Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement

"Mike ed io eravamo davvero interessati ad altri film epici di "Leggende & Folclore", come "Harry Potter" e "Il Signore degli Anelli", ma sapevamo che volevamo adottare un approccio diverso a quel tipo di genere. Il nostro amore per gli anime giapponesi, il cinema d'azione di Hong Kong e il Kung Fu, lo yoga e le filosofie orientali ci ha portato all'ispirazione iniziale per "Avatar"."
Bryan Konietzko sulla creazione di Avatar - La Leggenda di Aang.[1]

Avatar - La leggenda di Aang, è una serie televisiva animata Americana vincitrice del premio Emmy andata in onda per tre stagioni su Nickelodeon. La serie televisiva è stata creata e prodotta da Michael Dante DiMartino e Bryan Konietzko, che sono stati produttori esecutivi insieme ad Aaron Ehasz. Avatar è ambientato in un mondo influenzato dall'Asia, fatto di arti marziali e manipolazione degli elementi. Lo spettacolo si ispirava a elementi della cultura dell'Asia orientale, dell'Asia meridionale e occidentale, rendendolo una miscela di quelle che in precedenza erano categorie tradizionalmente separate di anime giapponesi e cartoni animati occidentali.

La serie televisiva segue le avventure del protagonista principale Aang e dei suoi amici, che devono salvare il mondo sconfiggendo il Signore del Fuoco Ozai e ponendo fine alla guerra distruttiva con la Nazione del Fuoco. La serie televisiva è andata in onda per la prima volta in America il 21 Febbraio, 2005, per concludersi successivamente il 19 Luglio, 2008 con un film televisivo di due ore ampiamente lodato. La serie televisiva è ora disponibile per l'acquisto su: DVD, Blu-ray, iTunes Store, Xbox Live Marketplace, PlayStation Network, Amazon e YouTube. In Italia, la serie televisiva è disponibile sulla piattaforma di streaming Netflix.

Avatar - La leggenda di Aang è stato popolare sia tra il pubblico che tra la critica, raccogliendo 5,6 milioni di spettatori nel suo programma più apprezzato e ricevendo valutazioni elevate nella formazione Nicktoons, anche al di fuori della sua fascia demografica di 6-11 anni. Avatar è stato nominato e ha vinto premi agli Annie Awards annuali, ai Genesis Awards e agli Emmy Awards in prima serata, tra gli altri. Il successo della prima stagione ha spinto Nickelodeon a ordinare la seconda e la terza stagione. La prima parte di una trilogia cinematografica intitolata L'ultimo dominatore dell'aria è stata rilasciata in Italia il 24 Settembre, 2010, mentre in America, il film è stato rilasciato il 1 Luglio, 2010 e una rivisitazione live-action prodotta da Netflix in collaborazione con Nickelodeon è entrata in produzione nel 2021.

Il merchandising basato sulla serie televisiva include, action figures su scala, un gioco di carte collezionabili, tre videogiochi basati individualmente su ciascuna stagione, animali di peluche distribuiti da Paramount Parks e due set LEGO (usciti solo in America). La popolarità della serie ha dato origine ad una serie televisiva sequel, intitolata La leggenda di Korra, ambientata settant'anni dopo la serie televisiva originale.

Produzione[]

Arte concettuale dei Bisonti volanti

L'idea per Avatar - La leggenda di Aang è nata da alcuni concept art disegnati da Bryan Konietzko.

Michael Dante DiMartino e Bryan Konietzko hanno iniziato a lavorare sulla serie ai Nickelodeon Animation Studios di Burbank, in California. Secondo Bryan Konietzko, il programma è stato concepito nella primavera del 2001, quando ha preso un vecchio schizzo di un uomo di mezza età calvo e ha ri-immaginato il personaggio da bambino. Konietzko ha disegnato il personaggio che pascolava i bisonti nel cielo e ha mostrato lo schizzo a Mike DiMartino. All’epoca DiMartino stava studiando un documentario su degli esploratori intrappolati al Polo Sud.


"Abbiamo pensato: 'C'è un ragazzo dell'aria, insieme a questi uomini dell'acqua, intrappolato in una landa desolata innevata... e forse alcuni uomini del fuoco li stanno schiacciando'..."
Konietzko descrive il loro primo sviluppo del concetto.

I co-creatori hanno presentato con successo l'idea al vicepresidente di Nickelodeon e al produttore esecutivo Eric Coleman solo due settimane dopo.

La serie televisiva è stata rivelata per la prima volta al pubblico in un teaser reel al Comic-Con International di San Diego del 2004 ed è andato in onda il 21 Febbraio del 2005. Negli Stati Uniti, i primi due episodi della serie sono stati mostrati insieme in un evento in anteprima di un'ora. Una seconda stagione di venti episodi è andata in onda dal 17 Marzo del 2006 al 1 dicembre. Una terza e ultima stagione, iniziata il 21 Settembre del 2007, comprendeva ventuno episodi invece dei soliti venti. Gli ultimi quattro episodi sono stati confezionati come un film di due ore.

Premessa[]

Avatar - La leggenda di Aang è ambientato in un mondo fantastico che ospita esseri umani, animali fantastici e spiriti. La civiltà umana è divisa in quattro nazioni: le Tribù dell'Acqua, il Regno della Terra, la Nazione del Fuoco e i Nomadi dell'Aria. Ogni nazione ha il proprio elemento naturale, su cui basa la propria società, e all'interno di ogni nazione esistono persone conosciute come "dominatore" che hanno il potere innato e la capacità di controllare e manipolare l'elemento omonimo della loro nazione. I creatori della serie televisiva hanno assegnato a ciascuna arte della dominazione il proprio stile di arti marziali, facendole ereditare i vantaggi e i punti deboli delle arti marziali a cui era stata assegnata. I quattro tipi di arti del dominio sono il dominio dell'acqua, il dominio della terra, il dominio del fuoco e il dominio dell'aria.

Ogni generazione produce una persona capace di controllare e manipolare tutti e quattro gli elementi, l'Avatar. Quando un Avatar muore, si reincarna nella nazione successiva nel Ciclo dell'Avatar. Il Ciclo dell'Avatar mette in parallelo le stagioni: autunno per i Nomadi dell'Aria, inverno per la Tribù dell'Acqua, primavera per il Regno della Terra ed estate per la Nazione del Fuoco. La leggenda sostiene che l'Avatar debba padroneggiare ogni arte di dominio in ordine, iniziando dal suo elemento nativo. Questo a volte può essere compromesso quando la situazione lo richiede, come dimostrato da Aang nella serie televisiva. Per l'Avatar, imparare a dominare l'elemento opposto al suo elemento nativo può essere estremamente impegnativo e difficile. Questo perché le arti di dominio opposte si basano su stili e discipline di combattimento molto differenti: il dominio del fuoco e quello dell'acqua sono opposti, così come il dominio della terra e quello dell'aria.

L'Avatar possiede un potere e un'abilità unici chiamati Ciclo dell'Avatar; un meccanismo di difesa che conferisce all'Avatar tutta la conoscenza, i poteri e le abilità di tutti gli Avatar del passato e agisce come un meccanismo di difesa auto innescato, sebbene possa essere soggetto alla volontà se l'utente apre i suoi chakra corporei. Se un Avatar viene ucciso nello Stato dell'Avatar, il ciclo di reincarnazione verrà interrotto e l'Avatar cesserà di esistere. Nel corso dei secoli, innumerevoli incarnazioni dell'Avatar sono servite a mantenere le quattro nazioni in armonia e a mantenere la pace e l'ordine nel mondo. L'Avatar funge anche da ponte tra il mondo fisico e il Mondo degli Spiriti, permettendogli di risolvere problemi che i normali piegatori non possono. Un'altra abilità che nessuno tranne l'Avatar può fare è il dominio dell'energia, che Aang dimostra nella lotta con il Signore del Fuoco Ozai nella Foresta di Wulong.

Influenze culturali[]

Articolo principale: Le influenze sul franchise di Avatar
Scrivere

Gli strumenti per scrivere come raffigurati nella serie avevano notevoli influenze orientali.

Avatar è noto per aver preso ampiamente in prestito dall'arte e dalla mitologia asiatica per creare il suo universo immaginario. Il design dei personaggi dello show è influenzato sia dai cartoni animati americani che dagli anime; lo spettacolo, tuttavia, non è considerato un "anime" a causa delle sue origini negli Stati Uniti. Le influenze esplicitamente dichiarate includono l'arte e la storia cinese, l'abbigliamento coreano e i racconti popolari, gli anime giapponesi, l'induismo, il taoismo, il buddismo e lo yoga. Lo staff di produzione ha assunto un consulente culturale, Edwin Zane, per revisionare le sceneggiature.

Gli stili di calligrafia tradizionale dell'Asia orientale sono utilizzati per quasi tutto lo scrivere nella serie televisiva. Per ogni istanza di calligrafia viene utilizzato uno stile appropriato, che va dalla scrittura del sigillo (più arcaica) alla scrittura clericale. La serie televisiva impiega il calligrafo Siu-Leung Lee come consulente e traduttore.

I movimenti coreografici di flessione dell'arte marziale sono stati profondamente influenzati dal cinema asiatico. Le serie di film occidentali come Star Wars e le saghe letterarie come Harry Potter e Il Signore degli Anelli, hanno avuto una forte influenza nello sviluppo della storia di Avatar. In un'intervista, i creatori hanno rivelato che volevano raccontare la loro epica "leggenda & storia d'amore".

Avatar[]

Il termine "Avatar" deriva dalla parola sanscrita Avatāra, che significa "stirpe". Nell'Induismo, gli dei si manifestano in Avatar per ristabilire l'equilibrio sulla terra, solitamente durante un periodo di grande male. I caratteri cinesi che compaiono nella parte superiore del titolo dello spettacolo significano "il medium spirituale divino che è disceso sul mondo mortale".

Quando Aang era giovane, rivelò inconsapevolmente di essere l'Avatar quando scelse quattro giocattoli tra migliaia, ognuno dei quali erano i giocattoli d'infanzia dei precedenti Avatar. Nel buddismo tibetano esiste un test simile per la reincarnazione di un Tulku Lama. Nel libro Mistici e maghi del Tibet, Alexandra David-Neel scrive che "un certo numero di oggetti come rosari, strumenti rituali, libri, tazze da tè, ecc., vengono messi insieme, e il bambino deve scegliere quelli che appartenevano al defunto tulku, dimostrando così di riconoscere le cose che erano loro nella vita precedente". Ci si aspetta che ogni successore mostri segni di continuità con l'Avatar precedente, come essere nato entro una settimana dalla morte dell'Avatar precedente.

Elementi[]

Per le sue arti di dominio, Avatar si ispira ai quattro elementi classici comuni alle filosofie più antiche: acqua, terra, fuoco e aria, piuttosto che ai cinque elementi classici cinesi. Sebbene ognuna abbia la propria variazione, la maggior parte delle filosofie antiche incorpora in qualche modo questi quattro elementi: gli esempi includono le tradizioni elementali classiche Indù, Buddiste, Greche e Giapponesi.

Stili di combattimento[]

La coreografia di combattimento della serie televisiva si ispira alle arti marziali; gli stili di combattimento e le armi sono basati sulle arti marziali cinesi, con ogni arte di piegamento corrispondente a un certo stile del mondo reale. I creatori si riferivano al Baguazhang per il dominio dell'aria, all'Hung Gar per il dominio della terra, allo Shaolin settentrionale per il dominio del fuoco e al Tai Chi per il dominio dell'acqua. L'unica eccezione a questo è Toph, che impiega uno stile di Mantide Religiosa del Sud Chu Gar. La serie ha impiegato Sifu Kisu dell'Associazione Atletica Harmonious Fist Chinese come consulente di arti marziali.

Personaggio[]

  • Aang (Zachary Tyler Eisen) è il 112enne protagonista della serie amante del divertimento, egli è rimasto bloccato in letargo all'interno di un iceberg per cento anni e quindi rimasto biologicamente un bambino di dodici anni. È l'attuale incarnazione dell'Avatar, lo spirito del mondo manifestato in forma umana, il cui compito è mantenere l'equilibrio tra le nazioni del mondo. Aang è un eroe riluttante, che preferirebbe l'avventura, al suo lavoro come Avatar e farsi degli amici piuttosto che combattere la Nazione del Fuoco.
  • Katara (Mea Whitman) è una quattordicenne dominatrice dell'acqua della Tribù dell'Acqua del Sud, l'unica dominatrice dell'acqua della tribù. Katara scopre e libera Aang da un iceberg nel quale era rimasto intrappolato per cento anni. Insieme al fratello quindicenne Sokka, accompagna Aang nella sua ricerca per sconfiggere il Signore del Fuoco e portare la pace nel mondo.
  • Sokka (Jack DeSena) è un quindicenne, guerriero della Tribù dell'Acqua del Sud. Con sua sorella Katara, accompagna Aang nella sua ricerca per sconfiggere il Signore del Fuoco. Il burlone del gruppo, Sokka si descrive come "amante della carne" e "sarcastico". A differenza dei suoi compagni, Sokka non può dominare un elemento, ma la serie, anche se spesso lo rende vittima di comicità a sue spese, gli offre spesso l'opportunità di usare il suo ingegno e le sue armi, tra cui il suo fidato boomerang, una mazza da battaglia, e una spada che egli ha forgiato da un meteorite.
  • Toph Beifong (Jessie Flowers) è una dominatrice della terra cieca di dodici anni. Nel secondo libro, lascia la sua famiglia benestante e la sua casa confortevole per unirsi ad Aang nella sua ricerca, con un piano per insegnargli a dominare la terra. Sebbene cieca, Toph "vede" sentendo le vibrazioni del terreno attraverso i suoi piedi. Diventa la prima dominatrice della terra a imparare a piegare il metallo ed è considerata una delle dominatrici della terra più potenti al mondo.
  • Zuko (Dante Basco) è il sedicenne principe in esilio della Nazione del Fuoco e principale antagonista originale della serie. A causa degli eventi del passato di Zuko, suo padre, il Signore del Fuoco Ozai, lo considera un completo fallimento e Zuko sente di dover catturare l'Avatar per riconquistare il suo onore. Nel corso del tempo, Zuko fatica ad affrontare la rabbia, l'autocommiserazione e le relazioni familiari; nel frattempo, diventa solidale con i popoli che la sua nazione ha terrorizzato. Nel Terzo Libro, abbandona la Nazione del Fuoco e si unisce ad Aang e alla squadra per insegnare ad Aang il dominio del fuoco. Alla fine della serie, viene incoronato sovrano della Nazione del Fuoco.
  • Appa (Dee Bradley Baker) è il bisonte volante e migliore amico di Aang, rimasto congelato insieme a lui nell'iceberg. Appa funge da principale mezzo di trasporto del Team Avatar, trasportandoli sulla sua sella durante il volo. Nonostante il suo comportamento apparentemente semplicistico, Appa è molto più intelligente ed emotivamente complesso di quanto sembri inizialmente, ed è ferocemente protettivo e leale verso coloro che considera suoi amici.
  • Momo (Dee Bradley Baker) è l'altro animale domestico di Aang, un lemure alato curioso e vivace che viene trovato e adottato dal Team Avatar, poiché era l'unico lemure rimasto al Tempio dell'Aria Meridionale. Momo spesso si appollaia sulla spalla di Aang e accompagna il giovane Avatar quasi ovunque e, inoltre, fornisce gran parte dell'intermezzo comico della serie.
  • Suki (Jennie Kwan) è la quindicenne leader delle Guerriere Kyoshi e l'ultima ad unirsi alla missione di Aang. Presentata presto e brevemente nella sua casa sull'Isola di Kyoshi, viene vista nuovamente due volte nel secondo libro, prima di unirsi permanentemente al Team Avatar dopo che Sokka e Zuko la salvarono da una prigione della Nazione del Fuoco nel terzo libro. Come Sokka, non è una dominatrice, ma è abbastanza capace di gestire se stessa in un combattimento con la spada, il ventaglio da guerra e le abilità acrobatiche. Alla fine della serie, è l'interesse amoroso di Sokka.
  • Iroh (Mako nei Libri Uno e Due, Greg Baldwin nel Libro Tre) è un generale in pensione della Nazione del Fuoco, noto come il Drago dell'Ovest, nonché zio e mentore del Principe Zuko. Iroh perse suo figlio Lu Ten nella guerra, dopo di che tornò nella Nazione del Fuoco, dove era l'erede originale al trono finché suo fratello non usurpò il trono dopo la morte del Signore del Fuoco Azulon. In superficie, Iroh è un vecchio allegro, gentile e ottimisticamente eccentrico, ma rimane comunque un guerriero competente e un devoto genitore surrogato per Zuko. Iroh è un Gran Maestro dell'Ordine del Loto Bianco, una società segreta di uomini di tutte le nazioni, e aiuta a riprendere Ba Sing Se dalla Nazione del Fuoco durante il finale della serie. A differenza della maggior parte dei dominatori del fuoco, Iroh non usa la furia come fonte della sua forza; invece usa le abilità originali di dominio del fuoco apprese dai draghi. Anche lui è uno dei pochi dominatori del fuoco con la rara capacità di generare fulmini e reindirizzarli (una tecnica da lui stesso sviluppata).
  • Azula (Grey DeLisle) è la quattordicenne principessa della Nazione del Fuoco. È la sorella minore di Zuko e una delle principali antagoniste della serie. Azula è un prodigio del dominio del fuoco ed è uno dei pochi dominatori del fuoco viventi in grado di evocare i fulmini. Non ha scrupoli nel bullizzare e minacciare i suoi parenti, riservando ogni lealtà familiare a suo padre.
  • Mai (Cricket Leigh) è una nobilragazza stoica e impassibile che è una delle migliori amiche d'infanzia di Azula e una maestra nel lanciare coltelli e gli stiletto. Viene reclutata da Azula nel secondo libro insieme a Ty Lee per aiutarla a dare la caccia all'Avatar, Iroh e Zuko, diventando l'interesse amoroso di quest'ultimo al suo ritorno alla Nazione del Fuoco nel Libro Terzo.
  • Ty Lee (Olivia Hack) è un acrobata circense allegra e frizzante, una delle migliori amiche d'infanzia di Azula e un artista marziale esperta nell'uso del blocco del chi. Insieme a Mai, Ty Lee viene reclutata da Azula nell'Libro Due per aiutarla a catturare i suoi nemici.
  • Ozai (Mark Hamill) è il tirannico sovrano della Nazione del Fuoco durante gli ultimi anni della Guerra dei Cent'anni e il principale antagonista della serie. Come ogni Signore del Fuoco prima di lui, Ozai è un maestro del dominio del fuoco e, prima della fine della Guerra, si ritiene che fosse uno dei dominatori del fuoco più potenti del mondo. Ozai è disposto a fare di tutto per raggiungere il suo obiettivo di dominare il mondo, anche sacrificando il suo stesso popolo e commettendo un genocidio.
  • Zhao (Jason Isaacs) è il leader della Marina della Nazione del Fuoco e l'antagonista secondario del Primo Libro. È un maestro dominatore del fuoco e uno degli uomini più potenti della Nazione del Fuoco. Zhao cerca di diventare un eroe della Nazione del Fuoco e di entrare nella storia della sua nazione come una leggenda. Per raggiungere questo scopo, Zhao farà di tutto, arrivando persino a uccidere uno spirito.
  • Long Feng (Clancy Brown) è il Gran Segretariato di Ba Sing Se, il leader dei Dai Li e l'antagonista secondario del Libro Due. In qualità del più stretto consigliere personale del Re della Terra Kuei, Long Feng gli nascose l'esistenza della Guerra dei Cent'anni fuori dalle mura della città del Regno della Terra mentre i Dai Li soppiantarono il potere del re sul suo popolo. Long Feng farà di tutto per mantenere il controllo su Ba Sing Se, inclusi, ma non limitati a, ricatti, lavaggio del cervello e rapimenti.

Le sinossi della serie televisiva[]

Cento anni prima dell'inizio della serie, un dodicenne dominatore dell'aria di nome Aang scopre di essere il nuovo Avatar. Temendo le pesanti responsabilità di fermare un'imminente guerra mondiale e con l'imminente separazione dal suo mentore, il Monaco Gyatso, Aang fugge di casa sul suo bisonte volante, Appa. Durante una violenta tempesta, si schiantano nell'oceano e lo stato Avatar di Aang li congela in uno stato di animazione sospesa all'interno di un iceberg.

Libro Uno: Acqua (水)[]

Articolo principale: Libro Uno: Acqua
Il Team Avatar si incontra

Aang viene scoperto da Katara e Sokka.

Aang e Appa vengono svegliati cento anni dopo da due fratelli originari della Tribù dell'Acqua del Sud, Katara e Sokka. Aang scopre che subito dopo la sua scomparsa cento anni prima, la Nazione del Fuoco ha iniziato una guerra. La mossa di apertura della Nazione del Fuoco nella sua campagna per la conquista globale fu quella di lanciare un attacco genocida contro i Nomadi dell'Aria che portò all'estinzione l'intera razza di Aang, rendendolo così "l'ultimo dominatore dell'aria" rimasto in vita. Si rende conto che deve compiere il suo destino di diventare un Avatar pienamente realizzato e riportare l'equilibrio nel mondo sconfiggendo la Nazione del Fuoco. Aang si propone di padroneggiare i tre elementi non imparati: acqua, terra e fuoco. Con Katara e Sokka, Aang decide di dirigersi prima al Polo Nord per trovare un maestro del dominio dell'acqua.

Aang scopre presto che la Cometa di Sozin, che il Signore del Fuoco Sozin usò come fonte di energia per iniziare la Guerra dei Cent'anni, tornerà nella prossima estate, dando alla Nazione del Fuoco abbastanza potere per ottenere la vittoria finale. Aang si rende conto che deve padroneggiare tutti e quattro gli elementi e porre fine alla guerra prima di quel momento. Per la maggior parte del loro viaggio verso il Polo Nord, il gruppo è inseguito da Zuko, un bandito principe della Nazione del Fuoco, figlio del Signore del Fuoco Ozai, ossessionato dall'idea di catturare Aang per ripristinare il suo onore perduto.

Libro Due: Terra (土)[]

Articolo principale: Libro Due: Terra
Il Team Avatar minaccia il Re della Terra

Il Team Avatar appare davanti al Re della Terra.

Dopo aver lasciato il Polo Nord e aver padroneggiato il dominio dell'acqua, Aang si reca nel Regno della Terra per padroneggiare il dominio della terra. Lì, il gruppo incontra Toph, una prodigiosa dominatrice della terra cieca che diventa il secondo insegnante di Aang. Gli eroi scoprono informazioni su un'imminente eclissi solare che lascerebbe la Nazione del Fuoco impotente e aperta all'invasione. Lottano per raggiungere il Re della Terra con queste informazioni vitali, ma vengono deviati dal rapimento di Appa. Zuko, psicologicamente auto-tormentato, sua sorella Azula e le sue due amiche Mai e Ty Lee inseguono il gruppo mentre lottano per raggiungere Ba Sing Se. Azula organizza un colpo di stato dall'interno che rovescia il Re della Terra e distrugge ogni speranza di un'invasione su larga scala della Nazione del Fuoco.

Libro Tre: Fuoco (火)[]

Articolo principale: Libro Tre: Fuoco
Zuko vuole unirsi al Team Avatar

Zuko rivela il suo desiderio di unirsi al Team Avatar.

Il gruppo si riprende dalla caduta di Ba Sing Se e si reca nel luogo dell'invasione pianificata. Il giorno dell'eclissi solare, il gruppo di Aang e un gruppo più piccolo di guerrieri lanciano un'invasione più piccola, che alla fine fallisce. Zuko affronta suo padre e i difetti della Nazione del Fuoco. Dopo una serie di eventi, riesce a guadagnarsi la fiducia dei protagonisti e diventa il maestro del dominio del fuoco di Aang. Aang e Zuko svelano i veri segreti del dominio del fuoco degli antichi "Guerrieri del Sole", Sokka e Zuko successivamente si recano in una prigione della Nazione del Fuoco chiamata Roccia Bollente per salvare il padre di Sokka e Suki, una guerriera dell'Isola di Kyoshi.

Nel giorno della cometa di Sozin, il Signore del Fuoco Ozai sfrutta l'incredibile potere ed energia della cometa per avviare una campagna genocida per distruggere il resto del mondo. Aang e i suoi amici si separano per affrontare l'autoproclamato Re Fenice Ozai, Azula (che sta per essere incoronato come il nuovo Signore del Fuoco) e la flotta aerea della Nazione del Fuoco che accompagna Ozai. Aang affronta e sconfigge Ozai. Zuko e Katara sconfiggono Azula prima della sua incoronazione. Sokka, Toph e Suki distruggono la flotta aerea. Zuko diventa il nuovo Signore del Fuoco e promette di aiutare il mondo a ricostruirsi dopo cento anni di guerre e sofferenze.

Responso[]

Ascolti[]

Quando la serie televisiva ha debuttato, è stata valutata come la migliore serie televisiva animata nel suo gruppo demografico; i nuovi episodi hanno registrato una media di 1,1 milioni di spettatori ciascuno. Una proiezione speciale di un'ora di "Il Segreto della Nazione del Fuoco", andata in onda il 15 Settembre, 2006, composta da "Il passo del serpente" e "La macchina infernale", ha raccolto un pubblico di 4,1 milioni di spettatori. Secondo Nielsen Media Research, lo speciale è stato il programma televisivo via cavo con le migliori prestazioni trasmesso in quella settimana. Nel 2007, Avatar è stato distribuito in più di 105 paesi in tutto il mondo ed è stato uno dei programmi più apprezzati di Nickelodeon. La serie si è classificata prima su Nickelodeon in Germania, Indonesia, Malesia, Belgio e Colombia.

In America, il finale della serie, "La cometa di Sozin", ha ricevuto i voti più alti della serie. La sua première il 19 luglio 2008 ha registrato una media di 5,6 milioni di spettatori, il 95% in più di spettatori rispetto a Nickelodeon a metà luglio 2007. Durante la settimana del 14 luglio, si è classificato come il programma più visto per la fascia demografica under 14. "La cometa di Sozin" è apparso anche nella top ten degli episodi televisivi più venduti di iTunes durante quella stessa settimana. La popolarità de "La cometa di Sozin" ha influenzato anche i media online; Rise of the Phoenix King, un gioco online di Nick.com, basato su "La cometa di Sozin", ha generato quasi 815.000 giocate in tre giorni. Il punteggio medio del tomatometro di Avatar - La leggenda di Aang è del 100%, con una revisione media del pubblico del 98%. IMDb attribuisce alla serie un punteggio di 9,3/10.

Premi e Nomination[]

Premi

Risultato

Premio Pulcinella 2005

Miglior serie TV d'azione/avventura

Vinto[2]

Miglior Serie TV

Vinto[2]

33rd Annie Awards

Miglior Produzione Televisiva d'Animazione

Nomination[3]

Storyboarding in una Produzione Televisiva Animata ("Il deserto")

Vinto[3]

Scrittura per una Produzione Televisiva Animata ("L'indovina")

Nomination[3]

34esimi Premi Annie

Animazione dei Personaggi in una Produzione Televisiva ("La bandita cieca")

Vinto[4]

Regia in una Produzione Televisiva d'Animazione ("The Drill")

Vinto[4]

36esimi Premi Annie

Miglior Produzione Televisiva d'Animazione per Bambini

Vinto[5]

Regia in una Produzione Televisiva di Animazione (Joaquim Dos Santos per "Dentro l'inferno")

Vinto[5]

2007 Genesis Awards

Eccezionale Programmazione per Bambini ("Appa")

Vinto[6]

Premi Emmy

Eccezionale Programma Animato ("La città dei segreti")

Nominato[7]

Premio Individual Achievement (Sang-Jin Kim per "Il lago Laogai")

Vinto[8]

Nickelodeon Kids Choice Awards 2008

Cartone Animato Preferito

Vinto[9]

Annecy 2008

Serie TV (Joaquim Dos Santos Per "Il giorno del Sole Nero (seconda parte) - L'eclissi")

Nominato[10]

56th Golden Reel Awards

Miglior Montaggio Sonoro in un'Animazione Televisiva ("Un mondo nuovo")

Nominato[11]

Premio Peabody 2009

Personaggi insolitamente complessi, e un sano rispetto per le conseguenze della guerra.

Vinto[12]

Anime o cartone animato[]

Articolo principale: Le influenze sul franchise di Avatar#Anime

Il dibattito sul fatto che Avatar sia considerato un anime è controverso; un recensore ha commentato che "Avatar offusca il confine tra anime e cartoni animati nazionali (americani) finché non diventa irrilevante". Avatar ha molte caratteristiche tipiche degli anime, come una tavolozza di colori distintiva della maggior parte dei cartoni animati americani.

"I migliori anime bilanciano grandi sequenze d'azione con umorismo ed emozione, qualcosa che proviamo a fare su Avatar. Adoriamo tutti i film di Hayao Miyazaki, in particolare La città incantata e La principessa Mononoke. Entrambi i film trattano la spiritualità e l'ambiente in modo divertente. Inoltre, c'è molta animazione fantastica."
—I creatori di avatar Bryan Konietzko e Michael Dante DiMartino confermano una particolare influenza sugli anime in un'intervista ad una rivista.

Secondo un'intervista con gli artisti di Avatar, il design di Appa era basato sul Gattobus del Il mio vicino Totoro, per via del fatto del compito peculiare di creare un mammifero con sei zampe.

Avatar trae ispirazione da Cowboy Bebop e Samurai Champloo di Shinichiro Watanabe, nonché da FLCL (Fooly Cooly) di Gainax. Altri studi da cui ha tratto ispirazione includono Studio 4 °C, Production I.G e Studio Ghibli. Bryan ha commentato che alcune delle sue scene di combattimento di Watanabe più care sono state la lotta tra Spike Spiegel di Bebop e quella di un trafficante di droga nel film "Asteroid Blues" così come il duello tra Mugen e una donna cieca che usa Jojutsu nell'episodio di Champloo "Elegia (parte seconda)". Il regista di Avatar, Giancarlo Volpe, affermò inoltre che a tutto lo staff "è stato ordinato di acquistare FLCL e di guardarne ogni singolo episodio".

Altri media[]

Promozione e merchandising[]

Vedi anche: Merchandise

Il successo di Avatar ha portato ad alcune pubblicità promozionali con società di terze parti, come Burger King e Upper Deck Entertainment. Sono apparse anche le montagne russe a tema Avatar a Kings Island e al Nickelodeon Universe nel Mall of America. Durante la durata della serie animata, Nickelodeon ha pubblicato due numeri speciali di Nick Mag Presents dedicati interamente alla serie animata. Vari membri dello staff e del cast di Avatar sono apparsi alla convention internazionale del Comic-Con di San Diego del 2006, mentre Michael Dante DiMartino e Bryan Konietzko sono apparsi con il consulente di arti marziali Sifu Kisu al Pacific Media Expo il 28 ottobre 2006. Avatar ha anche il suo linea di magliette, Set di Gioco LEGO, giocattoli, un gioco di carte collezionabili, un cine-manga e tre videogiochi. Anche a settembre; Legends of the Arena, un MMO, è stato rilasciato online.

La linea di giocattoli di action figure prodotta dalla Mattel ha generato alcune controversie con la sua esclusione di qualsiasi personaggio femminile. La Mattel è venuta a rilasciare informazioni affermando che hanno preso in considerazione il ruolo crescente di Katara all'interno del programma e che sarebbe stata inclusa nell'assortimento di figure per un rilascio a metà del 2007. Tuttavia, alla fine la figura non è stata pubblicata, poiché l'intera linea è stata cancellata prima che potesse essere prodotta.

Da allora i dirigenti di Nickelodeon hanno rilasciato piani ottimistici per le prossime strategie di marketing riguardo ad Avatar. Il presidente di Nickelodeon, Cyma Zarghami, ha dichiarato apertamente la sua convinzione che il franchise "avrebbe potuto diventare il loro Harry Potter". Si aspettavano che i consumatori spendessero circa 121 milioni di dollari nel 2007, per salire a 254 milioni di dollari entro il 2009. I piani di marketing dovevano coincidere con l'uscita del primo film live-action basato sulla serie nel 2010, che doveva essere il primo film in una trilogia.

Lungometraggio[]

Articolo principale: L'ultimo dominatore dell'aria (film 2010)
Locandina film

Il poster promozionale de L'Ultimo Dominatore dell'Aria presenta Aang e Zuko.

L'8 Gennaio del 2007, MTV Films e Nickelodeon Movies della Paramount Pictures annunciarono di aver ingaggiato M. Night Shyamalan per scrivere, dirigere e produrre una trilogia di film live-action basati sulla serie; il primo di questi film racchiude le avventure dei personaggi principali nel primo libro. Il film era in disputa con il film Avatar di James Cameron riguardo alla proprietà del titolo, che ha portato il film a intitolarsi L'ultimo dominatore dell'aria. È stato rilasciato il 1 luglio 2010. Shyamalan è stato attratto dalla serie per le sue arti marziali stimolanti e il tema spirituale, dopo essere stato introdotto al programma dai suoi figli. Le riprese sono iniziate nel marzo 2009 e si svolgono a Filadelfia e in Groenlandia. Il produttore Frank Marshall dichiarò che il film sarebbe potuto essere spostato alla fine del 2010 o addirittura all'inizio del 2011 e che alcune riprese sarebbero potute avvenire nell'Estremo Oriente.

Secondo un'intervista con i co-creatori su SFX Magazine, Shyamalan si è imbattuto in Avatar quando sua figlia voleva essere Katara per Halloween. Incuriosito, Shyamalan ha fatto ricerche e ha guardato la serie con la sua famiglia. "Guardare Avatar è diventato un evento di famiglia a casa mia... quindi non vediamo l'ora di vedere come si svilupperà la storia nella terza stagione", ha detto Shyamalan. "Una volta che ho visto lo straordinario mondo creato da Mike e Bryan, ho capito che sarebbe stato un film fantastico".

I co-creatori di Avatar Mike DiMartino e Bryan Konietzko hanno espresso la loro opinione in un'intervista riguardo alla scrittura, alla regia e alla produzione del film da parte di M. Night Shyamalan. I due hanno mostrato molto entusiasmo per la decisione di Shyamalan per l'adattamento, affermando che ammirano il suo lavoro e, a sua volta, rispetta il loro materiale. M. Night Shyamalan ha detto che scriverà il secondo film mentre si prepara a girare il primo. James Newton Howard, che aveva composto la musica per tutti i film di Shyamalan a partire da Il sesto senso, ha composto la musica, anche per L'ultimo dominatore dell'aria.

Shyamalan ha offerto i ruoli di Aang al texano Noah Ringer, esperto di karate; Sokka a Jackson Rathbone; Katara con Nicola Peltz; e il principe Zuko originariamente a Jesse McCartney. Il casting di attori bianchi ha innescato una reazione negativa da parte dei fan, segnata da accuse di razzismo, una campagna di scrittura di lettere e una protesta al di fuori di un casting di Filadelfia per comparse cinematografiche. Rathbone ha respinto le lamentele, dicendo: "Penso che sia una di quelle cose in cui mi tiro su i capelli, mi rado i lati e ho sicuramente bisogno di abbronzarmi. È una di quelle cose in cui, si spera, il pubblico sospenderà un po' l'incredulità." Nel Febbraio del 2009, Dev Patel ha sostituito McCartney, le cui date del tour erano in conflitto con un campo di addestramento previsto per il cast per allenarsi nelle arti marziali. Aasif Mandvi interpreta il comandante Zhao, Shaun Toub interpreta lo zio Iroh, Cliff Curtis interpreta il Signore del fuoco Ozai e Keong Sim interpreta il padre dominatore della terra.

Shyamalan originariamente aveva offerto i ruoli di Aang al texano Noah Ringer, esperto di karate; Sokka a Jackson Rathbone; Katara con Nicola Peltz; e il principe Zuko a Jesse McCartney. Il casting di attori bianchi ha innescato una reazione negativa da parte dei fan, segnata da accuse di razzismo, una campagna di scrittura di lettere e una protesta al di fuori di un casting di Filadelfia per comparse cinematografiche. Rathbone ha respinto le lamentele, dicendo: "Penso che sia una di quelle cose in cui mi tiro su i capelli, mi rado i lati e ho sicuramente bisogno di abbronzarmi. È una di quelle cose in cui, si spera, il pubblico sospenderà un po' l'incredulità. " Nel febbraio 2009, Dev Patel ha sostituito McCartney, le cui date del tour erano in conflitto con un campo di addestramento previsto per il cast per allenarsi nelle arti marziali. Aasif Mandvi interpreta il comandante Zhao, Shaun Toub interpreta lo zio Iroh, Cliff Curtis interpreta il Signore del fuoco Ozai e Keong Sim interpreta il padre dominatore della terra.

Giochi[]

Vedi anche: Elenco dei giochi di Avatar

Venne creata una trilogia di videogiochi su Avatar = Avatar: The Last Airbender, il videogioco, è stato rilasciato il 10 Ottobre, 2006; Avatar: The Last Airbender – The Burning Earth è stato rilasciato il 16 Ottobre, 2007 e Avatar: The Last Airbender – Into the Into the Inferno è stato rilasciato il 13 Ottobre, 2008. I tre giochi erano vagamente basati rispettivamente sulle stagioni uno, due e tre. I giocatori possono selezionare personaggi e completare missioni per acquisire esperienza e far avanzare la trama. Nonostante le scarse recensioni della critica, i giochi hanno avuto ottimi risultati commerciali; ad esempio, Avatar: The Last Airbender è stato il gioco Nickelodeon più venduto di THQ nel 2006 e ha persino raggiunto lo status di "Maggiori Successi" della Sony CEA.

Legends of the Arena, un videogioco per Microsoft Windows lanciato il 25 Settembre del 2008 da Nickelodeon. Ogni utente può creare il proprio personaggio, scegliere una nazione e interagire con altri in tutto il mondo.

Curiosità[]

  • Tutti e tre i libri della serie iniziano su una nave di qualche tipo: Sokka e Katara vengono visti per la prima volta mentre pescano sul ghiaccio nell'episodio "Il ragazzo nell'iceberg"; un veliero cutter che trasporta il Maestro Pakku e il Team Avatar viene visto per la prima volta nell'episodio "Potenza e vulnerabilità"; e Aang viene visto per la prima volta riprendere conoscenza a bordo di un incrociatore della Nazione del Fuoco nell'episodio "Il risveglio".
  • Giancarlo Volpe ha dichiarato che la produzione ha dovuto cambiare il titolo della serie televisiva da Avatar ad Avatar: The Last Airbender nel 2004, poiché James Cameron deteneva già i diritti sul nome.

Riferimenti[]

Vedi anche[]

Link esterni[]

Advertisement