori dal ring, lasciando Mako da solo. Il capitano riuscì a vincere a gran fatica, ma a fine gara rimproverò Hasook nuovamente, dandogli la colpa del disastro appena sfiorato. Il dominatore dell'acqua se la prese e non si presentò alla finale, lasciando i suoi compagni nei pasticci e venne sostituito da Korra.

Korra[]

L'Avatar prese il posto di Hasook per la finale dei preliminari del torneo, impedendo all'ultimo secondo la squalifica dei Furetti di Fuoco per impossibilità alla squadra di partecipare alla gare per inferiorità numerica. La ragazza era una completa principiante e inizialmente commise un fallo dopo l'altro, mettendo a repentaglio il risultato, ma alla fine ci prese la mano e si dimostrò un degno sostituto. Il suo punto di forza sono la sua agilità, versatilità e una volontà di ferro.

Trivia[]

  • Dato che i Furetti di Fuoco sono la squadra con meno esperienza del campionato, gli vengono assegnati gli orari peggiori della palestra, cioè la mattina presto
  • Normalmente è Mako ad affrontare i tie-break, ma entrambe le volte che si è vista questa fase della gara si sono presentati gli altri membri del team
  • Alcuni fan della squadra si travestono da loro
  • Durante la preparazione si sono allenati colpendo poster con la faccia di Tahno
  • I due nuovi membri che sostituiscono Mako e Korra gli somiglino molto da dietro. Non si conoscono i loro nomi, ma guardando le cinture si possono scoprire gli elementi che utilizzano nelle gare
  • Dopo la figuraccia nel campionato anche Bolin lascia la squadra, e non si sa se essa ha continuato ad esistere e se ha continuato a ricevere la sponsorizzazione di Asami Sato con Industrie del Futuro
  • Nell'appartamento di Mako e Bolin è appeso un poster dei Furetti di Fuoco
Advertisement