Avatar - La leggenda di Aang e Korra Wiki
Advertisement


L’assedio della capitale, durato per seicento giorni, fu un tentativo di invasione della capitale del Regno della Terra fallito che ebbe luogo sei anni prima della fine della guerra. Era stata la più grande e leggendaria battaglia dell’ultimo periodo di questo conflitto centenario ed ebbe un impatto massiccio sulla storia dato che condusse alla caduta del principe ereditario Iroh e la salita al potere di suo fratello minore Ozai.

Preludio[]

Per millenni, Ba Sing Se era ritenuta impossibile da invadere per via delle sua leggendarie mura di difesa, ma nonostante ciò, la Nazione del Fuoco aveva preparato delle possibili tattiche già quattro secoli prima della guerra. Rangi, la guardia del corpo di Kyoshi, era stata informata di questi piani e li considerò plausibili, ma dichiarò anche che provava pena per coloro che li dovevano mettere in atto.

Nell’anno zero, il conflitto mondiale tra la Nazione del Fuoco e il Regno della Terra finalmente diventò realtà e durava per un secolo intero. Nel corso delle innumerevoli battaglie, l’armata del fuoco conquistò quasi tutto il regno fino a raggiungere la capitale Ba Sing Se sotto il comando del principe ereditario Iroh nell’anno 94 DG. Il generale sperava che, con la conquista e caduta della metropoli, poteva finalmente portare termine alla guerra sanguinosa e portare gloria alla sua nazione. A quel tempo, Iroh era ancora spinto da una visione che aveva avuto da giovane che gli aveva detto che conquistare Ba Sing Se fosse il suo destino.

Battaglia[]

L’assedio iniziò nei primi mesi del 94 DG con Iroh e una moltitudine di armata e battaglioni sotto il comando del Generale. L’inizio fu un attacco al muro esterno di Ba Sing Se nella speranza di poter aprire una braccia per poter accedere al suo interno e preparare l’invasione. Ma l'armata della terra rispose con ferocia e li bloccarono per un lungo periodo di tempo. Dopo quasi due anni di lotta, Iroh e i suoi uomini riuscirono a compiere l’impossibile, ovvero abbattere un pezzo del muro esterno tramite l’uso prolungato delle sua catapulte con proiettili infuocati. Dopo questa lunga battaglia estenuante che terminò con la resa dal Generale della terra al comando, la Nazione del Fuoco poté finalmente mettere un piede sicuro per programmare i passi successivi. La breccia nel muro fu anche un colpo basso per l’armata che vide per la prima volta nella storia millenaria come un nemico era riuscito ad entrare nella zona agricola che si estese tra il muro esterno e quello interno.

Iroh lettera Ba Sing Se

Iroh scriva dall'accampamento

La Nazione del Fuoco continuò l’assalto poco dopo con la stessa brutalità di sempre. Liberarono la zona circostanziante di tutte le abitazioni ed eressero un campo militare intorno alla breccia come protezione dall'interno. All'insaputa del Generale Iroh, suo figlio Lu Ten era rimasto gravemente ferito in battaglia durante l’avanzamento attraverso la breccia; quando questo venne informato di questo fatto, il giovane soldato era già morto. Questa notizia fece crollare la volontà di ferro di Iroh che perse ogni desiderio di continuare la guerra. Prendendosi un momento per riflettere, si rese anche conto che il suo assedio era destinato a fallire, dato che anche la sua armata aveva subito innumerevoli perdite ed era ormai esausta, sia fisicamente che mentalmente. Di conseguenza, decise di ritirarsi dall'assedio che ormai aveva raggiunto il numero immaginabile di seicento giorni di durata.

L’armata della terra non perse tempo e riconquistò il terreno perso in pochissimo tempo per poi riparare la breccia nel muro. Questo attacco, seppur fosse arrivato molto più in profondità di qualsiasi altro assedio mai tentato finora, si era quindi rivelato un fallimento sia personale che nazionale, ma non impedì futuri tentativi di invasione.

Conseguenze[]

L’assedio di Ba Sing Se non ebbe un impatto diretto sul Regno della Terra in quanto i suoi segni vennero presto cancellati, ma la popolazione doveva accettare il fatto che il nemico era quasi riuscito a compiere l’impossibile, dando una scossa violenta alla sicurezza base dei cittadini che Ba Sing Se fosse inespugnabile. La persona di Iroh divenne una figura di grande odio e molti soldati bramavano vedetta per il caos e i morti causati dal suo assedio.

Il principe ereditario non ebbe pace neanche in patria dove venne ridicolizzato per la sua decisione ritenuta codarda di ritirarsi da quello che sembrava fosse a un passo dalla vittoria. La cosa peggiore, per gli altri militari, era il fatto che si era lasciato influenzare da un lutto personale, per loro un chiaro segno di debolezza militare e volontà vacillante che era indegno per un futuro Signore del Fuoco. In contrasto a ciò, gli uomini che hanno sperimentato l’assedio sulla loro pelle e che avevano servito sotto di lui, lo videro come un “grande uomo e un grande condottiero”, rimenandogli anche fedeli in seguito.

Mentre suo nipote Zuko, la sua nuora Ursa e persino suo padre Azulon dimostrarono compassione in confronto alla perdita personale di Iroh, sua nipote Azula e suo fratello minore Ozai erano disgustati dalla sua apparente vigliaccheria. Vedendo finalmente il suo momento, Ozai intendeva usare questa situazione a suo favore e chiese a suo padre di ignorare il diritto di primogenita di Iroh per il trono, aggiungendo che, senza Lu Ten, la sua linea di sangue non avesse più un erede. Questa proposta infuriò Azulon immensamente e giurò di punire sul figlio per questa insolenza, ma prima che potesse mettere in atto la sua punizione, il vecchio Signore del Fuoco morì all'improvviso e Ursa sparì senza spiegazioni. Iroh, ormai privo di ogni spirito battagliero e mentalmente vuoto, non volle lottare per il suo diritto al trono e non si oppose alle decisione altamente contestata di incoronare Ozai come nuovo Signore del Fuoco, seguendo il supposto desiderio di Azulon sul letto di morte.

Come risultato dell’assedio, Iroh non aveva solo perso suo figlio, ma anche il suo diritto al trono, il che ebbe un impatto negativo sulla guerra con continuò per altri quattro anni con sempre più violenza. La erede del trono ed eroe nazionale, Iroh decadde prima a guardiano del principe esiliato durante la sua ricerca dell’Avatar per poi diventare addirittura un misero traditore negli occhi del suo popolo. Ba Sing Se resistette altri anni senza crollare, ma cadde solo quando venne attaccata dall'interno grazie al complotto tra Azula, il Dai Li e Long Feng nell'anno 100 DG.

Trivia[]

  • Nel film del 2010, l’assedio venne accorciato a cento giorni anziché seicento.
  • Sotto il comando di Iroh, il muro esterno di Ba Sing Se venne distrutto due volte: una volta durante l’assedio dove voleva conquistarla in nome della Nazione del Fuoco, e la seconda volta durante il passaggio della cometa dove voleva liberarla dal governo della Nazione del Fuoco.  
  • Iroh ha notato più volte questa ironia che non doveva conquistare Ba Sing Se, ma liberarla.
Advertisement