Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Nel tardo 99 DG, il Principe Zuko e i suoi soldati fecero una razzia all'Isola di Kyoshi per catturare l’Avatar Aang. Fino a quel momento, l’isola si era astenuta da qualsiasi coinvolgimento nella Guerra dei Cent’anni, ma il Principe esiliato aveva saputo per caso che l’Avatar si stava trovando lì in quel momento. Il loro attacco causò vasti danni al villaggio di Suki, ma vennero sconfitti dalle Guerriere Kyoshi e dal Team Avatar, finché Aang decise di lasciare l’isola subito per evitare altri danni.

Preludio[]

Sin dalla creazione dell’isola per mano dell’Avatar Kyoshi che la separò dalla terra ferma, questa godeva di un altissimo grado di autonomia all'interno del Regno della Terra. In aggiunta a questo, alcune comuni dell’isola vivevano una politica di severa insolazione e credevano che dovevano ridurre i contatti con l’esterno al minimo. Di conseguenza, l’isola decise di rimanere neutrale al conflitto che iniziò nell'anno zero e la Nazione del Fuoco la considerò non una minaccia alla sua campagna di conquista, quindi la lasciò in pace.

Villaggio Suki

il villaggio

Nonostante questa neutralità verso l’esterno, l’isola si vantava di una forza difensiva altamente allenata che erano le Guerriere Kyoshi. Erano le eredi dell’arte di combattimento di Kyoshi stessa, composte esclusivamente da donne e ogni villaggio possedeva una sua unità. Nell’anno 99 DG, la capa dell’unità di quel villaggio era la giovane Suki. In quel momento, la giovane guerriera aveva già avuti seri dubbi sulla politica di isolazionismo implementata dal capo-villaggio Oyaji che erano già sorti qualche anno primo quando la sua compagna di squadra Mingxia aveva già osato criticarlo pubblicamente.

L1 E04 guerriere Kyoshi

Suki e le sua compagne

Nel frattempo, il Principe Zuko era stato esiliato da suo padre, il Signore del Fuoco Ozai, e lo aveva mandato a una missione per riconquistarsi il suo onore perduto catturando l’Avatar, ormai assente da quasi un secolo. Zuko e suo zio Iroh lo avevano scoperto al polo Sud e iniziarono ad inseguirlo incessantemente, ma lo persero di vista mentre Aang e i suoi amici se la presero con comoda. Il trio fece una sosta sull'Isola di Kyoshi, ma vennero presto avvistati e catturati dalle Guerriere Kyoshi di Suki per essere portati al villaggio. Inizialmente trattati come possibili spie della Nazione del Fuoco, gli abitanti cambiarono atteggiamento quando seppero che Aang era l’Avatar e li trattarono come ospiti d’onore.

Attacco[]

Nonostante i pochi contatti con l'esterno, la notizia della presenza dell’Avatar sull'isola uscì dalla comunità e, attraverso pescatori e commercianti, raggiunse la terra ferma e infine l’orecchio di Zuko. Il soldato ordinò l’immediata partenza per l’isola e la raggiunse la sera successiva. Mentre i soldati stavano atterrando, Iroh gli fece ricordare che gli abitanti dell’isola finora non si erano immischiati nella guerra e che la Nazione del Fuoco non possedeva nessuna informazione sulle loro forze di difesa, ma Zuko lo ignorò dicendo che qualche villaggio di pescatori non possa essere una minaccia per la sua mezza dozzina di soldati ben addestrati.

Il Principe e i suoi tre soldati dominatori e tre non-dominatori scesero dalla nave montando rinoceronti komodo e gli ordinò di catturare l’Avatar vivo. A loro insaputa, vennero spiati da Katara che si stava occupando di un Aang svenuto dopo un incidente con il serpente gigante Unaghi che lo aveva attaccato quando il Nomade dell’Aria voleva cavalcarlo per impressionare le ragazze del villaggio. Il gruppo di Zuko gli passò accanto, ma fallì a notarli.

L’avanzata dei soldati non passò inosservato e le Guerriere Kyoshi gli tennero un’imboscata. Nonostante l’evidente sorpresa, i soldati respinsero l’attacco, ma non poterono fermare le guerriere mentre si stavano ritirando. Arrabbiato per questa insolenza, Zuko ordinò di inseguirli fino al villaggio più vicino.

L1 E04 Sokka Suki Zuko

Zuko contro Sokka e Suki

Intanto, Suki aveva informato gli abitanti dell’arrivo dei soldati che la raggiunsero pochi minuti dopo. Quando Zuko arrivò, le strade sembravano deserte e il suo ordine di consegnargli l’Avatar non venne ascoltato, così ordinò ai suoi soldati di iniziare a cercarlo. In quel momento, le guerriere di Suki saltarono dai tetti e iniziarono ad affrontare gli invasori in combattimento. Zuko si ritrovò davanti a Suki, Sokka e un’altra guerriera che riuscirono a farlo cadere dal suo rinoceronte, ma non poterono nulla contro il suo dominio del fuoco.

Mentre il Principe si stava già godendo il senso di vittoria contro queste “ragazzine”, apparve finalmente Aang che si era ripreso. I due iniziarono un duello violento dove il dominatore dell’aria si limitò quasi esclusivamente all'evasione degli attacchi di fuoco finché non scaraventò Zuko contro il muro di una casa. In questo momento di pausa, l’Avatar si rese conto dei danni che questo attacco aveva già causato al villaggio che ormai era quasi tutto in fiamme che era stata la sua presenza ad averli condotti qua. Dopo essersi riunito con Katara che stava portando in salvo alcuni abitanti, il ragazzo decise di andarsene subito per condurre via i soldati del fuoco che erano venuti soltanto per colpa sua.

L1 E04 Zuko bagnato

Che figura...

Mentre il Team Avatar raccolse i suoi averi per partire su Appa, Suki e Sokka guadagnarono del tempo fermando Zuko che continuava ad inseguire Aang. Dopo aver preso il guerriero del sud ed esser ripartiti, il Nomade dell’Aria saltò giù dal suo bisonte volante per trovare l’unaghi e di guidarlo fino al villaggio per farlo sputare acqua sulle fiamme, spegnendo l'incendio e inzuppando per bene i soldati. Il gruppo ripartì sul suo viaggio verso Nord e, come previsto, Zuko si affrettò ad inseguirli, lasciando l’isola all'istante.

Conseguenze[]

Mentre il Team Avatar riprese il suo viaggio verso il Polo Nord con Zuko alle sua calcagna, gli abitanti del villaggio dovettero riparare i danni subiti alle loro case. Le Guerriere Kyoshi diedero il meglio per aiutare e, mentre stavano setacciando le macerie per oggetti ancora utilizzabili, Suki rivelò alla sua compagna di squadra Jie che questo attacco l’aveva convinta che non potevano più rimanere neutrale in questa guerra. Questa rispose che invece per lei era l’opposto, era astata colpa di questi stranieri che erano state attaccate, altrimenti non sarebbe successo, la proposta di Suki di lasciare l’isola per combattere al fianco del Regno della terra per lei era una pazzia. Questa contraccambiò dicendo che neanche l’Avatar si stava nascondendo dal pericolo e che tantissime persone stavano soffrendo e loro potevano aiutarli. La ragazza riuscì a convincere alcune guerriera che la accompagnarono sul suo viaggio verso la terra ferma. Prima di poter partire, le guerriere dovettero gestire un problema di sicurezza dell’isola, dato che alcuni pirati volevano usare il caos causato dall'attacco di Zuko per infiltrarsi di nascosto. Dopo averli sconfitti, Suki e le sua compagne partirono con una piccola nave.

Suki divenne un personaggio molto importante nella guerra, aiutando l’Avatar e i suoi amici molteplice volte fino a diventare un membro del Team Avatar.

Trivia[]

  • Quando Suki e Zuko si incontrarono alla Roccia Bollente, la ragazza parlò di questo attacco in modo casuale, dichiarando solo che lui aveva “solo bruciato il mio villaggio”. Zuko si scusò di questo in un modo abbastanza impacciato, ma sincero.
  • Ironicamente, Suki finì per diventare la guardia del corpo di Zuko dopo la sua incoronazione a Signore del Fuoco. ("La Promessa")
  • Nella serie Netfilix ("Guerrieri") è Zhao ad attaccare il villaggio e non Zuko.
Advertisement