Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


Questa donna dal nome sconosciuto era addetta al controllo dei passaporti e alla distribuzione dei biglietti per il traghetto che partivano dalla Baia della Luna Piena. Era una donna severissima, fedele al regolamento che non permetteva nessuna eccezione alla regola ed era immune alla corruzione. Amava sentirsi superiore, ma dato che era molto piccola, sedeva sempre avanti a un tavolo altissimo da dove poteva fissare gli altri dall'alto. Per lei ordine equivale alla civilizzazione.

Storia[]

Per lei era stata una giornata agli sportelli come al solito, decideva chi poteva entrare a Ba Sing Se e chi no. Un venditore di cavoli non era tra questi, dato che portare alimentari in città non era permesso per via della paura che le lumache di cavoli potrebbero distrugger l'intero ecosistema. Quando l'uomo cercò di ribellarsi, la signora fece arrivare il suo ornito-orso della sicurezza che proseguì a distruggere l'intero carico.

Aang, Sokka, Katara e Toph volevano prendere il traghetto, ma la donna non li lasciò passare perché non avevano con sé i documenti necessari per compare un biglietto. Il Nomade dell'Aria rivelò di essere l'Avatar, ma da signora non gli credette e gli fece vedere altri cinque persone che avevano detto la stessa cosa soltanto oggi. Cambiò però atteggiamento quando vide il passaporto ufficiale della famiglia Beifong che Toph le presentò e ad un tratto era persino possibile acquistare quattro biglietti al posto di uno solo.

Il gruppo tornò poco dopo per implorarla di dare altri biglietti a una giovane famiglia che era stata derubata, ma la signora della biglietteria non si fece commuovere neanche del fatto che la donna era altamente incinta. Non accettava neanche la sua proposta di trasferire i loro biglietti a quella della famiglia, la regola era un biglietto per testa e basta. La sua testardaggine costrinse Aang e i suoi amici di tentare di passare quindi per il pericolosissimo Passo del Serpente.

Advertisement