Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement
P'Li raggio

Si tratta di una tecnica di dominio del fuoco telecinetico, ovvero l'abilità di espellere il Chi attraverso la fronte che surriscalda l'aria circostante, producendo un raggio di energia che esplode con l'impatto contro un ostacolo. E' una abilità molto rara e pericolosa, sia per il bersaglio che anche l'utente che non deve mai perdere il controllo sul suo flusso del Chi.

Dominatori della combustione producono un raggio quasi invisibile che si propaga attraverso l'aria causando qualche tonfo per poi esplodere violentemente contro il primo ostacolo che incontra.

Storia[]

Il dominio della combustione ha un origine non chiara, ma era già conosciuta durante l'era di Avatar Yangchen, dato che uno dei suoi avversari chiamato "Progetto di Unanimità" aveva iniziato a fare esperimenti segreti per creare armi umane basandosi sulle ricerche di Chaisee di Yonduri. Riuscirono a creare i primi tre dominatori della combustione delle storia: Yingsu, Xiaoyun e Thapa. Ufficialmente non venne ammesso, ma dietro a questi tre successi ci fu un numero non documentato di persone che non sono riusciti a sopravvivere al processo brutale.

L3 E02 uomo combustione

Un sicario pericoloso

Il dominio della combustione non quindi è un potere innato, ma si può apprendere attraverso durissimi e crudeli allenamenti, ma serve anche un certo talento e una forza mentale enorme. Dominatori della combustione vengono di fatti creati artificialmente; si sa poco sull'allenamento, ma tra questi si trova di doversi immergere sott'acqua per un periodo esteso.

Uomo combustione attacco

Attacca senza pietà

Nell'anno 100 DG Zuko assoldò un sicario per uccidere Avatar Aang dopo che aveva intuito che questo era riuscito in qualche modo a sopravvivere alla caduta di Ba Sing Se e si rivolse a un uomo dal nome sconosciuto con un tatuaggio a forma di occhio sulla fronte e protesi metalliche a un braccio e una gamba. Il suo passato è avvolto nel mistero, si racconta che era tornato così dopo un addestramento militare misterioso, che era diventato un'altra persona e un avversario imbattibile in tutti gli Agni Kai a cui ha partecipato. Il suo addestramento era stato molto duro, inoltre deve aver avuto problemi a controllare il suo potere, dato che ha fatto saltare via il suo avambraccio e la gamba destri, sostituti con protesi di metallo. Questo dominatore, che Sokka battezzò "Uomo Combustione", dimostrò di possedere appunto questo potere insolito e pericolosissimo di creare esplosioni con la sua mente. Inseguì il suo bersaglio per tutta la Nazione del Fuoco fino al Tempio dell'Aria dell'Ovest provocando paura e disperazione per la sua freddezza e determinazione. Fece la sua comparsa durante una notte quando sorprese il Team Avatar nel sonno che si salvò soltanto per l'abilità di Toph che aveva avvertito il pericolo in anticipo. Ma anche così non c'era nulla da fare contro le sue esplosioni precisi e ai ragazzi non restava che la fuga.

L3 E12 Zuko contro Uomo Combustione

Ignora gli ordini di Zuko

L'Uomo Combustione tese una trappola per l'Avatar catturando Toph e Katara, aveva Aang già a portata di mano, ma ancora una volta gli sfuggi- stavolta però per il fatto che per caso un sassolino lo aveva colpito sul tatuaggio in fronte e gli aveva fatto brevemente perdere l'abilità di concentrare il suo Chi, causando una esplosione intorno ala sua testa. Fece un altro tentativo su un treno, fallendo ancora, per poi inseguire Aang fino al Tempio dell'Ovest dove cercò di colpire il ragazzo da un nascondiglio. Il suo primo attacco fallì, dato che veniva ostacolato da Zuko che ci aveva ripensato e gli ordinò di lasciar perdere la missione, ma l'Uomo Combustione lo ignorò e continuò l'assalto senza badare ai danni causati alla struttura. Continuava a tenere a bada i ragazzi con suoi raggi sparati da una posizione elevata, ma non aveva messo in considerazione il boomerang di Sokka che curvò intorno alle colonne e lo colpì inavvertitamente sulla fronte. Il sicario si alzò poco dopo leggermente barcollante e ignorò i segni di allarme che il colpo gli aveva bloccato il chakra sulla fronte. Deciso a continuare l'assalto a tutti i costi, tentò di raccogliere il Chi, ma il blocco gli fu fatale: al posto di uscire in forma di un raggio, l'energia gli esplose intorno alla testa e lo uccise sul colpo.

B3 E04 P'Li

P'Li

Cinquant'anni dopo circa comparve un altro dominatore della combustione che fece parte del Loto Rosso: P'Li. Si sa poco su di lei, solo che era stata addestrata da un signore della guerra crudele per diventare una sua arma umana. Non è neanche noto se era l'unica nel programma o se c'erano altri e se sono sopravvissuti, ma Zaheer la liberò e la introdusse alla filosofia anarchica del Loto Rosso. Nell'anno 158 prese parte al tentato rapimento della piccola Avatar Korra, ma questo fallì e P'Li venne arrestata e imprigionata in una cella al polo nord per inibire il suo dominio, dove ci rimase per tredici anni.

P'Li stordita

Un sassolino la batte

Subito dopo la sua liberazione dimostrò il suo potere atterrando Druk, il drago di Lord Zuko e dominando il suo fuoco. Si dimostrò un asso nella manica del Loto Rosso, dato che il suo ruolo era quasi sempre tenere a bada il nemico dalla distanza e coprire i suoi compagni. A Zaofu venne considerata il pericolo piè grande per il recupero di Korra, caduta in mani nemiche, ma per la sfortuna di P'Li Suyin conosceva il suo punto debole: il tatuaggio sulla fronte. In un momento di distrazione Bolin riuscì a colpirla con un sassolino e la mise fuori gioco per quei attimi necessari per permettere a Lin di recuperare l'Avatar paralizzato e rendere la missione un fallimento.

P'Li morte

Anche lei uccisa dal suo stesso raggio

P'Li aiutò Zaheer nella sua missione a Ba Sing Se dove affrontò il Dai Li e sconfisse una dozzina di agenti. In seguito viaggiò al Tempio dell'Aria del Nord per la missione di prendere in ostaggio i dominatori dell'aria li presenti, lei rimase sulla aeronave per coprire i suoi compagni dall'alto e impedendo la fuga dei dominatori dell'aria. I suoi raggi colpirono le stalle dei bisonti dell'aria e li fecero fuggire, il che bloccò i residenti al tempio, poi colpì senza pietà Kai che voleva creare un diversivo. Poco dopo stava per colpire Bumi e Kya che era appesi appena al balcone del tempio, ma questi si salvarono dall'esplosione buttandosi nel burrone sottostante. Qualche giorno dopo P'Li assistette Zaheer nella cattura di Korra che si era arresa a loro in cambio dei ostaggi, ma venne sorpresa dalla comparsa di Lin e Suyin che iniziarono un combattimento violento. La dominatrice della combustione sembrava avere tutto sotto controllo, finché la matriarca di Zaofu non usò un momento di distrazione provvisto da sua sorella per dominare la sua armatura intorno alla testa di P'Li nell'istante preciso in cui stava per sparare il suo raggio. Impossibilitata di bloccare il raggio ormai creato, l'esplosione venne contenuta a pochi centimetri dalla sua testa e la uccise sul colpo.

Vantaggi e svantaggi[]

Il dominio della combustione usa a fondo uno dei principi del dominio del fuoco: la respirazione. Non è necessaria nessun movimento preparatorio, l'utente fa un respiro profondo, si concentra e emette il suo raggio invisibile che esplode contro il primo ostacolo che incontra. Per questo può essere usato anche con mani e gambe legate, inoltre quando si sentono i tonfi preparatori quasi sempre è già troppo tardi. Il dominatore raccoglie il suo Chi nell'addome per poi trasferirlo sul chakra sulla fronte dove un tatuaggio a forma di occhio gli aiuta a concentralo. Mentre i raggi di Uomo Combustione erano sempre solo rettilinei, P'Li era in grado di curvarli fino a un certo angolo per oltrepassare le linee di difesa del nemico. Il dominio della combustione è un arma da lunga distanza, ideale per assalti e per tenere lontano un nemico.

Ma dietro a questo grande potere si nasconde un grande pericolo anche per l'utente: questo deve avere sempre il massimo controllo sul suo flusso del Chi, una minima esitazione o un piccolo disturbo possono avere conseguenze anche fatali. L'occhi tatuato sulla fronte non è solo il punto di origine del loro potere, ma anche il suo punto debole come la canna di un fucile, se viene colpito o ostruito, l'energia non può fluire normalmente e fa esplodere l'aria intorno a lui. Un piccolo sassolino lo inibisce per alcuni secondi o minuti mentre un colpo più forte può creare un'esplosione massiva che può uccidere il dominatore. Un altro punto debole è l'aria, se manca quella, il dominio è per forza bloccato, inoltre vale la stessa cosa del dominio del fuoco, ovvero che un gelo intenso lo inibisce. Il tatuaggio ha anche un altro svantaggio: dato che per funzionare deve essere libero, un dominatore della combustione è facilmente riconoscibile e, se si conosce il suo segreto, offre anche il bersaglio da colpire.

Utenti noti[]

Yingsu

Xiaoyun

Thapa

Uomo Combustione

P'Li

Trivia[]

  • Uomo Combustione e P'Li muoiono in modo molto simile: per colpa del loro stesso potere e vicino a un tempio dell'aria.
  • Le informazioni sui tre dominatori antichi provengono dal romanzo su Yangchen
  • Il tatuaggio di Uomo Combustione ha righe dritte, il che significa che i suoi raggi sono rettilinei, mentre quello di P'Li ha linee ondulati che simboleggiano la sua abilità di poter curvare i suoi raggi.
Advertisement