Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questo è un popolo che vive sull'omonima isola nel Sud-Est della Nazione del Fuoco che è più vecchio dell'Avatar stesso e ha influenzato molto la spiritualità di tutte le nazioni del mondo. Anche se la tribù vive in un modo molto isolato, allo stesso momento é anche molto informato sugli avvenimenti correnti, decidono solo di non immischiarsi attivamente.

Storia[]

Primo Signore del Fuoco

il primo Signore del Fuoco

Già prima della Convergenza Armonica di diecimila anni fa, si era sviluppato questo popolo che si avventurò nelle foreste spirituali infestate ancora da spiriti non sempre amichevoli e, viaggiando, raggiunse le Isole del Fuoco fino a stabilizzarsi sulla loro isola nel Sud-Est della futura Nazione del Fuoco. Un lasso di tempo non specificato dopo, un gruppo lasciò l’isola per raggiungere l’isola centrale e, nonostante che regnava una guerriglia tra i vari clan, decisero di rimanere. Grazie alla loro coscienza spirituale e anche del dominio del fuoco, aiutarono nella pacificazione delle isole e diventarono i primi Saggi del Fuoco. Uno dei loro discendenti unificò la Nazione del Fuoco e divenne il primo Signore del Fuoco.

Altri membri dei Bhanti si avventurarono addirittura oltre e raggiunsero anche il Regno della Terra e il Polo Nord, dove si assunsero il ruolo di saggi, rispettivamente i Saggi della Terra e i Saggi dell’Acqua del Nord. I membri rimanenti rimasero sulla loro isola dove crearono una vasta biblioteca sulla coscienza spirituale.

Nel tardo quarto secolo prima della guerra, i Bhanti mandarono il giovane Saggio del Fuoco Nyahitha ad aiutare l’Avatar Kuruk come segno di promozione. Questo incontrò l’uomo del Nord nelle caverne sotto l’isola Ma’inka dopo che questo aveva combattuto contro alcuni spiriti anguilla-dragone oscuri. Gli curò le ferite riportate al meglio possibile, ma lo avverti che questi combattimenti estenuanti gli stavano riducendo la sua energia vitale. Nyahitha era l’unico in cui Kuruk si fidò di raccontargli la verità sulla sua lotta brutale contro gli spiriti oscuri, così questo lo portò sulla sua isola natia per setacciare la biblioteca per trovare qualche aiuto su come battere gli spiriti oscuri più insidiosi. I due giunsero alla conclusione che qualche spirito molto potente doveva aver creato alcuni passaggi tra il mondo materiale e quello spirituale, ma non riuscirono a capire né il perché né u trovare un modo più efficace per contrastarli. I Bhanti rimasero all'oscuro del vero tema di queste ricerche e il mondo crederà per secoli che Nyahitha aveva incoraggiato Kuruk a seguire il suo famoso stile di vita edonistico.  

Dopo la morte di Kuruk, Nyahitha si distanziò dalla sua tribù. Era stato un membro molto rispettato del Tempio Centrale dei saggi del Fuoco e il candidato principale per la successione a Gran Saggio. A sua grande delusione però, la cospirazione politica ebbe il sopravvento e questo onore passò allo zio della capoclan dei Saowon, Lady Huazo. Deluso e frustrato, Niyahitha lasciò il tempio e divenne un ciarlatano nel quartiere losco di Chung-Ling del Nord che finse visioni in cambio di soldi. Nonostante questo, nell'anno 295 AG aiutò Avatar Kyoshi che lo aveva cercato per poter contattare la sua vita precedente.

Bhanti Korra

Uno dei Bhanti trova Korra

La tribù del Bhanti rimase in disparte per tutto il tempo della guerra, ma si curò in segreto di una mandria di bisonti dell’aria che era sopravvissuto allo sterminio dei Nomadi dell’Aria. Nell'anno 171 DG alcuni membri trovarono in spiaggia una giovane donna priva di coscienza che riconobbero subito come l’Avatar Korra. Si resero conto immediatamente che alla straniera mancava la memoria e che stava male, così si affrettarono a portarla al tempio per farla esaminare dalla vecchia sacerdotessa. Questa attribuì la condizione di Korra a una contaminazione del suo spirito dell’Avatar con uno spirito oscuro parassita, così ordinò di immergerla nell'acqua spirituale per purificare il suo corpo.

Dopo aver liberato il suo corpo dalla possessione ed essersi riconnessa con le sue vite precedenti, Korra si risvegliò con gran parte della sua memoria ristabilita. Parlando con la sciamana, questa le rivelò che la Convergenza Armonica era prevista fra poche settimane, così la portò fuori alla mandria di bisonti dell’aria. Ammise di non sapere quanti giorni Korra era stata assente, ma avvertì l’Avatar che aveva poco tempo da perdere se voleva chiudere il portale spirituale del Sud.  

Advertisement