Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo signore del nome ignoto è il cuoco personale della famiglia di Suyin. Non si sa molto su di lui, a parte che prima di venire a Zaofu, viaggiava in mare come pirata.

Storia[]

In un momento non definito dopo l’anno 141 DG, Suyin incontrò quest’uomo e lo convinse a diventare il suo cuoco personale e di abbondare la sua vita come corsaro per stabilizzarsi nella nuova Città del Clan del Metallo, Zaofu.

Nell'anno 171 DG, Suyin gli chiese di preparare una cena per la famiglia e per l’Avatar Korra che stava vistando Zaofu insieme ai suoi amici. Quella sera, il cuoco esperto presentò personalmente il suo pasto consistente da una fetta abbondate di pesce koi-elefante selvaggio scottato con viticcio di piselli infuso allo zenzero e un’insalata alle radici di ibisco, suscitando l’entusiasmo di Suyin. Durante il pranzo, Opal raccontò a Bolin di non aver mai mangiato male in vita sua.

Dopo che Lin si era svegliata dal suo sonno di oltre sedici ore, il cuoco le servò la colazione e le presentò da provare il suo “kalenutsko”, uno smoothie di cavolo, noci e acqua di cocco. La capa della polizia reagì con iniziale scetticismo, ma dopo averlo provato ammise che era buono.

Il cuoco servi anche la cena di addio di Opal che stava partendo per il Tempio dell’Aria del Nord e la rivelò che la giovane dominatrice dell’aria gli sarebbe mancata molto, dato che era l’unica a cui piacevano i suoi involtini di verdure crude.  

Comparsa[]

La Leggenda di Korra[]

Libro tre: Cambiamento (易)[]

  • 305. "Il clan del metallo"
  • 306. "Vecchie ferite"
  • 308. "La minaccia interna"

Trivia[]

  • Il nome inglese dello smoothie è un riferimento a Bryan Konietzko, mentre gli ingredienti sono stati creati da Michael Dante DiMartino, Tim Hedrick, Joshua Hamilton, e Katie Mattila che si basarono sulla preferenza di Konietzko di bere frullati di questo tipo e la sua insistenza di voler presentare cibi più salutari.  
  • Si suppone che Suyin lo abbia incontrato durante i suoi viaggi per il mondo, dove, tra l'altro, viaggiava anche su una nave pirata.
  • Ha dei tatuaggi stilisticamente simili a quelli di Ghazan.
Advertisement