Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questa donna, di cui non si conosce il nome, era la responsabile delle sicurezza di Industrie della Terra e del Fuoco e dei loro capo a Città dei Gru-Pesce, specialmente la Raffineria della Terra e del Fuoco. Era stata una combattente molto fedele, capace e forte nonostante non fosse una dominatrice, che ha affrontato il movimento dei dominatori suprematisti di Liling insieme al Team Avatar.

Storia[]

Lei e i suoi compagni vennero assunti da Lao Beifong dopoché le precedenti guardie del corpo, i Rinoceronti Selvaggi, si erano licenziati insieme a tanti altri operai dominatori dopo l'introduzione di nuovi macchinari che resero superfluo il dominio. Lao scelse loro perché erano non-dominatori e accettavano di lavorare anche per imprenditori non-dominatori come lui senza fare storie. La capitana e i suoi uomini erano combattenti ben allenati con grande esperienza di combattimento anche contro dominatori.

Squilibrio capitana scudo

Protegge Lao con i suoi scudi

Quando, nell'anno 102 DG, il Team Avatar venne a Città dei Gru-Pesce su richiesta del suo datore di lavoro, la capitana e tre uomini scortarono Lao fino in centro per incontrare l’Avatar Aang appena arrivato. Poco dopo il loro arrivo, due gruppo di dominatori, uno del fuoco e uno della terra, iniziarono una rissa in piazza che portò a uno scontro distruttivo. La donna e i suoi uomini usarono i loro scudi per proteggere Lao e Sokka dai macigni scaraventati in giro dai criminali che non si curavano per nulla della sicurezza delle persone. Dopo la fine della rissa, le guardie scortarono Lao e i suoi ospiti che viaggiarono in una carrozza trainata da cavalli-struzzo per raggiungere la sede del Consiglio d’affari dall'altra parte della caotica città.

Capitana contro Yaling

Non può nulla contro Yaling

Dopo una serie di atti di sabotaggio di imprese di non-dominatori, il Team Avatar scoprì che queste tensioni tra dominatori e non-dominatori erano state create artificialmente dal membro del consiglio Liling per istigare odio e disprezzo tra le due fazioni. Le sue azioni criminali portarono al suo arresto nella fabbrica di Industrie della Terra e del Fuoco controllati delle guardie. Poco dopo Yaling, figlia di Liling, e un gruppo di dominatori suprematisti, attaccarono la fabbrica per liberare la loro capa dopo aver attirato via Aang, Toph e Katara con un incendio al Consiglio d’affari. Grazie a questo schema, la capitana e i suoi uomini, insieme a Sokka e Suki, erano rimasti da soli a controllare l’edificio ad affrontare l’assalto. Prima di iniziare, la capitana chiese a Suki di andare a prendere l’Avatar, ma la Guerriera Kyoshi non voleva lasciarli da soli, sicura di poterli battere anche stavolta. Iniziò una battaglia violenta dove le guardie non-dominatrici vennero presto sopraffatti dai dominatori. La capitana cercò di attaccare Yaling di schiena, ma fallì a colpirla con il suo bastone, finendo per essere derisa dalla dominatrice della terra arrogante. Ridacchiando, le consigliò di arrendersi per il suo bene, dato che contro il suo dominio della terra non aveva speranze, ma la capitana si rifiutò, fiera del suo lavoro. Yaling proseguì ad attaccarla con macigni spingendola ad indietreggiare alzando lo scudo finché non mise il piede in fallo. Alla fine, Yaling alzò il terreno per sbalzarla indietro rendendola brevemente incosciente per prenderle le chiavi della prigione di Liling.

Squilibrio 3 Capo guardie richiesta

Non è una cattiva idea

Ore dopo l’attacco, Katara iniziò a guarirle il suo braccio rotto. La capitana chiese perdono per non essere stata capace di fermare l’attacco, ma dovette ammettere che le sua truppe, per quanto ben addestrate, erano state completamente sopraffatte. Inoltre espresse la sua ansia per i crimini che Liling, ora nuovamente libera, potrebbe compiere. Mentre Katara procedette a guarirle il braccio, la capitana le chiese se potesse chiedere a Suki di insegnale il blocco del Chi per prepararsi meglio all'inevitabile scontro successivo con i dominatori suprematisti. La dominatrice dell’acqua presentò questa idea prima d Aang poi a Suki, che accettò volentieri, anche se dovette ammettere che in questo poco tempo poteva solo insegnarle le basi. L’addestramento delle guardie iniziò ancora quella sera, rivelandosi veramente talentuosi e ben allenati come promesso. In queste ore, Suki e la capitana svilupparono una buona dinamica tra alleati.

Come temuto, gli esiti delle breve lezioni dovettero essere messi in uso già il giorno successivo quando i seguaci di Liling assalirono nuovamente la Raffineria della Terra e del Fuoco. Grazie all'avvertimento di Ru che aveva spifferato i piani di sua madre ai Team Avatar, questi avevano avuto tempo per prepararsi adeguatamente all'attacco. I suprematisti vennero attirati in un labirinto che gli costrinse a separarsi; un gruppo venne attaccato da Suki, la capitana e altre guardie che li misero fuori gioco con il loro blocco del Chi ancora acerbo, ma abbastanza efficace.

Dopo la rese dei ribelli, la capitana ricevette le lodi di Suki che in cambio la ringraziò per le lezioni ricevute. Più tardi, lei e i suoi uomini controllarono l’arresto dei criminali e pattugliarono la zona.

Non si sa cose ne fosse stata dopo, ma si presume che abbia assistito Suki nella formazione del precursore della polizia di Città della Repubblica e che abbia perfezionato le sue abilità.

Trivia[]

  • Nel fumetto, il suo sesso non viene specificato, il fatto che sia una donna viene rivelato solo nel wiki inglese.
Advertisement